Caccia alla spia venuta dal freddo

| Il più importante agente della Cia a Mosca, fondamentale per ricostruire le presidenziali del 2016, sarebbe stato "bruciato" dai Trump. Lui è ora negli USA, in "pericolo di vita"

+ Miei preferiti

Oleg Smolenkov, la presunta talpa dela Cia al Cremlino, che gli Usa fecero uscire dalla Russia nel 2017 per motivi di sicurezza, potrebbe essere stato “bruciato“ da Trump e ora la sua vita sarebbe in pericolo, secondo la Cnn. Tutta colpa di alcune dichiarazioni avventate del presidente di cui non si conosce però il contenuto. Addestrato dalla Cia, Smolenkov aveva scalato rapidamente i ranghi governativi, ed era diventato molto influente a livelli altissimi del Cremlino: e quando gli Stati Uniti iniziarono a sospettare delle ingerenze russe nelle elezioni presidenziali del 2016, quelle poi vinte da Donald Trump, “era diventato uno degli uomini più importanti e protetti dall’agenzia; ma anche uno dei più a rischio”, scrive il Corsera con fonte CNN. 

Smolenkov  era un collaboratore del consigliere di Putin per la politica estera Iuri Ushakov, dai tempi in cui questi era ambasciatore della Russia negli Stati Uniti. Di Smolenkov si sarebbero perse le tracce dopo una vacanza in Montenegro con la famiglia, In realtà era stato preso in carico dalla Cia e trasferito in una località segreta degli States. C’è un collegamento diretto con il caso di Serghi Slripal, l’ex spia russa avvelenata con il gas nervino in Inghilterra nel marzo scorso.. L’allora  direttore della Cia, John O. Brennan, le teneva fuori dal brief quotidiano del presidente Obama, al quale le inviava invece in speciali buste separate, sigillate. L’informatore, rivela il New York Times,era stato fondamentale nel dimostrare che il presidente Putin l’avesse ordinata e orchestrata lui stesso. Il quotidiano americano lo definisce «il miglior accesso al pensiero e agli ordini di Putin, e fonte chiave nella valutazione della Cia che Putin abbia operato in favore di Trump e ordinato personalmente l’hackeraggio del Democratic National Committee». L’informatore lo frequentava regolarmente e aveva accesso a informazioni di altissimo livello.

Nel 2017, “i rischi per Smolenkov erano diventati più alti”, scrive il New York Times. Inoltre Trump, in un meeting nello Studio Ovale con il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov più volte lui e il suo staff avevano trattato informazioni riservate con “grande leggerezza”. di questo tipo, anche se non direttamente sulla spia in questione.  Altre fonti non confermano che l’«estrazione» di Smolenkov fosse dovuta a imperizia del Presidente. Smolenkov non voleva lasciare Mosca. Farlo fuggire sarebbe costata una somma “ingente”.

Europa
Jonhson: prepariamoci al No Deal
Jonhson: prepariamoci al No Deal
L’annuncio del premier britannico sembra voler mettere la parola fine alle estenuanti trattative sul dopo Brexit. Ma da Londra e Bruxelles filtra comunque l’idea di poter arrivare ad un compromesso
Brexit, nervi sempre più tesi
Brexit, nervi sempre più tesi
Le posizione di Londra e Bruxelles non segnano passi in avanti, e dalle due sponde partono accuse reciproche. A rimetterci di più, conti alla mano, sarebbe il Regno Unito
Brexit, segnali di distensione
Brexit, segnali di distensione
Una videochiamata fra Boris Johnson e Ursula von der Layen riaccende le speranze di un divorzio non traumatico. Ma andando al sodo tutto è ancora da definire, e il tempo stringe
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Martedì prossimo a Bruxelles è in programma uno degli ultimi appuntamenti possibili per raggiungere un accordo. Ad averne maggiormente bisogno è il Regno Unito, che però continua a fare i capricci
Germania, il vento dell’antisemitismo
Germania, il vento dell’antisemitismo
Centinaia di episodi, in un preoccupante crescendo di violenza, elencati in un rapporto dettagliato. La preoccupazione del governo e della comunità ebraica
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
Il muro contro muro con Bruxelles e le provocazioni di Boris Johnson stanno preparando il terreno della Brexit ad un clamoroso finale senza accordo. I rischi sono carenza di cibo, medicinali, recessione e isolamento internazionale
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Un accordo entro il 15 ottobre, o nessun accordo: BoJo alza la posta e detta il calendario, ma secondo molti sta bluffando, per strappare un’intesa dell’ultimo minuto da rivendicare come vittoria politica
Brexit, lo strappo della Germania
Brexit, lo strappo della Germania
Nessun passo avanti nelle trattative e un premier che “non sa cosa siano”, hanno convinto la delegazione tedesca ad abbandonare i tavoli su cui si tenta di arrivare ad un compromesso fra Bruxelles e Londra
Brexit, trattative in stallo
Brexit, trattative in stallo
Durissimo scambio di battute fra Michel Barnier e David Frost, i due capi delegazione della UE e del Regno Unito. Secondo il primo un accordo è improbabile, per il secondo è ancora possibile
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole