Addio al Regno Unito

| La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”

+ Miei preferiti
Erano le 23 dall’altra parte della Manica, mezzanotte nel resto d’Europa, quando sono risuonati i rintocchi delle campane forse più importanti nella lunga storia del “Big Ben”, ancora impacchettato dai lavori di restauro. A quell’ora, in modo ufficiale e definitivo, il Regno Unito non ha festeggiato solo l’addio ad un anno difficilissimo, ma soprattutto l’uscita definitiva dall’Unione Europea con la conclusione del periodo di transizione.

SI chiude una storia iniziata 47 anni fa con la comunità e interrotta dalla Brexit: un viaggio lungo e tormentato cominciato da un referendum 4 anni e mezzo fa e chiuso dall’accordo approvato per acclamazione dalla Camera dei Comuni e sottoposto ad assenso della Regina, costretta a fare le ore piccole.

In mattinata, a precedere Westminster, Londra e Bruxelles avevano raggiunto un accordo anche su Gibilterra, la rocca sospesa fra Spagna e Inghilterra che aveva votato quasi all’unanimità per restare nella UE. Gli abitanti dell’enclave avranno possibilità di muoversi senza controlli d frontiera.

Un traguardo raggiunto senza bagni di folla, con l’incubo dell’ossessivo messaggio “Stay at home” a incombere sui cittadini per colpa di una pandemia che mercoledì ha macinato 1.000 vittime e 50mila nuovi contagi.

Non mancano le voci critiche al primo giorno fuori dall’Europa, come quella di Philip Stephens, che in un editoriale sul “Financial Times” ieri ammoniva: “Da domani inizia il secondo atto della Brexit: dopo aver consumato la rottura con l’Unione Europea, il Regno Unito rischia di andare in pezzi”.

Il riferimento è alla Scozia, al Galles e all’Irlanda del Nord, Paesi attraversati da crescenti fremiti europeisti. Fra le prime a promettere battaglia la premier scozzese Nicola Sturgeon, che su Twitter ha postato una foto del Big Ben accompagnata dalla frase “Europe Scotland”. Non è da meno l’Irlanda del Nord, che vuole ricongiungersi alla Repubblica d’Irlanda e subito dopo uscire dall’orbita di Londra. Per finire con il Galles, dove aveva stravinto il “remain” e ora si respira aria di autonomia.

A dare un volto alla situazione è stato l’Economist, con una vignetta che ritrae il Regno Unito come una piccola isola in mezzo al mare, con un titolo che è una domanda assai comune: quale sarà il nostro ruolo nel mondo?

Europa
L’isola di «Mediterraneo» è covid-free
L’isola di «Mediterraneo» è covid-free
I 1500 abitanti di Kastellorizo sono stati vaccinati: è il primo comune europeo e la decisione fa parte di una strategia del governo per rendere sicuri i luoghi turistici
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Agendo in stretta collaborazione, la polizia in Germania e Belgio hanno messo a segno un sequestro record di cocaina arrivata in Europa via nave, nascosta in due container diversi. Il valore sul mercato è pari a diversi milioni di euro
Due mesi di Brexit
Due mesi di Brexit
Il governo di Boris Johnson sembra minimizzare i problemi di intere categorie a rischio, assicurando che fra 10 anni l’economia del Regno Unito sarà florida. Esperti e addetti ai lavori replicano: fra meno di cinque non esisterà più nulla
Bruxelles, Londra e la guerra dei vaccini
Bruxelles, Londra e la guerra dei vaccini
La UE ha chiesto una perquisizione dei sito produttivo AstraZeneca per capire se i ritardi siano dovuti a problemi interni o se invece più dosi del previsto siano state inviate oltremanica
GB: la dura realtà della Brexit
GB: la dura realtà della Brexit
Crollo di importazioni ed esportazioni, livelli di burocrazia spaventosa e previsioni nefaste per il futuro. Le conseguenze della tanto agognata uscita dalla UE iniziano a farsi sentire, e non sono affatto piacevoli
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante
La magia del Natale si posa sulla Brexit
La magia del Natale si posa sulla Brexit
Fonti inglesi ed europee danno per imminente un accordo che sarebbe poi ratificato a gennaio da Strasburgo
Brexit, prove tecniche di confusione
Brexit, prove tecniche di confusione
Lunghe code ai porti di Dover e l’ammonimento di una commissione: il Regno Unito non è pronto, rischiamo il collasso