Brexit, Cambogia ed esportazioni

| A pagare le conseguenze peggiori per l’uscita del Regno Unito dall’UE non saranno i sudditi di Elisabetta né i cittadini europei. Secondo un’indagine, sarà la Cambogia a patire la Brexit più di ogni altra nazione

+ Miei preferiti
di Marco Belletti

Il 23 giugno 2016 è stato il giorno in cui, al referendum sulla permanenza del Regno Unito nell’Unione Europea, il 51,89 per cento dei cittadini britannici ha votato a favore dell’uscita. E il 29 marzo 2019 è invece la data in cui è fissata l’effettiva entrata in vigore della Brexit.

In questi giorni (davvero convulsi), i pochi che mancano alla fatidica data, si continuano a sentire voci dai toni molto differenti: per alcuni è giusto e fondamentale per i cittadini britannici uscire dall’Europa, per altri invece è lo sbaglio più grande che i sudditi della regina Elisabetta possano fare. In pratica - un po’ come capita da noi in Italia con la TAV - c’è chi dice che la Brexit sia un vantaggio per gli inglesi, chi invece che sia la loro morte commerciale, altri ancora predicano come una novella Cassandra declamando i nomi delle nazioni, al di qua e al di là della Manica, che pagheranno le conseguenze peggiori.

Secondo le stime dell’Istituto della Germania per lo sviluppo (DIE), il Paese che pagherà le conseguenze più gravi per la Brexit non è in Europa: secondo gli esperti tedeschi sarà la Cambogia.

Al giorno d’oggi lo stato asiatico invia nel Regno Unito il 7,7 per cento delle sue esportazioni: questo elevato valore lo rende particolarmente vulnerabile nel caso il Regno Unito dovesse tornare alle regole dell’Organizzazione mondiale del commercio, quindi con una hard Brexit.

In qualità di componente dell’Unione Europea il Regno Unito è soggetto al trattato “Everything but Arms” (EBA) e al sistema di preferenze generalizzate (SPG) del nostro continente, che abrogano o riducono i dazi sulle esportazioni verso l’UE per i Paesi in via di sviluppo. Le 49 nazioni meno sviluppate del mondo usufruiscono dell’EBA, con una rinuncia ai dazi di ingresso da parte dell’UE per il 99 per cento dei prodotti in arrivo. Per la Cambogia l’aumento delle tariffe, dei dazi e altri ostacoli economico-finanziari potrebbero far calare il PIL reale dello stato di oltre l’1 per cento con una conseguente diminuzione dei consumi delle famiglie pari a quasi l’1,5 per cento. Come dire, in uno stato già povero la situazione peggiorerebbe ulteriormente.

I ricercatori della DIE concludono la loro indagine affermando che, qualunque sia l’esito finale dei negoziati e quale che sia la modalità con cui verrà attivata la Brexit, il Regno Unito dovrebbe trovare un sistema per ridurre gli effetti negativi nei confronti degli stati più vulnerabili dal punto di vista economico.

Europa
Due mesi di Brexit
Due mesi di Brexit
Il governo di Boris Johnson sembra minimizzare i problemi di intere categorie a rischio, assicurando che fra 10 anni l’economia del Regno Unito sarà florida. Esperti e addetti ai lavori replicano: fra meno di cinque non esisterà più nulla
Bruxelles, Londra e la guerra dei vaccini
Bruxelles, Londra e la guerra dei vaccini
La UE ha chiesto una perquisizione dei sito produttivo AstraZeneca per capire se i ritardi siano dovuti a problemi interni o se invece più dosi del previsto siano state inviate oltremanica
GB: la dura realtà della Brexit
GB: la dura realtà della Brexit
Crollo di importazioni ed esportazioni, livelli di burocrazia spaventosa e previsioni nefaste per il futuro. Le conseguenze della tanto agognata uscita dalla UE iniziano a farsi sentire, e non sono affatto piacevoli
Addio al Regno Unito
Addio al Regno Unito
La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante
La magia del Natale si posa sulla Brexit
La magia del Natale si posa sulla Brexit
Fonti inglesi ed europee danno per imminente un accordo che sarebbe poi ratificato a gennaio da Strasburgo
Brexit, prove tecniche di confusione
Brexit, prove tecniche di confusione
Lunghe code ai porti di Dover e l’ammonimento di una commissione: il Regno Unito non è pronto, rischiamo il collasso
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il timore di carenza di farmaci e cibo sta scatenando la corsa all’accaparramento: mentre Londra e Bruxelles trattano a oltranza, Downing Street annuncia l’operazione “Capstone”