Bye bye UK

| Il Regno Unito ha scelto: sarà Brexit. La schiacciante vittoria di Boris Johnson non lascia dubbi sul desiderio degli inglesi di mettersi alle spalle più di tre anni di confusione

+ Miei preferiti
Meglio di così, BoJo non poteva sperare che andasse: 359 seggi su 650, contro i 202 dei Laburisti di Jeremy Corbin. Se questo doveva essere un secondo referendum sulla Brexit, la Gran Bretagna ha dimostrato in modo compatto di voler uscire dall’Europa, esattamente quello che per tre anni e mezzo il resto dei concittadini dell’Unione aveva sperato non accadesse. E a parte il giusto trionfalismo di Johnson, che incassa a nome dei Tories la più schiacciante vittoria dai tempi di Margaret Tatcher , e la testa bassa di Corbyn, che commentando la debacle dei Laburisti annuncia un passo indietro, a questo punto saranno gli scenari europei a cambiare per sempre.

Il primo commento da Bruxelles è lapidario: “Ora è tutto più chiaro, siamo pronti all’addio di Londra”, anche se poi aggiungono che la stagione degli sconti è finita da un pezzo. Ma sarà comunque Brexit, così come promesso da BoJo, che rafforzato nella mente e nel corpo annuncia potrebbe arrivare sotto l’albero ancora prima di Natale. Un’accelerazione che suona come una liberazione per tutti, dopo un pantano in cui il Regno Unito si era infilato con il referendum del 2016: gli inglesi non ne potevano più, e la sensazione è che in molti si siano turati il naso pur di uscirne, in qualche modo.

Sul fronte interno i problemi non sono finiti: restano aperte ferite difficili da sanare come la questione Irlanda e Scozia, fin dall’inizio intenzionati a restare nell’UE e costretti dagli inglesi a subire la Brexit. Dall’altra parte dell’oceano gongola Trump, che con i suoi tweet si infila a gamba tesa nelle questioni europee annunciando strabilianti accordi commerciali, e apprezza anche Salvini, che commenta con “Go Boris” la vittoria dei Tories.

Se tutto questo rappresenti la fine o l’inizio del Regno Unito sarà la storia a dirlo. Gli scenari sociali ed economici che nei mesi scorsi delineavano alcuni rapporti interni lasciavano poco spazio alla fantasia e all’entusiasmo. Ma tant’è: da oggi il canale della Manica è un po’ più profondo.

Articoli correlati
Europa
Jonhson: prepariamoci al No Deal
Jonhson: prepariamoci al No Deal
L’annuncio del premier britannico sembra voler mettere la parola fine alle estenuanti trattative sul dopo Brexit. Ma da Londra e Bruxelles filtra comunque l’idea di poter arrivare ad un compromesso
Brexit, nervi sempre più tesi
Brexit, nervi sempre più tesi
Le posizione di Londra e Bruxelles non segnano passi in avanti, e dalle due sponde partono accuse reciproche. A rimetterci di più, conti alla mano, sarebbe il Regno Unito
Brexit, segnali di distensione
Brexit, segnali di distensione
Una videochiamata fra Boris Johnson e Ursula von der Layen riaccende le speranze di un divorzio non traumatico. Ma andando al sodo tutto è ancora da definire, e il tempo stringe
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Martedì prossimo a Bruxelles è in programma uno degli ultimi appuntamenti possibili per raggiungere un accordo. Ad averne maggiormente bisogno è il Regno Unito, che però continua a fare i capricci
Germania, il vento dell’antisemitismo
Germania, il vento dell’antisemitismo
Centinaia di episodi, in un preoccupante crescendo di violenza, elencati in un rapporto dettagliato. La preoccupazione del governo e della comunità ebraica
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
Il muro contro muro con Bruxelles e le provocazioni di Boris Johnson stanno preparando il terreno della Brexit ad un clamoroso finale senza accordo. I rischi sono carenza di cibo, medicinali, recessione e isolamento internazionale
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Un accordo entro il 15 ottobre, o nessun accordo: BoJo alza la posta e detta il calendario, ma secondo molti sta bluffando, per strappare un’intesa dell’ultimo minuto da rivendicare come vittoria politica
Brexit, lo strappo della Germania
Brexit, lo strappo della Germania
Nessun passo avanti nelle trattative e un premier che “non sa cosa siano”, hanno convinto la delegazione tedesca ad abbandonare i tavoli su cui si tenta di arrivare ad un compromesso fra Bruxelles e Londra
Brexit, trattative in stallo
Brexit, trattative in stallo
Durissimo scambio di battute fra Michel Barnier e David Frost, i due capi delegazione della UE e del Regno Unito. Secondo il primo un accordo è improbabile, per il secondo è ancora possibile
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole