Brexit, la storia infinita

| Neanche il giorno del giudizio è riuscito a mettere la parola fine ad una tragedia che si trascina da tre anni. Il premier Johnson sconfitto in Parlamento, e gli inglesi che chiedono un secondo referendum

+ Miei preferiti
Doveva essere il giorno decisivo, quello che i quotidiani britannici avevano definito un secondo “D-Day”: dopo aver strappato un accordo a Bruxelles, il premier Boris Johnson era chiamato al passaggio parlamentare, pieno di insidie fin dall’inizio. Così è stato, puntualmente: con 322 voti favorevoli e 306 contrari, la Camera dei Comuni ha approvato quello che è stato chiamato “l’emendamento Letwin”, dal nome del sottosegretario Sir Oliver Letwin che ha presentato un teso che prevede che anche in caso di approvazione dell’accordo firmato da BoJo, la data della Brexit sia rinviata fino a quando non sarà approvata dal Parlamento tutta la legislazione necessaria a rendere valido l’accordo. Un tranello che combinato con il “Benn Act” (la legge anti no-deal), significa mettere Jonhson nella scomoda posizione di chi deve tornare a Bruxelles e pietire un nuovo rinvio. Cosa che BoJo non ha alcuna intenzione di fare, come ribadito da giorni, aggiungendo che il Regno Unito uscirà dalla UE il 31 ottobre prossimo, con o senza accordo. Una disubbidienza che potrebbe anche trascinarlo davanti ad un tribunale.

Fuori da Westminster, nelle stesse ore, oltre un milione di persone sta sfilando da ore, chiedendo ancora una volta la possibilità di esprimersi in un secondo referendum che a questo punto si fa sempre più probabile.

Articoli correlati
Europa
Biden avverte Putin: gli dirò quello che voglio tenga a mente
Biden avverte Putin: gli dirò quello che voglio tenga a mente
L’obiettivo della prima trasferta oltreoceano è rinsaldare i legami atlantici con gli alleati europei, e avvisare il capo del Cremlino: vogliamo esservi amici, ma non esagerate o ne ci saranno conseguenze pesanti
La pandemia e il fascino del potere assoluto
La pandemia e il fascino del potere assoluto
I leader europei hanno conquistato una maggiore autorità decisionale durante la lunga emergenza sanitaria. E pochi hanno “piani di uscita” per restituirla
Chernobyl torna a fare paura
Chernobyl torna a fare paura
Secondo alcuni scienziati il reattore numero 4 esploso nel 1986 darebbe segni di risveglio. Si teme un nuovo disastro
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
La decisione sembra presa: in un punto ancora non meglio precisato dalla città olandese nascerà una sorta di parco di divertimenti per adulti
Al via i lavori per il Green Pass europeo
Al via i lavori per il Green Pass europeo
La speranza è che tutto proceda in modo spedito, anche se ogni Paese membro ha diritto di stabilire le proprie regole di ingresso, e la UE non ha alcun potere in materia
A giugno la missione europea di Biden
A giugno la missione europea di Biden
Nel suo primo viaggio estero da presidente, affronterà tre diversi summit: il G7 nel Regno Unito, poi due incontri a Bruxelles, il primo sulla Nato, il secondo per rinsaldare i rapporti fra Stati Uniti ed Europa
100 giorni di Brexit
100 giorni di Brexit
Sono soprattutto le aziende che prima esportavano con il mercato europeo a pagare le conseguenze più grandi di un accordo che considerano scellerato. E chiedono al Regno Unito e alla UE di tornare intorno ad un tavolo
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
La prima cittadina al centro di una campagna che oltre a ricordarle le promesse elettorali di una Parigi più verde e pulita, mostrano lo stato di abbandono e sporcizia di quelli che tanti ormai chiamano l’ex Ville Lumière
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il ritorno alla normalità inizia il 12 aprile, per proseguire il 17 maggio e il 21 giugno. Ma Downing Street non abbassa la guardia promettendo test antigeni rapidi per tutti 2 volte alla settimana
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Ben 10 Paesi europei hanno annunciato che rifiuteranno di estradare propri cittadini nel Regno Unito in quanto i trattati sono cambiati. È una delle tante conseguenze della Brexit