Boris Johnson in tribunale per fake news

| Durante la campagna elettorale del referendum sulla Brexit, ha ripetuto più e più volte che l’UK mandava troppo denaro a Bruxelles. Ora deve risponderne davanti ai giudici

+ Miei preferiti
A Marcus Ball, un uomo d’affari di 29 anni, le sparate antieuropeiste di Boris Johnson non sono andate giù. Il biondo e arruffato ex sindaco di Londra ed ex ministro degli esteri, continuava impunemente a ripetere che il Regno Unito spediva ogni giorno l’equivalente di 350 milioni di sterline a Bruxelles, per ingrassare i burocrati della UE. Una fake news in piena regola che però, a conti fatti, ha dato i suoi frutti, visto com’è finito il referendum che ha sancito il desiderio degli sudditi di sua Maestà di uscire dall’Unione.

Era il 2016, da allora Marcus Ball si è messo d’impegno, ha stretto le fila e varato una campagna crowdfunding per finanziare una crociata legale che inchiodasse Johnson alle supercazzole referendarie. E ora, Boris sarà costretto a risponderne davanti al Westminster Magistrate in un’udienza preliminare che valuterà se ci sono o meno gli estremi per procedere per condotta scorretta sotto incarico pubblico.

“La democrazia esige una leadership responsabile e onesta - ha tuonato fuori dal tribunale l’avvocato Lewis Power – il Regno Unito non ha mai inviato 350 milioni di sterline a settimana, e Boris Johnson lo sapeva perfettamente”. Un pasticcio bello e buono, che potenzialmente potrebbe avere effetti nefasti sulla corsa di Johnson verso la poltrona di Primo Ministro lasciata libera da Theresa May, e per cui sembrava uno dei favoriti.

E lasciano di che pensare i calcoli dei voti che circolano nel Regno Unito dopo la tornata elettorale europea. All’apparenza, il vero trionfatore è il “Brexit Party” di Nigel Farage, ma in realtà gli analisti fanno notare che a fare il pieno di voti sono stati i partiti favorevoli ad un secondo referendum. Messi insieme, Lib Dem, Verdi, Partito Nazionale Scozzese e Change UK, raggiungo il 40% dei voti, contro il 34,9% dei difensori del “Leave”. Purgati in modo pesante i partiti tradizionali, come Laburisti e Conservatori, accusati di una campagna elettorale non chiara e di puro compromesso.

Europa
La gioia effimera di BoJo
La gioia effimera di BoJo
Boris Johnson non avrà modo di festeggiare a lungo l’accordo raggiunto per la Brexit. Le opposizioni lo aspettano al varco, e il futuro è ancora una volta quanto mai incerto
Brexit, la Scozia non ci sta
Brexit, la Scozia non ci sta
Si riapre con forza il fronte secessionista di chi vuole abbandonare il Regno Unito al proprio destino e camminare con le proprie gambe. L’iter per un secondo referendum è pronto, ma manca l’ok di Londra
Dunkerque, il terminale dei disperati di tutto il mondo
Dunkerque, il terminale dei disperati di tutto il mondo
La polizia francese sgombera i campi dei rifugiati medio-orientali che cercano di raggiungere con ogni mezzo l'Inghilterra. In aumento gli attraversamenti illegali del Canale. Donne e bambini i più esposti ai pericoli
Caccia alla spia venuta dal freddo
Caccia alla spia venuta dal freddo
Il più importante agente della Cia a Mosca, fondamentale per ricostruire le presidenziali del 2016, sarebbe stato "bruciato" dai Trump. Lui è ora negli USA, in "pericolo di vita"
Un disastro chiamato Brexit
Un disastro chiamato Brexit
Tutto è ancora possibile, ripetono gli analisti politici: a quasi quattro anni dal referendum sull’uscita dalla UE, la Gran Bretagna è sempre più nel caos
Brexit, operazione martello giallo
Brexit, operazione martello giallo
Un rapporto confidenziale governativo svelato da un quotidiano inglese svela lo scenario apocalittico a cui va incontro la Gran Bretagna in caso di “No deal”
Esplode Skyfall, l'Armageddon di Putin
Esplode Skyfall, l
Durante un test il missile nucleare con autonomia illimitata è esploso. Le radiazioni avvertite sino in Norvegia: 40 morti nell'incendio del sottomarino nucleare più letale del mondo
Trump: mi compro la Groenlandia
Trump: mi compro la Groenlandia
Secca replica dei danesi: "Non siamo in un film comico". Ma il governo apre a investimenti USA
L'arcivescovo di Cracovia contro i gay
L
Parole pensatissime, che paragonano la comunità LGBT ad un’epidemia di peste peggiore di comunismo e nazismo messi insieme
Svezia, troppo sexy per salire sul bus
Svezia, troppo sexy per salire sul bus
Ha tentato di salire su un autobus vestita con pantaloncini e top, ma l’autista gliel’ha impedito. L’episodio è diventato un caso politico che da giorni occupa i giornali