Boris Johnson in tribunale per fake news

| Durante la campagna elettorale del referendum sulla Brexit, ha ripetuto più e più volte che l’UK mandava troppo denaro a Bruxelles. Ora deve risponderne davanti ai giudici

+ Miei preferiti
A Marcus Ball, un uomo d’affari di 29 anni, le sparate antieuropeiste di Boris Johnson non sono andate giù. Il biondo e arruffato ex sindaco di Londra ed ex ministro degli esteri, continuava impunemente a ripetere che il Regno Unito spediva ogni giorno l’equivalente di 350 milioni di sterline a Bruxelles, per ingrassare i burocrati della UE. Una fake news in piena regola che però, a conti fatti, ha dato i suoi frutti, visto com’è finito il referendum che ha sancito il desiderio degli sudditi di sua Maestà di uscire dall’Unione.

Era il 2016, da allora Marcus Ball si è messo d’impegno, ha stretto le fila e varato una campagna crowdfunding per finanziare una crociata legale che inchiodasse Johnson alle supercazzole referendarie. E ora, Boris sarà costretto a risponderne davanti al Westminster Magistrate in un’udienza preliminare che valuterà se ci sono o meno gli estremi per procedere per condotta scorretta sotto incarico pubblico.

“La democrazia esige una leadership responsabile e onesta - ha tuonato fuori dal tribunale l’avvocato Lewis Power – il Regno Unito non ha mai inviato 350 milioni di sterline a settimana, e Boris Johnson lo sapeva perfettamente”. Un pasticcio bello e buono, che potenzialmente potrebbe avere effetti nefasti sulla corsa di Johnson verso la poltrona di Primo Ministro lasciata libera da Theresa May, e per cui sembrava uno dei favoriti.

E lasciano di che pensare i calcoli dei voti che circolano nel Regno Unito dopo la tornata elettorale europea. All’apparenza, il vero trionfatore è il “Brexit Party” di Nigel Farage, ma in realtà gli analisti fanno notare che a fare il pieno di voti sono stati i partiti favorevoli ad un secondo referendum. Messi insieme, Lib Dem, Verdi, Partito Nazionale Scozzese e Change UK, raggiungo il 40% dei voti, contro il 34,9% dei difensori del “Leave”. Purgati in modo pesante i partiti tradizionali, come Laburisti e Conservatori, accusati di una campagna elettorale non chiara e di puro compromesso.

Europa
La città divisa in due dal coronavirus
La città divisa in due dal coronavirus
Uno dei più complicati casi europei: una città belga all’interno dei confini olandesi. Ma se prima della pandemia era un’attrazione turistica, ora il lockdown da una parte le riaperture dall’altra creano non pochi fastidi
Riaperture: il fai da te europeo
Riaperture: il fai da te europeo
L’unico dato comune è il desiderio e il bisogno di riaprire: per il resto, ogni Paese europeo ha varato misure, nome e concessioni diverse
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Dai primi di marzo, migliaia di militari americani stanno sbarcando in Europa per una colossale esercitazione Nato. Il nervosismo del Cremlino e l’indifferenza verso il diffondersi del coronavirus
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Boris Johnson affila le armi: pretende libero accesso ai mercati europei ma non vuole rispettare le regole comunitarie. E minaccia l’uscita senza accordo
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
L’ultimo messaggio arriva dal ministro degli esteri francese, che si aspetta una “battaglia durissima” nelle trattative per stabilire gli accordi. Forti dubbi che tutto sia pronto entro la fine dell’anno
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Aziende e mercati inglesi temono che il Regno Unito arrivi al 31 dicembre prossimo senza un accordo commerciale con l’UE. Le conseguenze economiche sarebbero pesantissime
BoJo alza i toni con Bruxelles
BoJo alza i toni con Bruxelles
Anticipato dai media il contenuto del discorso del premier Johnson previsto per oggi: l’obiettivo è non rispettare gli accordi parziali già presi per minacciare il solito no deal
Brexit ultimo atto
Brexit ultimo atto
A mezzanotte scatta ufficialmente l’uscita del regno Unito dalla UE, sancendo la fine di un rapporto lungo 47 anni. Ma la parte peggiore arriva adesso
Effetto Brexit: impossibile conoscere il prezzo di un’auto
Effetto Brexit: impossibile conoscere il prezzo di un’auto
Un automobilista scozzese ha acquistato una Mercedes-Benz scoprendo che il costo finale cambierà in base alle nuove tariffe doganali, che al momento non ci sono
Effetto Brexit, la Gran Bretagna dice addio all’Erasmus
Effetto Brexit, la Gran Bretagna dice addio all’Erasmus
La decisione di Westminster ha suscitato proteste ovunque, a cominciare da quelle degli intellettuali inglesi: una cattiveria nei confronti delle giovani generazioni