Brexit, Cambogia ed esportazioni

| A pagare le conseguenze peggiori per l’uscita del Regno Unito dall’UE non saranno i sudditi di Elisabetta né i cittadini europei. Secondo un’indagine, sarà la Cambogia a patire la Brexit più di ogni altra nazione

+ Miei preferiti
di Marco Belletti

Il 23 giugno 2016 è stato il giorno in cui, al referendum sulla permanenza del Regno Unito nell’Unione Europea, il 51,89 per cento dei cittadini britannici ha votato a favore dell’uscita. E il 29 marzo 2019 è invece la data in cui è fissata l’effettiva entrata in vigore della Brexit.

In questi giorni (davvero convulsi), i pochi che mancano alla fatidica data, si continuano a sentire voci dai toni molto differenti: per alcuni è giusto e fondamentale per i cittadini britannici uscire dall’Europa, per altri invece è lo sbaglio più grande che i sudditi della regina Elisabetta possano fare. In pratica - un po’ come capita da noi in Italia con la TAV - c’è chi dice che la Brexit sia un vantaggio per gli inglesi, chi invece che sia la loro morte commerciale, altri ancora predicano come una novella Cassandra declamando i nomi delle nazioni, al di qua e al di là della Manica, che pagheranno le conseguenze peggiori.

Secondo le stime dell’Istituto della Germania per lo sviluppo (DIE), il Paese che pagherà le conseguenze più gravi per la Brexit non è in Europa: secondo gli esperti tedeschi sarà la Cambogia.

Al giorno d’oggi lo stato asiatico invia nel Regno Unito il 7,7 per cento delle sue esportazioni: questo elevato valore lo rende particolarmente vulnerabile nel caso il Regno Unito dovesse tornare alle regole dell’Organizzazione mondiale del commercio, quindi con una hard Brexit.

In qualità di componente dell’Unione Europea il Regno Unito è soggetto al trattato “Everything but Arms” (EBA) e al sistema di preferenze generalizzate (SPG) del nostro continente, che abrogano o riducono i dazi sulle esportazioni verso l’UE per i Paesi in via di sviluppo. Le 49 nazioni meno sviluppate del mondo usufruiscono dell’EBA, con una rinuncia ai dazi di ingresso da parte dell’UE per il 99 per cento dei prodotti in arrivo. Per la Cambogia l’aumento delle tariffe, dei dazi e altri ostacoli economico-finanziari potrebbero far calare il PIL reale dello stato di oltre l’1 per cento con una conseguente diminuzione dei consumi delle famiglie pari a quasi l’1,5 per cento. Come dire, in uno stato già povero la situazione peggiorerebbe ulteriormente.

I ricercatori della DIE concludono la loro indagine affermando che, qualunque sia l’esito finale dei negoziati e quale che sia la modalità con cui verrà attivata la Brexit, il Regno Unito dovrebbe trovare un sistema per ridurre gli effetti negativi nei confronti degli stati più vulnerabili dal punto di vista economico.

Europa
Chernobyl torna a fare paura
Chernobyl torna a fare paura
Secondo alcuni scienziati il reattore numero 4 esploso nel 1986 darebbe segni di risveglio. Si teme un nuovo disastro
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
La decisione sembra presa: in un punto ancora non meglio precisato dalla città olandese nascerà una sorta di parco di divertimenti per adulti
Al via i lavori per il Green Pass europeo
Al via i lavori per il Green Pass europeo
La speranza è che tutto proceda in modo spedito, anche se ogni Paese membro ha diritto di stabilire le proprie regole di ingresso, e la UE non ha alcun potere in materia
A giugno la missione europea di Biden
A giugno la missione europea di Biden
Nel suo primo viaggio estero da presidente, affronterà tre diversi summit: il G7 nel Regno Unito, poi due incontri a Bruxelles, il primo sulla Nato, il secondo per rinsaldare i rapporti fra Stati Uniti ed Europa
100 giorni di Brexit
100 giorni di Brexit
Sono soprattutto le aziende che prima esportavano con il mercato europeo a pagare le conseguenze più grandi di un accordo che considerano scellerato. E chiedono al Regno Unito e alla UE di tornare intorno ad un tavolo
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
La prima cittadina al centro di una campagna che oltre a ricordarle le promesse elettorali di una Parigi più verde e pulita, mostrano lo stato di abbandono e sporcizia di quelli che tanti ormai chiamano l’ex Ville Lumière
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il ritorno alla normalità inizia il 12 aprile, per proseguire il 17 maggio e il 21 giugno. Ma Downing Street non abbassa la guardia promettendo test antigeni rapidi per tutti 2 volte alla settimana
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Ben 10 Paesi europei hanno annunciato che rifiuteranno di estradare propri cittadini nel Regno Unito in quanto i trattati sono cambiati. È una delle tante conseguenze della Brexit
Boris Johnson propone i pub solo ai vaccinati
Boris Johnson propone i pub solo ai vaccinati
Un’idea durata solo poche ore, tempo di essere tempestato da insulti e proteste da cittadini, gestori, esercenti e associazioni di categoria. Il Regno Unito anche alle prese con un’aspra battaglia per i vaccini con la UE
La crisi della Gran Bretagna, partner inaffidabile
La crisi della Gran Bretagna, partner inaffidabile
La confusa gestione della pandemia, i continui strappi alle regole della Brexit, le accuse dei Sussex e il caso della giovane uccisa da agente di polizia stanno trascinando l’ex “Cool Britannia” verso la scarsa considerazione internazionale