Boris Johnson in tribunale per fake news

| Durante la campagna elettorale del referendum sulla Brexit, ha ripetuto più e più volte che l’UK mandava troppo denaro a Bruxelles. Ora deve risponderne davanti ai giudici

+ Miei preferiti
A Marcus Ball, un uomo d’affari di 29 anni, le sparate antieuropeiste di Boris Johnson non sono andate giù. Il biondo e arruffato ex sindaco di Londra ed ex ministro degli esteri, continuava impunemente a ripetere che il Regno Unito spediva ogni giorno l’equivalente di 350 milioni di sterline a Bruxelles, per ingrassare i burocrati della UE. Una fake news in piena regola che però, a conti fatti, ha dato i suoi frutti, visto com’è finito il referendum che ha sancito il desiderio degli sudditi di sua Maestà di uscire dall’Unione.

Era il 2016, da allora Marcus Ball si è messo d’impegno, ha stretto le fila e varato una campagna crowdfunding per finanziare una crociata legale che inchiodasse Johnson alle supercazzole referendarie. E ora, Boris sarà costretto a risponderne davanti al Westminster Magistrate in un’udienza preliminare che valuterà se ci sono o meno gli estremi per procedere per condotta scorretta sotto incarico pubblico.

“La democrazia esige una leadership responsabile e onesta - ha tuonato fuori dal tribunale l’avvocato Lewis Power – il Regno Unito non ha mai inviato 350 milioni di sterline a settimana, e Boris Johnson lo sapeva perfettamente”. Un pasticcio bello e buono, che potenzialmente potrebbe avere effetti nefasti sulla corsa di Johnson verso la poltrona di Primo Ministro lasciata libera da Theresa May, e per cui sembrava uno dei favoriti.

E lasciano di che pensare i calcoli dei voti che circolano nel Regno Unito dopo la tornata elettorale europea. All’apparenza, il vero trionfatore è il “Brexit Party” di Nigel Farage, ma in realtà gli analisti fanno notare che a fare il pieno di voti sono stati i partiti favorevoli ad un secondo referendum. Messi insieme, Lib Dem, Verdi, Partito Nazionale Scozzese e Change UK, raggiungo il 40% dei voti, contro il 34,9% dei difensori del “Leave”. Purgati in modo pesante i partiti tradizionali, come Laburisti e Conservatori, accusati di una campagna elettorale non chiara e di puro compromesso.

Europa
Il declino di Tsipras
Il declino di Tsipras
L’uomo che ha guidato la Grecia attraverso la peggiore crisi della propria storia sconfitto alle elezioni: al suo posto Kyriakos Mitsotakis, che promette un rilancio del paese
Deutsche Bank, tagli per 18mila dipendenti
Deutsche Bank, tagli per 18mila dipendenti
Il colosso bancario tedesco ha annunciato un imponente e drastico piano di ristrutturazione. Dismessi investimenti a rischio
Ex ministro norvegese condannato per abusi
Ex ministro norvegese condannato per abusi
Avrebbe approfittato della sua carica politica per pretendere prestazioni sessuali da tre richiedenti asilo
Angela trema
Angela trema
Al secondo episodio nel giro di pochi giorni, una misteriosa “grande potenza europea” avrebbe fatto scattare i servizi segreti per scoprire di cosa soffre la Merkel
TAV: il CDA di Telt autorizza i bandi di gara
TAV: il CDA di Telt autorizza i bandi di gara
Riunito a Parigi, il consiglio di amministrazione del Tunnel Lyon-Turin ha dato il via alle procedure di gara per gli appalti. Confermata dalla coordinatrice UE il corposo finanziamento
Lancio di piatti e urla, polizia in casa di Boris Johnson
Lancio di piatti e urla, polizia in casa di Boris Johnson
Furibonda lite tra il leader dei Tory, aspirante premier, e la compagna Carrie. La vicina registra tutto. Lei urla: "Fuori dalla mia casa", tuona lei. "Non me ne vado e stai lontana dal mio pc". La polizia: "Si sono sono calmati, tutto ok"
Vuoi il visto? Paga 200 sterline
Vuoi il visto? Paga 200 sterline
L'Indipendent rivela lo scandalo per i visti, la cui gestesione è stata affidata dal governo a società private come la Steria francese. Aspiranti costretti a lunghi trasferimenti e a pagare "per evitare code e burocrazia"
Kate contro Rose, ormai è una telenovela
Kate contro Rose, ormai è una telenovela
I tabloid inglesi non mollano la presa: la coppia più amata è in crisi a causa di Rose Hanbury, ex modella ed ex amica di Kate. I consiglieri reali avrebbe consigliato alla presunta rivale di "non dire nulla ai media"
tremano i Windsor'>E' crisi tra Kate e William
tremano i Windsor
Etremano i Windsor' class='article_img2'>
L'ex modella ed ex amica della duchessa di Cambridge, Rose Hanbury, 35 anni, avrebbe stregato il cuore di William. Tabloid scatenati ma Buckingham Palace per ora tace. Lei s'è tolta la fede nuziale. E Kate la caccia
Il leader Tory 'pippava' cocaina
Il leader Tory
La strampalata confessione di Michael Gove, aspirante erede della May alla guida dei conservatori inglesi. Un libro rivela che ne faceva usa ancora nel 2016 ma lui ammette solo episodi del passato. Le reazioni: "Danneggia il partito"