BoJo alza i toni con Bruxelles

| Anticipato dai media il contenuto del discorso del premier Johnson previsto per oggi: l’obiettivo è non rispettare gli accordi parziali già presi per minacciare il solito no deal

+ Miei preferiti
Ringalluzzito dai festeggiamenti per la “Brexit”, l’uscita della Gran Bretagna dall’odiata UE che lo consegna alla storia come l’uomo che ci è riuscito, Boris Johnson alza i toni con Bruxelles.

Secondo alcune indiscrezioni diffuse dai media, nel discorso che terrà oggi, BoJo sembra intenzionato ad adottare la linea dura, quella di chi non è disposto a cedere ai diktat degli impettiti burocrati europei. In pratica, la GB non avrebbe intenzione di piegarsi ai “level playing fields”, il programma che in cambio di un accordo di libero scambio, obbliga la Gran Bretagna a restare allineata all’UE in termini di aiuti di Stato, standard sociali, ambientali, sanitari e fiscali, per evitare la concorrenza sleale. Roba che Johnson ha sottoscritto, ma che sembra pronto a rimangiarsi, paventando un “No Deal”, l’uscita senza alcun accordo che fin dall’inizio della Brexit è stato uno visto come lo scenario peggiore e potenzialmente devastante. BoJo punta ad un accordo di libero scambio sul modello di quello canadese.

Opzioni che difficilmente passeranno a Bruxelles, dove l’idea di concessioni è ferma al palo. Due versanti opposti che facilmente si tradurranno in un nuovo calvario lungo 11 mesi, quelli che separano la Gran Bretagna dalla definitiva uscita dall’orbita UE.

Europa
Biden avverte Putin: gli dirò quello che voglio tenga a mente
Biden avverte Putin: gli dirò quello che voglio tenga a mente
L’obiettivo della prima trasferta oltreoceano è rinsaldare i legami atlantici con gli alleati europei, e avvisare il capo del Cremlino: vogliamo esservi amici, ma non esagerate o ne ci saranno conseguenze pesanti
La pandemia e il fascino del potere assoluto
La pandemia e il fascino del potere assoluto
I leader europei hanno conquistato una maggiore autorità decisionale durante la lunga emergenza sanitaria. E pochi hanno “piani di uscita” per restituirla
Chernobyl torna a fare paura
Chernobyl torna a fare paura
Secondo alcuni scienziati il reattore numero 4 esploso nel 1986 darebbe segni di risveglio. Si teme un nuovo disastro
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
La decisione sembra presa: in un punto ancora non meglio precisato dalla città olandese nascerà una sorta di parco di divertimenti per adulti
Al via i lavori per il Green Pass europeo
Al via i lavori per il Green Pass europeo
La speranza è che tutto proceda in modo spedito, anche se ogni Paese membro ha diritto di stabilire le proprie regole di ingresso, e la UE non ha alcun potere in materia
A giugno la missione europea di Biden
A giugno la missione europea di Biden
Nel suo primo viaggio estero da presidente, affronterà tre diversi summit: il G7 nel Regno Unito, poi due incontri a Bruxelles, il primo sulla Nato, il secondo per rinsaldare i rapporti fra Stati Uniti ed Europa
100 giorni di Brexit
100 giorni di Brexit
Sono soprattutto le aziende che prima esportavano con il mercato europeo a pagare le conseguenze più grandi di un accordo che considerano scellerato. E chiedono al Regno Unito e alla UE di tornare intorno ad un tavolo
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
La prima cittadina al centro di una campagna che oltre a ricordarle le promesse elettorali di una Parigi più verde e pulita, mostrano lo stato di abbandono e sporcizia di quelli che tanti ormai chiamano l’ex Ville Lumière
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il ritorno alla normalità inizia il 12 aprile, per proseguire il 17 maggio e il 21 giugno. Ma Downing Street non abbassa la guardia promettendo test antigeni rapidi per tutti 2 volte alla settimana
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Ben 10 Paesi europei hanno annunciato che rifiuteranno di estradare propri cittadini nel Regno Unito in quanto i trattati sono cambiati. È una delle tante conseguenze della Brexit