Brexit ultimo atto

| A mezzanotte scatta ufficialmente l置scita del regno Unito dalla UE, sancendo la fine di un rapporto lungo 47 anni. Ma la parte peggiore arriva adesso

+ Miei preferiti
Forse consigliato da suoi collaboratori, perché nella vita non si sa mai, Boris Johnson ha scelto il basso profilo per festeggiare la definitiva uscita della Gran Bretagna dall’odiata UE. Alcuni fari con i colori inglesi, bianco, rosso e blu, illumineranno le facciate degli edifici governativi di Whitehall, mentre il countdown sarà proiettato sui muri del numero di 10 di Downing Street. Al contrario, deciso a far più rumore è Nigel Farage, ideologo dei “Brexiteer”, che ha invitato i fan a unirsi alla “Brexit Celebration”.

In realtà, il 31 gennaio non è una fine, ma l’inizio di un percorso a ostacoli che si prevede durissimo e pieno di insidie, anche interne. Londra dovrà vedersela con lo spirito europeista che ancora continua a battere in Scozia e Galles, oltre ad una parte dell’Irlanda, che resta in Europa. La data del 31 gennaio è puramente formale: gli attuali trattati con il resto dei Paesi UE resteranno in vigore fino alla fine del prossimo dicembre, ma in compenso i rappresentanti del Regno Unito non avranno più diritto ad accedere all’interno delle istituzioni europee.

Secondo alcune indiscrezioni della stampa inglese, BoJo sarebbe intenzionato a proporre un rapporto di libero scambio, sulla scorta di quello stipulato dal Canada, ma a Bruxelles serpeggia il timore che non ci sarà tempo sufficiente per realizzarlo, riaprendo l’ipotesi di una rottura definitiva, questa volta dai toni drammatici e le conseguenze difficili da valutare. Sul tavolo molti altri capitoli spinosi come la sicurezza e la cooperazione fra le forze di polizia e le intelligence, l’istruzione, l’energia.

Alla mezzanotte si oggi si chiude comunque una storia di amore-odio complicata che si trascina da 47 anni: il Regno Unito era entrato nei confini della UE nel 1973, accompagnato da un’economia stagnante e un Pil asfittico, e ne esce quasi mezzo secolo dopo come la quinta economia mondiale, la cui economia si basa fortemente al commercio con l’Europa. In realtà, ricordano tanti storici in queste ore, gli inglesi avevano preteso di entrare senza sposare nulla del resto d’Europa: propria moneta, proprio sistema di misura e la guida a destra. Più che un matrimonio è stata una convivenza difficile.

Europa
Jonhson: prepariamoci al No Deal
Jonhson: prepariamoci al No Deal
L誕nnuncio del premier britannico sembra voler mettere la parola fine alle estenuanti trattative sul dopo Brexit. Ma da Londra e Bruxelles filtra comunque l段dea di poter arrivare ad un compromesso
Brexit, nervi sempre pi tesi
Brexit, nervi sempre pi tesi
Le posizione di Londra e Bruxelles non segnano passi in avanti, e dalle due sponde partono accuse reciproche. A rimetterci di pi, conti alla mano, sarebbe il Regno Unito
Brexit, segnali di distensione
Brexit, segnali di distensione
Una videochiamata fra Boris Johnson e Ursula von der Layen riaccende le speranze di un divorzio non traumatico. Ma andando al sodo tutto ancora da definire, e il tempo stringe
Brexit, la posta in gioco sempre pi alta
Brexit, la posta in gioco  sempre pi alta
Marted prossimo a Bruxelles in programma uno degli ultimi appuntamenti possibili per raggiungere un accordo. Ad averne maggiormente bisogno il Regno Unito, che per continua a fare i capricci
Germania, il vento dell誕ntisemitismo
Germania, il vento dell誕ntisemitismo
Centinaia di episodi, in un preoccupante crescendo di violenza, elencati in un rapporto dettagliato. La preoccupazione del governo e della comunit ebraica
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
Il muro contro muro con Bruxelles e le provocazioni di Boris Johnson stanno preparando il terreno della Brexit ad un clamoroso finale senza accordo. I rischi sono carenza di cibo, medicinali, recessione e isolamento internazionale
Brexit, l置ltimatum di Johnson
Brexit, l置ltimatum di Johnson
Un accordo entro il 15 ottobre, o nessun accordo: BoJo alza la posta e detta il calendario, ma secondo molti sta bluffando, per strappare un段ntesa dell置ltimo minuto da rivendicare come vittoria politica
Brexit, lo strappo della Germania
Brexit, lo strappo della Germania
Nessun passo avanti nelle trattative e un premier che 渡on sa cosa siano, hanno convinto la delegazione tedesca ad abbandonare i tavoli su cui si tenta di arrivare ad un compromesso fra Bruxelles e Londra
Brexit, trattative in stallo
Brexit, trattative in stallo
Durissimo scambio di battute fra Michel Barnier e David Frost, i due capi delegazione della UE e del Regno Unito. Secondo il primo un accordo improbabile, per il secondo ancora possibile
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall置scita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole