Angela trema

| Al secondo episodio nel giro di pochi giorni, una misteriosa “grande potenza europea” avrebbe fatto scattare i servizi segreti per scoprire di cosa soffre la Merkel

+ Miei preferiti
La prima volta qualche giorno fa, quando Angela Merkel riceve il neopresidente ucraino Wolodymyr Zelensky: durante la cerimonia la Cancelliera tedesca inizia a tremare sotto gli occhi curiosi delle telecamere. Disidratazione e un po’ di stress, il commento del Bundestag. Pochi giorni dopo, l’ennesimo tremolio che all’improvviso di impossessa della Cancelliera tedesca, questa volta durante la nomina a nuovo ministro della giustizia di Christine Lambrecht: ancora una volta la Merkel fa di tutto per reagire e tentare di fermarlo, ma inutilmente.

Al nuovo commento rassicurante emanato con una nota dal governo tedesco, che ancora una volta liquida gli episodi come malesseri passeggeri, una non meglio precisata nazione europea ha deciso di vederci chiaro, facendo scattare i servizi segreti: non è una questione di gossip, ma di delicatissimi equilibri di geopolitica mondiale, per di più accompagnati dai commenti di alcuni leader di ritorno dal G20 di Osaka, che hanno descritto la Cancelliera come “assente e meno lucida del solito”.

Gli 007 sarebbero riusciti a mettere le mani sulla cartella clinica di Angela, scoprendo che la Merkel non ha alcun problema di disidratazione e neanche accusa disturbi psicosomatici legati allo stress, ma soffrirebbe di un problema neurologico. La 64enne Cancelliera ha liquidato le voci sul suo conto in modo secco: “Non ho nulla da segnalare e neanche da spiegare. Punto”.

Galleria fotografica
Angela trema - immagine 1
Europa
Addio al Regno Unito
Addio al Regno Unito
La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante
La magia del Natale si posa sulla Brexit
La magia del Natale si posa sulla Brexit
Fonti inglesi ed europee danno per imminente un accordo che sarebbe poi ratificato a gennaio da Strasburgo
Brexit, prove tecniche di confusione
Brexit, prove tecniche di confusione
Lunghe code ai porti di Dover e l’ammonimento di una commissione: il Regno Unito non è pronto, rischiamo il collasso
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il timore di carenza di farmaci e cibo sta scatenando la corsa all’accaparramento: mentre Londra e Bruxelles trattano a oltranza, Downing Street annuncia l’operazione “Capstone”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Malgrado gli sforzi diplomatici, non si sblocca la situazione fra Regno Unito e UE: trattative ad oltranza per tutto il weekend, poi sarà l’inevitabile
Brexit, il costo del fallimento
Brexit, il costo del fallimento
Cosa c’è in gioco se le trattative fra Regno Unito e UE finiranno come ormai sembra assai probabile: con un “no deal” che contenterebbe tutti, gettando nella confusione la vita di milioni di persone
Brexit: the final countdown
Brexit: the final countdown
Il capo delegazione europeo Barnier è giunto a Londra per un fine settimana decisivo: ad attenderlo qualche spiraglio di buona volontà, ma posizioni ancora molto rigide