Brexit: prove tecniche di “no deal”

| Boris Johnson affila le armi: pretende libero accesso ai mercati europei ma non vuole rispettare le regole comunitarie. E minaccia l’uscita senza accordo

+ Miei preferiti
A poche ore dall’inizio delle trattative sulla Brexit, Boris Johnson alza i toni: era previsto, a Bruxelles se l’aspettavano. Il premier britannico annuncia la linea dura e lancia il suo ultimatum: se entro giugno non ci saranno “progressi significativi”, il governo è pronto a interrompere le trattative e uscire ben prima del 31 dicembre di quest’anno, data fissata per il definitivo addio del Regno Unito all’orbita UE.

Una presa di posizione probabilmente nata dopo alcuni pareri di alti esponenti di Bruxelles, che nei giorni scorsi hanno parlato di accordo “difficile” anche per via di una pretesa inglese non da poco: evitare i dazi sull’import-export e accesso no limits per i servizi finanziari, ma nessuna garanzia di rispettare le norme europee. È lo stesso BoJo ad ammettere di volere “la botte piena e la moglie ubriaca”.

“Il governo lavorerà con il massimo impegno per arrivare a un accordo, ma se non sarà possibile i rapporti commerciali con la UE si baseranno sull’accordo di uscita del 2019 e saranno simili a quelli dell’Australia”, si legge in una nota diffusa da Downing Street. Per essere chiari: i citati rapporti dell’Australia sono più una battuta, visto che il Paese non ha alcun accordo commerciale con la UE.

A quel punto, lo scenario sarebbe il tanto temuto “no deal”, l’uscita senza alcun accordo che aleggia dall’inizio sull’infinito calvario della Brexit. In quel caso, il Regno Unito si limiterebbe ad avere rapporti secondo le regole del WTO, l’organizzazione mondiale del commercio. L’idea è quella di trasformare il Regno Unito in una sorta di paradiso fiscale, una pericolosa “Singapore” sul suolo europeo, ma il no deal avrebbe probabilmente molte più controindicazioni per l’industria britannica e per le conseguenze che la decisione avrebbe su Scozia e Irlanda, ancor più decise a scatenare battaglia per ottenere l’indipendenza.

Europa
Addio al Regno Unito
Addio al Regno Unito
La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante
La magia del Natale si posa sulla Brexit
La magia del Natale si posa sulla Brexit
Fonti inglesi ed europee danno per imminente un accordo che sarebbe poi ratificato a gennaio da Strasburgo
Brexit, prove tecniche di confusione
Brexit, prove tecniche di confusione
Lunghe code ai porti di Dover e l’ammonimento di una commissione: il Regno Unito non è pronto, rischiamo il collasso
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il timore di carenza di farmaci e cibo sta scatenando la corsa all’accaparramento: mentre Londra e Bruxelles trattano a oltranza, Downing Street annuncia l’operazione “Capstone”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Malgrado gli sforzi diplomatici, non si sblocca la situazione fra Regno Unito e UE: trattative ad oltranza per tutto il weekend, poi sarà l’inevitabile
Brexit, il costo del fallimento
Brexit, il costo del fallimento
Cosa c’è in gioco se le trattative fra Regno Unito e UE finiranno come ormai sembra assai probabile: con un “no deal” che contenterebbe tutti, gettando nella confusione la vita di milioni di persone
Brexit: the final countdown
Brexit: the final countdown
Il capo delegazione europeo Barnier è giunto a Londra per un fine settimana decisivo: ad attenderlo qualche spiraglio di buona volontà, ma posizioni ancora molto rigide