BoJo alza i toni con Bruxelles

| Anticipato dai media il contenuto del discorso del premier Johnson previsto per oggi: l’obiettivo è non rispettare gli accordi parziali già presi per minacciare il solito no deal

+ Miei preferiti
Ringalluzzito dai festeggiamenti per la “Brexit”, l’uscita della Gran Bretagna dall’odiata UE che lo consegna alla storia come l’uomo che ci è riuscito, Boris Johnson alza i toni con Bruxelles.

Secondo alcune indiscrezioni diffuse dai media, nel discorso che terrà oggi, BoJo sembra intenzionato ad adottare la linea dura, quella di chi non è disposto a cedere ai diktat degli impettiti burocrati europei. In pratica, la GB non avrebbe intenzione di piegarsi ai “level playing fields”, il programma che in cambio di un accordo di libero scambio, obbliga la Gran Bretagna a restare allineata all’UE in termini di aiuti di Stato, standard sociali, ambientali, sanitari e fiscali, per evitare la concorrenza sleale. Roba che Johnson ha sottoscritto, ma che sembra pronto a rimangiarsi, paventando un “No Deal”, l’uscita senza alcun accordo che fin dall’inizio della Brexit è stato uno visto come lo scenario peggiore e potenzialmente devastante. BoJo punta ad un accordo di libero scambio sul modello di quello canadese.

Opzioni che difficilmente passeranno a Bruxelles, dove l’idea di concessioni è ferma al palo. Due versanti opposti che facilmente si tradurranno in un nuovo calvario lungo 11 mesi, quelli che separano la Gran Bretagna dalla definitiva uscita dall’orbita UE.

Europa
100 giorni di Brexit
100 giorni di Brexit
Sono soprattutto le aziende che prima esportavano con il mercato europeo a pagare le conseguenze più grandi di un accordo che considerano scellerato. E chiedono al Regno Unito e alla UE di tornare intorno ad un tavolo
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
La prima cittadina al centro di una campagna che oltre a ricordarle le promesse elettorali di una Parigi più verde e pulita, mostrano lo stato di abbandono e sporcizia di quelli che tanti ormai chiamano l’ex Ville Lumière
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il ritorno alla normalità inizia il 12 aprile, per proseguire il 17 maggio e il 21 giugno. Ma Downing Street non abbassa la guardia promettendo test antigeni rapidi per tutti 2 volte alla settimana
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Ben 10 Paesi europei hanno annunciato che rifiuteranno di estradare propri cittadini nel Regno Unito in quanto i trattati sono cambiati. È una delle tante conseguenze della Brexit
Boris Johnson propone i pub solo ai vaccinati
Boris Johnson propone i pub solo ai vaccinati
Un’idea durata solo poche ore, tempo di essere tempestato da insulti e proteste da cittadini, gestori, esercenti e associazioni di categoria. Il Regno Unito anche alle prese con un’aspra battaglia per i vaccini con la UE
La crisi della Gran Bretagna, partner inaffidabile
La crisi della Gran Bretagna, partner inaffidabile
La confusa gestione della pandemia, i continui strappi alle regole della Brexit, le accuse dei Sussex e il caso della giovane uccisa da agente di polizia stanno trascinando l’ex “Cool Britannia” verso la scarsa considerazione internazionale
UE, la rivolta dei vaccini
UE, la rivolta dei vaccini
L’Austria annuncia che non farà più affidamento sulla UE, scegliendo di collaborare con Israele per i vaccini di seconda generazione
L’isola di «Mediterraneo» è covid-free
L’isola di «Mediterraneo» è covid-free
I 1500 abitanti di Kastellorizo sono stati vaccinati: è il primo comune europeo e la decisione fa parte di una strategia del governo per rendere sicuri i luoghi turistici
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Agendo in stretta collaborazione, la polizia in Germania e Belgio hanno messo a segno un sequestro record di cocaina arrivata in Europa via nave, nascosta in due container diversi. Il valore sul mercato è pari a diversi milioni di euro
Due mesi di Brexit
Due mesi di Brexit
Il governo di Boris Johnson sembra minimizzare i problemi di intere categorie a rischio, assicurando che fra 10 anni l’economia del Regno Unito sarà florida. Esperti e addetti ai lavori replicano: fra meno di cinque non esisterà più nulla