Brexit, boom di firme per restare in UE

| Il sito del Parlamento in tilt: nel giro di poche ore raccolte quasi un milione e mezzo di firme per chiedere la revoca dell’articolo 50

+ Miei preferiti
Theresa May ha l’aria sfinita: se non riuscirà a passare alla storia come la donna che fece la “Brexit”, riuscirà per l’intensità dei voli fra Londra e Bruxelles. Ogni volta a chiedere agli impettiti burocrati europei un ritardo, uno spostamento, una revisione, una mezza frase a cui aggrapparsi per tornare a Westminster con qualcosa in mano. Che regolarmente viene respinto.

La data del 29 marzo è tropo vicina, lo spettro del “no-deal” un incubo che toglie il sonno. Da Breuxelles, dove sono altrettanto esasperati, hanno accettato di spostare la data in avanti: 22 maggio. Non un giorno di più, perché significherebbe finire dentro alle europee, con il dubbio atroce di far votare il Regno Unito o lasciarlo fuori, anche se tecnicamente è ancora dentro all’UE. Insomma, un delirio.

Una concessione che però ha un diktat ben preciso: spostiamo la data a patto che entro il 12 aprile si arrivi a qualcosa di concreto. 

Ma in queste ore, una petizione online per chiedere la revoca della Brexit ha mandato letteralmente in tilt il sito del Parlamento: nel giro di poche ore le firme raccolte sono arrivate al milione e mezzo, e continuano a crescere ad un ritmo forsennato. “Il governo sostiene ripetutamente che uscire dall’UE sia ‘la volontà del popolo’. Vogliamo porre fine a queste dichiarazioni provando la forza del sostegno pubblico, adesso, per la permanenzanell’UE. Un voto del popolo potrebbe non avere luogo quindi votate ora”.

Dal punto di vista legale, commentano gli esperti, la petizione potrebbe avere effetto: l’articolo 50 legalmente può essere revocato unilateralmente in ogni momento prima del ritiro. Secondo le leggi anglosassoni, se almeno 100mila cittadini firmano, il Parlamento è obbligato a considerare la questione fissando entro un giorno il dibattito. Tre giorni per rispondere se le firme superano quota 10mila.

Europa
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Gli equilibri mondiali dopo Covid-19 sono cambiati, e si teme possano mutare nei prossimi mesi. Johnson di fronte ad un bivio: tenere la mano ferma con l’UE, ma rischiare di trascinare il Paese in un'altra crisi dopo la pandemia
La città divisa in due dal coronavirus
La città divisa in due dal coronavirus
Uno dei più complicati casi europei: una città belga all’interno dei confini olandesi. Ma se prima della pandemia era un’attrazione turistica, ora il lockdown da una parte le riaperture dall’altra creano non pochi fastidi
Riaperture: il fai da te europeo
Riaperture: il fai da te europeo
L’unico dato comune è il desiderio e il bisogno di riaprire: per il resto, ogni Paese europeo ha varato misure, nome e concessioni diverse
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Dai primi di marzo, migliaia di militari americani stanno sbarcando in Europa per una colossale esercitazione Nato. Il nervosismo del Cremlino e l’indifferenza verso il diffondersi del coronavirus
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Boris Johnson affila le armi: pretende libero accesso ai mercati europei ma non vuole rispettare le regole comunitarie. E minaccia l’uscita senza accordo
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
L’ultimo messaggio arriva dal ministro degli esteri francese, che si aspetta una “battaglia durissima” nelle trattative per stabilire gli accordi. Forti dubbi che tutto sia pronto entro la fine dell’anno
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Aziende e mercati inglesi temono che il Regno Unito arrivi al 31 dicembre prossimo senza un accordo commerciale con l’UE. Le conseguenze economiche sarebbero pesantissime
BoJo alza i toni con Bruxelles
BoJo alza i toni con Bruxelles
Anticipato dai media il contenuto del discorso del premier Johnson previsto per oggi: l’obiettivo è non rispettare gli accordi parziali già presi per minacciare il solito no deal
Brexit ultimo atto
Brexit ultimo atto
A mezzanotte scatta ufficialmente l’uscita del regno Unito dalla UE, sancendo la fine di un rapporto lungo 47 anni. Ma la parte peggiore arriva adesso