Tutte le sparate di Donald

| 13.435 balle in mille giorni di presidenza: è il traguardo celebrato dal Washington Post, che ha creato un apposito programma per contarle e conservarle tutte

+ Miei preferiti
Non è dato sapere come finirà l’impeachment di Trump, e neanche se il presidente americano arriverà con i pieni poteri all’appuntamento elettorale del prossimo anno. Ma una certezza c’è: Donald si è assicurato un posto nel “Guinness dei Primati”, alla voce “sparaballe”.

Il “Washington Post”, autorevole quotidiano della capitale americana, ha creato il “Fact Checker”, un programma in grado di verificare in tempo reale le ormai celebri uscite trumpiane, classificando quelle false in un database che ormai sta diventando corposo.

Per celebrare degnamente i 1.000 giorni di presidenza, raggiunti il 16 ottobre con l’ennesimo tweet, il fact checker del WP annuncia il traguardo di 13.435 falsità o notizie fuorvianti. La media è di circa 22 al giorno, con un aumento esponenziale nelle ultime settimane, da quando è esplosa la nuova grana dell’Ucrainagate: caso che ha scatenato l’ira di Trump e costretto il database a creare un nuovo file di archiviazione, l’Ucraine Probe, che vanta già 250 voci.

La soglia psicologica delle 10mila falsità era stato infranto il 26 aprile, e l’impressionante mole di “balle cosmiche”, gestito dalla grafic reporter Leslie Shapiro, traccia, data e classifica tutte le affermazioni, perché ne resti memoria.

Prima del caso Ucraina, uno degli argomenti preferiti dall’inquilino della Casa Bianca era il muro al confine con il Messico: per 218 volte ha affermato che sarà realizzato, anche se il governo gli ha tagliato i fondi, scegliendo la creazione di 100 km di barriere e reticolati. Seguono, nella lista degli argomenti, l’ingerenza della Russia nelle presidenziali del 2016, il commercio, i dazi e l’economia, definita “la migliore della storia americana” anche dopo le smentite di analisti ed economisti, che ricordano quello sotto al presidenza di Bill Clinton come uno dei periodi migliori degli ultimi anni.

Esteri
L’infermiera che ha rubato la carta di credito ad un paziente morto
L’infermiera che ha rubato la carta di credito ad un paziente morto
È successo lo scorso gennaio: Ayesha Basharat stava radunando gli effetti personali di un paziente appena morto per Covid e ha usato la sua carta di credito per comprare bibite e snack
La vendetta di Cummings: affossare Boris Johnson
La vendetta di Cummings: affossare Boris Johnson
L’ex braccio destro del premier si prepara a deporre davanti alla commissione che indaga sulla gestione della pandemia da parte del governo. E promette di far saltare in aria Downing Street
I britannici possono viaggiare (ma non sanno dove andare)
I britannici possono viaggiare (ma non sanno dove andare)
Il via libera a viaggi e spostamenti si scontra con un sistema di classificazione dei paesi a semaforo: quelli che rappresentano le mete turistiche tradizionali sono tutti in giallo, quindi sconsigliati
Belgio, caccia al Rambo negazionista
Belgio, caccia al Rambo negazionista
Un ex militare armato è scomparso dopo aver giurato di voler uccidere un noto virologo belga. Sulle sue tracce più di 400 agenti e il timore che voglia scatenare “una piccola guerra”
È morto il «Mostro delle Ardenne»
È morto il «Mostro delle Ardenne»
Michel Fourtinet, serial kliller francese accusato di aver ucciso 9 ragazzine e dell’omicidio di altre 10 persone, on la complicità della moglie, è morto in carcere a 79 anni
La Scozia pretende un secondo referendum
La Scozia pretende un secondo referendum
La vittoria dei nazionalisti alle elezioni riaccende il sogno dell’indipendenza. Ma Johnson non vuole saperne
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Un laboratorio chimico-batteriologico militare finanziato per scovare e individuare i ceppi del virus che circolano nel Paese: ne hanno trovati quattro, tutti coperti dal vaccino
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Si prevede un lungo e difficile percorso, mentre gli imputati si presentano in aula per la prima volta e si susseguono gli appelli a Macron per bloccare la richiesta italiana
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
Con la prossima edizione ancora a rischio apertura, la Germania è insorta contro una notizia che voleva l’evento di Monaco spostato a Dubai. In realtà si tratta di una copia, anche se lo zampino tedesco pare ci sia
Cambio d'immagine dell'Mi5: «Non siamo come James Bond»
Cambio d
Il celebre servizio segreto inglese apre un profilo Instagram per raccontarsi e sfatare i luoghi comuni legati al lavoro delle spie. Ma senza rivelare nulla di compromettente