Boris Johnson propone i pub solo ai vaccinati

| Un’idea durata solo poche ore, tempo di essere tempestato da insulti e proteste da cittadini, gestori, esercenti e associazioni di categoria. Il Regno Unito anche alle prese con un’aspra battaglia per i vaccini con la UE

+ Miei preferiti
Boris ci ha provato: “Stiamo pianificando le riaperture da metà aprile, credo possa essere pieno diritto l’accesso nei locali e nei pub solo a chi è in possesso di un certificato vaccinale”. Ma sono bastate poche ore, letteralmente travolto da insulti e minacce da semplici cittadini e associazioni di categoria, perché BoJo facesse una sonora e vistosa retromarcia: “Non abbiamo ancora preso nessuna decisione sui passaporti vaccinali – ha aggiunto raddrizzando la mira – la questione forse è un po’ prematura. Il comitato ministeriale deciderà nei prossimi giorni”.

Un mezzo passo falso in un paese alle prese con una sorta di euforia per la massiccia campagna vaccinale, che già sogna un ritorno alla normalità in tempi brevi. Lo stesso governo sta studiando le fasi graduali delle riaperture, a partire dal prossimo 12 aprile, spingendo BoJo a farla fuori dal vaso appena sfiorato l’argomento pub, una delle voci che stanno più a cuore degli inglesi. Immediata la levata di scudi dei gestori, che ricordano al governo di non poter scaricare su di loro la responsabilità, seguita da diversi esponenti degli stessi Tory.

Tutto questo mentre infuria la polemica sui vaccini con Bruxelles, fomentata da una frase del ministro della salute britannico Matt Hancock che ha irritato Bruxelles: “La UE ha in mano un contratto che si basa sulla garanzia di ‘massimo sforzo’ produttivo di AstraZeneca, mentre il nostro è un accordo in esclusiva. Il nostro ha maggior valore del loro, si chiama diritto dei contratti, ed è assai semplice”. Secondo Sébastien De Rey, esperto in contratti internazionali presso l’università di Lovanio, in Belgio, il contratto europeo è stato stilato in base alle leggi belga e prevede per entrambe le parti di fare del loro meglio, agendo in piena buona fede. Una clausola a tutto favore di AstraZeneca, che per mettersi al sicuro da ricorsi e proteste può semplicemente dichiarare di aver fatto tutti gli sforzi possibili senza riuscire ad onorarlo.

L’irritazione europea ha spinto Bruxelles a rimettere mano alle regole sull’export dei vaccini, introducendo i principi di reciprocità e proporzionalità fra gli elementi di cui tener conto. È stato sempre Boris Johnson a tentare di spegnere le polemiche affermando: “Stiamo combattendo la stessa battaglia, ed è necessaria la collaborazione internazionale. Continueremo a collaborare con i nostri partner europei per garantire la distribuzione dei vaccini, ma nessuno crede nel blocco delle esportazioni, non è questa la politica del nostro Paese. Del resto non ha alcun senso essere immunizzati s tutti gli altri non lo sono”.

Galleria fotografica
Boris Johnson propone i pub solo ai vaccinati - immagine 1
Europa
Chernobyl torna a fare paura
Chernobyl torna a fare paura
Secondo alcuni scienziati il reattore numero 4 esploso nel 1986 darebbe segni di risveglio. Si teme un nuovo disastro
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
La decisione sembra presa: in un punto ancora non meglio precisato dalla città olandese nascerà una sorta di parco di divertimenti per adulti
Al via i lavori per il Green Pass europeo
Al via i lavori per il Green Pass europeo
La speranza è che tutto proceda in modo spedito, anche se ogni Paese membro ha diritto di stabilire le proprie regole di ingresso, e la UE non ha alcun potere in materia
A giugno la missione europea di Biden
A giugno la missione europea di Biden
Nel suo primo viaggio estero da presidente, affronterà tre diversi summit: il G7 nel Regno Unito, poi due incontri a Bruxelles, il primo sulla Nato, il secondo per rinsaldare i rapporti fra Stati Uniti ed Europa
100 giorni di Brexit
100 giorni di Brexit
Sono soprattutto le aziende che prima esportavano con il mercato europeo a pagare le conseguenze più grandi di un accordo che considerano scellerato. E chiedono al Regno Unito e alla UE di tornare intorno ad un tavolo
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
La prima cittadina al centro di una campagna che oltre a ricordarle le promesse elettorali di una Parigi più verde e pulita, mostrano lo stato di abbandono e sporcizia di quelli che tanti ormai chiamano l’ex Ville Lumière
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il ritorno alla normalità inizia il 12 aprile, per proseguire il 17 maggio e il 21 giugno. Ma Downing Street non abbassa la guardia promettendo test antigeni rapidi per tutti 2 volte alla settimana
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Ben 10 Paesi europei hanno annunciato che rifiuteranno di estradare propri cittadini nel Regno Unito in quanto i trattati sono cambiati. È una delle tante conseguenze della Brexit
La crisi della Gran Bretagna, partner inaffidabile
La crisi della Gran Bretagna, partner inaffidabile
La confusa gestione della pandemia, i continui strappi alle regole della Brexit, le accuse dei Sussex e il caso della giovane uccisa da agente di polizia stanno trascinando l’ex “Cool Britannia” verso la scarsa considerazione internazionale
UE, la rivolta dei vaccini
UE, la rivolta dei vaccini
L’Austria annuncia che non farà più affidamento sulla UE, scegliendo di collaborare con Israele per i vaccini di seconda generazione