Brexit ultimo atto

| A mezzanotte scatta ufficialmente l’uscita del regno Unito dalla UE, sancendo la fine di un rapporto lungo 47 anni. Ma la parte peggiore arriva adesso

+ Miei preferiti
Forse consigliato da suoi collaboratori, perché nella vita non si sa mai, Boris Johnson ha scelto il basso profilo per festeggiare la definitiva uscita della Gran Bretagna dall’odiata UE. Alcuni fari con i colori inglesi, bianco, rosso e blu, illumineranno le facciate degli edifici governativi di Whitehall, mentre il countdown sarà proiettato sui muri del numero di 10 di Downing Street. Al contrario, deciso a far più rumore è Nigel Farage, ideologo dei “Brexiteer”, che ha invitato i fan a unirsi alla “Brexit Celebration”.

In realtà, il 31 gennaio non è una fine, ma l’inizio di un percorso a ostacoli che si prevede durissimo e pieno di insidie, anche interne. Londra dovrà vedersela con lo spirito europeista che ancora continua a battere in Scozia e Galles, oltre ad una parte dell’Irlanda, che resta in Europa. La data del 31 gennaio è puramente formale: gli attuali trattati con il resto dei Paesi UE resteranno in vigore fino alla fine del prossimo dicembre, ma in compenso i rappresentanti del Regno Unito non avranno più diritto ad accedere all’interno delle istituzioni europee.

Secondo alcune indiscrezioni della stampa inglese, BoJo sarebbe intenzionato a proporre un rapporto di libero scambio, sulla scorta di quello stipulato dal Canada, ma a Bruxelles serpeggia il timore che non ci sarà tempo sufficiente per realizzarlo, riaprendo l’ipotesi di una rottura definitiva, questa volta dai toni drammatici e le conseguenze difficili da valutare. Sul tavolo molti altri capitoli spinosi come la sicurezza e la cooperazione fra le forze di polizia e le intelligence, l’istruzione, l’energia.

Alla mezzanotte si oggi si chiude comunque una storia di amore-odio complicata che si trascina da 47 anni: il Regno Unito era entrato nei confini della UE nel 1973, accompagnato da un’economia stagnante e un Pil asfittico, e ne esce quasi mezzo secolo dopo come la quinta economia mondiale, la cui economia si basa fortemente al commercio con l’Europa. In realtà, ricordano tanti storici in queste ore, gli inglesi avevano preteso di entrare senza sposare nulla del resto d’Europa: propria moneta, proprio sistema di misura e la guida a destra. Più che un matrimonio è stata una convivenza difficile.

Europa
GB: la dura realtà della Brexit
GB: la dura realtà della Brexit
Crollo di importazioni ed esportazioni, livelli di burocrazia spaventosa e previsioni nefaste per il futuro. Le conseguenze della tanto agognata uscita dalla UE iniziano a farsi sentire, e non sono affatto piacevoli
Addio al Regno Unito
Addio al Regno Unito
La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante
La magia del Natale si posa sulla Brexit
La magia del Natale si posa sulla Brexit
Fonti inglesi ed europee danno per imminente un accordo che sarebbe poi ratificato a gennaio da Strasburgo
Brexit, prove tecniche di confusione
Brexit, prove tecniche di confusione
Lunghe code ai porti di Dover e l’ammonimento di una commissione: il Regno Unito non è pronto, rischiamo il collasso
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il timore di carenza di farmaci e cibo sta scatenando la corsa all’accaparramento: mentre Londra e Bruxelles trattano a oltranza, Downing Street annuncia l’operazione “Capstone”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Malgrado gli sforzi diplomatici, non si sblocca la situazione fra Regno Unito e UE: trattative ad oltranza per tutto il weekend, poi sarà l’inevitabile
Brexit, il costo del fallimento
Brexit, il costo del fallimento
Cosa c’è in gioco se le trattative fra Regno Unito e UE finiranno come ormai sembra assai probabile: con un “no deal” che contenterebbe tutti, gettando nella confusione la vita di milioni di persone