Brexit, boom di firme per restare in UE

| Il sito del Parlamento in tilt: nel giro di poche ore raccolte quasi un milione e mezzo di firme per chiedere la revoca dell’articolo 50

+ Miei preferiti
Theresa May ha l’aria sfinita: se non riuscirà a passare alla storia come la donna che fece la “Brexit”, riuscirà per l’intensità dei voli fra Londra e Bruxelles. Ogni volta a chiedere agli impettiti burocrati europei un ritardo, uno spostamento, una revisione, una mezza frase a cui aggrapparsi per tornare a Westminster con qualcosa in mano. Che regolarmente viene respinto.

La data del 29 marzo è tropo vicina, lo spettro del “no-deal” un incubo che toglie il sonno. Da Breuxelles, dove sono altrettanto esasperati, hanno accettato di spostare la data in avanti: 22 maggio. Non un giorno di più, perché significherebbe finire dentro alle europee, con il dubbio atroce di far votare il Regno Unito o lasciarlo fuori, anche se tecnicamente è ancora dentro all’UE. Insomma, un delirio.

Una concessione che però ha un diktat ben preciso: spostiamo la data a patto che entro il 12 aprile si arrivi a qualcosa di concreto. 

Ma in queste ore, una petizione online per chiedere la revoca della Brexit ha mandato letteralmente in tilt il sito del Parlamento: nel giro di poche ore le firme raccolte sono arrivate al milione e mezzo, e continuano a crescere ad un ritmo forsennato. “Il governo sostiene ripetutamente che uscire dall’UE sia ‘la volontà del popolo’. Vogliamo porre fine a queste dichiarazioni provando la forza del sostegno pubblico, adesso, per la permanenzanell’UE. Un voto del popolo potrebbe non avere luogo quindi votate ora”.

Dal punto di vista legale, commentano gli esperti, la petizione potrebbe avere effetto: l’articolo 50 legalmente può essere revocato unilateralmente in ogni momento prima del ritiro. Secondo le leggi anglosassoni, se almeno 100mila cittadini firmano, il Parlamento è obbligato a considerare la questione fissando entro un giorno il dibattito. Tre giorni per rispondere se le firme superano quota 10mila.

Europa
Jonhson: prepariamoci al No Deal
Jonhson: prepariamoci al No Deal
L’annuncio del premier britannico sembra voler mettere la parola fine alle estenuanti trattative sul dopo Brexit. Ma da Londra e Bruxelles filtra comunque l’idea di poter arrivare ad un compromesso
Brexit, nervi sempre più tesi
Brexit, nervi sempre più tesi
Le posizione di Londra e Bruxelles non segnano passi in avanti, e dalle due sponde partono accuse reciproche. A rimetterci di più, conti alla mano, sarebbe il Regno Unito
Brexit, segnali di distensione
Brexit, segnali di distensione
Una videochiamata fra Boris Johnson e Ursula von der Layen riaccende le speranze di un divorzio non traumatico. Ma andando al sodo tutto è ancora da definire, e il tempo stringe
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Martedì prossimo a Bruxelles è in programma uno degli ultimi appuntamenti possibili per raggiungere un accordo. Ad averne maggiormente bisogno è il Regno Unito, che però continua a fare i capricci
Germania, il vento dell’antisemitismo
Germania, il vento dell’antisemitismo
Centinaia di episodi, in un preoccupante crescendo di violenza, elencati in un rapporto dettagliato. La preoccupazione del governo e della comunità ebraica
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
Il muro contro muro con Bruxelles e le provocazioni di Boris Johnson stanno preparando il terreno della Brexit ad un clamoroso finale senza accordo. I rischi sono carenza di cibo, medicinali, recessione e isolamento internazionale
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Un accordo entro il 15 ottobre, o nessun accordo: BoJo alza la posta e detta il calendario, ma secondo molti sta bluffando, per strappare un’intesa dell’ultimo minuto da rivendicare come vittoria politica
Brexit, lo strappo della Germania
Brexit, lo strappo della Germania
Nessun passo avanti nelle trattative e un premier che “non sa cosa siano”, hanno convinto la delegazione tedesca ad abbandonare i tavoli su cui si tenta di arrivare ad un compromesso fra Bruxelles e Londra
Brexit, trattative in stallo
Brexit, trattative in stallo
Durissimo scambio di battute fra Michel Barnier e David Frost, i due capi delegazione della UE e del Regno Unito. Secondo il primo un accordo è improbabile, per il secondo è ancora possibile
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole