Brexit, Cambogia ed esportazioni

| A pagare le conseguenze peggiori per l’uscita del Regno Unito dall’UE non saranno i sudditi di Elisabetta né i cittadini europei. Secondo un’indagine, sarà la Cambogia a patire la Brexit più di ogni altra nazione

+ Miei preferiti
di Marco Belletti

Il 23 giugno 2016 è stato il giorno in cui, al referendum sulla permanenza del Regno Unito nell’Unione Europea, il 51,89 per cento dei cittadini britannici ha votato a favore dell’uscita. E il 29 marzo 2019 è invece la data in cui è fissata l’effettiva entrata in vigore della Brexit.

In questi giorni (davvero convulsi), i pochi che mancano alla fatidica data, si continuano a sentire voci dai toni molto differenti: per alcuni è giusto e fondamentale per i cittadini britannici uscire dall’Europa, per altri invece è lo sbaglio più grande che i sudditi della regina Elisabetta possano fare. In pratica - un po’ come capita da noi in Italia con la TAV - c’è chi dice che la Brexit sia un vantaggio per gli inglesi, chi invece che sia la loro morte commerciale, altri ancora predicano come una novella Cassandra declamando i nomi delle nazioni, al di qua e al di là della Manica, che pagheranno le conseguenze peggiori.

Secondo le stime dell’Istituto della Germania per lo sviluppo (DIE), il Paese che pagherà le conseguenze più gravi per la Brexit non è in Europa: secondo gli esperti tedeschi sarà la Cambogia.

Al giorno d’oggi lo stato asiatico invia nel Regno Unito il 7,7 per cento delle sue esportazioni: questo elevato valore lo rende particolarmente vulnerabile nel caso il Regno Unito dovesse tornare alle regole dell’Organizzazione mondiale del commercio, quindi con una hard Brexit.

In qualità di componente dell’Unione Europea il Regno Unito è soggetto al trattato “Everything but Arms” (EBA) e al sistema di preferenze generalizzate (SPG) del nostro continente, che abrogano o riducono i dazi sulle esportazioni verso l’UE per i Paesi in via di sviluppo. Le 49 nazioni meno sviluppate del mondo usufruiscono dell’EBA, con una rinuncia ai dazi di ingresso da parte dell’UE per il 99 per cento dei prodotti in arrivo. Per la Cambogia l’aumento delle tariffe, dei dazi e altri ostacoli economico-finanziari potrebbero far calare il PIL reale dello stato di oltre l’1 per cento con una conseguente diminuzione dei consumi delle famiglie pari a quasi l’1,5 per cento. Come dire, in uno stato già povero la situazione peggiorerebbe ulteriormente.

I ricercatori della DIE concludono la loro indagine affermando che, qualunque sia l’esito finale dei negoziati e quale che sia la modalità con cui verrà attivata la Brexit, il Regno Unito dovrebbe trovare un sistema per ridurre gli effetti negativi nei confronti degli stati più vulnerabili dal punto di vista economico.

Europa
Brexit, il costo del fallimento
Brexit, il costo del fallimento
Cosa c’è in gioco se le trattative fra Regno Unito e UE finiranno come ormai sembra assai probabile: con un “no deal” che contenterebbe tutti, gettando nella confusione la vita di milioni di persone
Brexit: the final countdown
Brexit: the final countdown
Il capo delegazione europeo Barnier è giunto a Londra per un fine settimana decisivo: ad attenderlo qualche spiraglio di buona volontà, ma posizioni ancora molto rigide
Effetto Biden: Johnson pronto a scendere a patti con la UE
Effetto Biden: Johnson pronto a scendere a patti con la UE
Impaurito dal cambio di marcia della politica americana, il premier inglese sa di non avere più una spalla forte come Trump per continuare a battere i pugni con Bruxelles
Jonhson: prepariamoci al No Deal
Jonhson: prepariamoci al No Deal
L’annuncio del premier britannico sembra voler mettere la parola fine alle estenuanti trattative sul dopo Brexit. Ma da Londra e Bruxelles filtra comunque l’idea di poter arrivare ad un compromesso
Brexit, nervi sempre più tesi
Brexit, nervi sempre più tesi
Le posizione di Londra e Bruxelles non segnano passi in avanti, e dalle due sponde partono accuse reciproche. A rimetterci di più, conti alla mano, sarebbe il Regno Unito
Brexit, segnali di distensione
Brexit, segnali di distensione
Una videochiamata fra Boris Johnson e Ursula von der Layen riaccende le speranze di un divorzio non traumatico. Ma andando al sodo tutto è ancora da definire, e il tempo stringe
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Martedì prossimo a Bruxelles è in programma uno degli ultimi appuntamenti possibili per raggiungere un accordo. Ad averne maggiormente bisogno è il Regno Unito, che però continua a fare i capricci
Germania, il vento dell’antisemitismo
Germania, il vento dell’antisemitismo
Centinaia di episodi, in un preoccupante crescendo di violenza, elencati in un rapporto dettagliato. La preoccupazione del governo e della comunità ebraica
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
Il muro contro muro con Bruxelles e le provocazioni di Boris Johnson stanno preparando il terreno della Brexit ad un clamoroso finale senza accordo. I rischi sono carenza di cibo, medicinali, recessione e isolamento internazionale
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Un accordo entro il 15 ottobre, o nessun accordo: BoJo alza la posta e detta il calendario, ma secondo molti sta bluffando, per strappare un’intesa dell’ultimo minuto da rivendicare come vittoria politica