Brexit, vacanze più care per gli inglesi

| I primi effetti dell’uscita dalla UE si fanno sentire nelle tasche degli inglesi: il cambio euro-sterlina penalizza la moneta inglese e i prezzi dei soggiorni in Europa sono aumentati

+ Miei preferiti
Brutta sorpresa per i turisti inglesi: le incertezze della Brexit si stanno trasformando nei primi incubi reali. Attualmente, negli aeroporti londinesi di Heathrow e Gatwick, una sterlina inglese viene cambiata con 85 centesimi di euro. È l’amara sorpresa della classe media anglosassone, che proprio in queste settimane è in partenza per le destinazioni mediterranee di Spagna, Italia e Grecia, le più amate mete vacanziere dei sudditi di Sua Maestà.

Sono i primi effetti, ricorda qualcuno, della scellerata scelta di dare retta ai partiti euroscettici nel referendum del 2016, le cui sorti sono passate da qualche giorno nelle mani di Boris Johnson, alle prese con una missione disperata che rischia di affossarlo ancor di più di quanto sia già successo all’ex premier Theresa May.

Uno degli effetti più tangibili è proprio sulle vacanze nel resto d’Europa, che secondo alcuni calcoli costano fino al 15% in più rispetto a prima, a causa del deprezzamento della sterlina. Un effetto che era stato molto marcato all’indomani della Brexit, ma salutato da alcuni economisti come salutare per l’economia britannica. Oggi, rimarca il “Financial Times”, lo sperato aumento delle esportazioni si è afflosciato e in compenso i prezzi dei beni importati sono decisamente più alti di prima. In tanti, da più parti, ammoniscono Boris Johnson, deciso a puntare per un’uscita dalla UE ad ogni costo: andarsene con un “no deal” sarebbe devastante.

Europa
GB: la dura realtà della Brexit
GB: la dura realtà della Brexit
Crollo di importazioni ed esportazioni, livelli di burocrazia spaventosa e previsioni nefaste per il futuro. Le conseguenze della tanto agognata uscita dalla UE iniziano a farsi sentire, e non sono affatto piacevoli
Addio al Regno Unito
Addio al Regno Unito
La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante
La magia del Natale si posa sulla Brexit
La magia del Natale si posa sulla Brexit
Fonti inglesi ed europee danno per imminente un accordo che sarebbe poi ratificato a gennaio da Strasburgo
Brexit, prove tecniche di confusione
Brexit, prove tecniche di confusione
Lunghe code ai porti di Dover e l’ammonimento di una commissione: il Regno Unito non è pronto, rischiamo il collasso
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il timore di carenza di farmaci e cibo sta scatenando la corsa all’accaparramento: mentre Londra e Bruxelles trattano a oltranza, Downing Street annuncia l’operazione “Capstone”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Malgrado gli sforzi diplomatici, non si sblocca la situazione fra Regno Unito e UE: trattative ad oltranza per tutto il weekend, poi sarà l’inevitabile
Brexit, il costo del fallimento
Brexit, il costo del fallimento
Cosa c’è in gioco se le trattative fra Regno Unito e UE finiranno come ormai sembra assai probabile: con un “no deal” che contenterebbe tutti, gettando nella confusione la vita di milioni di persone