Austria, stop al velo islamico

| Una legge lo vieta nelle scuole primarie. "Liberiamo le ragazze dalla sottomissione", spiegano i promotori. Cosa è accaduto in Danimarca e in Australia dove una parlamentare di estrema destra indossa un burqa in Parlamento

+ Miei preferiti

L'Austria vieta il velo islamico dalle scuole primarie: i deputati hanno approvato ieri una legge presentata da governo. Il testo, si legge sul Guardian, si riferisce in modo generico a qualsiasi "abbigliamento influenzato ideologicamente o religiosamente associato alla copertura della testa". Rappresentanti di entrambi i partiti della coalizione, il Partito popolare di centro-destra (OeVP) e quello di estrema destra (FPOe), hanno chiarito tuttavia che la legge è mirata al solo velo islamico: ”Un segnale contro l'islam politico”, hanno detto i promotori.  Il deputato Rudolf Taschner ha aggiuntoche 

Serve per liberare le ragazze dalla “sottomissione”. Il governo ha chiarito che il copricapo indossato dai ragazzi Sikh e la kippa ebraica non saranno interessati dalla legge.

 Tornano alla mente però le proteste, estate 2018, della comunità islamica danese dopo che una donna di 28 anni era stata multata in Danimarca per aver indossato il 'niqab', il velo islamico che copre il volto. La legge che vieta di coprirsi il volto in pubblico, senza riferimenti al velo islamico. La donna era stata invitata in un centro commerciale a Horsholm, 25 chilometri a nord di Copenhagen, da un'altra signora che le ha chiesto di togliersi il velo. Ma lei ha insistito a volerlo tenere, anche dopo l’intervento della polizia. La multa, per la signora con il niqab fu di 1.000 corone (134 euro) per aver violato il divieto del velo in pubblico."Human Rights Watch" l'ha bollata come una norma "discriminatoria". Divieti totali o parziali sono già in vigore in Francia, Austria, Bulgaria e in Baviera.

Per questo la senatrice australiana di estrema destra One Nation Pauline Hanson si è presentata in Parlamento indossando un burqa per dimostrare come possa essere pericoloso per la sicurezza. Le hanno imposto di toglierlo: ”Lo tolgo volentieri perché non penso che appartenga a questo parlamento. Se una persona indossa un passamontagna o un casco entrando in una banca o in qualunque edificio, come il piano terra di un tribunale, deve toglierselo. Perché non vale lo stesso per qualcuno che copre interamente il suo volto, senza poter essere identificato?”. One Nation, da anni propone norme severe contro i musulmani e la costruzione di moschee in Australia.

r.est

Europa
Jonhson: prepariamoci al No Deal
Jonhson: prepariamoci al No Deal
L’annuncio del premier britannico sembra voler mettere la parola fine alle estenuanti trattative sul dopo Brexit. Ma da Londra e Bruxelles filtra comunque l’idea di poter arrivare ad un compromesso
Brexit, nervi sempre più tesi
Brexit, nervi sempre più tesi
Le posizione di Londra e Bruxelles non segnano passi in avanti, e dalle due sponde partono accuse reciproche. A rimetterci di più, conti alla mano, sarebbe il Regno Unito
Brexit, segnali di distensione
Brexit, segnali di distensione
Una videochiamata fra Boris Johnson e Ursula von der Layen riaccende le speranze di un divorzio non traumatico. Ma andando al sodo tutto è ancora da definire, e il tempo stringe
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Martedì prossimo a Bruxelles è in programma uno degli ultimi appuntamenti possibili per raggiungere un accordo. Ad averne maggiormente bisogno è il Regno Unito, che però continua a fare i capricci
Germania, il vento dell’antisemitismo
Germania, il vento dell’antisemitismo
Centinaia di episodi, in un preoccupante crescendo di violenza, elencati in un rapporto dettagliato. La preoccupazione del governo e della comunità ebraica
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
Il muro contro muro con Bruxelles e le provocazioni di Boris Johnson stanno preparando il terreno della Brexit ad un clamoroso finale senza accordo. I rischi sono carenza di cibo, medicinali, recessione e isolamento internazionale
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Un accordo entro il 15 ottobre, o nessun accordo: BoJo alza la posta e detta il calendario, ma secondo molti sta bluffando, per strappare un’intesa dell’ultimo minuto da rivendicare come vittoria politica
Brexit, lo strappo della Germania
Brexit, lo strappo della Germania
Nessun passo avanti nelle trattative e un premier che “non sa cosa siano”, hanno convinto la delegazione tedesca ad abbandonare i tavoli su cui si tenta di arrivare ad un compromesso fra Bruxelles e Londra
Brexit, trattative in stallo
Brexit, trattative in stallo
Durissimo scambio di battute fra Michel Barnier e David Frost, i due capi delegazione della UE e del Regno Unito. Secondo il primo un accordo è improbabile, per il secondo è ancora possibile
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole