UK: vietato toccare lo smartphone mentre si guida

| Dal prossimo anno entreranno in funzione sofisticate telecamere che riprenderanno i trasgressori, a cui sarà recapitata una multa e tolti 6 punti dalla patente. Ma almeno inizialmente, servirà la flagranza dell’infrazione

+ Miei preferiti
Un giro di vite durissimo contro gli automobilisti che mentre sono impegnati alla guida osano avvicinarsi al proprio smartphone. Dal 2020, nel Regno Unito, il gesto potrà costare molto caro: 200 sterline di multa e sei punti sulla patente persi.

Ma c’è di peggio, perché a scovare i trasgressori saranno delle telecamere in HD piazzate ovunque dalla “Highways England”, sufficienti come prova lampante dell’infrazione. Ma almeno inizialmente, è stata inserita all’ultimo istante una norma che prevede la necessità di essere colti sul fatto dalla polizia, rendendo la telecamera non del tutto sufficiente, almeno per una fase considerata intermedia di entrata in vigore della norma.

La questione era nata diversi mesi fa, quando Ramsey Barreto, un automobilista multato e condannato per aver ripreso un incidente stradale mentre era alla guida della propria auto, aveva portato la questione in tribunale, appellandosi ad un cavillo legale: le leggi inglesi vietano di parlare al telefono mentre si guida, ma non di averlo tra le mani.

Una scappatoia che avrebbe provocato un maremoto di ricorsi, che le autorità hanno deciso di eliminare inasprendo la norma, che adesso vieta espressamente di scrivere, leggere, scattare foto e video o navigare in rete mentre si è alla guida. Attività che secondo un recente sondaggio realizzato nel Regno Unito, ha ammesso di fare abitualmente il 35% degli automobilisti sotto i 25 anni di età e il 17% del totale.

Esteri
La cannabis factory nel cuore di Londra
La cannabis factory nel cuore di Londra
Grazie a diverse segnalazioni, la polizia ha scoperto una serra con più di 800 piantine in un seminterrato del distretto finanziario della capitale inglese
Brexit effect: le star britanniche si lamentano
Brexit effect: le star britanniche si lamentano
Nell’accordo stipulato fra Londra e Bruxelles non c’è traccia ai viaggi senza visto concessi agli artisti. Senza quello, dicono 100 celebri firmatari, organizzare tournée europee sarà difficile
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
Studentessa senegalese considerata una celebrità in Patria, è svanita nel nulla il 4 gennaio scorso, mentre rientrava a Parigi dopo le feste di Natale
Le vite che il volo Sriwijaya Air si è portato via
Le vite che il volo Sriwijaya Air si è portato via
Le famiglie in attesa di scoprire il destino dei propri cari raccontano chi erano alcune delle vittime del Boeing 737. Le autorità stanno raccogliendo campioni di Dna per identificare i resti
Boeing inabissato, trovati detriti e resti umani
Boeing inabissato, trovati detriti e resti umani
L’esercito indonesiano ha individuato un segnale che ha permesso ai sommozzatori di individuare il punto in cui l’aereo sarebbe esploso. Ancora da chiarire le cause del disastro
Condannato il ladro di Buckingham Palace
Condannato il ladro di Buckingham Palace
Adamo canto, ex maggiordomo reale, avrebbe rubato un centinaio di oggetti appartenenti alla Royal Family per poi rivenderli su eBay
Polonia, il vaccino prima ai Vip
Polonia, il vaccino prima ai Vip
Esplode uno scandalo che fa indignare il Paese: una ventina di personaggi illustri sarebbe stato vaccinato perfino prima di medici e infermieri. Il ministro della salute annuncia un’inchiesta
2021, l’anno in cui il Regno Unito potrebbe andare in pezzi
2021, l’anno in cui il Regno Unito potrebbe andare in pezzi
Il 2020 appena concluso ha lacerato il tessuto sociale del Regno Unito, mostrando disuguaglianze ed egoismi. Se la Scozia preme per l’indipendenza, cresce il malumore anche in Irlanda e Galles
Lo strappo del padre di BoJo
Lo strappo del padre di BoJo
Mentre Boris festeggia la faticosa conquista della Brexit, suo papà Stanley fa le valigie: “voglio restare europeo”, dice annunciando la richiesta di cittadinanza francese
Il discorso di addio della Merkel
Il discorso di addio della Merkel
Nel consueto discorso di fine anno rivolto ai tedeschi, la cancelliera annuncia che è “l’ultima volta in cui mi rivolgo a voi in questo ruolo”. Il suo mandato scade il prossimo 23 settembre, e ha già annunciato di non volersi ricandidare