Brexit, la storia infinita

| Neanche il giorno del giudizio è riuscito a mettere la parola fine ad una tragedia che si trascina da tre anni. Il premier Johnson sconfitto in Parlamento, e gli inglesi che chiedono un secondo referendum

+ Miei preferiti
Doveva essere il giorno decisivo, quello che i quotidiani britannici avevano definito un secondo “D-Day”: dopo aver strappato un accordo a Bruxelles, il premier Boris Johnson era chiamato al passaggio parlamentare, pieno di insidie fin dall’inizio. Così è stato, puntualmente: con 322 voti favorevoli e 306 contrari, la Camera dei Comuni ha approvato quello che è stato chiamato “l’emendamento Letwin”, dal nome del sottosegretario Sir Oliver Letwin che ha presentato un teso che prevede che anche in caso di approvazione dell’accordo firmato da BoJo, la data della Brexit sia rinviata fino a quando non sarà approvata dal Parlamento tutta la legislazione necessaria a rendere valido l’accordo. Un tranello che combinato con il “Benn Act” (la legge anti no-deal), significa mettere Jonhson nella scomoda posizione di chi deve tornare a Bruxelles e pietire un nuovo rinvio. Cosa che BoJo non ha alcuna intenzione di fare, come ribadito da giorni, aggiungendo che il Regno Unito uscirà dalla UE il 31 ottobre prossimo, con o senza accordo. Una disubbidienza che potrebbe anche trascinarlo davanti ad un tribunale.

Fuori da Westminster, nelle stesse ore, oltre un milione di persone sta sfilando da ore, chiedendo ancora una volta la possibilità di esprimersi in un secondo referendum che a questo punto si fa sempre più probabile.

Articoli correlati
Europa
Addio al Regno Unito
Addio al Regno Unito
La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante
La magia del Natale si posa sulla Brexit
La magia del Natale si posa sulla Brexit
Fonti inglesi ed europee danno per imminente un accordo che sarebbe poi ratificato a gennaio da Strasburgo
Brexit, prove tecniche di confusione
Brexit, prove tecniche di confusione
Lunghe code ai porti di Dover e l’ammonimento di una commissione: il Regno Unito non è pronto, rischiamo il collasso
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il timore di carenza di farmaci e cibo sta scatenando la corsa all’accaparramento: mentre Londra e Bruxelles trattano a oltranza, Downing Street annuncia l’operazione “Capstone”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Malgrado gli sforzi diplomatici, non si sblocca la situazione fra Regno Unito e UE: trattative ad oltranza per tutto il weekend, poi sarà l’inevitabile
Brexit, il costo del fallimento
Brexit, il costo del fallimento
Cosa c’è in gioco se le trattative fra Regno Unito e UE finiranno come ormai sembra assai probabile: con un “no deal” che contenterebbe tutti, gettando nella confusione la vita di milioni di persone
Brexit: the final countdown
Brexit: the final countdown
Il capo delegazione europeo Barnier è giunto a Londra per un fine settimana decisivo: ad attenderlo qualche spiraglio di buona volontà, ma posizioni ancora molto rigide