UK, una campagna elettorale al veleno

| Ad una sola settimana dall’inizio della campagna per le elezioni del 12 dicembre prossimo, conservatori e laburisti hanno iniziato una guerra di nervi piene di colpi bassi

+ Miei preferiti
Succede sempre così: quando i politici non riescono a mettersi d’accordo su qualcosa di importante, chiedono al popolo di farlo. Gli inglesi, impantanati nel guado della Brexit, al momento il più clamoroso autogol della gloriosa storia del Regno Unito, di fatto sono una sorta di referendum sulla data del 20 gennaio 2020, quella concessa da Bruxelles e di difficile attuazione, visto che di mezzo c’è il Natale e tutto quello che comporta.

Ma in compenso, l’aria a Westminster è ormai così tesa e confusa che la prima settimana di campagna elettorale si chiude lasciando intuire che non sarà facile arrivare al 12 dicembre integri, e soprattutto che saranno tante le teste che fino ad allora rotoleranno verso il Tamigi.

I conservatori, che guidano il governo, e i laburisti, all’opposizione, si leccano le ferite, facendo i conti con i candidati costretti alle dimissioni perché travolti da scandaletti e rivelazioni.

Per i Tory, il problema più grosso è l’antisemitismo: Kate Ramsden, candidata laburista in Scozia, è stata costretta a dire addio alla propria campagna dopo che il “Jewish Chronicle” ha scoperto un suo post del 2014 in cui paragonava Israele ad un “bambino maltrattato diventato un adulto violento”. A nulla sono valse le scuse: “Capisco che molti ebrei possano essersi sentiti feriti dalle mie parole. Non era mia intenzione e mi scuso senza riserve”.

Questo è successo pochi giorni dopo il caso di Zarah Sultana, un altro candidato laburista, costretta alle scuse per alcuni tweet del 2015, quando era ancora una studentessa, in cui affermava che avrebbe condannato a morte il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, l’ex presidente degli Stati Uniti George W. Bush e l’ex primo ministro britannico Tony Blair. Si è anche scusata per un post su Facebook in cui sosteneva il diritto dei palestinesi alla “resistenza violenta”.

“Non giustifico la violenza e non avrei dovuto esprimere la mia rabbia nel modo in cui l’ho fatto, per cui mi scuso”, ha commentato, anche se a differenza della Ramsden, lei non si è dimessa.

I conservatori, nel frattempo, hanno lottato contro rivelazioni altrettanto scomode su propri candidati e attivisti. Nick Conrad è finito nella tormenta per un’intervista con un conduttore radiofonico bollata come sessista: “Le donne devono anche capire che quando un uomo lancia certi segnali, e chi non è disposta a togliersi le mutande e finirci a letto farebbe bene a ignorarli”. Conrad si è scusato, ma la sua corsa segna il game over.

Tutto ciò poco dopo che il segretario gallese di Johnson, Alun Cairns, è stato costretto alle dimissioni perché sapeva che il suo ex assistente aveva alterato un processo per stupro. Cairns ha affermato di non sapere che l’assistente era stato accusato da un giudice di falsa testimonianza, ma è saltata fuori un’e-mail di un anno fa in cui Cairns discuteva del caso. L’aiutante, Ross England, è stato sospeso dal partito conservatore in attesa di un’indagine ma nega le presunte irregolarità.

“Ormai la battaglia politica si concentra sul punto più debole degli avversari - racconta John McTernan, un ex assistente senior di Tony Blair – sono tempi faticosi e i social media sono un ghiotto database della vita pre-politica di chiunque”.

“Lo fanno tutti - spiega Alex Dawson, ex direttore del Partito conservatore - se i partiti hanno fatto bene il loro lavoro, una volta che le nomine sono chiuse è facile veder sgorgare marea di storie di candidati di tutti i partiti, utili a far capire senza dirlo che inadatti a ricoprire la carica”.

