Brexit, prove tecniche di confusione

| Lunghe code ai porti di Dover e l’ammonimento di una commissione: il Regno Unito non è pronto, rischiamo il collasso

+ Miei preferiti
La Brexit è ormai come uno di quei film in cui mancano pochi secondi perché qualcuno che conosce il codice eviti di far saltare in aria la bomba. Ma non è detto che ce la faccia.

Londra e Bruxelles trattano a oltranza, ma ammettono a denti stretti che le posizioni non si ammorbidiscono e nessuno arretra. Quando mancano ormai una manciata di ore all’inevitabile “no deal”.

E i segnali che arrivano dal Regno Unito tradiscono un senso di rassegnazione che ieri si è trasformato in lunghe code di tir fra Folkestone e Dover, i punti di ingresso nel Regno Unito per treni e traghetti che attraversano la Manica. Un antipasto, secondo alcuni, del caos che scatterà un minuto dopo la mezzanotte del 31 dicembre prossimo, quando l’uscita del Regno Unito dall’orbita UE sarà definitivo, in qualunque caso.

A complicare una situazione già pesante, si è messo anche un rapporto del Parlamento britannico, che ha avvertito il 10 di Downing Street: il Regno Unito non è preparato all’uscita dal mercato unico europeo e dall’unione doganale. Il presidente della commissione, Hilary Benn, ha sottolineato che “il governo non è ancora in grado di dire con certezza a imprese, commercianti e cittadini cosa succederà ai settori coinvolti. Le imprese che esportano verso la UE avranno a che fare con più carte da compilare e costi supplementari, a prescindere da ciò che sarà negoziato in questi giorni”.

È necessario, ribadisce il rapporto, “preparare misure solide per affrontare l’emergenza: il rischio è il peggior inizio anno possibile in un periodo reso già complicato dalla pandemia”.

 

Europa
L’isola di «Mediterraneo» è covid-free
L’isola di «Mediterraneo» è covid-free
I 1500 abitanti di Kastellorizo sono stati vaccinati: è il primo comune europeo e la decisione fa parte di una strategia del governo per rendere sicuri i luoghi turistici
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Agendo in stretta collaborazione, la polizia in Germania e Belgio hanno messo a segno un sequestro record di cocaina arrivata in Europa via nave, nascosta in due container diversi. Il valore sul mercato è pari a diversi milioni di euro
Due mesi di Brexit
Due mesi di Brexit
Il governo di Boris Johnson sembra minimizzare i problemi di intere categorie a rischio, assicurando che fra 10 anni l’economia del Regno Unito sarà florida. Esperti e addetti ai lavori replicano: fra meno di cinque non esisterà più nulla
Bruxelles, Londra e la guerra dei vaccini
Bruxelles, Londra e la guerra dei vaccini
La UE ha chiesto una perquisizione dei sito produttivo AstraZeneca per capire se i ritardi siano dovuti a problemi interni o se invece più dosi del previsto siano state inviate oltremanica
GB: la dura realtà della Brexit
GB: la dura realtà della Brexit
Crollo di importazioni ed esportazioni, livelli di burocrazia spaventosa e previsioni nefaste per il futuro. Le conseguenze della tanto agognata uscita dalla UE iniziano a farsi sentire, e non sono affatto piacevoli
Addio al Regno Unito
Addio al Regno Unito
La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante
La magia del Natale si posa sulla Brexit
La magia del Natale si posa sulla Brexit
Fonti inglesi ed europee danno per imminente un accordo che sarebbe poi ratificato a gennaio da Strasburgo