Brexit, boom di firme per restare in UE

| Il sito del Parlamento in tilt: nel giro di poche ore raccolte quasi un milione e mezzo di firme per chiedere la revoca dell’articolo 50

+ Miei preferiti
Theresa May ha l’aria sfinita: se non riuscirà a passare alla storia come la donna che fece la “Brexit”, riuscirà per l’intensità dei voli fra Londra e Bruxelles. Ogni volta a chiedere agli impettiti burocrati europei un ritardo, uno spostamento, una revisione, una mezza frase a cui aggrapparsi per tornare a Westminster con qualcosa in mano. Che regolarmente viene respinto.

La data del 29 marzo è tropo vicina, lo spettro del “no-deal” un incubo che toglie il sonno. Da Breuxelles, dove sono altrettanto esasperati, hanno accettato di spostare la data in avanti: 22 maggio. Non un giorno di più, perché significherebbe finire dentro alle europee, con il dubbio atroce di far votare il Regno Unito o lasciarlo fuori, anche se tecnicamente è ancora dentro all’UE. Insomma, un delirio.

Una concessione che però ha un diktat ben preciso: spostiamo la data a patto che entro il 12 aprile si arrivi a qualcosa di concreto. 

Ma in queste ore, una petizione online per chiedere la revoca della Brexit ha mandato letteralmente in tilt il sito del Parlamento: nel giro di poche ore le firme raccolte sono arrivate al milione e mezzo, e continuano a crescere ad un ritmo forsennato. “Il governo sostiene ripetutamente che uscire dall’UE sia ‘la volontà del popolo’. Vogliamo porre fine a queste dichiarazioni provando la forza del sostegno pubblico, adesso, per la permanenzanell’UE. Un voto del popolo potrebbe non avere luogo quindi votate ora”.

Dal punto di vista legale, commentano gli esperti, la petizione potrebbe avere effetto: l’articolo 50 legalmente può essere revocato unilateralmente in ogni momento prima del ritiro. Secondo le leggi anglosassoni, se almeno 100mila cittadini firmano, il Parlamento è obbligato a considerare la questione fissando entro un giorno il dibattito. Tre giorni per rispondere se le firme superano quota 10mila.

Europa
Biden avverte Putin: gli dirò quello che voglio tenga a mente
Biden avverte Putin: gli dirò quello che voglio tenga a mente
L’obiettivo della prima trasferta oltreoceano è rinsaldare i legami atlantici con gli alleati europei, e avvisare il capo del Cremlino: vogliamo esservi amici, ma non esagerate o ne ci saranno conseguenze pesanti
La pandemia e il fascino del potere assoluto
La pandemia e il fascino del potere assoluto
I leader europei hanno conquistato una maggiore autorità decisionale durante la lunga emergenza sanitaria. E pochi hanno “piani di uscita” per restituirla
Chernobyl torna a fare paura
Chernobyl torna a fare paura
Secondo alcuni scienziati il reattore numero 4 esploso nel 1986 darebbe segni di risveglio. Si teme un nuovo disastro
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
La decisione sembra presa: in un punto ancora non meglio precisato dalla città olandese nascerà una sorta di parco di divertimenti per adulti
Al via i lavori per il Green Pass europeo
Al via i lavori per il Green Pass europeo
La speranza è che tutto proceda in modo spedito, anche se ogni Paese membro ha diritto di stabilire le proprie regole di ingresso, e la UE non ha alcun potere in materia
A giugno la missione europea di Biden
A giugno la missione europea di Biden
Nel suo primo viaggio estero da presidente, affronterà tre diversi summit: il G7 nel Regno Unito, poi due incontri a Bruxelles, il primo sulla Nato, il secondo per rinsaldare i rapporti fra Stati Uniti ed Europa
100 giorni di Brexit
100 giorni di Brexit
Sono soprattutto le aziende che prima esportavano con il mercato europeo a pagare le conseguenze più grandi di un accordo che considerano scellerato. E chiedono al Regno Unito e alla UE di tornare intorno ad un tavolo
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
La prima cittadina al centro di una campagna che oltre a ricordarle le promesse elettorali di una Parigi più verde e pulita, mostrano lo stato di abbandono e sporcizia di quelli che tanti ormai chiamano l’ex Ville Lumière
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il ritorno alla normalità inizia il 12 aprile, per proseguire il 17 maggio e il 21 giugno. Ma Downing Street non abbassa la guardia promettendo test antigeni rapidi per tutti 2 volte alla settimana
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Ben 10 Paesi europei hanno annunciato che rifiuteranno di estradare propri cittadini nel Regno Unito in quanto i trattati sono cambiati. È una delle tante conseguenze della Brexit