Brexit, la Scozia non ci sta

| Si riapre con forza il fronte secessionista di chi vuole abbandonare il Regno Unito al proprio destino e camminare con le proprie gambe. L’iter per un secondo referendum è pronto, ma manca l’ok di Londra

+ Miei preferiti
Tutti aspettano con ansia il 31ottobre, al momento ancora data ultima della definitiva uscita del Regno Unito dalla UE. Eppure quel giorno non sarà la fine di un tormentato percorso iniziato tre anni fa, ma l’inizio di una valanga di problemi connessi, interni ed esterni all’UK.

Mentre Boris Johnson tira dritto, fra bluff e pugni chiusi che non fanno paura a nessuno, tranne forse ai suoi connazionali, a montare è la protesta in Scozia. A Edimburgo la gente è scesa in strada per chiedere un secondo referendum, staccarsi definitivamente dal Regno Unito e restare nell’UE, volontà che nel referendum del 2016 era stata ampliamente dimostrata dal 65% degli elettori scozzesi.

A separarsi da Londra ci avevano già provato, il 15 settembre del 2014, quando il 55,42% dei voti si espresse per restare nell’UK, contro il 44,58%, una vittoria risicata che ha lasciato malumori diffusi capaci di ritrovare vigore proprio grazie alla Brexit. A guidare la nuova ondata di secessione è il “All Under One Banner”, formazione indipendentista di Neil MacKay, che dal 2014 non ha mai smesso di chiedere l’addio da Londra.

Non si tratta solo di parole o minacce, ma di una vera proposta di legge varata dal governo scozzese per indire un secondo referendum: “Per dare opportunità di scegliere liberamente se essere una nazione indipendente europea, invece di farci imporre un futuro con la Brexit”. Il riferimento alla tanto temuta uscita con un pericolo “no deal” è chiaro: se volete precipitare nel baratro accomodatevi, ma senza di noi.

Manca all’appello una data, ma quello è il passaggio più delicato, perché per indire il referendum è necessario il via libera da Londra, passaggio che al momento non è neanche preso in considerazione da Westminster, dove i problemi sono altri e ben più urgenti.

Europa
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Agendo in stretta collaborazione, la polizia in Germania e Belgio hanno messo a segno un sequestro record di cocaina arrivata in Europa via nave, nascosta in due container diversi. Il valore sul mercato è pari a diversi milioni di euro
Due mesi di Brexit
Due mesi di Brexit
Il governo di Boris Johnson sembra minimizzare i problemi di intere categorie a rischio, assicurando che fra 10 anni l’economia del Regno Unito sarà florida. Esperti e addetti ai lavori replicano: fra meno di cinque non esisterà più nulla
Bruxelles, Londra e la guerra dei vaccini
Bruxelles, Londra e la guerra dei vaccini
La UE ha chiesto una perquisizione dei sito produttivo AstraZeneca per capire se i ritardi siano dovuti a problemi interni o se invece più dosi del previsto siano state inviate oltremanica
GB: la dura realtà della Brexit
GB: la dura realtà della Brexit
Crollo di importazioni ed esportazioni, livelli di burocrazia spaventosa e previsioni nefaste per il futuro. Le conseguenze della tanto agognata uscita dalla UE iniziano a farsi sentire, e non sono affatto piacevoli
Addio al Regno Unito
Addio al Regno Unito
La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante
La magia del Natale si posa sulla Brexit
La magia del Natale si posa sulla Brexit
Fonti inglesi ed europee danno per imminente un accordo che sarebbe poi ratificato a gennaio da Strasburgo
Brexit, prove tecniche di confusione
Brexit, prove tecniche di confusione
Lunghe code ai porti di Dover e l’ammonimento di una commissione: il Regno Unito non è pronto, rischiamo il collasso