Brexit: prove tecniche di “no deal”

| Boris Johnson affila le armi: pretende libero accesso ai mercati europei ma non vuole rispettare le regole comunitarie. E minaccia l’uscita senza accordo

+ Miei preferiti
A poche ore dall’inizio delle trattative sulla Brexit, Boris Johnson alza i toni: era previsto, a Bruxelles se l’aspettavano. Il premier britannico annuncia la linea dura e lancia il suo ultimatum: se entro giugno non ci saranno “progressi significativi”, il governo è pronto a interrompere le trattative e uscire ben prima del 31 dicembre di quest’anno, data fissata per il definitivo addio del Regno Unito all’orbita UE.

Una presa di posizione probabilmente nata dopo alcuni pareri di alti esponenti di Bruxelles, che nei giorni scorsi hanno parlato di accordo “difficile” anche per via di una pretesa inglese non da poco: evitare i dazi sull’import-export e accesso no limits per i servizi finanziari, ma nessuna garanzia di rispettare le norme europee. È lo stesso BoJo ad ammettere di volere “la botte piena e la moglie ubriaca”.

“Il governo lavorerà con il massimo impegno per arrivare a un accordo, ma se non sarà possibile i rapporti commerciali con la UE si baseranno sull’accordo di uscita del 2019 e saranno simili a quelli dell’Australia”, si legge in una nota diffusa da Downing Street. Per essere chiari: i citati rapporti dell’Australia sono più una battuta, visto che il Paese non ha alcun accordo commerciale con la UE.

A quel punto, lo scenario sarebbe il tanto temuto “no deal”, l’uscita senza alcun accordo che aleggia dall’inizio sull’infinito calvario della Brexit. In quel caso, il Regno Unito si limiterebbe ad avere rapporti secondo le regole del WTO, l’organizzazione mondiale del commercio. L’idea è quella di trasformare il Regno Unito in una sorta di paradiso fiscale, una pericolosa “Singapore” sul suolo europeo, ma il no deal avrebbe probabilmente molte più controindicazioni per l’industria britannica e per le conseguenze che la decisione avrebbe su Scozia e Irlanda, ancor più decise a scatenare battaglia per ottenere l’indipendenza.

Europa
La città divisa in due dal coronavirus
La città divisa in due dal coronavirus
Uno dei più complicati casi europei: una città belga all’interno dei confini olandesi. Ma se prima della pandemia era un’attrazione turistica, ora il lockdown da una parte le riaperture dall’altra creano non pochi fastidi
Riaperture: il fai da te europeo
Riaperture: il fai da te europeo
L’unico dato comune è il desiderio e il bisogno di riaprire: per il resto, ogni Paese europeo ha varato misure, nome e concessioni diverse
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Dai primi di marzo, migliaia di militari americani stanno sbarcando in Europa per una colossale esercitazione Nato. Il nervosismo del Cremlino e l’indifferenza verso il diffondersi del coronavirus
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
L’ultimo messaggio arriva dal ministro degli esteri francese, che si aspetta una “battaglia durissima” nelle trattative per stabilire gli accordi. Forti dubbi che tutto sia pronto entro la fine dell’anno
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Aziende e mercati inglesi temono che il Regno Unito arrivi al 31 dicembre prossimo senza un accordo commerciale con l’UE. Le conseguenze economiche sarebbero pesantissime
BoJo alza i toni con Bruxelles
BoJo alza i toni con Bruxelles
Anticipato dai media il contenuto del discorso del premier Johnson previsto per oggi: l’obiettivo è non rispettare gli accordi parziali già presi per minacciare il solito no deal
Brexit ultimo atto
Brexit ultimo atto
A mezzanotte scatta ufficialmente l’uscita del regno Unito dalla UE, sancendo la fine di un rapporto lungo 47 anni. Ma la parte peggiore arriva adesso
Effetto Brexit: impossibile conoscere il prezzo di un’auto
Effetto Brexit: impossibile conoscere il prezzo di un’auto
Un automobilista scozzese ha acquistato una Mercedes-Benz scoprendo che il costo finale cambierà in base alle nuove tariffe doganali, che al momento non ci sono
Effetto Brexit, la Gran Bretagna dice addio all’Erasmus
Effetto Brexit, la Gran Bretagna dice addio all’Erasmus
La decisione di Westminster ha suscitato proteste ovunque, a cominciare da quelle degli intellettuali inglesi: una cattiveria nei confronti delle giovani generazioni
Addio all’inglese come lingua della UE?
Addio all’inglese come lingua della UE?
“Se non abbiamo il Regno Unito, non avremo neanche l’inglese”, commentava un’eurodeputata nel 2016. La questione non è così semplice, essendo la lingua più parlata del mondo, ma molto dipende dal futuro dell’UK