Assange, pacchia finita in ambasciata

| Il fondatore di Wikileaks che con le sue "rivelazioni" ha messo in pericolo la vita di agenti segreti e la sicurezza dell'Occidente, sta per essere sfrattato dall'ambasciata londinese dell'Ecuador. Ma lui non vuole andarsene

+ Miei preferiti

di MICHAEL O'BRIEN

Julian Assange, auto-prigioniero dal 2012 nell’ambasciata dell’Ecuador di Londra, non se ne vuole andare, nonostante la sua situazione, più che a quella di un rifugiato politico, assomigli molto più a una vera e prioria prigionia. Ha respinto l'accordo proposto dal presidente dell'Ecuador, Lénin Moreno, in base al quale il fondatore di WikiLeaks potrebbe lasciare l'ambasciata di Quito, a Londra, dove vive da rifugiato dal 2012, con la “garanzia delle autorità britanniche di non estradarlo in Paesi dove potrebbe rischiare la pena di morte”. Assange, attraverso il sito WikiLeaks commenta duramente l’operato di Moreno. L’avvocato di WikiLeaks e difensore storico del giornalista e attivista australiano, Barry Pollock, parla di una "manovra diversiva”.

Il presidente dell'Ecuador Lenin Moreno in un'intervista alla CNN aveva affermato di aver ricevuto garanzie dal governo britannico che Assange "è un uomo libero a tutti gli effetti". Ma Assange pensa sia una trappola e, in compagnia del suo celebre gatto, non intende lasciare l'ambasciata. “Patetico tentativo di distogliere l'attenzione dalla storia di ieri del NY Times che il presidente Moreno ha cercato di vendere illegalmente Assange agli Stati Uniti per lo sgravio del debito. Assange è un rifugiato politico riconosciuto, non uno schiavo da vendere in contanti", scrive in un tweet WikiLeaks.

Ormai tra l’Ecuador e Julian Assange, “ospite” da anni dell’ambasciata di Londra, è guerra aperta. Assange ha già avviato contro il governo dell'Ecuador una causa per "violazione dei suoi diritti fondamentali”. In una dichiarazione, WikiLeaks ha rivelato che l'Ecuador aveva "minacciato di rimuovere la sua protezione e di bloccare sommariamente il suo accesso al mondo esterno”. Ha aggiunto che l'ambasciata ha rifiutato ai giornalisti e alle organizzazioni per i diritti umani di incontrarlo e ha installato disturbatori di segnale per impedire le telefonate e l'accesso a Internet.

Il whistleblower si era rifugiato nell'Ambasciata dell'Ecuador a Londra dal 2012, quando gli era stato concesso asilo per evitargli l'estradizione in Svezia, dove era accusato aggressione sessuale. Le sue “rivelazioni” hanno messo in pericolo non solo gli assetti politici e militari dell’Occidente, ma anche la vita degli agenti segreti citati nelle carte senza alcuno scrupolo. E poi il passaggio delle mail trafugate dagli hacker russi di Hillary Clinton e forse passate a Trump per condizionare il risultato delle presidenziali americane del 2016.

Il caso della violenza sessuale era stato archiviato, ma ora  la “spia delle spie” teme l'estradizione negli Usa dopo le ripetute violazioni della sicurezza nazionale attraverso la diffusioni di documenti segretati.

Il sito web ecuadoriano Codigo Vidrio, specificava, in un servizio esclusivo, che Assange, secondo il governo, avrebbe dovuto pagare le spese della sua permanenza, come fosse in un albergo: i pasti, le cure mediche e la lavanderia: deve provvedere non solo a mantenere puliti gli spazi all'interno, ma anche a prendersi cura del suo amato gatto. I visitatori ammessi solo con un'autorizzazione preventiva. La nota ribadiva inoltre che non gli è permesso interferire in questioni politiche di qualsiasi altro paese. 

Dal documento trapelato, il 47enne rischia di perdere anche la preziosa compagnia del suo animale domestico, se non si conformerà alle nuove disposizioni. Un altro membro del team legale di Assange, Carlos Poveda, ha confermato alla CNN che le regole sono "un'imposizione unilaterale dell'Ecuador per indebolire l'asilo concesso ad Assange. stabilendo condizioni più dure di una prigione".

"L'Ecuador è uno Stato sovrano, che prende le sue decisioni di politica estera con autonomia e cura degli interessi nazionali nel rigoroso rispetto del diritto internazionale", hanno ribadito i portavoce del governo, confermando l’esistenza delle nuove norme. Gli avvocati di Assange sostengono che l'Ecuador sta violando i suoi diritti continuando a negargli l'accesso a Internet. A marzo la replica del governo ecuadoriano: “Il comportamento di Assange attraverso i suoi messaggi sui social media mette a rischio il buon rapporto che il paese ha con il Regno Unito, i paesi dell'UE e altre nazioni”. L’idillio è finito, Assange dovrà fare le valigie e trovarsi un altro rifugio.

Europa
Jonhson: prepariamoci al No Deal
Jonhson: prepariamoci al No Deal
L’annuncio del premier britannico sembra voler mettere la parola fine alle estenuanti trattative sul dopo Brexit. Ma da Londra e Bruxelles filtra comunque l’idea di poter arrivare ad un compromesso
Brexit, nervi sempre più tesi
Brexit, nervi sempre più tesi
Le posizione di Londra e Bruxelles non segnano passi in avanti, e dalle due sponde partono accuse reciproche. A rimetterci di più, conti alla mano, sarebbe il Regno Unito
Brexit, segnali di distensione
Brexit, segnali di distensione
Una videochiamata fra Boris Johnson e Ursula von der Layen riaccende le speranze di un divorzio non traumatico. Ma andando al sodo tutto è ancora da definire, e il tempo stringe
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Martedì prossimo a Bruxelles è in programma uno degli ultimi appuntamenti possibili per raggiungere un accordo. Ad averne maggiormente bisogno è il Regno Unito, che però continua a fare i capricci
Germania, il vento dell’antisemitismo
Germania, il vento dell’antisemitismo
Centinaia di episodi, in un preoccupante crescendo di violenza, elencati in un rapporto dettagliato. La preoccupazione del governo e della comunità ebraica
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
Il muro contro muro con Bruxelles e le provocazioni di Boris Johnson stanno preparando il terreno della Brexit ad un clamoroso finale senza accordo. I rischi sono carenza di cibo, medicinali, recessione e isolamento internazionale
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Un accordo entro il 15 ottobre, o nessun accordo: BoJo alza la posta e detta il calendario, ma secondo molti sta bluffando, per strappare un’intesa dell’ultimo minuto da rivendicare come vittoria politica
Brexit, lo strappo della Germania
Brexit, lo strappo della Germania
Nessun passo avanti nelle trattative e un premier che “non sa cosa siano”, hanno convinto la delegazione tedesca ad abbandonare i tavoli su cui si tenta di arrivare ad un compromesso fra Bruxelles e Londra
Brexit, trattative in stallo
Brexit, trattative in stallo
Durissimo scambio di battute fra Michel Barnier e David Frost, i due capi delegazione della UE e del Regno Unito. Secondo il primo un accordo è improbabile, per il secondo è ancora possibile
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole