Brexit: prove tecniche di “no deal”

| Boris Johnson affila le armi: pretende libero accesso ai mercati europei ma non vuole rispettare le regole comunitarie. E minaccia l’uscita senza accordo

+ Miei preferiti
A poche ore dall’inizio delle trattative sulla Brexit, Boris Johnson alza i toni: era previsto, a Bruxelles se l’aspettavano. Il premier britannico annuncia la linea dura e lancia il suo ultimatum: se entro giugno non ci saranno “progressi significativi”, il governo è pronto a interrompere le trattative e uscire ben prima del 31 dicembre di quest’anno, data fissata per il definitivo addio del Regno Unito all’orbita UE.

Una presa di posizione probabilmente nata dopo alcuni pareri di alti esponenti di Bruxelles, che nei giorni scorsi hanno parlato di accordo “difficile” anche per via di una pretesa inglese non da poco: evitare i dazi sull’import-export e accesso no limits per i servizi finanziari, ma nessuna garanzia di rispettare le norme europee. È lo stesso BoJo ad ammettere di volere “la botte piena e la moglie ubriaca”.

“Il governo lavorerà con il massimo impegno per arrivare a un accordo, ma se non sarà possibile i rapporti commerciali con la UE si baseranno sull’accordo di uscita del 2019 e saranno simili a quelli dell’Australia”, si legge in una nota diffusa da Downing Street. Per essere chiari: i citati rapporti dell’Australia sono più una battuta, visto che il Paese non ha alcun accordo commerciale con la UE.

A quel punto, lo scenario sarebbe il tanto temuto “no deal”, l’uscita senza alcun accordo che aleggia dall’inizio sull’infinito calvario della Brexit. In quel caso, il Regno Unito si limiterebbe ad avere rapporti secondo le regole del WTO, l’organizzazione mondiale del commercio. L’idea è quella di trasformare il Regno Unito in una sorta di paradiso fiscale, una pericolosa “Singapore” sul suolo europeo, ma il no deal avrebbe probabilmente molte più controindicazioni per l’industria britannica e per le conseguenze che la decisione avrebbe su Scozia e Irlanda, ancor più decise a scatenare battaglia per ottenere l’indipendenza.

Europa
Biden avverte Putin: gli dirò quello che voglio tenga a mente
Biden avverte Putin: gli dirò quello che voglio tenga a mente
L’obiettivo della prima trasferta oltreoceano è rinsaldare i legami atlantici con gli alleati europei, e avvisare il capo del Cremlino: vogliamo esservi amici, ma non esagerate o ne ci saranno conseguenze pesanti
La pandemia e il fascino del potere assoluto
La pandemia e il fascino del potere assoluto
I leader europei hanno conquistato una maggiore autorità decisionale durante la lunga emergenza sanitaria. E pochi hanno “piani di uscita” per restituirla
Chernobyl torna a fare paura
Chernobyl torna a fare paura
Secondo alcuni scienziati il reattore numero 4 esploso nel 1986 darebbe segni di risveglio. Si teme un nuovo disastro
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
La decisione sembra presa: in un punto ancora non meglio precisato dalla città olandese nascerà una sorta di parco di divertimenti per adulti
Al via i lavori per il Green Pass europeo
Al via i lavori per il Green Pass europeo
La speranza è che tutto proceda in modo spedito, anche se ogni Paese membro ha diritto di stabilire le proprie regole di ingresso, e la UE non ha alcun potere in materia
A giugno la missione europea di Biden
A giugno la missione europea di Biden
Nel suo primo viaggio estero da presidente, affronterà tre diversi summit: il G7 nel Regno Unito, poi due incontri a Bruxelles, il primo sulla Nato, il secondo per rinsaldare i rapporti fra Stati Uniti ed Europa
100 giorni di Brexit
100 giorni di Brexit
Sono soprattutto le aziende che prima esportavano con il mercato europeo a pagare le conseguenze più grandi di un accordo che considerano scellerato. E chiedono al Regno Unito e alla UE di tornare intorno ad un tavolo
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
La prima cittadina al centro di una campagna che oltre a ricordarle le promesse elettorali di una Parigi più verde e pulita, mostrano lo stato di abbandono e sporcizia di quelli che tanti ormai chiamano l’ex Ville Lumière
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il ritorno alla normalità inizia il 12 aprile, per proseguire il 17 maggio e il 21 giugno. Ma Downing Street non abbassa la guardia promettendo test antigeni rapidi per tutti 2 volte alla settimana
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Ben 10 Paesi europei hanno annunciato che rifiuteranno di estradare propri cittadini nel Regno Unito in quanto i trattati sono cambiati. È una delle tante conseguenze della Brexit