Brexit, la Scozia non ci sta

| Si riapre con forza il fronte secessionista di chi vuole abbandonare il Regno Unito al proprio destino e camminare con le proprie gambe. L’iter per un secondo referendum è pronto, ma manca l’ok di Londra

+ Miei preferiti
Tutti aspettano con ansia il 31ottobre, al momento ancora data ultima della definitiva uscita del Regno Unito dalla UE. Eppure quel giorno non sarà la fine di un tormentato percorso iniziato tre anni fa, ma l’inizio di una valanga di problemi connessi, interni ed esterni all’UK.

Mentre Boris Johnson tira dritto, fra bluff e pugni chiusi che non fanno paura a nessuno, tranne forse ai suoi connazionali, a montare è la protesta in Scozia. A Edimburgo la gente è scesa in strada per chiedere un secondo referendum, staccarsi definitivamente dal Regno Unito e restare nell’UE, volontà che nel referendum del 2016 era stata ampliamente dimostrata dal 65% degli elettori scozzesi.

A separarsi da Londra ci avevano già provato, il 15 settembre del 2014, quando il 55,42% dei voti si espresse per restare nell’UK, contro il 44,58%, una vittoria risicata che ha lasciato malumori diffusi capaci di ritrovare vigore proprio grazie alla Brexit. A guidare la nuova ondata di secessione è il “All Under One Banner”, formazione indipendentista di Neil MacKay, che dal 2014 non ha mai smesso di chiedere l’addio da Londra.

Non si tratta solo di parole o minacce, ma di una vera proposta di legge varata dal governo scozzese per indire un secondo referendum: “Per dare opportunità di scegliere liberamente se essere una nazione indipendente europea, invece di farci imporre un futuro con la Brexit”. Il riferimento alla tanto temuta uscita con un pericolo “no deal” è chiaro: se volete precipitare nel baratro accomodatevi, ma senza di noi.

Manca all’appello una data, ma quello è il passaggio più delicato, perché per indire il referendum è necessario il via libera da Londra, passaggio che al momento non è neanche preso in considerazione da Westminster, dove i problemi sono altri e ben più urgenti.

Europa
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
Il muro contro muro con Bruxelles e le provocazioni di Boris Johnson stanno preparando il terreno della Brexit ad un clamoroso finale senza accordo. I rischi sono carenza di cibo, medicinali, recessione e isolamento internazionale
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Un accordo entro il 15 ottobre, o nessun accordo: BoJo alza la posta e detta il calendario, ma secondo molti sta bluffando, per strappare un’intesa dell’ultimo minuto da rivendicare come vittoria politica
Brexit, lo strappo della Germania
Brexit, lo strappo della Germania
Nessun passo avanti nelle trattative e un premier che “non sa cosa siano”, hanno convinto la delegazione tedesca ad abbandonare i tavoli su cui si tenta di arrivare ad un compromesso fra Bruxelles e Londra
Brexit, trattative in stallo
Brexit, trattative in stallo
Durissimo scambio di battute fra Michel Barnier e David Frost, i due capi delegazione della UE e del Regno Unito. Secondo il primo un accordo è improbabile, per il secondo è ancora possibile
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Gli equilibri mondiali dopo Covid-19 sono cambiati, e si teme possano mutare nei prossimi mesi. Johnson di fronte ad un bivio: tenere la mano ferma con l’UE, ma rischiare di trascinare il Paese in un'altra crisi dopo la pandemia
La città divisa in due dal coronavirus
La città divisa in due dal coronavirus
Uno dei più complicati casi europei: una città belga all’interno dei confini olandesi. Ma se prima della pandemia era un’attrazione turistica, ora il lockdown da una parte le riaperture dall’altra creano non pochi fastidi
Riaperture: il fai da te europeo
Riaperture: il fai da te europeo
L’unico dato comune è il desiderio e il bisogno di riaprire: per il resto, ogni Paese europeo ha varato misure, nome e concessioni diverse
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Dai primi di marzo, migliaia di militari americani stanno sbarcando in Europa per una colossale esercitazione Nato. Il nervosismo del Cremlino e l’indifferenza verso il diffondersi del coronavirus
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Boris Johnson affila le armi: pretende libero accesso ai mercati europei ma non vuole rispettare le regole comunitarie. E minaccia l’uscita senza accordo