Brexit, è già confusione

| Johnson pronto a varare una legge che esclude l’ipotesi di un rinvio delle trattative per gli accordi oltre il 31 dicembre 2020: ma da Bruxelles fanno notare che sarà difficile, mostrando di nuovo lo spettro del “no deal”

+ Miei preferiti
In realtà, i negoziati per l’uscita della Gran Bretagna dal circolo UE devono ancora iniziare, ma sono già a rischio. Colpa della fretta di Boris Johnson, ancora gasato dalla schiacciante vittoria elettorale che gli ha consegnato il pieno mandato di mollare le ancore e veleggiare in proprio, anche se verso dove non si sa.

“Super BoJo”, come lo chiamano i giornali, ha intenzione di far approvare una legge che escluda qualsiasi proroga al periodo di transizione, necessario per stipulare gli accordi commerciali e ridisegnare diritti e doveri reciproci: per lui, tutto dovrà essere fatto entro il 31 dicembre del prossimo anno, costi quel che costi. Ma anche correndo come forsennati, fanno notare gli esperti al di qua e al di là della Manica, non sarà possibile raggruppare in 11 mesi scarsi la marea di accordi e norme stilati in mezzo secolo di convivenza. Il rischio più reale, quello che sembrava scongiurato, è il tanto temuto “no deal”, l’uscita senza accordo vista come un lancio senza paracadute dalle conseguenze potenzialmente disastrose. In gioco ci sono i dazi sulle merci, code infinite alle dogane, penuria di medicinali e approvvigionamenti, i visti per i cittadini europei e quelli britannici, un possibile stop della collaborazione fra polizie nella lotta al terrorismo e alla criminalità, e il trattamento dei dati.

“La verità è che Johnson vuole accesso totale al mercato europeo, ma non vuole assumersi gli impegni che rendono possibile l’accesso. Non accetteremo un accordo commerciale che permetta standard più bassi per i nostri consumatori rispetto a quelli previsti dal mercato interno: se vuole avere accesso al nostro mercato, la Gran Bretagna deve rispettare i nostri criteri per produrre e vendere prodotti”, hanno commentato quasi in coro Philippe Lamberts, portavoce dei Verdi alla UE, e Manfred Weber, capogruppo PPE. Il sospetto è che BoJo abbia in mente un modello sul tipo di Singapore, l’isola-città-stato con il più alto numero di milionari in rapporto alla popolazione.

La preoccupazione per le trattive serratissime serpeggia a Bruxelles, e l’hanno chiaramente espressa il presidente Ursula von der Leyen e il suo vice, Valdis Dombrovski, che parla di un “calendario molto rigido che inevitabilmente costringerà ad escludere alcune cose dalla partnership futura”. Getta acqua sul fuoco il capo negoziatore UE Michel Barnier, che promette di “fare il massimo”, precisando che “quello che viene definito il precipizio non sarà mai una scelta della UE. È la ragione per cui lavoreremo con dinamismo e passione per arrivare ad un accordo”. Ma le premesse, al momento, non ci sono.

Europa
Addio al Regno Unito
Addio al Regno Unito
La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante
La magia del Natale si posa sulla Brexit
La magia del Natale si posa sulla Brexit
Fonti inglesi ed europee danno per imminente un accordo che sarebbe poi ratificato a gennaio da Strasburgo
Brexit, prove tecniche di confusione
Brexit, prove tecniche di confusione
Lunghe code ai porti di Dover e l’ammonimento di una commissione: il Regno Unito non è pronto, rischiamo il collasso
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il timore di carenza di farmaci e cibo sta scatenando la corsa all’accaparramento: mentre Londra e Bruxelles trattano a oltranza, Downing Street annuncia l’operazione “Capstone”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Malgrado gli sforzi diplomatici, non si sblocca la situazione fra Regno Unito e UE: trattative ad oltranza per tutto il weekend, poi sarà l’inevitabile
Brexit, il costo del fallimento
Brexit, il costo del fallimento
Cosa c’è in gioco se le trattative fra Regno Unito e UE finiranno come ormai sembra assai probabile: con un “no deal” che contenterebbe tutti, gettando nella confusione la vita di milioni di persone
Brexit: the final countdown
Brexit: the final countdown
Il capo delegazione europeo Barnier è giunto a Londra per un fine settimana decisivo: ad attenderlo qualche spiraglio di buona volontà, ma posizioni ancora molto rigide