Brexit, è già confusione

| Johnson pronto a varare una legge che esclude l’ipotesi di un rinvio delle trattative per gli accordi oltre il 31 dicembre 2020: ma da Bruxelles fanno notare che sarà difficile, mostrando di nuovo lo spettro del “no deal”

+ Miei preferiti
In realtà, i negoziati per l’uscita della Gran Bretagna dal circolo UE devono ancora iniziare, ma sono già a rischio. Colpa della fretta di Boris Johnson, ancora gasato dalla schiacciante vittoria elettorale che gli ha consegnato il pieno mandato di mollare le ancore e veleggiare in proprio, anche se verso dove non si sa.

“Super BoJo”, come lo chiamano i giornali, ha intenzione di far approvare una legge che escluda qualsiasi proroga al periodo di transizione, necessario per stipulare gli accordi commerciali e ridisegnare diritti e doveri reciproci: per lui, tutto dovrà essere fatto entro il 31 dicembre del prossimo anno, costi quel che costi. Ma anche correndo come forsennati, fanno notare gli esperti al di qua e al di là della Manica, non sarà possibile raggruppare in 11 mesi scarsi la marea di accordi e norme stilati in mezzo secolo di convivenza. Il rischio più reale, quello che sembrava scongiurato, è il tanto temuto “no deal”, l’uscita senza accordo vista come un lancio senza paracadute dalle conseguenze potenzialmente disastrose. In gioco ci sono i dazi sulle merci, code infinite alle dogane, penuria di medicinali e approvvigionamenti, i visti per i cittadini europei e quelli britannici, un possibile stop della collaborazione fra polizie nella lotta al terrorismo e alla criminalità, e il trattamento dei dati.

“La verità è che Johnson vuole accesso totale al mercato europeo, ma non vuole assumersi gli impegni che rendono possibile l’accesso. Non accetteremo un accordo commerciale che permetta standard più bassi per i nostri consumatori rispetto a quelli previsti dal mercato interno: se vuole avere accesso al nostro mercato, la Gran Bretagna deve rispettare i nostri criteri per produrre e vendere prodotti”, hanno commentato quasi in coro Philippe Lamberts, portavoce dei Verdi alla UE, e Manfred Weber, capogruppo PPE. Il sospetto è che BoJo abbia in mente un modello sul tipo di Singapore, l’isola-città-stato con il più alto numero di milionari in rapporto alla popolazione.

La preoccupazione per le trattive serratissime serpeggia a Bruxelles, e l’hanno chiaramente espressa il presidente Ursula von der Leyen e il suo vice, Valdis Dombrovski, che parla di un “calendario molto rigido che inevitabilmente costringerà ad escludere alcune cose dalla partnership futura”. Getta acqua sul fuoco il capo negoziatore UE Michel Barnier, che promette di “fare il massimo”, precisando che “quello che viene definito il precipizio non sarà mai una scelta della UE. È la ragione per cui lavoreremo con dinamismo e passione per arrivare ad un accordo”. Ma le premesse, al momento, non ci sono.

Europa
Biden avverte Putin: gli dirò quello che voglio tenga a mente
Biden avverte Putin: gli dirò quello che voglio tenga a mente
L’obiettivo della prima trasferta oltreoceano è rinsaldare i legami atlantici con gli alleati europei, e avvisare il capo del Cremlino: vogliamo esservi amici, ma non esagerate o ne ci saranno conseguenze pesanti
La pandemia e il fascino del potere assoluto
La pandemia e il fascino del potere assoluto
I leader europei hanno conquistato una maggiore autorità decisionale durante la lunga emergenza sanitaria. E pochi hanno “piani di uscita” per restituirla
Chernobyl torna a fare paura
Chernobyl torna a fare paura
Secondo alcuni scienziati il reattore numero 4 esploso nel 1986 darebbe segni di risveglio. Si teme un nuovo disastro
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
La decisione sembra presa: in un punto ancora non meglio precisato dalla città olandese nascerà una sorta di parco di divertimenti per adulti
Al via i lavori per il Green Pass europeo
Al via i lavori per il Green Pass europeo
La speranza è che tutto proceda in modo spedito, anche se ogni Paese membro ha diritto di stabilire le proprie regole di ingresso, e la UE non ha alcun potere in materia
A giugno la missione europea di Biden
A giugno la missione europea di Biden
Nel suo primo viaggio estero da presidente, affronterà tre diversi summit: il G7 nel Regno Unito, poi due incontri a Bruxelles, il primo sulla Nato, il secondo per rinsaldare i rapporti fra Stati Uniti ed Europa
100 giorni di Brexit
100 giorni di Brexit
Sono soprattutto le aziende che prima esportavano con il mercato europeo a pagare le conseguenze più grandi di un accordo che considerano scellerato. E chiedono al Regno Unito e alla UE di tornare intorno ad un tavolo
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
La prima cittadina al centro di una campagna che oltre a ricordarle le promesse elettorali di una Parigi più verde e pulita, mostrano lo stato di abbandono e sporcizia di quelli che tanti ormai chiamano l’ex Ville Lumière
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il ritorno alla normalità inizia il 12 aprile, per proseguire il 17 maggio e il 21 giugno. Ma Downing Street non abbassa la guardia promettendo test antigeni rapidi per tutti 2 volte alla settimana
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Ben 10 Paesi europei hanno annunciato che rifiuteranno di estradare propri cittadini nel Regno Unito in quanto i trattati sono cambiati. È una delle tante conseguenze della Brexit