Brexit ultimo atto

| A mezzanotte scatta ufficialmente l’uscita del regno Unito dalla UE, sancendo la fine di un rapporto lungo 47 anni. Ma la parte peggiore arriva adesso

+ Miei preferiti
Forse consigliato da suoi collaboratori, perché nella vita non si sa mai, Boris Johnson ha scelto il basso profilo per festeggiare la definitiva uscita della Gran Bretagna dall’odiata UE. Alcuni fari con i colori inglesi, bianco, rosso e blu, illumineranno le facciate degli edifici governativi di Whitehall, mentre il countdown sarà proiettato sui muri del numero di 10 di Downing Street. Al contrario, deciso a far più rumore è Nigel Farage, ideologo dei “Brexiteer”, che ha invitato i fan a unirsi alla “Brexit Celebration”.

In realtà, il 31 gennaio non è una fine, ma l’inizio di un percorso a ostacoli che si prevede durissimo e pieno di insidie, anche interne. Londra dovrà vedersela con lo spirito europeista che ancora continua a battere in Scozia e Galles, oltre ad una parte dell’Irlanda, che resta in Europa. La data del 31 gennaio è puramente formale: gli attuali trattati con il resto dei Paesi UE resteranno in vigore fino alla fine del prossimo dicembre, ma in compenso i rappresentanti del Regno Unito non avranno più diritto ad accedere all’interno delle istituzioni europee.

Secondo alcune indiscrezioni della stampa inglese, BoJo sarebbe intenzionato a proporre un rapporto di libero scambio, sulla scorta di quello stipulato dal Canada, ma a Bruxelles serpeggia il timore che non ci sarà tempo sufficiente per realizzarlo, riaprendo l’ipotesi di una rottura definitiva, questa volta dai toni drammatici e le conseguenze difficili da valutare. Sul tavolo molti altri capitoli spinosi come la sicurezza e la cooperazione fra le forze di polizia e le intelligence, l’istruzione, l’energia.

Alla mezzanotte si oggi si chiude comunque una storia di amore-odio complicata che si trascina da 47 anni: il Regno Unito era entrato nei confini della UE nel 1973, accompagnato da un’economia stagnante e un Pil asfittico, e ne esce quasi mezzo secolo dopo come la quinta economia mondiale, la cui economia si basa fortemente al commercio con l’Europa. In realtà, ricordano tanti storici in queste ore, gli inglesi avevano preteso di entrare senza sposare nulla del resto d’Europa: propria moneta, proprio sistema di misura e la guida a destra. Più che un matrimonio è stata una convivenza difficile.

Europa
La città divisa in due dal coronavirus
La città divisa in due dal coronavirus
Uno dei più complicati casi europei: una città belga all’interno dei confini olandesi. Ma se prima della pandemia era un’attrazione turistica, ora il lockdown da una parte le riaperture dall’altra creano non pochi fastidi
Riaperture: il fai da te europeo
Riaperture: il fai da te europeo
L’unico dato comune è il desiderio e il bisogno di riaprire: per il resto, ogni Paese europeo ha varato misure, nome e concessioni diverse
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Dai primi di marzo, migliaia di militari americani stanno sbarcando in Europa per una colossale esercitazione Nato. Il nervosismo del Cremlino e l’indifferenza verso il diffondersi del coronavirus
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Boris Johnson affila le armi: pretende libero accesso ai mercati europei ma non vuole rispettare le regole comunitarie. E minaccia l’uscita senza accordo
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
L’ultimo messaggio arriva dal ministro degli esteri francese, che si aspetta una “battaglia durissima” nelle trattative per stabilire gli accordi. Forti dubbi che tutto sia pronto entro la fine dell’anno
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Aziende e mercati inglesi temono che il Regno Unito arrivi al 31 dicembre prossimo senza un accordo commerciale con l’UE. Le conseguenze economiche sarebbero pesantissime
BoJo alza i toni con Bruxelles
BoJo alza i toni con Bruxelles
Anticipato dai media il contenuto del discorso del premier Johnson previsto per oggi: l’obiettivo è non rispettare gli accordi parziali già presi per minacciare il solito no deal
Effetto Brexit: impossibile conoscere il prezzo di un’auto
Effetto Brexit: impossibile conoscere il prezzo di un’auto
Un automobilista scozzese ha acquistato una Mercedes-Benz scoprendo che il costo finale cambierà in base alle nuove tariffe doganali, che al momento non ci sono
Effetto Brexit, la Gran Bretagna dice addio all’Erasmus
Effetto Brexit, la Gran Bretagna dice addio all’Erasmus
La decisione di Westminster ha suscitato proteste ovunque, a cominciare da quelle degli intellettuali inglesi: una cattiveria nei confronti delle giovani generazioni
Addio all’inglese come lingua della UE?
Addio all’inglese come lingua della UE?
“Se non abbiamo il Regno Unito, non avremo neanche l’inglese”, commentava un’eurodeputata nel 2016. La questione non è così semplice, essendo la lingua più parlata del mondo, ma molto dipende dal futuro dell’UK