Brexit, lo strappo della Germania

| Nessun passo avanti nelle trattative e un premier che “non sa cosa siano”, hanno convinto la delegazione tedesca ad abbandonare i tavoli su cui si tenta di arrivare ad un compromesso fra Bruxelles e Londra

+ Miei preferiti
È durissimo il commento del governo tedesco all’annuncio di aver abbandonato, almeno al momento, i tavoli della trattativa per la Brexit fra la UE e la Gran Bretagna. Secondo Berlino, “non c’è alcun progresso nelle discussioni e Boris Johnson non ha alcuna idea di come funzionino”.

A Bruxelles ritengono ormai che la Gran Bretagna sia pronta a rischiare un’uscita di scena senza accordi quando il periodo di transizione terminerà, il 31 dicembre, addossando tutta la colpa all’odiata UE. Il governo tedesco, che detiene la presidenza di turno del Consiglio Europeo, aveva in programma un incontro sulla Brexit nel corso la riunione della prossima settimana, ma la delegazione ha rinunciato per mancanza di “progressi tangibili” nei colloqui.

Un diplomatico della UE ha confessato al Guardian: “Abbiamo sprecato l’estate trovandoci di fronte ad una delegazione che non capisce come funzionano i negoziati e un primo ministro che, credo, sia mosso dalla convinzione – del tutto sbagliata - di poter concludere i negoziati all’undicesima ora”.

Michel Barnier, il capo negoziatore sulla Brexit per la UE, ha ripetuto la necessità di arrivare ad un accordo con la Gran Bretagna entro la fine di ottobre, aggiungendo però di non avere in programma alcun incontro il suo omologo britannico David Frost: “Forse ci vedremo la prossima settimana, se le condizioni lo permetteranno”.

I disaccordi sulle regole e sulle quote di pesca, ma anche su immigrazione, sicurezza, meccanismi di risoluzione delle controversie, garanzie dei diritti umani e altri settori, hanno finora vanificato un accordo che, secondo la UE, dev’essere pronto in tempo utile per essere approvato nel summit dei 27 paesi previsto fra il 15 ed il 16 ottobre per consentire la ratifica entro l’anno in corso.

Nelle scorse ore, è arrivata la conferma che l’ex premier australiano Tony Abbott, che ha guidato il Paese dal 2013 al 2015, è stato incaricato di guidare la missione commerciale globale post-Brexit della Gran Bretagna. Il politico, costretto a lasciare il potere dal suo stesso partito dopo soli due anni, pare sia stato nominato presidente congiunto del “Board of Trade”. La nomina, a fianco della segretaria per il commercio Liz Truss, non è ancora stata ufficializzata, ma una fonte del governo britannico ha rivelato al quotidiano Sun “siamo lieti della sua presenza”.

Abbott, 62 anni, è un monarchico che lo scorso anno si è rivolto alla Conferenza del Partito dei Conservatori avvertendo che non andarsene sarebbe stata “una sconfitta su scala epica, molto simile all’invasione normanna”.

Europa
Chernobyl torna a fare paura
Chernobyl torna a fare paura
Secondo alcuni scienziati il reattore numero 4 esploso nel 1986 darebbe segni di risveglio. Si teme un nuovo disastro
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
La decisione sembra presa: in un punto ancora non meglio precisato dalla città olandese nascerà una sorta di parco di divertimenti per adulti
Al via i lavori per il Green Pass europeo
Al via i lavori per il Green Pass europeo
La speranza è che tutto proceda in modo spedito, anche se ogni Paese membro ha diritto di stabilire le proprie regole di ingresso, e la UE non ha alcun potere in materia
A giugno la missione europea di Biden
A giugno la missione europea di Biden
Nel suo primo viaggio estero da presidente, affronterà tre diversi summit: il G7 nel Regno Unito, poi due incontri a Bruxelles, il primo sulla Nato, il secondo per rinsaldare i rapporti fra Stati Uniti ed Europa
100 giorni di Brexit
100 giorni di Brexit
Sono soprattutto le aziende che prima esportavano con il mercato europeo a pagare le conseguenze più grandi di un accordo che considerano scellerato. E chiedono al Regno Unito e alla UE di tornare intorno ad un tavolo
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
La prima cittadina al centro di una campagna che oltre a ricordarle le promesse elettorali di una Parigi più verde e pulita, mostrano lo stato di abbandono e sporcizia di quelli che tanti ormai chiamano l’ex Ville Lumière
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il ritorno alla normalità inizia il 12 aprile, per proseguire il 17 maggio e il 21 giugno. Ma Downing Street non abbassa la guardia promettendo test antigeni rapidi per tutti 2 volte alla settimana
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Ben 10 Paesi europei hanno annunciato che rifiuteranno di estradare propri cittadini nel Regno Unito in quanto i trattati sono cambiati. È una delle tante conseguenze della Brexit
Boris Johnson propone i pub solo ai vaccinati
Boris Johnson propone i pub solo ai vaccinati
Un’idea durata solo poche ore, tempo di essere tempestato da insulti e proteste da cittadini, gestori, esercenti e associazioni di categoria. Il Regno Unito anche alle prese con un’aspra battaglia per i vaccini con la UE
La crisi della Gran Bretagna, partner inaffidabile
La crisi della Gran Bretagna, partner inaffidabile
La confusa gestione della pandemia, i continui strappi alle regole della Brexit, le accuse dei Sussex e il caso della giovane uccisa da agente di polizia stanno trascinando l’ex “Cool Britannia” verso la scarsa considerazione internazionale