Un’esercitazione militare russa fa scattare l’allarme in Europa

| I satelliti hanno segnalato alla base americana di Ramstein, in Germania, la presenza di quattro missili partiti da un sottomarino nucleare russo. Si è scatenato un falso allarme che ha fatto temere il peggio

+ Miei preferiti
A poche ore di distanza dall’accaduto, l’Europa scopre di aver sfiorato una rischiosa e devastante escalation militare. Tutto inizia sabato, quando mentre era in corso un’esercitazione militare russa i satelliti dei servizi segreti americani hanno rilevato il lancio di diversi missili balistici. Immediatamente è scattato l’allarme nella base militare statunitense di Ramstein, in Germania: poco dopo, gli ufficiali della difesa statunitense confermano il lancio di missili e per diversi minuti, mentre gli altoparlanti della base ordinano ai militari di assumere l’assetto di guerra, si respirano dubbi e incertezze su se e come reagire.

I dati forniti dai satelliti permettono di capire che i quattro missili sono partiti da un sottomarino nucleare russo in immersione nelle acque del Mare di Okhotsk, al largo della Russia occidentale.

Nella nota ufficiale, la “US Air Force Europe-Army Africa” spiega l’accaduto: “Il centro di controllo della base di Ramstein ha ricevuto l’allarme attraverso un sistema di notifica dell’avvenuto lancio di missili. Il centro ha seguito le procedure corrette agendo in modo tempestivo per aggiornare il personale. Nessun aereo o pilota statunitense è decollato. Il lancio dei missili è stato identificato come parte di un programma di addestramento. Monitoriamo costantemente e regolarmente eventuali minacce dirette verso le nostre forze e i nostri alleati”.

La dichiarazione non attribuisce i missili in modo ufficiale ai russi, anche se diversi alti ufficiali – in via confidenziale – l’hanno invece confermato nelle ore successive. Un alto funzionario del Pentagono ha ammesso che l’esercito russo aveva emesso un “avviso alle forze aree” che copriva un periodo di diversi giorni, avvertendo di evitare un’area specifica a causa dell’intensa attività militare. Una procedura tipica di notifica.

Ma qualcuno al Pentagono fa notare che l’incidente rappresenta un precedente preoccupante, perché date le tensioni fra Stati Uniti e Russia, il timore di un più o meno voluto errore di calcolo o l’errore umano, sono sempre possibili.

Esteri
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
Studentessa senegalese considerata una celebrità in Patria, è svanita nel nulla il 4 gennaio scorso, mentre rientrava a Parigi dopo le feste di Natale
Le vite che il volo Sriwijaya Air si è portato via
Le vite che il volo Sriwijaya Air si è portato via
Le famiglie in attesa di scoprire il destino dei propri cari raccontano chi erano alcune delle vittime del Boeing 737. Le autorità stanno raccogliendo campioni di Dna per identificare i resti
Boeing inabissato, trovati detriti e resti umani
Boeing inabissato, trovati detriti e resti umani
L’esercito indonesiano ha individuato un segnale che ha permesso ai sommozzatori di individuare il punto in cui l’aereo sarebbe esploso. Ancora da chiarire le cause del disastro
Condannato il ladro di Buckingham Palace
Condannato il ladro di Buckingham Palace
Adamo canto, ex maggiordomo reale, avrebbe rubato un centinaio di oggetti appartenenti alla Royal Family per poi rivenderli su eBay
Polonia, il vaccino prima ai Vip
Polonia, il vaccino prima ai Vip
Esplode uno scandalo che fa indignare il Paese: una ventina di personaggi illustri sarebbe stato vaccinato perfino prima di medici e infermieri. Il ministro della salute annuncia un’inchiesta
2021, l’anno in cui il Regno Unito potrebbe andare in pezzi
2021, l’anno in cui il Regno Unito potrebbe andare in pezzi
Il 2020 appena concluso ha lacerato il tessuto sociale del Regno Unito, mostrando disuguaglianze ed egoismi. Se la Scozia preme per l’indipendenza, cresce il malumore anche in Irlanda e Galles
Lo strappo del padre di BoJo
Lo strappo del padre di BoJo
Mentre Boris festeggia la faticosa conquista della Brexit, suo papà Stanley fa le valigie: “voglio restare europeo”, dice annunciando la richiesta di cittadinanza francese
Il discorso di addio della Merkel
Il discorso di addio della Merkel
Nel consueto discorso di fine anno rivolto ai tedeschi, la cancelliera annuncia che è “l’ultima volta in cui mi rivolgo a voi in questo ruolo”. Il suo mandato scade il prossimo 23 settembre, e ha già annunciato di non volersi ricandidare
L’anno difficile di Elisabetta
L’anno difficile di Elisabetta
Una donna sola al comando: più volte nel corso del 2020, la regina ha affrontato questioni pubbliche e scossoni privati. Mai in affanno o sopra le righe, continua a guidare il Paese durante la Brexit e la pandemia come solo lei sa fare
La rabbia esplode tra i camionisti fermi a Dover
La rabbia esplode tra i camionisti fermi a Dover
Da tre giorni fermi con i loro tir, hanno tentato di forzare un blocco della polizia inglese. La Francia ha annunciato la riapertura delle frontiere, ma l’obbligo di test e tamponi allunga i tempi