Brexit, la storia infinita

| Neanche il giorno del giudizio è riuscito a mettere la parola fine ad una tragedia che si trascina da tre anni. Il premier Johnson sconfitto in Parlamento, e gli inglesi che chiedono un secondo referendum

+ Miei preferiti
Doveva essere il giorno decisivo, quello che i quotidiani britannici avevano definito un secondo “D-Day”: dopo aver strappato un accordo a Bruxelles, il premier Boris Johnson era chiamato al passaggio parlamentare, pieno di insidie fin dall’inizio. Così è stato, puntualmente: con 322 voti favorevoli e 306 contrari, la Camera dei Comuni ha approvato quello che è stato chiamato “l’emendamento Letwin”, dal nome del sottosegretario Sir Oliver Letwin che ha presentato un teso che prevede che anche in caso di approvazione dell’accordo firmato da BoJo, la data della Brexit sia rinviata fino a quando non sarà approvata dal Parlamento tutta la legislazione necessaria a rendere valido l’accordo. Un tranello che combinato con il “Benn Act” (la legge anti no-deal), significa mettere Jonhson nella scomoda posizione di chi deve tornare a Bruxelles e pietire un nuovo rinvio. Cosa che BoJo non ha alcuna intenzione di fare, come ribadito da giorni, aggiungendo che il Regno Unito uscirà dalla UE il 31 ottobre prossimo, con o senza accordo. Una disubbidienza che potrebbe anche trascinarlo davanti ad un tribunale.

Fuori da Westminster, nelle stesse ore, oltre un milione di persone sta sfilando da ore, chiedendo ancora una volta la possibilità di esprimersi in un secondo referendum che a questo punto si fa sempre più probabile.

Articoli correlati
Europa
Jonhson: prepariamoci al No Deal
Jonhson: prepariamoci al No Deal
L’annuncio del premier britannico sembra voler mettere la parola fine alle estenuanti trattative sul dopo Brexit. Ma da Londra e Bruxelles filtra comunque l’idea di poter arrivare ad un compromesso
Brexit, nervi sempre più tesi
Brexit, nervi sempre più tesi
Le posizione di Londra e Bruxelles non segnano passi in avanti, e dalle due sponde partono accuse reciproche. A rimetterci di più, conti alla mano, sarebbe il Regno Unito
Brexit, segnali di distensione
Brexit, segnali di distensione
Una videochiamata fra Boris Johnson e Ursula von der Layen riaccende le speranze di un divorzio non traumatico. Ma andando al sodo tutto è ancora da definire, e il tempo stringe
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Martedì prossimo a Bruxelles è in programma uno degli ultimi appuntamenti possibili per raggiungere un accordo. Ad averne maggiormente bisogno è il Regno Unito, che però continua a fare i capricci
Germania, il vento dell’antisemitismo
Germania, il vento dell’antisemitismo
Centinaia di episodi, in un preoccupante crescendo di violenza, elencati in un rapporto dettagliato. La preoccupazione del governo e della comunità ebraica
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
Il muro contro muro con Bruxelles e le provocazioni di Boris Johnson stanno preparando il terreno della Brexit ad un clamoroso finale senza accordo. I rischi sono carenza di cibo, medicinali, recessione e isolamento internazionale
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Un accordo entro il 15 ottobre, o nessun accordo: BoJo alza la posta e detta il calendario, ma secondo molti sta bluffando, per strappare un’intesa dell’ultimo minuto da rivendicare come vittoria politica
Brexit, lo strappo della Germania
Brexit, lo strappo della Germania
Nessun passo avanti nelle trattative e un premier che “non sa cosa siano”, hanno convinto la delegazione tedesca ad abbandonare i tavoli su cui si tenta di arrivare ad un compromesso fra Bruxelles e Londra
Brexit, trattative in stallo
Brexit, trattative in stallo
Durissimo scambio di battute fra Michel Barnier e David Frost, i due capi delegazione della UE e del Regno Unito. Secondo il primo un accordo è improbabile, per il secondo è ancora possibile
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole