Brexit, lo strappo della Germania

| Nessun passo avanti nelle trattative e un premier che “non sa cosa siano”, hanno convinto la delegazione tedesca ad abbandonare i tavoli su cui si tenta di arrivare ad un compromesso fra Bruxelles e Londra

+ Miei preferiti
È durissimo il commento del governo tedesco all’annuncio di aver abbandonato, almeno al momento, i tavoli della trattativa per la Brexit fra la UE e la Gran Bretagna. Secondo Berlino, “non c’è alcun progresso nelle discussioni e Boris Johnson non ha alcuna idea di come funzionino”.

A Bruxelles ritengono ormai che la Gran Bretagna sia pronta a rischiare un’uscita di scena senza accordi quando il periodo di transizione terminerà, il 31 dicembre, addossando tutta la colpa all’odiata UE. Il governo tedesco, che detiene la presidenza di turno del Consiglio Europeo, aveva in programma un incontro sulla Brexit nel corso la riunione della prossima settimana, ma la delegazione ha rinunciato per mancanza di “progressi tangibili” nei colloqui.

Un diplomatico della UE ha confessato al Guardian: “Abbiamo sprecato l’estate trovandoci di fronte ad una delegazione che non capisce come funzionano i negoziati e un primo ministro che, credo, sia mosso dalla convinzione – del tutto sbagliata - di poter concludere i negoziati all’undicesima ora”.

Michel Barnier, il capo negoziatore sulla Brexit per la UE, ha ripetuto la necessità di arrivare ad un accordo con la Gran Bretagna entro la fine di ottobre, aggiungendo però di non avere in programma alcun incontro il suo omologo britannico David Frost: “Forse ci vedremo la prossima settimana, se le condizioni lo permetteranno”.

I disaccordi sulle regole e sulle quote di pesca, ma anche su immigrazione, sicurezza, meccanismi di risoluzione delle controversie, garanzie dei diritti umani e altri settori, hanno finora vanificato un accordo che, secondo la UE, dev’essere pronto in tempo utile per essere approvato nel summit dei 27 paesi previsto fra il 15 ed il 16 ottobre per consentire la ratifica entro l’anno in corso.

Nelle scorse ore, è arrivata la conferma che l’ex premier australiano Tony Abbott, che ha guidato il Paese dal 2013 al 2015, è stato incaricato di guidare la missione commerciale globale post-Brexit della Gran Bretagna. Il politico, costretto a lasciare il potere dal suo stesso partito dopo soli due anni, pare sia stato nominato presidente congiunto del “Board of Trade”. La nomina, a fianco della segretaria per il commercio Liz Truss, non è ancora stata ufficializzata, ma una fonte del governo britannico ha rivelato al quotidiano Sun “siamo lieti della sua presenza”.

Abbott, 62 anni, è un monarchico che lo scorso anno si è rivolto alla Conferenza del Partito dei Conservatori avvertendo che non andarsene sarebbe stata “una sconfitta su scala epica, molto simile all’invasione normanna”.

Europa
Jonhson: prepariamoci al No Deal
Jonhson: prepariamoci al No Deal
L’annuncio del premier britannico sembra voler mettere la parola fine alle estenuanti trattative sul dopo Brexit. Ma da Londra e Bruxelles filtra comunque l’idea di poter arrivare ad un compromesso
Brexit, nervi sempre più tesi
Brexit, nervi sempre più tesi
Le posizione di Londra e Bruxelles non segnano passi in avanti, e dalle due sponde partono accuse reciproche. A rimetterci di più, conti alla mano, sarebbe il Regno Unito
Brexit, segnali di distensione
Brexit, segnali di distensione
Una videochiamata fra Boris Johnson e Ursula von der Layen riaccende le speranze di un divorzio non traumatico. Ma andando al sodo tutto è ancora da definire, e il tempo stringe
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Martedì prossimo a Bruxelles è in programma uno degli ultimi appuntamenti possibili per raggiungere un accordo. Ad averne maggiormente bisogno è il Regno Unito, che però continua a fare i capricci
Germania, il vento dell’antisemitismo
Germania, il vento dell’antisemitismo
Centinaia di episodi, in un preoccupante crescendo di violenza, elencati in un rapporto dettagliato. La preoccupazione del governo e della comunità ebraica
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
Il muro contro muro con Bruxelles e le provocazioni di Boris Johnson stanno preparando il terreno della Brexit ad un clamoroso finale senza accordo. I rischi sono carenza di cibo, medicinali, recessione e isolamento internazionale
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Un accordo entro il 15 ottobre, o nessun accordo: BoJo alza la posta e detta il calendario, ma secondo molti sta bluffando, per strappare un’intesa dell’ultimo minuto da rivendicare come vittoria politica
Brexit, trattative in stallo
Brexit, trattative in stallo
Durissimo scambio di battute fra Michel Barnier e David Frost, i due capi delegazione della UE e del Regno Unito. Secondo il primo un accordo è improbabile, per il secondo è ancora possibile
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Gli equilibri mondiali dopo Covid-19 sono cambiati, e si teme possano mutare nei prossimi mesi. Johnson di fronte ad un bivio: tenere la mano ferma con l’UE, ma rischiare di trascinare il Paese in un'altra crisi dopo la pandemia