Una nuova grana per il 737 MAX

| Nel corso di una profonda revisione del velivolo, la Boeing ha scoperto un altro potenziale difetto di progettazione. Ferma al palo la produzione, ma in magazzino restano 400 velivoli da consegnare

+ Miei preferiti
Centinaia di 737 Max sono bloccati a terra, mentre la Boeing attende il via libera delle autorità aeronautiche per il ritorno in volo dell’aereo finito al centro di un caso internazionale. Ma la questione si complica ulteriormente, dopo che compagnia ha scoperto l’ennesimo potenziale ostacolo al ritorno nei cieli del proprio velivolo.

Il 737 Max è rimasto a terra in tutto il mondo dallo scorso marzo, dopo due incidenti che hanno ucciso 346 persone. L’azienda ha stabilito che una modifica al software era sufficiente per correggere il problema che, è stato appurato, sarebbe la causa dei due incidenti.

Tuttavia, nell’ambito di un controllo dello scorso dicembre ordinato dalla “Federal Aviation Administration” degli Stati Uniti, la Boeing ha riscontrato “problemi non segnalati in precedenza” nel cablaggio del 737 Max, secondo un rapporto svelato in queste ore dal “New York Times”. La compagnia ha informato la FAA e sta esaminando se due sezioni del cablaggio che controllano la coda dell’aereo sono troppo vicine tra loro e potrebbero causare un corto circuito, e quindi potenziali incidenti.

Un portavoce della Boeing ha confermato l’esistenza del problema alla CNN, assicurando che la questione è stata identificata come parte di un “rigoroso processo di verifica” per garantire la massima sicurezza dell’aereo. “La nostra priorità è garantire che il 737 Max soddisfi tutti i requisiti di sicurezza prima di tornare in servizio. Stiamo lavorando a stretto contatto con la FAA e gli altri enti regolatori su un processo di certificazione completo per garantire un velivolo sicuro e conforme”. Secondo il portavoce “sarebbe prematuro ipotizzare” se la scoperta porterà a nuove modifiche o se estenderà ulteriormente la tempistica per la sua nuova certificazione.

Si tratta di una sfida per il nuovo amministratore delegato di Boeing, David Calhoun, che assumerà ufficialmente l’incarico il 13 gennaio dopo che l’ex CEO Dennis Muilenburg è stato estromesso lo scorso 23 dicembre. “Un cambiamento di leadership si è reso necessario per riabilitare l’immagine dell’azienda, che lavora alacremente per ottenere la fiducia delle autorità di regolamentazione e quella della propria clientela”.

Agli inizi di dicembre, la Boeing ha annunciato che avrebbe sospeso la produzione del 737 Max alla luce delle continue battute d’arresto della ricertificazione. Gli ordini per il velivolo si sono azzerati a seguito della messa a terra, ma la compagnia ha continuato a produrre il velivolo incriminato al ritmo di 42 jet al mese, nella speranza di una rapida ricertificazione da parte delle autorità di regolamentazione e delle compagnie aeree di tutto il mondo.

Ma mentre il processo si spingeva sempre di più verso il 2020, Boeing ha annunciato che l’incerto futuro dell’aereo costringe l’azienda a sospendere la produzione e dare priorità alla consegna dei circa 400 aerei in magazzino, che però nessuno al momento ha intenzione di ricevere.

Una crisi economica, valutata in una perdita secca di 10 miliardi di dollari, che spinto la Boeing ad annunciare che i dipendenti non avrebbero ricevuto il tradizionale bonus natalizio. 

Esteri
Francia: il caso di Mia, fatta rapire dalla madre
Francia: il caso di Mia, fatta rapire dalla madre
È il colpo di scena di una vicenda più intricata di quel che sembra. I tre rapitori, arrestati dalla polizia, hanno confessato che il mandante del sequestro era la madre, una donna con gravi problemi comportamentali
L’ultimo addio a Filippo
L’ultimo addio a Filippo
Il principe di Edimburgo aveva previsto tuttoo: dall’auto che accompagna il feretro alle musiche che risuoneranno nella Cappella di San Giorgio, a Windsor. Presente di persona solo famiglia reale, ma con diretta televisiva in tutto il mondo
Un italiano l’autore del furto a casa di Tamara Ecclestone
Un italiano l’autore del furto a casa di Tamara Ecclestone
Alessandro Donati, milanese, ha ammesso davanti alla corte di Londra di aver svaligiato le residenze di celebrità come la figlia dell’ex patron della F1, di Frank Lampard e di un miliardario thailandese
Irlanda, sesta notte di proteste
Irlanda, sesta notte di proteste
Elementi infiltrati hanno alzato il livello degli scontri, mettendo a ferro e fuoco Belfast: un autobus dato alle fiamme e scontri violenza con la polizia sono proseguiti per tutta la notte
Le cene clandestine che fanno tremare l’Eliseo
Le cene clandestine che fanno tremare l’Eliseo
Un canale televisivo ha filmato con una telecamera nascosta una cena in un ristorante esclusivo a base di caviale e champagne. Fra i partecipanti ci sarebbero anche alcuni ministri, e i francesi pretendono i nomi
Francia, smantellata la banda dei Lego
Francia, smantellata la banda dei Lego
Studiavano nei dettagli i negozi e magazzini da colpire, poi rivendevano i mattoncini sul mercato nero, dove pare siano richiestissimi
Elisabetta rende omaggio all’Australia
Elisabetta rende omaggio all’Australia
Alla sua prima uscita pubblica dal castello di Windsor, la regina rende omaggio all’aviazione militare australiana. Un cenno verso un Paese che continua a chiedersi che senso ha avere una monarca così distante
Il #MeToo degli studenti inglesi
Il #MeToo degli studenti inglesi
Un sito per segnalazioni anonime ha registrato oltre 7.000 di stupri, violenze e bullismo, scoperchiando un realtà preoccupante su cui adesso tutti vogliono vederci chiaro
Jennifer, l’ex amante che potrebbe costare cara a BoJo
Jennifer, l’ex amante che potrebbe costare cara a BoJo
Nei quattro anni di relazione clandestina (in realtà alla luce del sole) con l’allora sindaco di Londra, l’imprenditrice americana avrebbe ricevuto favori e contratti. Un’indagine vuole fare chiarezza, e Jonshon rischia grosso
La Francia in piazza contro la legge sull’ambiente di Macron
La Francia in piazza contro la legge sull’ambiente di Macron
Manifestazioni in tutto il Paese per un pacchetto di misure che sulla carta avrebbero dovuto trasformare ila Francia in un esempio, e che invece son o state riviste e scorrette per non scontentare i poteri forti