Boris Johnson in tribunale per fake news

| Durante la campagna elettorale del referendum sulla Brexit, ha ripetuto più e più volte che l’UK mandava troppo denaro a Bruxelles. Ora deve risponderne davanti ai giudici

+ Miei preferiti
A Marcus Ball, un uomo d’affari di 29 anni, le sparate antieuropeiste di Boris Johnson non sono andate giù. Il biondo e arruffato ex sindaco di Londra ed ex ministro degli esteri, continuava impunemente a ripetere che il Regno Unito spediva ogni giorno l’equivalente di 350 milioni di sterline a Bruxelles, per ingrassare i burocrati della UE. Una fake news in piena regola che però, a conti fatti, ha dato i suoi frutti, visto com’è finito il referendum che ha sancito il desiderio degli sudditi di sua Maestà di uscire dall’Unione.

Era il 2016, da allora Marcus Ball si è messo d’impegno, ha stretto le fila e varato una campagna crowdfunding per finanziare una crociata legale che inchiodasse Johnson alle supercazzole referendarie. E ora, Boris sarà costretto a risponderne davanti al Westminster Magistrate in un’udienza preliminare che valuterà se ci sono o meno gli estremi per procedere per condotta scorretta sotto incarico pubblico.

“La democrazia esige una leadership responsabile e onesta - ha tuonato fuori dal tribunale l’avvocato Lewis Power – il Regno Unito non ha mai inviato 350 milioni di sterline a settimana, e Boris Johnson lo sapeva perfettamente”. Un pasticcio bello e buono, che potenzialmente potrebbe avere effetti nefasti sulla corsa di Johnson verso la poltrona di Primo Ministro lasciata libera da Theresa May, e per cui sembrava uno dei favoriti.

E lasciano di che pensare i calcoli dei voti che circolano nel Regno Unito dopo la tornata elettorale europea. All’apparenza, il vero trionfatore è il “Brexit Party” di Nigel Farage, ma in realtà gli analisti fanno notare che a fare il pieno di voti sono stati i partiti favorevoli ad un secondo referendum. Messi insieme, Lib Dem, Verdi, Partito Nazionale Scozzese e Change UK, raggiungo il 40% dei voti, contro il 34,9% dei difensori del “Leave”. Purgati in modo pesante i partiti tradizionali, come Laburisti e Conservatori, accusati di una campagna elettorale non chiara e di puro compromesso.

Europa
Biden avverte Putin: gli dirò quello che voglio tenga a mente
Biden avverte Putin: gli dirò quello che voglio tenga a mente
L’obiettivo della prima trasferta oltreoceano è rinsaldare i legami atlantici con gli alleati europei, e avvisare il capo del Cremlino: vogliamo esservi amici, ma non esagerate o ne ci saranno conseguenze pesanti
La pandemia e il fascino del potere assoluto
La pandemia e il fascino del potere assoluto
I leader europei hanno conquistato una maggiore autorità decisionale durante la lunga emergenza sanitaria. E pochi hanno “piani di uscita” per restituirla
Chernobyl torna a fare paura
Chernobyl torna a fare paura
Secondo alcuni scienziati il reattore numero 4 esploso nel 1986 darebbe segni di risveglio. Si teme un nuovo disastro
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
La decisione sembra presa: in un punto ancora non meglio precisato dalla città olandese nascerà una sorta di parco di divertimenti per adulti
Al via i lavori per il Green Pass europeo
Al via i lavori per il Green Pass europeo
La speranza è che tutto proceda in modo spedito, anche se ogni Paese membro ha diritto di stabilire le proprie regole di ingresso, e la UE non ha alcun potere in materia
A giugno la missione europea di Biden
A giugno la missione europea di Biden
Nel suo primo viaggio estero da presidente, affronterà tre diversi summit: il G7 nel Regno Unito, poi due incontri a Bruxelles, il primo sulla Nato, il secondo per rinsaldare i rapporti fra Stati Uniti ed Europa
100 giorni di Brexit
100 giorni di Brexit
Sono soprattutto le aziende che prima esportavano con il mercato europeo a pagare le conseguenze più grandi di un accordo che considerano scellerato. E chiedono al Regno Unito e alla UE di tornare intorno ad un tavolo
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
La prima cittadina al centro di una campagna che oltre a ricordarle le promesse elettorali di una Parigi più verde e pulita, mostrano lo stato di abbandono e sporcizia di quelli che tanti ormai chiamano l’ex Ville Lumière
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il ritorno alla normalità inizia il 12 aprile, per proseguire il 17 maggio e il 21 giugno. Ma Downing Street non abbassa la guardia promettendo test antigeni rapidi per tutti 2 volte alla settimana
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Ben 10 Paesi europei hanno annunciato che rifiuteranno di estradare propri cittadini nel Regno Unito in quanto i trattati sono cambiati. È una delle tante conseguenze della Brexit