Brexit, è già confusione

| Johnson pronto a varare una legge che esclude l’ipotesi di un rinvio delle trattative per gli accordi oltre il 31 dicembre 2020: ma da Bruxelles fanno notare che sarà difficile, mostrando di nuovo lo spettro del “no deal”

+ Miei preferiti
In realtà, i negoziati per l’uscita della Gran Bretagna dal circolo UE devono ancora iniziare, ma sono già a rischio. Colpa della fretta di Boris Johnson, ancora gasato dalla schiacciante vittoria elettorale che gli ha consegnato il pieno mandato di mollare le ancore e veleggiare in proprio, anche se verso dove non si sa.

“Super BoJo”, come lo chiamano i giornali, ha intenzione di far approvare una legge che escluda qualsiasi proroga al periodo di transizione, necessario per stipulare gli accordi commerciali e ridisegnare diritti e doveri reciproci: per lui, tutto dovrà essere fatto entro il 31 dicembre del prossimo anno, costi quel che costi. Ma anche correndo come forsennati, fanno notare gli esperti al di qua e al di là della Manica, non sarà possibile raggruppare in 11 mesi scarsi la marea di accordi e norme stilati in mezzo secolo di convivenza. Il rischio più reale, quello che sembrava scongiurato, è il tanto temuto “no deal”, l’uscita senza accordo vista come un lancio senza paracadute dalle conseguenze potenzialmente disastrose. In gioco ci sono i dazi sulle merci, code infinite alle dogane, penuria di medicinali e approvvigionamenti, i visti per i cittadini europei e quelli britannici, un possibile stop della collaborazione fra polizie nella lotta al terrorismo e alla criminalità, e il trattamento dei dati.

“La verità è che Johnson vuole accesso totale al mercato europeo, ma non vuole assumersi gli impegni che rendono possibile l’accesso. Non accetteremo un accordo commerciale che permetta standard più bassi per i nostri consumatori rispetto a quelli previsti dal mercato interno: se vuole avere accesso al nostro mercato, la Gran Bretagna deve rispettare i nostri criteri per produrre e vendere prodotti”, hanno commentato quasi in coro Philippe Lamberts, portavoce dei Verdi alla UE, e Manfred Weber, capogruppo PPE. Il sospetto è che BoJo abbia in mente un modello sul tipo di Singapore, l’isola-città-stato con il più alto numero di milionari in rapporto alla popolazione.

La preoccupazione per le trattive serratissime serpeggia a Bruxelles, e l’hanno chiaramente espressa il presidente Ursula von der Leyen e il suo vice, Valdis Dombrovski, che parla di un “calendario molto rigido che inevitabilmente costringerà ad escludere alcune cose dalla partnership futura”. Getta acqua sul fuoco il capo negoziatore UE Michel Barnier, che promette di “fare il massimo”, precisando che “quello che viene definito il precipizio non sarà mai una scelta della UE. È la ragione per cui lavoreremo con dinamismo e passione per arrivare ad un accordo”. Ma le premesse, al momento, non ci sono.

Europa
100 giorni di Brexit
100 giorni di Brexit
Sono soprattutto le aziende che prima esportavano con il mercato europeo a pagare le conseguenze più grandi di un accordo che considerano scellerato. E chiedono al Regno Unito e alla UE di tornare intorno ad un tavolo
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
La prima cittadina al centro di una campagna che oltre a ricordarle le promesse elettorali di una Parigi più verde e pulita, mostrano lo stato di abbandono e sporcizia di quelli che tanti ormai chiamano l’ex Ville Lumière
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il ritorno alla normalità inizia il 12 aprile, per proseguire il 17 maggio e il 21 giugno. Ma Downing Street non abbassa la guardia promettendo test antigeni rapidi per tutti 2 volte alla settimana
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Ben 10 Paesi europei hanno annunciato che rifiuteranno di estradare propri cittadini nel Regno Unito in quanto i trattati sono cambiati. È una delle tante conseguenze della Brexit
Boris Johnson propone i pub solo ai vaccinati
Boris Johnson propone i pub solo ai vaccinati
Un’idea durata solo poche ore, tempo di essere tempestato da insulti e proteste da cittadini, gestori, esercenti e associazioni di categoria. Il Regno Unito anche alle prese con un’aspra battaglia per i vaccini con la UE
La crisi della Gran Bretagna, partner inaffidabile
La crisi della Gran Bretagna, partner inaffidabile
La confusa gestione della pandemia, i continui strappi alle regole della Brexit, le accuse dei Sussex e il caso della giovane uccisa da agente di polizia stanno trascinando l’ex “Cool Britannia” verso la scarsa considerazione internazionale
UE, la rivolta dei vaccini
UE, la rivolta dei vaccini
L’Austria annuncia che non farà più affidamento sulla UE, scegliendo di collaborare con Israele per i vaccini di seconda generazione
L’isola di «Mediterraneo» è covid-free
L’isola di «Mediterraneo» è covid-free
I 1500 abitanti di Kastellorizo sono stati vaccinati: è il primo comune europeo e la decisione fa parte di una strategia del governo per rendere sicuri i luoghi turistici
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Agendo in stretta collaborazione, la polizia in Germania e Belgio hanno messo a segno un sequestro record di cocaina arrivata in Europa via nave, nascosta in due container diversi. Il valore sul mercato è pari a diversi milioni di euro
Due mesi di Brexit
Due mesi di Brexit
Il governo di Boris Johnson sembra minimizzare i problemi di intere categorie a rischio, assicurando che fra 10 anni l’economia del Regno Unito sarà florida. Esperti e addetti ai lavori replicano: fra meno di cinque non esisterà più nulla