Assange, pacchia finita in ambasciata

| Il fondatore di Wikileaks che con le sue "rivelazioni" ha messo in pericolo la vita di agenti segreti e la sicurezza dell'Occidente, sta per essere sfrattato dall'ambasciata londinese dell'Ecuador. Ma lui non vuole andarsene

+ Miei preferiti

di MICHAEL O'BRIEN

Julian Assange, auto-prigioniero dal 2012 nell’ambasciata dell’Ecuador di Londra, non se ne vuole andare, nonostante la sua situazione, più che a quella di un rifugiato politico, assomigli molto più a una vera e prioria prigionia. Ha respinto l'accordo proposto dal presidente dell'Ecuador, Lénin Moreno, in base al quale il fondatore di WikiLeaks potrebbe lasciare l'ambasciata di Quito, a Londra, dove vive da rifugiato dal 2012, con la “garanzia delle autorità britanniche di non estradarlo in Paesi dove potrebbe rischiare la pena di morte”. Assange, attraverso il sito WikiLeaks commenta duramente l’operato di Moreno. L’avvocato di WikiLeaks e difensore storico del giornalista e attivista australiano, Barry Pollock, parla di una "manovra diversiva”.

Il presidente dell'Ecuador Lenin Moreno in un'intervista alla CNN aveva affermato di aver ricevuto garanzie dal governo britannico che Assange "è un uomo libero a tutti gli effetti". Ma Assange pensa sia una trappola e, in compagnia del suo celebre gatto, non intende lasciare l'ambasciata. “Patetico tentativo di distogliere l'attenzione dalla storia di ieri del NY Times che il presidente Moreno ha cercato di vendere illegalmente Assange agli Stati Uniti per lo sgravio del debito. Assange è un rifugiato politico riconosciuto, non uno schiavo da vendere in contanti", scrive in un tweet WikiLeaks.

Ormai tra l’Ecuador e Julian Assange, “ospite” da anni dell’ambasciata di Londra, è guerra aperta. Assange ha già avviato contro il governo dell'Ecuador una causa per "violazione dei suoi diritti fondamentali”. In una dichiarazione, WikiLeaks ha rivelato che l'Ecuador aveva "minacciato di rimuovere la sua protezione e di bloccare sommariamente il suo accesso al mondo esterno”. Ha aggiunto che l'ambasciata ha rifiutato ai giornalisti e alle organizzazioni per i diritti umani di incontrarlo e ha installato disturbatori di segnale per impedire le telefonate e l'accesso a Internet.

Il whistleblower si era rifugiato nell'Ambasciata dell'Ecuador a Londra dal 2012, quando gli era stato concesso asilo per evitargli l'estradizione in Svezia, dove era accusato aggressione sessuale. Le sue “rivelazioni” hanno messo in pericolo non solo gli assetti politici e militari dell’Occidente, ma anche la vita degli agenti segreti citati nelle carte senza alcuno scrupolo. E poi il passaggio delle mail trafugate dagli hacker russi di Hillary Clinton e forse passate a Trump per condizionare il risultato delle presidenziali americane del 2016.

Il caso della violenza sessuale era stato archiviato, ma ora  la “spia delle spie” teme l'estradizione negli Usa dopo le ripetute violazioni della sicurezza nazionale attraverso la diffusioni di documenti segretati.

Il sito web ecuadoriano Codigo Vidrio, specificava, in un servizio esclusivo, che Assange, secondo il governo, avrebbe dovuto pagare le spese della sua permanenza, come fosse in un albergo: i pasti, le cure mediche e la lavanderia: deve provvedere non solo a mantenere puliti gli spazi all'interno, ma anche a prendersi cura del suo amato gatto. I visitatori ammessi solo con un'autorizzazione preventiva. La nota ribadiva inoltre che non gli è permesso interferire in questioni politiche di qualsiasi altro paese. 

Dal documento trapelato, il 47enne rischia di perdere anche la preziosa compagnia del suo animale domestico, se non si conformerà alle nuove disposizioni. Un altro membro del team legale di Assange, Carlos Poveda, ha confermato alla CNN che le regole sono "un'imposizione unilaterale dell'Ecuador per indebolire l'asilo concesso ad Assange. stabilendo condizioni più dure di una prigione".

"L'Ecuador è uno Stato sovrano, che prende le sue decisioni di politica estera con autonomia e cura degli interessi nazionali nel rigoroso rispetto del diritto internazionale", hanno ribadito i portavoce del governo, confermando l’esistenza delle nuove norme. Gli avvocati di Assange sostengono che l'Ecuador sta violando i suoi diritti continuando a negargli l'accesso a Internet. A marzo la replica del governo ecuadoriano: “Il comportamento di Assange attraverso i suoi messaggi sui social media mette a rischio il buon rapporto che il paese ha con il Regno Unito, i paesi dell'UE e altre nazioni”. L’idillio è finito, Assange dovrà fare le valigie e trovarsi un altro rifugio.

Europa
UE, la rivolta dei vaccini
UE, la rivolta dei vaccini
L’Austria annuncia che non farà più affidamento sulla UE, scegliendo di collaborare con Israele per i vaccini di seconda generazione
L’isola di «Mediterraneo» è covid-free
L’isola di «Mediterraneo» è covid-free
I 1500 abitanti di Kastellorizo sono stati vaccinati: è il primo comune europeo e la decisione fa parte di una strategia del governo per rendere sicuri i luoghi turistici
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Agendo in stretta collaborazione, la polizia in Germania e Belgio hanno messo a segno un sequestro record di cocaina arrivata in Europa via nave, nascosta in due container diversi. Il valore sul mercato è pari a diversi milioni di euro
Due mesi di Brexit
Due mesi di Brexit
Il governo di Boris Johnson sembra minimizzare i problemi di intere categorie a rischio, assicurando che fra 10 anni l’economia del Regno Unito sarà florida. Esperti e addetti ai lavori replicano: fra meno di cinque non esisterà più nulla
Bruxelles, Londra e la guerra dei vaccini
Bruxelles, Londra e la guerra dei vaccini
La UE ha chiesto una perquisizione dei sito produttivo AstraZeneca per capire se i ritardi siano dovuti a problemi interni o se invece più dosi del previsto siano state inviate oltremanica
GB: la dura realtà della Brexit
GB: la dura realtà della Brexit
Crollo di importazioni ed esportazioni, livelli di burocrazia spaventosa e previsioni nefaste per il futuro. Le conseguenze della tanto agognata uscita dalla UE iniziano a farsi sentire, e non sono affatto piacevoli
Addio al Regno Unito
Addio al Regno Unito
La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante