Brexit, operazione martello giallo

| Un rapporto confidenziale governativo svelato da un quotidiano inglese svela lo scenario apocalittico a cui va incontro la Gran Bretagna in caso di “No deal”

+ Miei preferiti
L’hanno chiamata “Operation Yellow Hummer”, letteralmente, l’operazione martello giallo, e nelle intenzioni doveva essere un documento altamente confidenziale stilato dal governo britannico per mettere nero su bianco le conseguenze di una Brexit “no deal”, la temuta uscita dalla UE senza alcun accordo. Ma qualcuno, ovviamente rimasto senza nome, l’ha passato per intero al “Sunday Times”, che l’ha pubblicato in prima pagina scatenando un mezzo putiferio. L’uscita senza alcun accordo dopo quattro decenni di rapporti con il resto dell’Europa, ammonisce il rapporto, avrebbe conseguenze deleterie sulla vita dei sudditi di Sua Maestà, che in forza di porti e autostrade intasati potrebbero trovarsi nel giro di poche settimane senza medicinali, carburante e addirittura generi alimentari, senza contare i temutissimi scontri per la chiusura del confine fra l’Irlanda del Nord a guida britannica e la Repubblica irlandese, oltre ad un caos che potrebbe portare alla chiusura delle scuole, ad un aumento sconsiderato della spesa sociale e alla perdita di migliaia di posti di lavoro. La conclusione, è che la nobile e fiera Gran Bretagna potrebbe ritrovarsi nel giro di pochissimo tempo con la considerazione internazionale di paese dal livello commerciale estremamente basso.

Il rapporto, che si aggiunge ai timori di recessione e del crollo della sterlina lanciati dalla Bank of England, suona come un ammonimento verso Boris Johnson, il premier che continua ad assicurare l’uscita del 31 ottobre prossimo a qualsiasi costo. Ma per tutta risposta, fonti del governo hanno reagito nel peggior modo possibile, parlando di “fake news lanciate dai giornali in modo deliberato per influenzare il lavoro del primo ministro: è solo allarmismo”. Anzi, fanno notare, il ministro per la Brexit Stephen Barclay ha di fatto già cancellato le leggi imposte in 40 anni dalla UE.

Da Bruxelles invece fanno notare che dal momento dell’insediamento di Johnson non c’è più stato alcun tentativo di negoziazione, poiché Donwing Street chiede in prima battuta la cancellazione dell’accordo raggiunto in precedenza con Theresa May, e l’UE ribadisce che quello è il meglio possibile, e non si tocca. La prossima settimana, il premier ha in programma un incontro con il presidente Macron e la cancelliera tedesca Merkel, ma non ci sono segnali che facciano pensare ad un’apertura da parte di Francia e Germania.

Sul fronte interno, al momento, sembra allontanarsi anche l’ipotesi di elezioni anticipate, mentre si fa forza una corrente che chiede di trasformare in legge il divieto di “no deal”. Ma sono parole: ad una settantina di giorni dal 31 ottobre, lo scenario più probabile continua ad essere quello del temutissimo “martello giallo”. 

Galleria fotografica
Brexit, operazione martello giallo - immagine 1
Europa
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Martedì prossimo a Bruxelles è in programma uno degli ultimi appuntamenti possibili per raggiungere un accordo. Ad averne maggiormente bisogno è il Regno Unito, che però continua a fare i capricci
Germania, il vento dell’antisemitismo
Germania, il vento dell’antisemitismo
Centinaia di episodi, in un preoccupante crescendo di violenza, elencati in un rapporto dettagliato. La preoccupazione del governo e della comunità ebraica
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
Il muro contro muro con Bruxelles e le provocazioni di Boris Johnson stanno preparando il terreno della Brexit ad un clamoroso finale senza accordo. I rischi sono carenza di cibo, medicinali, recessione e isolamento internazionale
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Un accordo entro il 15 ottobre, o nessun accordo: BoJo alza la posta e detta il calendario, ma secondo molti sta bluffando, per strappare un’intesa dell’ultimo minuto da rivendicare come vittoria politica
Brexit, lo strappo della Germania
Brexit, lo strappo della Germania
Nessun passo avanti nelle trattative e un premier che “non sa cosa siano”, hanno convinto la delegazione tedesca ad abbandonare i tavoli su cui si tenta di arrivare ad un compromesso fra Bruxelles e Londra
Brexit, trattative in stallo
Brexit, trattative in stallo
Durissimo scambio di battute fra Michel Barnier e David Frost, i due capi delegazione della UE e del Regno Unito. Secondo il primo un accordo è improbabile, per il secondo è ancora possibile
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Gli equilibri mondiali dopo Covid-19 sono cambiati, e si teme possano mutare nei prossimi mesi. Johnson di fronte ad un bivio: tenere la mano ferma con l’UE, ma rischiare di trascinare il Paese in un'altra crisi dopo la pandemia
La città divisa in due dal coronavirus
La città divisa in due dal coronavirus
Uno dei più complicati casi europei: una città belga all’interno dei confini olandesi. Ma se prima della pandemia era un’attrazione turistica, ora il lockdown da una parte le riaperture dall’altra creano non pochi fastidi
Riaperture: il fai da te europeo
Riaperture: il fai da te europeo
L’unico dato comune è il desiderio e il bisogno di riaprire: per il resto, ogni Paese europeo ha varato misure, nome e concessioni diverse