Brexit, segnali di distensione

| Una videochiamata fra Boris Johnson e Ursula von der Layen riaccende le speranze di un divorzio non traumatico. Ma andando al sodo tutto è ancora da definire, e il tempo stringe

+ Miei preferiti
È servito un faccia a faccia in streaming tra Boris Johnson e Ursula von der Leyen per riaprire qualche spiraglio di speranza sul futuro della Brexit. Le due delegazioni, quella inglese e quella europea, erano ormai impantanate da tempo sulle rispettive posizioni, senza riuscire ad andare avanti.

Boris e Ursula, fra tanti sorrisi e poche canzoni, hanno ammesso “l’importanza di arrivare ad un accordo”: non esattamente un successo, ma meglio di niente. Per cominciare, l’ultimatum sul negoziato guadagna un altro mese, e spesso coinvolgerà direttamente i due leader.

La posta in palio è troppo alta per un muro contro muro, per l’Europa ma soprattutto per il Regno Unito, che nel mezzo di una recessione devastante non può permettersi il lusso di sbattere la porta in faccia al proprio mercato di riferimento. Secondo un recente sondaggio di una società di consulenza, la City di Londra ha iniziato a svuotarsi in vista del 31 dicembre, quando il divorzio sarà definitivo: più di 400 società - tra cui colossi come “JPMorgan Chase” e “Goldman Sachs” - stanno trasferendo le proprie sedi in altri Paesi UE, con una perdita iniziale valutata in 7.500 posti di lavoro persi per Londra.

Certo, sui tavoli della Brexit resta la spinosa questione dell’Internal Market Bill, la contestata legge sul mercato interno britannico che rinnega quanto negoziato finora, capace di innervosire Bruxelles al punto da richiedere una procedura d’infrazione con tanto di ultimatum di un mese per replicare. Ma anche questa, trovando la quadratura del cerchio sui commerci, potrebbe sciogliersi come neve al sole.

Ma malgrado tutto, la videochiamata fra Boris e Ursula è stata una sorta di boccata d’ossigeno sulle trattative, che procedono spedite con un calendario piuttosto fitto: martedì il negoziatore capo Michel Barnier volerà a Londra per incontrare il suo omologo David Frost, che restituirà la visita la settimana dopo. Il tutto in preparazione del summit europeo del 15 ottobre. Frost ha mostrato ottimismo con un tweet in cui annuncia “la possibilità di intensificare le trattative per tentare di colmare le differenze: in molte aree sono visibili i contorni di un’intesa”.

Fra i punti ancora aperti i diritti sulla pesca, su cui la cancelliera Angela Merkel avrebbe proposto un ammorbidimento delle posizioni europee, citando l’esempio degli accordi con la Norvegia, ma da Parigi – direttamente coinvolta - la proposta non sembra piacere.

Johnson, chiusa la videochiamata con la von der Leyen ha rialzato la cresta, girando la patata bollente a Bruxelles: “Ci sono tutte le possibilità di arrivare ad un grande accordo ed evitare un no-deal, ma dipende dal buon senso dei nostri amici e partner”. Secca la replica di Ursula von der Layer: “Lavoreremo, ma non ci sarà un accordo ad ogni costo”. Insomma, punto e a capo.

Europa
Brexit: the final countdown
Brexit: the final countdown
Il capo delegazione europeo Barnier è giunto a Londra per un fine settimana decisivo: ad attenderlo qualche spiraglio di buona volontà, ma posizioni ancora molto rigide
Effetto Biden: Johnson pronto a scendere a patti con la UE
Effetto Biden: Johnson pronto a scendere a patti con la UE
Impaurito dal cambio di marcia della politica americana, il premier inglese sa di non avere più una spalla forte come Trump per continuare a battere i pugni con Bruxelles
Jonhson: prepariamoci al No Deal
Jonhson: prepariamoci al No Deal
L’annuncio del premier britannico sembra voler mettere la parola fine alle estenuanti trattative sul dopo Brexit. Ma da Londra e Bruxelles filtra comunque l’idea di poter arrivare ad un compromesso
Brexit, nervi sempre più tesi
Brexit, nervi sempre più tesi
Le posizione di Londra e Bruxelles non segnano passi in avanti, e dalle due sponde partono accuse reciproche. A rimetterci di più, conti alla mano, sarebbe il Regno Unito
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Martedì prossimo a Bruxelles è in programma uno degli ultimi appuntamenti possibili per raggiungere un accordo. Ad averne maggiormente bisogno è il Regno Unito, che però continua a fare i capricci
Germania, il vento dell’antisemitismo
Germania, il vento dell’antisemitismo
Centinaia di episodi, in un preoccupante crescendo di violenza, elencati in un rapporto dettagliato. La preoccupazione del governo e della comunità ebraica
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
Il muro contro muro con Bruxelles e le provocazioni di Boris Johnson stanno preparando il terreno della Brexit ad un clamoroso finale senza accordo. I rischi sono carenza di cibo, medicinali, recessione e isolamento internazionale
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Un accordo entro il 15 ottobre, o nessun accordo: BoJo alza la posta e detta il calendario, ma secondo molti sta bluffando, per strappare un’intesa dell’ultimo minuto da rivendicare come vittoria politica
Brexit, lo strappo della Germania
Brexit, lo strappo della Germania
Nessun passo avanti nelle trattative e un premier che “non sa cosa siano”, hanno convinto la delegazione tedesca ad abbandonare i tavoli su cui si tenta di arrivare ad un compromesso fra Bruxelles e Londra
Brexit, trattative in stallo
Brexit, trattative in stallo
Durissimo scambio di battute fra Michel Barnier e David Frost, i due capi delegazione della UE e del Regno Unito. Secondo il primo un accordo è improbabile, per il secondo è ancora possibile