Bye bye UK

| Il Regno Unito ha scelto: sarà Brexit. La schiacciante vittoria di Boris Johnson non lascia dubbi sul desiderio degli inglesi di mettersi alle spalle più di tre anni di confusione

+ Miei preferiti
Meglio di così, BoJo non poteva sperare che andasse: 359 seggi su 650, contro i 202 dei Laburisti di Jeremy Corbin. Se questo doveva essere un secondo referendum sulla Brexit, la Gran Bretagna ha dimostrato in modo compatto di voler uscire dall’Europa, esattamente quello che per tre anni e mezzo il resto dei concittadini dell’Unione aveva sperato non accadesse. E a parte il giusto trionfalismo di Johnson, che incassa a nome dei Tories la più schiacciante vittoria dai tempi di Margaret Tatcher , e la testa bassa di Corbyn, che commentando la debacle dei Laburisti annuncia un passo indietro, a questo punto saranno gli scenari europei a cambiare per sempre.

Il primo commento da Bruxelles è lapidario: “Ora è tutto più chiaro, siamo pronti all’addio di Londra”, anche se poi aggiungono che la stagione degli sconti è finita da un pezzo. Ma sarà comunque Brexit, così come promesso da BoJo, che rafforzato nella mente e nel corpo annuncia potrebbe arrivare sotto l’albero ancora prima di Natale. Un’accelerazione che suona come una liberazione per tutti, dopo un pantano in cui il Regno Unito si era infilato con il referendum del 2016: gli inglesi non ne potevano più, e la sensazione è che in molti si siano turati il naso pur di uscirne, in qualche modo.

Sul fronte interno i problemi non sono finiti: restano aperte ferite difficili da sanare come la questione Irlanda e Scozia, fin dall’inizio intenzionati a restare nell’UE e costretti dagli inglesi a subire la Brexit. Dall’altra parte dell’oceano gongola Trump, che con i suoi tweet si infila a gamba tesa nelle questioni europee annunciando strabilianti accordi commerciali, e apprezza anche Salvini, che commenta con “Go Boris” la vittoria dei Tories.

Se tutto questo rappresenti la fine o l’inizio del Regno Unito sarà la storia a dirlo. Gli scenari sociali ed economici che nei mesi scorsi delineavano alcuni rapporti interni lasciavano poco spazio alla fantasia e all’entusiasmo. Ma tant’è: da oggi il canale della Manica è un po’ più profondo.

Articoli correlati
Europa
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Gli equilibri mondiali dopo Covid-19 sono cambiati, e si teme possano mutare nei prossimi mesi. Johnson di fronte ad un bivio: tenere la mano ferma con l’UE, ma rischiare di trascinare il Paese in un'altra crisi dopo la pandemia
La città divisa in due dal coronavirus
La città divisa in due dal coronavirus
Uno dei più complicati casi europei: una città belga all’interno dei confini olandesi. Ma se prima della pandemia era un’attrazione turistica, ora il lockdown da una parte le riaperture dall’altra creano non pochi fastidi
Riaperture: il fai da te europeo
Riaperture: il fai da te europeo
L’unico dato comune è il desiderio e il bisogno di riaprire: per il resto, ogni Paese europeo ha varato misure, nome e concessioni diverse
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Dai primi di marzo, migliaia di militari americani stanno sbarcando in Europa per una colossale esercitazione Nato. Il nervosismo del Cremlino e l’indifferenza verso il diffondersi del coronavirus
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Boris Johnson affila le armi: pretende libero accesso ai mercati europei ma non vuole rispettare le regole comunitarie. E minaccia l’uscita senza accordo
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
L’ultimo messaggio arriva dal ministro degli esteri francese, che si aspetta una “battaglia durissima” nelle trattative per stabilire gli accordi. Forti dubbi che tutto sia pronto entro la fine dell’anno
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Aziende e mercati inglesi temono che il Regno Unito arrivi al 31 dicembre prossimo senza un accordo commerciale con l’UE. Le conseguenze economiche sarebbero pesantissime
BoJo alza i toni con Bruxelles
BoJo alza i toni con Bruxelles
Anticipato dai media il contenuto del discorso del premier Johnson previsto per oggi: l’obiettivo è non rispettare gli accordi parziali già presi per minacciare il solito no deal
Brexit ultimo atto
Brexit ultimo atto
A mezzanotte scatta ufficialmente l’uscita del regno Unito dalla UE, sancendo la fine di un rapporto lungo 47 anni. Ma la parte peggiore arriva adesso