UK, una campagna elettorale al veleno

| Ad una sola settimana dall’inizio della campagna per le elezioni del 12 dicembre prossimo, conservatori e laburisti hanno iniziato una guerra di nervi piene di colpi bassi

+ Miei preferiti
Succede sempre così: quando i politici non riescono a mettersi d’accordo su qualcosa di importante, chiedono al popolo di farlo. Gli inglesi, impantanati nel guado della Brexit, al momento il più clamoroso autogol della gloriosa storia del Regno Unito, di fatto sono una sorta di referendum sulla data del 20 gennaio 2020, quella concessa da Bruxelles e di difficile attuazione, visto che di mezzo c’è il Natale e tutto quello che comporta.

Ma in compenso, l’aria a Westminster è ormai così tesa e confusa che la prima settimana di campagna elettorale si chiude lasciando intuire che non sarà facile arrivare al 12 dicembre integri, e soprattutto che saranno tante le teste che fino ad allora rotoleranno verso il Tamigi.

I conservatori, che guidano il governo, e i laburisti, all’opposizione, si leccano le ferite, facendo i conti con i candidati costretti alle dimissioni perché travolti da scandaletti e rivelazioni.

Per i Tory, il problema più grosso è l’antisemitismo: Kate Ramsden, candidata laburista in Scozia, è stata costretta a dire addio alla propria campagna dopo che il “Jewish Chronicle” ha scoperto un suo post del 2014 in cui paragonava Israele ad un “bambino maltrattato diventato un adulto violento”. A nulla sono valse le scuse: “Capisco che molti ebrei possano essersi sentiti feriti dalle mie parole. Non era mia intenzione e mi scuso senza riserve”.

Questo è successo pochi giorni dopo il caso di Zarah Sultana, un altro candidato laburista, costretta alle scuse per alcuni tweet del 2015, quando era ancora una studentessa, in cui affermava che avrebbe condannato a morte il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, l’ex presidente degli Stati Uniti George W. Bush e l’ex primo ministro britannico Tony Blair. Si è anche scusata per un post su Facebook in cui sosteneva il diritto dei palestinesi alla “resistenza violenta”.

“Non giustifico la violenza e non avrei dovuto esprimere la mia rabbia nel modo in cui l’ho fatto, per cui mi scuso”, ha commentato, anche se a differenza della Ramsden, lei non si è dimessa.

I conservatori, nel frattempo, hanno lottato contro rivelazioni altrettanto scomode su propri candidati e attivisti. Nick Conrad è finito nella tormenta per un’intervista con un conduttore radiofonico bollata come sessista: “Le donne devono anche capire che quando un uomo lancia certi segnali, e chi non è disposta a togliersi le mutande e finirci a letto farebbe bene a ignorarli”. Conrad si è scusato, ma la sua corsa segna il game over.

Tutto ciò poco dopo che il segretario gallese di Johnson, Alun Cairns, è stato costretto alle dimissioni perché sapeva che il suo ex assistente aveva alterato un processo per stupro. Cairns ha affermato di non sapere che l’assistente era stato accusato da un giudice di falsa testimonianza, ma è saltata fuori un’e-mail di un anno fa in cui Cairns discuteva del caso. L’aiutante, Ross England, è stato sospeso dal partito conservatore in attesa di un’indagine ma nega le presunte irregolarità.

“Ormai la battaglia politica si concentra sul punto più debole degli avversari - racconta John McTernan, un ex assistente senior di Tony Blair – sono tempi faticosi e i social media sono un ghiotto database della vita pre-politica di chiunque”.

“Lo fanno tutti - spiega Alex Dawson, ex direttore del Partito conservatore - se i partiti hanno fatto bene il loro lavoro, una volta che le nomine sono chiuse è facile veder sgorgare marea di storie di candidati di tutti i partiti, utili a far capire senza dirlo che inadatti a ricoprire la carica”.

