Brexit, è già confusione

| Johnson pronto a varare una legge che esclude l’ipotesi di un rinvio delle trattative per gli accordi oltre il 31 dicembre 2020: ma da Bruxelles fanno notare che sarà difficile, mostrando di nuovo lo spettro del “no deal”

+ Miei preferiti
In realtà, i negoziati per l’uscita della Gran Bretagna dal circolo UE devono ancora iniziare, ma sono già a rischio. Colpa della fretta di Boris Johnson, ancora gasato dalla schiacciante vittoria elettorale che gli ha consegnato il pieno mandato di mollare le ancore e veleggiare in proprio, anche se verso dove non si sa.

“Super BoJo”, come lo chiamano i giornali, ha intenzione di far approvare una legge che escluda qualsiasi proroga al periodo di transizione, necessario per stipulare gli accordi commerciali e ridisegnare diritti e doveri reciproci: per lui, tutto dovrà essere fatto entro il 31 dicembre del prossimo anno, costi quel che costi. Ma anche correndo come forsennati, fanno notare gli esperti al di qua e al di là della Manica, non sarà possibile raggruppare in 11 mesi scarsi la marea di accordi e norme stilati in mezzo secolo di convivenza. Il rischio più reale, quello che sembrava scongiurato, è il tanto temuto “no deal”, l’uscita senza accordo vista come un lancio senza paracadute dalle conseguenze potenzialmente disastrose. In gioco ci sono i dazi sulle merci, code infinite alle dogane, penuria di medicinali e approvvigionamenti, i visti per i cittadini europei e quelli britannici, un possibile stop della collaborazione fra polizie nella lotta al terrorismo e alla criminalità, e il trattamento dei dati.

“La verità è che Johnson vuole accesso totale al mercato europeo, ma non vuole assumersi gli impegni che rendono possibile l’accesso. Non accetteremo un accordo commerciale che permetta standard più bassi per i nostri consumatori rispetto a quelli previsti dal mercato interno: se vuole avere accesso al nostro mercato, la Gran Bretagna deve rispettare i nostri criteri per produrre e vendere prodotti”, hanno commentato quasi in coro Philippe Lamberts, portavoce dei Verdi alla UE, e Manfred Weber, capogruppo PPE. Il sospetto è che BoJo abbia in mente un modello sul tipo di Singapore, l’isola-città-stato con il più alto numero di milionari in rapporto alla popolazione.

La preoccupazione per le trattive serratissime serpeggia a Bruxelles, e l’hanno chiaramente espressa il presidente Ursula von der Leyen e il suo vice, Valdis Dombrovski, che parla di un “calendario molto rigido che inevitabilmente costringerà ad escludere alcune cose dalla partnership futura”. Getta acqua sul fuoco il capo negoziatore UE Michel Barnier, che promette di “fare il massimo”, precisando che “quello che viene definito il precipizio non sarà mai una scelta della UE. È la ragione per cui lavoreremo con dinamismo e passione per arrivare ad un accordo”. Ma le premesse, al momento, non ci sono.

Europa
Jonhson: prepariamoci al No Deal
Jonhson: prepariamoci al No Deal
L’annuncio del premier britannico sembra voler mettere la parola fine alle estenuanti trattative sul dopo Brexit. Ma da Londra e Bruxelles filtra comunque l’idea di poter arrivare ad un compromesso
Brexit, nervi sempre più tesi
Brexit, nervi sempre più tesi
Le posizione di Londra e Bruxelles non segnano passi in avanti, e dalle due sponde partono accuse reciproche. A rimetterci di più, conti alla mano, sarebbe il Regno Unito
Brexit, segnali di distensione
Brexit, segnali di distensione
Una videochiamata fra Boris Johnson e Ursula von der Layen riaccende le speranze di un divorzio non traumatico. Ma andando al sodo tutto è ancora da definire, e il tempo stringe
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Martedì prossimo a Bruxelles è in programma uno degli ultimi appuntamenti possibili per raggiungere un accordo. Ad averne maggiormente bisogno è il Regno Unito, che però continua a fare i capricci
Germania, il vento dell’antisemitismo
Germania, il vento dell’antisemitismo
Centinaia di episodi, in un preoccupante crescendo di violenza, elencati in un rapporto dettagliato. La preoccupazione del governo e della comunità ebraica
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
Il muro contro muro con Bruxelles e le provocazioni di Boris Johnson stanno preparando il terreno della Brexit ad un clamoroso finale senza accordo. I rischi sono carenza di cibo, medicinali, recessione e isolamento internazionale
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Un accordo entro il 15 ottobre, o nessun accordo: BoJo alza la posta e detta il calendario, ma secondo molti sta bluffando, per strappare un’intesa dell’ultimo minuto da rivendicare come vittoria politica
Brexit, lo strappo della Germania
Brexit, lo strappo della Germania
Nessun passo avanti nelle trattative e un premier che “non sa cosa siano”, hanno convinto la delegazione tedesca ad abbandonare i tavoli su cui si tenta di arrivare ad un compromesso fra Bruxelles e Londra
Brexit, trattative in stallo
Brexit, trattative in stallo
Durissimo scambio di battute fra Michel Barnier e David Frost, i due capi delegazione della UE e del Regno Unito. Secondo il primo un accordo è improbabile, per il secondo è ancora possibile
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole