Bye bye UK

| Il Regno Unito ha scelto: sarà Brexit. La schiacciante vittoria di Boris Johnson non lascia dubbi sul desiderio degli inglesi di mettersi alle spalle più di tre anni di confusione

+ Miei preferiti
Meglio di così, BoJo non poteva sperare che andasse: 359 seggi su 650, contro i 202 dei Laburisti di Jeremy Corbin. Se questo doveva essere un secondo referendum sulla Brexit, la Gran Bretagna ha dimostrato in modo compatto di voler uscire dall’Europa, esattamente quello che per tre anni e mezzo il resto dei concittadini dell’Unione aveva sperato non accadesse. E a parte il giusto trionfalismo di Johnson, che incassa a nome dei Tories la più schiacciante vittoria dai tempi di Margaret Tatcher , e la testa bassa di Corbyn, che commentando la debacle dei Laburisti annuncia un passo indietro, a questo punto saranno gli scenari europei a cambiare per sempre.

Il primo commento da Bruxelles è lapidario: “Ora è tutto più chiaro, siamo pronti all’addio di Londra”, anche se poi aggiungono che la stagione degli sconti è finita da un pezzo. Ma sarà comunque Brexit, così come promesso da BoJo, che rafforzato nella mente e nel corpo annuncia potrebbe arrivare sotto l’albero ancora prima di Natale. Un’accelerazione che suona come una liberazione per tutti, dopo un pantano in cui il Regno Unito si era infilato con il referendum del 2016: gli inglesi non ne potevano più, e la sensazione è che in molti si siano turati il naso pur di uscirne, in qualche modo.

Sul fronte interno i problemi non sono finiti: restano aperte ferite difficili da sanare come la questione Irlanda e Scozia, fin dall’inizio intenzionati a restare nell’UE e costretti dagli inglesi a subire la Brexit. Dall’altra parte dell’oceano gongola Trump, che con i suoi tweet si infila a gamba tesa nelle questioni europee annunciando strabilianti accordi commerciali, e apprezza anche Salvini, che commenta con “Go Boris” la vittoria dei Tories.

Se tutto questo rappresenti la fine o l’inizio del Regno Unito sarà la storia a dirlo. Gli scenari sociali ed economici che nei mesi scorsi delineavano alcuni rapporti interni lasciavano poco spazio alla fantasia e all’entusiasmo. Ma tant’è: da oggi il canale della Manica è un po’ più profondo.

Articoli correlati
Europa
Biden avverte Putin: gli dirò quello che voglio tenga a mente
Biden avverte Putin: gli dirò quello che voglio tenga a mente
L’obiettivo della prima trasferta oltreoceano è rinsaldare i legami atlantici con gli alleati europei, e avvisare il capo del Cremlino: vogliamo esservi amici, ma non esagerate o ne ci saranno conseguenze pesanti
La pandemia e il fascino del potere assoluto
La pandemia e il fascino del potere assoluto
I leader europei hanno conquistato una maggiore autorità decisionale durante la lunga emergenza sanitaria. E pochi hanno “piani di uscita” per restituirla
Chernobyl torna a fare paura
Chernobyl torna a fare paura
Secondo alcuni scienziati il reattore numero 4 esploso nel 1986 darebbe segni di risveglio. Si teme un nuovo disastro
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
La decisione sembra presa: in un punto ancora non meglio precisato dalla città olandese nascerà una sorta di parco di divertimenti per adulti
Al via i lavori per il Green Pass europeo
Al via i lavori per il Green Pass europeo
La speranza è che tutto proceda in modo spedito, anche se ogni Paese membro ha diritto di stabilire le proprie regole di ingresso, e la UE non ha alcun potere in materia
A giugno la missione europea di Biden
A giugno la missione europea di Biden
Nel suo primo viaggio estero da presidente, affronterà tre diversi summit: il G7 nel Regno Unito, poi due incontri a Bruxelles, il primo sulla Nato, il secondo per rinsaldare i rapporti fra Stati Uniti ed Europa
100 giorni di Brexit
100 giorni di Brexit
Sono soprattutto le aziende che prima esportavano con il mercato europeo a pagare le conseguenze più grandi di un accordo che considerano scellerato. E chiedono al Regno Unito e alla UE di tornare intorno ad un tavolo
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
La prima cittadina al centro di una campagna che oltre a ricordarle le promesse elettorali di una Parigi più verde e pulita, mostrano lo stato di abbandono e sporcizia di quelli che tanti ormai chiamano l’ex Ville Lumière
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il ritorno alla normalità inizia il 12 aprile, per proseguire il 17 maggio e il 21 giugno. Ma Downing Street non abbassa la guardia promettendo test antigeni rapidi per tutti 2 volte alla settimana
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Ben 10 Paesi europei hanno annunciato che rifiuteranno di estradare propri cittadini nel Regno Unito in quanto i trattati sono cambiati. È una delle tante conseguenze della Brexit