Tutte le sparate di Donald

| 13.435 balle in mille giorni di presidenza: è il traguardo celebrato dal Washington Post, che ha creato un apposito programma per contarle e conservarle tutte

+ Miei preferiti
Non è dato sapere come finirà l’impeachment di Trump, e neanche se il presidente americano arriverà con i pieni poteri all’appuntamento elettorale del prossimo anno. Ma una certezza c’è: Donald si è assicurato un posto nel “Guinness dei Primati”, alla voce “sparaballe”.

Il “Washington Post”, autorevole quotidiano della capitale americana, ha creato il “Fact Checker”, un programma in grado di verificare in tempo reale le ormai celebri uscite trumpiane, classificando quelle false in un database che ormai sta diventando corposo.

Per celebrare degnamente i 1.000 giorni di presidenza, raggiunti il 16 ottobre con l’ennesimo tweet, il fact checker del WP annuncia il traguardo di 13.435 falsità o notizie fuorvianti. La media è di circa 22 al giorno, con un aumento esponenziale nelle ultime settimane, da quando è esplosa la nuova grana dell’Ucrainagate: caso che ha scatenato l’ira di Trump e costretto il database a creare un nuovo file di archiviazione, l’Ucraine Probe, che vanta già 250 voci.

La soglia psicologica delle 10mila falsità era stato infranto il 26 aprile, e l’impressionante mole di “balle cosmiche”, gestito dalla grafic reporter Leslie Shapiro, traccia, data e classifica tutte le affermazioni, perché ne resti memoria.

Prima del caso Ucraina, uno degli argomenti preferiti dall’inquilino della Casa Bianca era il muro al confine con il Messico: per 218 volte ha affermato che sarà realizzato, anche se il governo gli ha tagliato i fondi, scegliendo la creazione di 100 km di barriere e reticolati. Seguono, nella lista degli argomenti, l’ingerenza della Russia nelle presidenziali del 2016, il commercio, i dazi e l’economia, definita “la migliore della storia americana” anche dopo le smentite di analisti ed economisti, che ricordano quello sotto al presidenza di Bill Clinton come uno dei periodi migliori degli ultimi anni.

Esteri
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
Studentessa senegalese considerata una celebrità in Patria, è svanita nel nulla il 4 gennaio scorso, mentre rientrava a Parigi dopo le feste di Natale
Le vite che il volo Sriwijaya Air si è portato via
Le vite che il volo Sriwijaya Air si è portato via
Le famiglie in attesa di scoprire il destino dei propri cari raccontano chi erano alcune delle vittime del Boeing 737. Le autorità stanno raccogliendo campioni di Dna per identificare i resti
Boeing inabissato, trovati detriti e resti umani
Boeing inabissato, trovati detriti e resti umani
L’esercito indonesiano ha individuato un segnale che ha permesso ai sommozzatori di individuare il punto in cui l’aereo sarebbe esploso. Ancora da chiarire le cause del disastro
Condannato il ladro di Buckingham Palace
Condannato il ladro di Buckingham Palace
Adamo canto, ex maggiordomo reale, avrebbe rubato un centinaio di oggetti appartenenti alla Royal Family per poi rivenderli su eBay
Polonia, il vaccino prima ai Vip
Polonia, il vaccino prima ai Vip
Esplode uno scandalo che fa indignare il Paese: una ventina di personaggi illustri sarebbe stato vaccinato perfino prima di medici e infermieri. Il ministro della salute annuncia un’inchiesta
2021, l’anno in cui il Regno Unito potrebbe andare in pezzi
2021, l’anno in cui il Regno Unito potrebbe andare in pezzi
Il 2020 appena concluso ha lacerato il tessuto sociale del Regno Unito, mostrando disuguaglianze ed egoismi. Se la Scozia preme per l’indipendenza, cresce il malumore anche in Irlanda e Galles
Lo strappo del padre di BoJo
Lo strappo del padre di BoJo
Mentre Boris festeggia la faticosa conquista della Brexit, suo papà Stanley fa le valigie: “voglio restare europeo”, dice annunciando la richiesta di cittadinanza francese
Il discorso di addio della Merkel
Il discorso di addio della Merkel
Nel consueto discorso di fine anno rivolto ai tedeschi, la cancelliera annuncia che è “l’ultima volta in cui mi rivolgo a voi in questo ruolo”. Il suo mandato scade il prossimo 23 settembre, e ha già annunciato di non volersi ricandidare
L’anno difficile di Elisabetta
L’anno difficile di Elisabetta
Una donna sola al comando: più volte nel corso del 2020, la regina ha affrontato questioni pubbliche e scossoni privati. Mai in affanno o sopra le righe, continua a guidare il Paese durante la Brexit e la pandemia come solo lei sa fare
La rabbia esplode tra i camionisti fermi a Dover
La rabbia esplode tra i camionisti fermi a Dover
Da tre giorni fermi con i loro tir, hanno tentato di forzare un blocco della polizia inglese. La Francia ha annunciato la riapertura delle frontiere, ma l’obbligo di test e tamponi allunga i tempi