UK, una campagna elettorale al veleno

| Ad una sola settimana dall’inizio della campagna per le elezioni del 12 dicembre prossimo, conservatori e laburisti hanno iniziato una guerra di nervi piene di colpi bassi

+ Miei preferiti
Succede sempre così: quando i politici non riescono a mettersi d’accordo su qualcosa di importante, chiedono al popolo di farlo. Gli inglesi, impantanati nel guado della Brexit, al momento il più clamoroso autogol della gloriosa storia del Regno Unito, di fatto sono una sorta di referendum sulla data del 20 gennaio 2020, quella concessa da Bruxelles e di difficile attuazione, visto che di mezzo c’è il Natale e tutto quello che comporta.

Ma in compenso, l’aria a Westminster è ormai così tesa e confusa che la prima settimana di campagna elettorale si chiude lasciando intuire che non sarà facile arrivare al 12 dicembre integri, e soprattutto che saranno tante le teste che fino ad allora rotoleranno verso il Tamigi.

I conservatori, che guidano il governo, e i laburisti, all’opposizione, si leccano le ferite, facendo i conti con i candidati costretti alle dimissioni perché travolti da scandaletti e rivelazioni.

Per i Tory, il problema più grosso è l’antisemitismo: Kate Ramsden, candidata laburista in Scozia, è stata costretta a dire addio alla propria campagna dopo che il “Jewish Chronicle” ha scoperto un suo post del 2014 in cui paragonava Israele ad un “bambino maltrattato diventato un adulto violento”. A nulla sono valse le scuse: “Capisco che molti ebrei possano essersi sentiti feriti dalle mie parole. Non era mia intenzione e mi scuso senza riserve”.

Questo è successo pochi giorni dopo il caso di Zarah Sultana, un altro candidato laburista, costretta alle scuse per alcuni tweet del 2015, quando era ancora una studentessa, in cui affermava che avrebbe condannato a morte il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, l’ex presidente degli Stati Uniti George W. Bush e l’ex primo ministro britannico Tony Blair. Si è anche scusata per un post su Facebook in cui sosteneva il diritto dei palestinesi alla “resistenza violenta”.

“Non giustifico la violenza e non avrei dovuto esprimere la mia rabbia nel modo in cui l’ho fatto, per cui mi scuso”, ha commentato, anche se a differenza della Ramsden, lei non si è dimessa.

I conservatori, nel frattempo, hanno lottato contro rivelazioni altrettanto scomode su propri candidati e attivisti. Nick Conrad è finito nella tormenta per un’intervista con un conduttore radiofonico bollata come sessista: “Le donne devono anche capire che quando un uomo lancia certi segnali, e chi non è disposta a togliersi le mutande e finirci a letto farebbe bene a ignorarli”. Conrad si è scusato, ma la sua corsa segna il game over.

Tutto ciò poco dopo che il segretario gallese di Johnson, Alun Cairns, è stato costretto alle dimissioni perché sapeva che il suo ex assistente aveva alterato un processo per stupro. Cairns ha affermato di non sapere che l’assistente era stato accusato da un giudice di falsa testimonianza, ma è saltata fuori un’e-mail di un anno fa in cui Cairns discuteva del caso. L’aiutante, Ross England, è stato sospeso dal partito conservatore in attesa di un’indagine ma nega le presunte irregolarità.

“Ormai la battaglia politica si concentra sul punto più debole degli avversari - racconta John McTernan, un ex assistente senior di Tony Blair – sono tempi faticosi e i social media sono un ghiotto database della vita pre-politica di chiunque”.

“Lo fanno tutti - spiega Alex Dawson, ex direttore del Partito conservatore - se i partiti hanno fatto bene il loro lavoro, una volta che le nomine sono chiuse è facile veder sgorgare marea di storie di candidati di tutti i partiti, utili a far capire senza dirlo che inadatti a ricoprire la carica”.

