Brexit, Cambogia ed esportazioni

| A pagare le conseguenze peggiori per l’uscita del Regno Unito dall’UE non saranno i sudditi di Elisabetta né i cittadini europei. Secondo un’indagine, sarà la Cambogia a patire la Brexit più di ogni altra nazione

+ Miei preferiti
di Marco Belletti

Il 23 giugno 2016 è stato il giorno in cui, al referendum sulla permanenza del Regno Unito nell’Unione Europea, il 51,89 per cento dei cittadini britannici ha votato a favore dell’uscita. E il 29 marzo 2019 è invece la data in cui è fissata l’effettiva entrata in vigore della Brexit.

In questi giorni (davvero convulsi), i pochi che mancano alla fatidica data, si continuano a sentire voci dai toni molto differenti: per alcuni è giusto e fondamentale per i cittadini britannici uscire dall’Europa, per altri invece è lo sbaglio più grande che i sudditi della regina Elisabetta possano fare. In pratica - un po’ come capita da noi in Italia con la TAV - c’è chi dice che la Brexit sia un vantaggio per gli inglesi, chi invece che sia la loro morte commerciale, altri ancora predicano come una novella Cassandra declamando i nomi delle nazioni, al di qua e al di là della Manica, che pagheranno le conseguenze peggiori.

Secondo le stime dell’Istituto della Germania per lo sviluppo (DIE), il Paese che pagherà le conseguenze più gravi per la Brexit non è in Europa: secondo gli esperti tedeschi sarà la Cambogia.

Al giorno d’oggi lo stato asiatico invia nel Regno Unito il 7,7 per cento delle sue esportazioni: questo elevato valore lo rende particolarmente vulnerabile nel caso il Regno Unito dovesse tornare alle regole dell’Organizzazione mondiale del commercio, quindi con una hard Brexit.

In qualità di componente dell’Unione Europea il Regno Unito è soggetto al trattato “Everything but Arms” (EBA) e al sistema di preferenze generalizzate (SPG) del nostro continente, che abrogano o riducono i dazi sulle esportazioni verso l’UE per i Paesi in via di sviluppo. Le 49 nazioni meno sviluppate del mondo usufruiscono dell’EBA, con una rinuncia ai dazi di ingresso da parte dell’UE per il 99 per cento dei prodotti in arrivo. Per la Cambogia l’aumento delle tariffe, dei dazi e altri ostacoli economico-finanziari potrebbero far calare il PIL reale dello stato di oltre l’1 per cento con una conseguente diminuzione dei consumi delle famiglie pari a quasi l’1,5 per cento. Come dire, in uno stato già povero la situazione peggiorerebbe ulteriormente.

I ricercatori della DIE concludono la loro indagine affermando che, qualunque sia l’esito finale dei negoziati e quale che sia la modalità con cui verrà attivata la Brexit, il Regno Unito dovrebbe trovare un sistema per ridurre gli effetti negativi nei confronti degli stati più vulnerabili dal punto di vista economico.

Europa
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Gli equilibri mondiali dopo Covid-19 sono cambiati, e si teme possano mutare nei prossimi mesi. Johnson di fronte ad un bivio: tenere la mano ferma con l’UE, ma rischiare di trascinare il Paese in un'altra crisi dopo la pandemia
La città divisa in due dal coronavirus
La città divisa in due dal coronavirus
Uno dei più complicati casi europei: una città belga all’interno dei confini olandesi. Ma se prima della pandemia era un’attrazione turistica, ora il lockdown da una parte le riaperture dall’altra creano non pochi fastidi
Riaperture: il fai da te europeo
Riaperture: il fai da te europeo
L’unico dato comune è il desiderio e il bisogno di riaprire: per il resto, ogni Paese europeo ha varato misure, nome e concessioni diverse
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Dai primi di marzo, migliaia di militari americani stanno sbarcando in Europa per una colossale esercitazione Nato. Il nervosismo del Cremlino e l’indifferenza verso il diffondersi del coronavirus
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Boris Johnson affila le armi: pretende libero accesso ai mercati europei ma non vuole rispettare le regole comunitarie. E minaccia l’uscita senza accordo
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
L’ultimo messaggio arriva dal ministro degli esteri francese, che si aspetta una “battaglia durissima” nelle trattative per stabilire gli accordi. Forti dubbi che tutto sia pronto entro la fine dell’anno
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Aziende e mercati inglesi temono che il Regno Unito arrivi al 31 dicembre prossimo senza un accordo commerciale con l’UE. Le conseguenze economiche sarebbero pesantissime
BoJo alza i toni con Bruxelles
BoJo alza i toni con Bruxelles
Anticipato dai media il contenuto del discorso del premier Johnson previsto per oggi: l’obiettivo è non rispettare gli accordi parziali già presi per minacciare il solito no deal
Brexit ultimo atto
Brexit ultimo atto
A mezzanotte scatta ufficialmente l’uscita del regno Unito dalla UE, sancendo la fine di un rapporto lungo 47 anni. Ma la parte peggiore arriva adesso