Brexit, la Scozia non ci sta

| Si riapre con forza il fronte secessionista di chi vuole abbandonare il Regno Unito al proprio destino e camminare con le proprie gambe. L’iter per un secondo referendum è pronto, ma manca l’ok di Londra

+ Miei preferiti
Tutti aspettano con ansia il 31ottobre, al momento ancora data ultima della definitiva uscita del Regno Unito dalla UE. Eppure quel giorno non sarà la fine di un tormentato percorso iniziato tre anni fa, ma l’inizio di una valanga di problemi connessi, interni ed esterni all’UK.

Mentre Boris Johnson tira dritto, fra bluff e pugni chiusi che non fanno paura a nessuno, tranne forse ai suoi connazionali, a montare è la protesta in Scozia. A Edimburgo la gente è scesa in strada per chiedere un secondo referendum, staccarsi definitivamente dal Regno Unito e restare nell’UE, volontà che nel referendum del 2016 era stata ampliamente dimostrata dal 65% degli elettori scozzesi.

A separarsi da Londra ci avevano già provato, il 15 settembre del 2014, quando il 55,42% dei voti si espresse per restare nell’UK, contro il 44,58%, una vittoria risicata che ha lasciato malumori diffusi capaci di ritrovare vigore proprio grazie alla Brexit. A guidare la nuova ondata di secessione è il “All Under One Banner”, formazione indipendentista di Neil MacKay, che dal 2014 non ha mai smesso di chiedere l’addio da Londra.

Non si tratta solo di parole o minacce, ma di una vera proposta di legge varata dal governo scozzese per indire un secondo referendum: “Per dare opportunità di scegliere liberamente se essere una nazione indipendente europea, invece di farci imporre un futuro con la Brexit”. Il riferimento alla tanto temuta uscita con un pericolo “no deal” è chiaro: se volete precipitare nel baratro accomodatevi, ma senza di noi.

Manca all’appello una data, ma quello è il passaggio più delicato, perché per indire il referendum è necessario il via libera da Londra, passaggio che al momento non è neanche preso in considerazione da Westminster, dove i problemi sono altri e ben più urgenti.

Europa
Brexit, il costo del fallimento
Brexit, il costo del fallimento
Cosa c’è in gioco se le trattative fra Regno Unito e UE finiranno come ormai sembra assai probabile: con un “no deal” che contenterebbe tutti, gettando nella confusione la vita di milioni di persone
Brexit: the final countdown
Brexit: the final countdown
Il capo delegazione europeo Barnier è giunto a Londra per un fine settimana decisivo: ad attenderlo qualche spiraglio di buona volontà, ma posizioni ancora molto rigide
Effetto Biden: Johnson pronto a scendere a patti con la UE
Effetto Biden: Johnson pronto a scendere a patti con la UE
Impaurito dal cambio di marcia della politica americana, il premier inglese sa di non avere più una spalla forte come Trump per continuare a battere i pugni con Bruxelles
Jonhson: prepariamoci al No Deal
Jonhson: prepariamoci al No Deal
L’annuncio del premier britannico sembra voler mettere la parola fine alle estenuanti trattative sul dopo Brexit. Ma da Londra e Bruxelles filtra comunque l’idea di poter arrivare ad un compromesso
Brexit, nervi sempre più tesi
Brexit, nervi sempre più tesi
Le posizione di Londra e Bruxelles non segnano passi in avanti, e dalle due sponde partono accuse reciproche. A rimetterci di più, conti alla mano, sarebbe il Regno Unito
Brexit, segnali di distensione
Brexit, segnali di distensione
Una videochiamata fra Boris Johnson e Ursula von der Layen riaccende le speranze di un divorzio non traumatico. Ma andando al sodo tutto è ancora da definire, e il tempo stringe
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Martedì prossimo a Bruxelles è in programma uno degli ultimi appuntamenti possibili per raggiungere un accordo. Ad averne maggiormente bisogno è il Regno Unito, che però continua a fare i capricci
Germania, il vento dell’antisemitismo
Germania, il vento dell’antisemitismo
Centinaia di episodi, in un preoccupante crescendo di violenza, elencati in un rapporto dettagliato. La preoccupazione del governo e della comunità ebraica
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
Il muro contro muro con Bruxelles e le provocazioni di Boris Johnson stanno preparando il terreno della Brexit ad un clamoroso finale senza accordo. I rischi sono carenza di cibo, medicinali, recessione e isolamento internazionale
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Un accordo entro il 15 ottobre, o nessun accordo: BoJo alza la posta e detta il calendario, ma secondo molti sta bluffando, per strappare un’intesa dell’ultimo minuto da rivendicare come vittoria politica