Assange presto estradato in USA

| Ma la Gran Bretagna vuole garanzia che non sia condannato a morte, rischia per 18 capi d'accusa quasi 200 anni di carcere

+ Miei preferiti

Il segretario di Stato USA Mike Pompeo è sicuro: Assange sarà estradato presto negli Stati Uniti dove rischia, in teoria, anche la pena di morte o comunque l’ergastolo. Il fondatore di Wikileaks, accusato di spionaggio dagli Stati Uniti e arrestato dalle autorità britanniche l’11 aprile scorso, dopo 6 anni trascorsi in una stanza dell ’ambasciata dell’Ecuador a Londra, sarà processato probabilmente da una corte federale di New York.

Sul capo di Julian Assange pendono altri 17 capi di accusa e rischia 200 anni di carcere. Ma alcune “rivelazioni” messo a reptaglia la vita di agenti segreti e di funzionari Usa e Nato e la condanna potrebbe arrivare sino alla pena di morte. La Gran Bretagna, se non verrò assicurato il non ricorso alla pena capitale, bloccherà l’estradizione. Al centro del processo la diffusione di informazioni coperte dal segreto da parte di Wikileaks, che nel 2010 pubblicò centinaia di migliaia di documenti militari e diplomatici. Il governo dell’Ecuador ha assicurato che, nel momento in cui ha ritirato l’asilo all’australiano, ha ricevuto garanzie scritte da Londra secondo cui Assange non verrà estradato in un Paese in cui potrebbe subire torture o essere condannato a morte. Resta il rebus delle condizioni fisiche di Assange, detenuto in carcere di massima sicurezza. Secondo alcune fonti, la sua salute sarebbe in pericolo per una serie di gravi patologie.

Europa
Brexit: the final countdown
Brexit: the final countdown
Il capo delegazione europeo Barnier è giunto a Londra per un fine settimana decisivo: ad attenderlo qualche spiraglio di buona volontà, ma posizioni ancora molto rigide
Effetto Biden: Johnson pronto a scendere a patti con la UE
Effetto Biden: Johnson pronto a scendere a patti con la UE
Impaurito dal cambio di marcia della politica americana, il premier inglese sa di non avere più una spalla forte come Trump per continuare a battere i pugni con Bruxelles
Jonhson: prepariamoci al No Deal
Jonhson: prepariamoci al No Deal
L’annuncio del premier britannico sembra voler mettere la parola fine alle estenuanti trattative sul dopo Brexit. Ma da Londra e Bruxelles filtra comunque l’idea di poter arrivare ad un compromesso
Brexit, nervi sempre più tesi
Brexit, nervi sempre più tesi
Le posizione di Londra e Bruxelles non segnano passi in avanti, e dalle due sponde partono accuse reciproche. A rimetterci di più, conti alla mano, sarebbe il Regno Unito
Brexit, segnali di distensione
Brexit, segnali di distensione
Una videochiamata fra Boris Johnson e Ursula von der Layen riaccende le speranze di un divorzio non traumatico. Ma andando al sodo tutto è ancora da definire, e il tempo stringe
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Martedì prossimo a Bruxelles è in programma uno degli ultimi appuntamenti possibili per raggiungere un accordo. Ad averne maggiormente bisogno è il Regno Unito, che però continua a fare i capricci
Germania, il vento dell’antisemitismo
Germania, il vento dell’antisemitismo
Centinaia di episodi, in un preoccupante crescendo di violenza, elencati in un rapporto dettagliato. La preoccupazione del governo e della comunità ebraica
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
Il muro contro muro con Bruxelles e le provocazioni di Boris Johnson stanno preparando il terreno della Brexit ad un clamoroso finale senza accordo. I rischi sono carenza di cibo, medicinali, recessione e isolamento internazionale
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Un accordo entro il 15 ottobre, o nessun accordo: BoJo alza la posta e detta il calendario, ma secondo molti sta bluffando, per strappare un’intesa dell’ultimo minuto da rivendicare come vittoria politica
Brexit, lo strappo della Germania
Brexit, lo strappo della Germania
Nessun passo avanti nelle trattative e un premier che “non sa cosa siano”, hanno convinto la delegazione tedesca ad abbandonare i tavoli su cui si tenta di arrivare ad un compromesso fra Bruxelles e Londra