Secondo alcune fonti, esisterebbe addirittura un gruppo conosciuto come “Labour Lie Unit”, una squadra d’attacco il cui unico compito è quello di cercare le possibili falle nell’esistenza dei candidati avversari. La ragione di questo atteggiamento è semplice: in qualsiasi tornata elettorale, gettare fango sugli avversari significa avere più spazio per andare avanti con la propria campagna elettorale. Una caratteristica insolita delle elezioni del 12 dicembre prossimo è il sincero disprezzo che i due principali leader dei partiti hanno l’uno per l’altro. Johnson sostiene che Jeremy Corbyn è un pericoloso marxista e una minaccia alla sicurezza nazionale: questa settimana l’ha paragonato a Stalin. E Corbyn, d’altra parte, sostiene che i conservatori di Johnson sono così ricchi, viziati e fuori dalla realtà che faranno a pezzi il servizio sanitario nazionale, mettendo a rischio la sussistenza di milioni di persone.

Se questa settimana si chiude così, con tante vittime e nessun vincitore, è facile immaginare che il tempo fino al 12 dicembre diventerà un gioco sempre più sporco e cattivo.

Esteri
Nicolas Sarkozy alla sbarra per corruzione
Nicolas Sarkozy alla sbarra per corruzione
Insieme a lui il suo ex avvocato di fiducia Thierry Herzog e il giudice Gilbert Azibert. Il giudice avrebbe fornito informazioni riservate sulle inchieste per finanziamento della campagna elettorale, chiedendo in cambio un posto a Monaco
Australia, ucciso in carcere l’assassino di una sedicenne
Australia, ucciso in carcere l’assassino di una sedicenne
Zlatko Sikorsky, 36 anni, è stato aggredito da un altro detenuto nel carcere di Brisbane: stava scontando la condanna per l’omicidio di Larissa Beilby, la fidanzata 16enne uccisa a pugni due anni prima
Francia, vietato filmare la polizia
Francia, vietato filmare la polizia
Un disegno di legge punta a impedire ai cittadini di riprendere le forze di polizia in azione: ai trasgressori 45mila euro di multa. Interviene anche l’Onu: deriva pericolosa che minaccia la libertà di espressione e di stampa
Eravamo quattro amici al pub
Eravamo quattro amici al pub
In Irlanda, 4 amici hanno acquistato un volo a prezzi stracciati per poter accedere all’area partenze dell’aeroporto di Dublino, dove pub e ristoranti sono aperti…
Scettico e no-mask? Niente ricovero
Scettico e no-mask? Niente ricovero
La polemica proposta di Willy Oggier, un economista svizzero che propone un registro nazionale in cui ognuno è libero di dichiarare la propria posizione in merito al virus, ma accettando anche l’idea che non sarà curato
Carrie Symonds, la regina del 10 di Downing Street
Carrie Symonds, la regina del 10 di Downing Street
Dopo la spaccatura fra Johnson e il suo stratega Dominic Cummings, emerge sempre di più la figura della fidanzata del premier. Una donna tosta che sa cosa vuole, e soprattutto come ottenerlo
GB, la faida al 10 di Downing Street
GB, la faida al 10 di Downing Street
Dominic Cummings, il guru della Brexit, silurato da BoJo pare anche su gentile richiesta della fidanzata. Un maremoto che potrebbe costare la poltrona al premier
Il libro denuncia sulla polizia che sta scuotendo la Francia
Il libro denuncia sulla polizia che sta scuotendo la Francia
Per due anni, il giornalista Valentin Gendrot si è finto un agente per scrivere un libro in cui ha raccontato decine di episodi abusi e razzismo, ma anche le difficili condizioni in cui lavorano i poliziotti
Putin pronto a lasciare
Putin pronto a lasciare
Un tabloid inglese rivela che il presidente russo sarebbe affetto da Parkinson: il Cremlino smentisce, ma tutto lascia pensare ad un passaggio di consegne imminente
I tre eroi della notte di sangue di Vienna
I tre eroi della notte di sangue di Vienna
Tre giovani musulmani, due lottatori di MMA e un dipendente di McDonalds, hanno salvato un’anziana e un poliziotto dalla furia dell’attentatore che ha seminato il terrore nella capitale austriaca