Secondo alcune fonti, esisterebbe addirittura un gruppo conosciuto come “Labour Lie Unit”, una squadra d’attacco il cui unico compito è quello di cercare le possibili falle nell’esistenza dei candidati avversari. La ragione di questo atteggiamento è semplice: in qualsiasi tornata elettorale, gettare fango sugli avversari significa avere più spazio per andare avanti con la propria campagna elettorale. Una caratteristica insolita delle elezioni del 12 dicembre prossimo è il sincero disprezzo che i due principali leader dei partiti hanno l’uno per l’altro. Johnson sostiene che Jeremy Corbyn è un pericoloso marxista e una minaccia alla sicurezza nazionale: questa settimana l’ha paragonato a Stalin. E Corbyn, d’altra parte, sostiene che i conservatori di Johnson sono così ricchi, viziati e fuori dalla realtà che faranno a pezzi il servizio sanitario nazionale, mettendo a rischio la sussistenza di milioni di persone.

Se questa settimana si chiude così, con tante vittime e nessun vincitore, è facile immaginare che il tempo fino al 12 dicembre diventerà un gioco sempre più sporco e cattivo.

Esteri
Londra, polemiche per la tassa sugli abbracci
Londra, polemiche per la tassa sugli abbracci
Sarà introdotta prima a Gatwick e poco a Heathrow una tariffa di 5 sterline per 10 minuti di sosta veloce. La tassa prende il posto del “Kiss and Fly” gratuito, e fioccano le polemiche
GB: la principessa Latifa chiede di riaprire il caso della sorella
GB: la principessa Latifa chiede di riaprire il caso della sorella
Quasi vent’anni prima della sua fuga, la principessa Shamsa aveva tentato la stessa cosa: fu rapita a Cambridge e riportata a Dubai. Ha vissuto anni in galera ed è ormai ridotta ad “uno zombie”
GB: la road map per l’uscita dall’incubo pandemia
GB: la road map per l’uscita dall’incubo pandemia
Il premier Boris Johnson ha anticipato il piano messo a punto per la graduale riapertura di attività e socialità nel Regno Unito
Elisabetta, l’ultima sovrana del Regno Unito
Elisabetta, l’ultima sovrana del Regno Unito
Sono in molti, a chiedersi se dopo la regina più amata di sempre non sarebbe più giusto ripensarsi come repubblica. Per gli esperti il dubbio quel giorno sarà inevitabile, a meno di non dare una nuova immagine più “light”
Francia, lo scandalo degli incesti
Francia, lo scandalo degli incesti
Un libro shock svela le violenze subite all’interno di una famiglia di intellettuali, ben nota negli ambienti della Riva Gauche. La pubblicazione ha scatenato l’hashtag #MeTooIncest, che ha portato alla luce migliaia di casi
«Inglesi, scordatevi le vacanze all’estero»
«Inglesi, scordatevi le vacanze all’estero»
Il governo del Regno Unito avverte: non correte a prenotare vacanze all’estero, è assai difficile che potrete farle. Nuova stretta sui documenti necessari per l’ingresso nel Paese, specie per i paesi nella “lista rossa”
Elisabetta e le leggi «ad personam»
Elisabetta e le leggi «ad personam»
Un’inchiesta giornalistica, con tanto di documenti scritti, svela che negli anni 70 gli avvocati della regina avrebbero fatto pressioni per escludere i sovrani dalla norma sulla trasparenza finanziaria
Navalny condannato, la Russia tenta di soffocare il dissenso
Navalny condannato, la Russia tenta di soffocare il dissenso
In una lunga dichiarazione dopo la lettura della sentenza, il dissidente russo chiede ai suoi concittadini di non arrendersi: “Il piccolo ladro chiuso nel suo bunker non può rinchiudere milioni di persone”
La cannabis factory nel cuore di Londra
La cannabis factory nel cuore di Londra
Grazie a diverse segnalazioni, la polizia ha scoperto una serra con più di 800 piantine in un seminterrato del distretto finanziario della capitale inglese
Brexit effect: le star britanniche si lamentano
Brexit effect: le star britanniche si lamentano
Nell’accordo stipulato fra Londra e Bruxelles non c’è traccia ai viaggi senza visto concessi agli artisti. Senza quello, dicono 100 celebri firmatari, organizzare tournée europee sarà difficile