Secondo alcune fonti, esisterebbe addirittura un gruppo conosciuto come “Labour Lie Unit”, una squadra d’attacco il cui unico compito è quello di cercare le possibili falle nell’esistenza dei candidati avversari. La ragione di questo atteggiamento è semplice: in qualsiasi tornata elettorale, gettare fango sugli avversari significa avere più spazio per andare avanti con la propria campagna elettorale. Una caratteristica insolita delle elezioni del 12 dicembre prossimo è il sincero disprezzo che i due principali leader dei partiti hanno l’uno per l’altro. Johnson sostiene che Jeremy Corbyn è un pericoloso marxista e una minaccia alla sicurezza nazionale: questa settimana l’ha paragonato a Stalin. E Corbyn, d’altra parte, sostiene che i conservatori di Johnson sono così ricchi, viziati e fuori dalla realtà che faranno a pezzi il servizio sanitario nazionale, mettendo a rischio la sussistenza di milioni di persone.

Se questa settimana si chiude così, con tante vittime e nessun vincitore, è facile immaginare che il tempo fino al 12 dicembre diventerà un gioco sempre più sporco e cattivo.

Esteri
GB, lo scandalo Cummings travolge BoJo
GB, lo scandalo Cummings travolge BoJo
Il premier si rifiuta di chiedere le dimissioni del suo fidato consigliere, che durante il lockdown ha impunemente attraversato l’Inghilterra con la famiglia
GB: il ritorno dei «covidiot»
GB: il ritorno dei «covidiot»
Migliaia di persone, attirato da caldo e bel tempo, hanno letteralmente invaso le spiagge di diverse località di villeggiatura. Durante la notte, tende e camper sono spuntate ovunque
La pandemia ha allargato le crepe del Regno Unito
La pandemia ha allargato le crepe del Regno Unito
Inghilterra, Galles, Scozia e Irlanda del Nord, i quattro paesi che compongono il Regno Unito, hanno un approccio opposto alla crisi del coronavirus. Una divisione che dopo la Brexit mette sempre più in discussione il futuro del Paese
Francia, monta la rabbia delle banlieue
Francia, monta la rabbia delle banlieue
Intere comunità si sono sentite abbandonate e minacciate da una crisi economica che si annuncia devastante. L’Eliseo teme il ritorno di disordini sociali
Il ritorno di BoJo
Il ritorno di BoJo
Dopo aver combattuto in prima persona contro il coronavirus, il premier torna ai posti di comando mettendo in guardia il Paese: “Non è il momento di allentare le misure di contenimento”
GB, uscire di casa per comprare alcolici incluso nelle necessità
GB, uscire di casa per comprare alcolici incluso nelle necessità
È vietato acquistare vernici e pennelli per ridipingere casa, ma non fare scorta di birra e vino, oltre ad una passeggiata rilassante dopo un litigio. Le stranezze della Gran Bretagna
Gli allegri vacanzieri di Cannes
Gli allegri vacanzieri di Cannes
Un jet privato e tre elicotteri atterrano a Marsiglia: a bordo un gruppo di persone invitate per una vacanza pasquale da un ricco croato. Tutti rispediti al mittente dalle autorità francesi
La proposta di due medici francesi: test per il vaccino in Africa
La proposta di due medici francesi: test per il vaccino in Africa
Sommersi da critiche, minacce, insulti e accuse di razzismo piovute da tutto il mondo, due stimati medici francesi sono costretti a fare marcia indietro sulla proposta di testare i vaccini dove la popolazione è più debole
Russia: durante l’isolamento uccide 5 vicini
Russia: durante l’isolamento uccide 5 vicini
Un uomo di un villaggio della Russia occidentale infastidito dal chiasso dei vicini, ha iniziato un litigio che è sfociato in tragedia
L’Alta Corte australiana assolve il cardinale Pell
L’Alta Corte australiana assolve il cardinale Pell
Accusato da un uomo che afferma di essere stato violentato insieme ad un compagno di coro, morto suicida, l’alto prelato scagionato al terzo grado di giustizia. La sentenza non è appellabile