Brexit, terzo no alla May

| Bocciato definitivamente l’accordo raggiunto fra la premier e l’UE. Lo spettro del “no deal” e la probabilità che la UK sia costretta a partecipare alle elezioni europee

+ Miei preferiti
Al terzo tentativo, la Camera dei Comuni britannica ha rigettato l’accordo faticosamente raggiunto da Theresa May con l’Unione Europea per garantire al suo paese un’uscita senza l’incubo del “no deal”.

Con la condanna senza appello rappresentata da 344 no e 286 sì, decade in automatico anche l’offerta della UE di far slittare il divorzio al 22 maggio, lasciando il tempo al Regno Unito di siglare rapporti bilaterali. L’ultima data utile è quella del 12 aprile, scadenza entro cui la UK dovrà presentare istanza motivata di rinvio o gettarsi nel vuoto con lo spettro del no deal.

Theresa May, a cui non è bastato neanche offrire le proprie dimissioni per convincere Westminster, ha definito “molto grave” il voto della Camera dei Comuni, ipotizzando la richiesta di un rinvio prolungato e l’eventualità di dover partecipare alle elezioni europee del 26 maggio. La premier, che ha rinfacciato alla Camera di non avere un piano B da proporre in alternativa al suo, che fosse un no deal, una cancellazione dell’articolo 50 o un referendum bis. Al termine del suo intervento, la May ha ribadito che il governo proseguirà nel tentativo di attuare la Brexit, così come richiesto dal risultato referendario del 2016.

Mentre il leader dell’opposizione Jeremy Corbyn ha invocato le dimissioni della premier e nuove elezioni, da Bruxelles rimbalzava la notizia di una convocazione d’urgenza di un consiglio europeo previsto per il 10 aprile: all’ordine del giorno, la questione Brexit.

Articoli correlati
Europa
GB: la dura realtà della Brexit
GB: la dura realtà della Brexit
Crollo di importazioni ed esportazioni, livelli di burocrazia spaventosa e previsioni nefaste per il futuro. Le conseguenze della tanto agognata uscita dalla UE iniziano a farsi sentire, e non sono affatto piacevoli
Addio al Regno Unito
Addio al Regno Unito
La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante
La magia del Natale si posa sulla Brexit
La magia del Natale si posa sulla Brexit
Fonti inglesi ed europee danno per imminente un accordo che sarebbe poi ratificato a gennaio da Strasburgo
Brexit, prove tecniche di confusione
Brexit, prove tecniche di confusione
Lunghe code ai porti di Dover e l’ammonimento di una commissione: il Regno Unito non è pronto, rischiamo il collasso
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il timore di carenza di farmaci e cibo sta scatenando la corsa all’accaparramento: mentre Londra e Bruxelles trattano a oltranza, Downing Street annuncia l’operazione “Capstone”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Malgrado gli sforzi diplomatici, non si sblocca la situazione fra Regno Unito e UE: trattative ad oltranza per tutto il weekend, poi sarà l’inevitabile
Brexit, il costo del fallimento
Brexit, il costo del fallimento
Cosa c’è in gioco se le trattative fra Regno Unito e UE finiranno come ormai sembra assai probabile: con un “no deal” che contenterebbe tutti, gettando nella confusione la vita di milioni di persone