Vincent sta morendo

| I genitori ammettono che non ci sono più speranze per l’ex infermiere francese di 42 anni, da 10 in stato vegetativo: idratazione e nutrizione sono stati interrotti il 2 luglio. Denunciato per “assassinio” il primario del reparto

+ Miei preferiti
Sono le ultime ore di Vincent Lambert, il tetraplegico francese che è diventato un caso capace di dividere in due la Francia, dopo aver tracciato un solco netto nella sua famiglia: da una parte, a favore dell’eutanasia, c’è sempre stata la moglie Rachel, il nipote e sei fratelli dell’uomo, convinti dell’inutilità dell’accanimento terapeutico, dall’altra un altro fratello e una sorella, ma soprattutto Pierre e Viviane Lambert, i genitori, che hanno fatto di tutto per strappare Vincent alla morte decisa nei tribunali.

Ma saranno loro a vincere: il 2 luglio scorso, Vincent Sanchez, capo del reparto di cure palliative dell’ospedale “Chu” di Reims, ha dato ordine di praticare una “sedazione profonda e continua” interrompendo i trattamenti di nutrizione e idratazione che da dieci anni tengono in vita l’ex infermiere di 42 anni, vittima di un incidente stradale nel 2008. Una decisione che fa appello alla legge sul fine vita in vigore in Francia dal 2006, che evita di parlare di eutanasia o suicidio assistito, ma semplicemente parla di autorizzazioni previste di fronte a casi di “ostinazione irragionevole”.

Sono gli stessi genitori ad aver annunciato che la morte di Vincent “è ormai inevitabile: non lo accettiamo, ma possiamo solo rassegnarci. Questa volta è finita. I nostri avvocati hanno moltiplicato i ricorsi per far rispettare la sospensione davanti all’Onu, ma invano”. Annunciano anche di aver sporto denuncia contro il medico per “assassinio premeditato”. Parole accompagnate da manifestazioni spontanee organizzate in tutta la Francia che chiedono di risparmiare la vita a Vincent.

Un epilogo che arriva dopo una lunga battaglia legale, culminata il 28 giugno scorso con la decisione della Corte d’Appello di Parigi, che aveva ribaltato la decisione della Cassazione del 20 maggio di riprendere i trattamenti, interrotti in quelle stesse ore.

Esteri
Olanda, i container per le torture
Olanda, i container per le torture
In coordinamento con la polizia europea, le forze dell’ordine olandesi hanno sgominato una banda che aveva attrezzato sei container per torturare
Scandalo in Ungheria: niente carcere per il diplomatico pedofilo
Scandalo in Ungheria: niente carcere per il diplomatico pedofilo
Finito al centro di un’indagine internazionale per possesso di materiale pedopornografico pedofilia, all’ex ambasciatore ungherese in Perù vicino al presidente Orban è stato garantito un trattamento giudiziario di favore
Per sempre Putin
Per sempre Putin
Si avvia alla conclusione il referendum costituzionale voluto dal Cremlino per eliminare il limite dei mandati presidenziali: Vladimir può restare al comando fino al 2036
«Il castello non è un gabinetto»
«Il castello non è un gabinetto»
Gli immensi giardini della tenuta di Balmoral, in Scozia, residenza estiva della Regina, sono aperti al pubblico. Ma gli addetti ai giardini si lamentano: troppa gente fa i propri bisogni dove capita
ONU: lo scandalo del sesso a bordo
ONU: lo scandalo del sesso a bordo
Un breve video diventato virale mostra un rapporto sessuale fra un uomo e una probabile prostituta consumato su un Suv bianco dell’organizzazione umanitaria
Londra: la festa diventata rivolta
Londra: la festa diventata rivolta
A Brixton, nel sud di Londra, una festa di strada si è trasformata in enorme rissa all’arrivo degli agenti
Cédric Chouviat, il George Floyd francese
Cédric Chouviat, il George Floyd francese
Un rider padre di 5 figli muore per le conseguenze della “tecnica di soffocamento” della polizia di Parigi. E mentre le proteste aumentano, si scopre un altro caso analogo dimenticato dalle cronache
Blogger russa muore in un incidente in moto
Blogger russa muore in un incidente in moto
Anastasia Tropitsel, 18 anni, in vacanza a Bali, si è schiantata con la sua moto contro una recinzione. Illeso il fidanzato che viaggiava con lei
Russia: l’infermiera in bikini diventa modella
Russia: l’infermiera in bikini diventa modella
L’immagine di Nadezhda Zhukova in costume fra i malati di Covid-19 aveva fatto il giro del mondo. Un’inchiesta l’ha scagionata e ore sogna di diventare medico, ma nel frattempo ha iniziato anche a posare per un marchio sportivo
GB: notte di sangue a Reading
GB: notte di sangue a Reading
Un uomo armato di coltello si è gettato sulla folla che sciamava dopo una manifestazione antirazzismo: prima di essere bloccato è riuscito a uccidere tre persone e ferirne altrettanto. Per la polizia non si tratta di terrorismo