Brexit, boom di firme per restare in UE

| Il sito del Parlamento in tilt: nel giro di poche ore raccolte quasi un milione e mezzo di firme per chiedere la revoca dell’articolo 50

+ Miei preferiti
Theresa May ha l’aria sfinita: se non riuscirà a passare alla storia come la donna che fece la “Brexit”, riuscirà per l’intensità dei voli fra Londra e Bruxelles. Ogni volta a chiedere agli impettiti burocrati europei un ritardo, uno spostamento, una revisione, una mezza frase a cui aggrapparsi per tornare a Westminster con qualcosa in mano. Che regolarmente viene respinto.

La data del 29 marzo è tropo vicina, lo spettro del “no-deal” un incubo che toglie il sonno. Da Breuxelles, dove sono altrettanto esasperati, hanno accettato di spostare la data in avanti: 22 maggio. Non un giorno di più, perché significherebbe finire dentro alle europee, con il dubbio atroce di far votare il Regno Unito o lasciarlo fuori, anche se tecnicamente è ancora dentro all’UE. Insomma, un delirio.

Una concessione che però ha un diktat ben preciso: spostiamo la data a patto che entro il 12 aprile si arrivi a qualcosa di concreto. 

Ma in queste ore, una petizione online per chiedere la revoca della Brexit ha mandato letteralmente in tilt il sito del Parlamento: nel giro di poche ore le firme raccolte sono arrivate al milione e mezzo, e continuano a crescere ad un ritmo forsennato. “Il governo sostiene ripetutamente che uscire dall’UE sia ‘la volontà del popolo’. Vogliamo porre fine a queste dichiarazioni provando la forza del sostegno pubblico, adesso, per la permanenzanell’UE. Un voto del popolo potrebbe non avere luogo quindi votate ora”.

Dal punto di vista legale, commentano gli esperti, la petizione potrebbe avere effetto: l’articolo 50 legalmente può essere revocato unilateralmente in ogni momento prima del ritiro. Secondo le leggi anglosassoni, se almeno 100mila cittadini firmano, il Parlamento è obbligato a considerare la questione fissando entro un giorno il dibattito. Tre giorni per rispondere se le firme superano quota 10mila.

Europa
GB: la dura realtà della Brexit
GB: la dura realtà della Brexit
Crollo di importazioni ed esportazioni, livelli di burocrazia spaventosa e previsioni nefaste per il futuro. Le conseguenze della tanto agognata uscita dalla UE iniziano a farsi sentire, e non sono affatto piacevoli
Addio al Regno Unito
Addio al Regno Unito
La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante
La magia del Natale si posa sulla Brexit
La magia del Natale si posa sulla Brexit
Fonti inglesi ed europee danno per imminente un accordo che sarebbe poi ratificato a gennaio da Strasburgo
Brexit, prove tecniche di confusione
Brexit, prove tecniche di confusione
Lunghe code ai porti di Dover e l’ammonimento di una commissione: il Regno Unito non è pronto, rischiamo il collasso
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il timore di carenza di farmaci e cibo sta scatenando la corsa all’accaparramento: mentre Londra e Bruxelles trattano a oltranza, Downing Street annuncia l’operazione “Capstone”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Malgrado gli sforzi diplomatici, non si sblocca la situazione fra Regno Unito e UE: trattative ad oltranza per tutto il weekend, poi sarà l’inevitabile
Brexit, il costo del fallimento
Brexit, il costo del fallimento
Cosa c’è in gioco se le trattative fra Regno Unito e UE finiranno come ormai sembra assai probabile: con un “no deal” che contenterebbe tutti, gettando nella confusione la vita di milioni di persone