Yamaha: non nascondetevi nelle custodie

| Dopo il clamore della rocambolesca fuga di Carlo Ghosn, il colosso giapponese di strumenti e attrezzature musicali avvisa: non provateci, è molto pericoloso

+ Miei preferiti
Di questi tempi non si sa mai: lo spirito di emulazione, unito all’uso spropositato dei social, potrebbe convincere qualcuno che Carlos Ghosn ha avuto un’idea geniale, infilandosi in una cassa per strumenti musicali e fuggire dal Giappone verso la libertà, in Libano.

Così la “Yamaha”, storico costruttore giapponese di strumenti e accessori musicali, ha pensato fosse il caso di specificare - prima di trovarsi invischiata in qualche class-action di aspiranti fuggiaschi - che quei contenitori su ruote non nascono e nemmeno sono pensati per ospitare persone. E il rischio di rinchiudersi lì dentro è di fare una brutta fine.

In un tweet, l’azienda la prende alla lontana, senza fare nomi, affermando di “aver notato che ci sono state storie recenti di persone che si sono nascoste nelle custodie di strumenti musicali. La Yamaha avvisa di non entrare o lasciare che altri rinchiudano nelle sue custodie per evitare sfortunati incidenti”.

Secondo la più accreditata ricostruzione della fuga di Ghosn, che lui stesso non ha ancora voluto svelare, la versione data per buona continua ad essere quella della grossa custodia per attrezzature musicali in cui si sarebbe nascosto per raggiungere il jet privato che lo attendeva all’aeroporto. E per evitare gli “sfortunati incidenti” citati dalla Yamaha, sul fondo sarebbero stati praticati dei fori per permettere all’ex Ceo di Renault-Nissan di respirare. Una vicenda che secondo il quotidiano francese “Le Monde” sarebbe pronta per diventare un film, con tanto di contratto in esclusiva per la piattaforma “Netflix”.

Esteri
Per sempre Putin
Per sempre Putin
Si avvia alla conclusione il referendum costituzionale voluto dal Cremlino per eliminare il limite dei mandati presidenziali: Vladimir può restare al comando fino al 2036
«Il castello non è un gabinetto»
«Il castello non è un gabinetto»
Gli immensi giardini della tenuta di Balmoral, in Scozia, residenza estiva della Regina, sono aperti al pubblico. Ma gli addetti ai giardini si lamentano: troppa gente fa i propri bisogni dove capita
ONU: lo scandalo del sesso a bordo
ONU: lo scandalo del sesso a bordo
Un breve video diventato virale mostra un rapporto sessuale fra un uomo e una probabile prostituta consumato su un Suv bianco dell’organizzazione umanitaria
Londra: la festa diventata rivolta
Londra: la festa diventata rivolta
A Brixton, nel sud di Londra, una festa di strada si è trasformata in enorme rissa all’arrivo degli agenti
Cédric Chouviat, il George Floyd francese
Cédric Chouviat, il George Floyd francese
Un rider padre di 5 figli muore per le conseguenze della “tecnica di soffocamento” della polizia di Parigi. E mentre le proteste aumentano, si scopre un altro caso analogo dimenticato dalle cronache
Blogger russa muore in un incidente in moto
Blogger russa muore in un incidente in moto
Anastasia Tropitsel, 18 anni, in vacanza a Bali, si è schiantata con la sua moto contro una recinzione. Illeso il fidanzato che viaggiava con lei
Russia: l’infermiera in bikini diventa modella
Russia: l’infermiera in bikini diventa modella
L’immagine di Nadezhda Zhukova in costume fra i malati di Covid-19 aveva fatto il giro del mondo. Un’inchiesta l’ha scagionata e ore sogna di diventare medico, ma nel frattempo ha iniziato anche a posare per un marchio sportivo
GB: notte di sangue a Reading
GB: notte di sangue a Reading
Un uomo armato di coltello si è gettato sulla folla che sciamava dopo una manifestazione antirazzismo: prima di essere bloccato è riuscito a uccidere tre persone e ferirne altrettanto. Per la polizia non si tratta di terrorismo
BoJo in difficoltà: troppe decisioni e scelte sbagliate
BoJo in difficoltà: troppe decisioni e scelte sbagliate
La stella dell’uomo forte della Brexit si sta offuscando: invece di pensare ai problemi del Paese, afflitto dal Covid-19 e da una crisi economica pesantissima, si concentra sul altro
Almeno 3.000 vittime di abusi nella chiesa francese
Almeno 3.000 vittime di abusi nella chiesa francese
Sono i risultati parziali delle indagini di una commissione che dopo il lockdown sta riprendendo ogni parrocchia e congregazione francese alla ricerca di casi avvolti nel silenzio