Vincent sta morendo

| I genitori ammettono che non ci sono più speranze per l’ex infermiere francese di 42 anni, da 10 in stato vegetativo: idratazione e nutrizione sono stati interrotti il 2 luglio. Denunciato per “assassinio” il primario del reparto

+ Miei preferiti
Sono le ultime ore di Vincent Lambert, il tetraplegico francese che è diventato un caso capace di dividere in due la Francia, dopo aver tracciato un solco netto nella sua famiglia: da una parte, a favore dell’eutanasia, c’è sempre stata la moglie Rachel, il nipote e sei fratelli dell’uomo, convinti dell’inutilità dell’accanimento terapeutico, dall’altra un altro fratello e una sorella, ma soprattutto Pierre e Viviane Lambert, i genitori, che hanno fatto di tutto per strappare Vincent alla morte decisa nei tribunali.

Ma saranno loro a vincere: il 2 luglio scorso, Vincent Sanchez, capo del reparto di cure palliative dell’ospedale “Chu” di Reims, ha dato ordine di praticare una “sedazione profonda e continua” interrompendo i trattamenti di nutrizione e idratazione che da dieci anni tengono in vita l’ex infermiere di 42 anni, vittima di un incidente stradale nel 2008. Una decisione che fa appello alla legge sul fine vita in vigore in Francia dal 2006, che evita di parlare di eutanasia o suicidio assistito, ma semplicemente parla di autorizzazioni previste di fronte a casi di “ostinazione irragionevole”.

Sono gli stessi genitori ad aver annunciato che la morte di Vincent “è ormai inevitabile: non lo accettiamo, ma possiamo solo rassegnarci. Questa volta è finita. I nostri avvocati hanno moltiplicato i ricorsi per far rispettare la sospensione davanti all’Onu, ma invano”. Annunciano anche di aver sporto denuncia contro il medico per “assassinio premeditato”. Parole accompagnate da manifestazioni spontanee organizzate in tutta la Francia che chiedono di risparmiare la vita a Vincent.

Un epilogo che arriva dopo una lunga battaglia legale, culminata il 28 giugno scorso con la decisione della Corte d’Appello di Parigi, che aveva ribaltato la decisione della Cassazione del 20 maggio di riprendere i trattamenti, interrotti in quelle stesse ore.

Esteri
L’infermiera che ha rubato la carta di credito ad un paziente morto
L’infermiera che ha rubato la carta di credito ad un paziente morto
È successo lo scorso gennaio: Ayesha Basharat stava radunando gli effetti personali di un paziente appena morto per Covid e ha usato la sua carta di credito per comprare bibite e snack
La vendetta di Cummings: affossare Boris Johnson
La vendetta di Cummings: affossare Boris Johnson
L’ex braccio destro del premier si prepara a deporre davanti alla commissione che indaga sulla gestione della pandemia da parte del governo. E promette di far saltare in aria Downing Street
I britannici possono viaggiare (ma non sanno dove andare)
I britannici possono viaggiare (ma non sanno dove andare)
Il via libera a viaggi e spostamenti si scontra con un sistema di classificazione dei paesi a semaforo: quelli che rappresentano le mete turistiche tradizionali sono tutti in giallo, quindi sconsigliati
Belgio, caccia al Rambo negazionista
Belgio, caccia al Rambo negazionista
Un ex militare armato è scomparso dopo aver giurato di voler uccidere un noto virologo belga. Sulle sue tracce più di 400 agenti e il timore che voglia scatenare “una piccola guerra”
È morto il «Mostro delle Ardenne»
È morto il «Mostro delle Ardenne»
Michel Fourtinet, serial kliller francese accusato di aver ucciso 9 ragazzine e dell’omicidio di altre 10 persone, on la complicità della moglie, è morto in carcere a 79 anni
La Scozia pretende un secondo referendum
La Scozia pretende un secondo referendum
La vittoria dei nazionalisti alle elezioni riaccende il sogno dell’indipendenza. Ma Johnson non vuole saperne
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Un laboratorio chimico-batteriologico militare finanziato per scovare e individuare i ceppi del virus che circolano nel Paese: ne hanno trovati quattro, tutti coperti dal vaccino
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Si prevede un lungo e difficile percorso, mentre gli imputati si presentano in aula per la prima volta e si susseguono gli appelli a Macron per bloccare la richiesta italiana
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
Con la prossima edizione ancora a rischio apertura, la Germania è insorta contro una notizia che voleva l’evento di Monaco spostato a Dubai. In realtà si tratta di una copia, anche se lo zampino tedesco pare ci sia
Cambio d'immagine dell'Mi5: «Non siamo come James Bond»
Cambio d
Il celebre servizio segreto inglese apre un profilo Instagram per raccontarsi e sfatare i luoghi comuni legati al lavoro delle spie. Ma senza rivelare nulla di compromettente