Bye bye UK

| Il Regno Unito ha scelto: sarà Brexit. La schiacciante vittoria di Boris Johnson non lascia dubbi sul desiderio degli inglesi di mettersi alle spalle più di tre anni di confusione

+ Miei preferiti
Meglio di così, BoJo non poteva sperare che andasse: 359 seggi su 650, contro i 202 dei Laburisti di Jeremy Corbin. Se questo doveva essere un secondo referendum sulla Brexit, la Gran Bretagna ha dimostrato in modo compatto di voler uscire dall’Europa, esattamente quello che per tre anni e mezzo il resto dei concittadini dell’Unione aveva sperato non accadesse. E a parte il giusto trionfalismo di Johnson, che incassa a nome dei Tories la più schiacciante vittoria dai tempi di Margaret Tatcher , e la testa bassa di Corbyn, che commentando la debacle dei Laburisti annuncia un passo indietro, a questo punto saranno gli scenari europei a cambiare per sempre.

Il primo commento da Bruxelles è lapidario: “Ora è tutto più chiaro, siamo pronti all’addio di Londra”, anche se poi aggiungono che la stagione degli sconti è finita da un pezzo. Ma sarà comunque Brexit, così come promesso da BoJo, che rafforzato nella mente e nel corpo annuncia potrebbe arrivare sotto l’albero ancora prima di Natale. Un’accelerazione che suona come una liberazione per tutti, dopo un pantano in cui il Regno Unito si era infilato con il referendum del 2016: gli inglesi non ne potevano più, e la sensazione è che in molti si siano turati il naso pur di uscirne, in qualche modo.

Sul fronte interno i problemi non sono finiti: restano aperte ferite difficili da sanare come la questione Irlanda e Scozia, fin dall’inizio intenzionati a restare nell’UE e costretti dagli inglesi a subire la Brexit. Dall’altra parte dell’oceano gongola Trump, che con i suoi tweet si infila a gamba tesa nelle questioni europee annunciando strabilianti accordi commerciali, e apprezza anche Salvini, che commenta con “Go Boris” la vittoria dei Tories.

Se tutto questo rappresenti la fine o l’inizio del Regno Unito sarà la storia a dirlo. Gli scenari sociali ed economici che nei mesi scorsi delineavano alcuni rapporti interni lasciavano poco spazio alla fantasia e all’entusiasmo. Ma tant’è: da oggi il canale della Manica è un po’ più profondo.

Articoli correlati
Europa
100 giorni di Brexit
100 giorni di Brexit
Sono soprattutto le aziende che prima esportavano con il mercato europeo a pagare le conseguenze più grandi di un accordo che considerano scellerato. E chiedono al Regno Unito e alla UE di tornare intorno ad un tavolo
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
La prima cittadina al centro di una campagna che oltre a ricordarle le promesse elettorali di una Parigi più verde e pulita, mostrano lo stato di abbandono e sporcizia di quelli che tanti ormai chiamano l’ex Ville Lumière
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il ritorno alla normalità inizia il 12 aprile, per proseguire il 17 maggio e il 21 giugno. Ma Downing Street non abbassa la guardia promettendo test antigeni rapidi per tutti 2 volte alla settimana
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Ben 10 Paesi europei hanno annunciato che rifiuteranno di estradare propri cittadini nel Regno Unito in quanto i trattati sono cambiati. È una delle tante conseguenze della Brexit
Boris Johnson propone i pub solo ai vaccinati
Boris Johnson propone i pub solo ai vaccinati
Un’idea durata solo poche ore, tempo di essere tempestato da insulti e proteste da cittadini, gestori, esercenti e associazioni di categoria. Il Regno Unito anche alle prese con un’aspra battaglia per i vaccini con la UE
La crisi della Gran Bretagna, partner inaffidabile
La crisi della Gran Bretagna, partner inaffidabile
La confusa gestione della pandemia, i continui strappi alle regole della Brexit, le accuse dei Sussex e il caso della giovane uccisa da agente di polizia stanno trascinando l’ex “Cool Britannia” verso la scarsa considerazione internazionale
UE, la rivolta dei vaccini
UE, la rivolta dei vaccini
L’Austria annuncia che non farà più affidamento sulla UE, scegliendo di collaborare con Israele per i vaccini di seconda generazione
L’isola di «Mediterraneo» è covid-free
L’isola di «Mediterraneo» è covid-free
I 1500 abitanti di Kastellorizo sono stati vaccinati: è il primo comune europeo e la decisione fa parte di una strategia del governo per rendere sicuri i luoghi turistici
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Agendo in stretta collaborazione, la polizia in Germania e Belgio hanno messo a segno un sequestro record di cocaina arrivata in Europa via nave, nascosta in due container diversi. Il valore sul mercato è pari a diversi milioni di euro
Due mesi di Brexit
Due mesi di Brexit
Il governo di Boris Johnson sembra minimizzare i problemi di intere categorie a rischio, assicurando che fra 10 anni l’economia del Regno Unito sarà florida. Esperti e addetti ai lavori replicano: fra meno di cinque non esisterà più nulla