Caccia alla spia venuta dal freddo

| Il più importante agente della Cia a Mosca, fondamentale per ricostruire le presidenziali del 2016, sarebbe stato "bruciato" dai Trump. Lui è ora negli USA, in "pericolo di vita"

+ Miei preferiti

Oleg Smolenkov, la presunta talpa dela Cia al Cremlino, che gli Usa fecero uscire dalla Russia nel 2017 per motivi di sicurezza, potrebbe essere stato “bruciato“ da Trump e ora la sua vita sarebbe in pericolo, secondo la Cnn. Tutta colpa di alcune dichiarazioni avventate del presidente di cui non si conosce però il contenuto. Addestrato dalla Cia, Smolenkov aveva scalato rapidamente i ranghi governativi, ed era diventato molto influente a livelli altissimi del Cremlino: e quando gli Stati Uniti iniziarono a sospettare delle ingerenze russe nelle elezioni presidenziali del 2016, quelle poi vinte da Donald Trump, “era diventato uno degli uomini più importanti e protetti dall’agenzia; ma anche uno dei più a rischio”, scrive il Corsera con fonte CNN. 

Smolenkov  era un collaboratore del consigliere di Putin per la politica estera Iuri Ushakov, dai tempi in cui questi era ambasciatore della Russia negli Stati Uniti. Di Smolenkov si sarebbero perse le tracce dopo una vacanza in Montenegro con la famiglia, In realtà era stato preso in carico dalla Cia e trasferito in una località segreta degli States. C’è un collegamento diretto con il caso di Serghi Slripal, l’ex spia russa avvelenata con il gas nervino in Inghilterra nel marzo scorso.. L’allora  direttore della Cia, John O. Brennan, le teneva fuori dal brief quotidiano del presidente Obama, al quale le inviava invece in speciali buste separate, sigillate. L’informatore, rivela il New York Times,era stato fondamentale nel dimostrare che il presidente Putin l’avesse ordinata e orchestrata lui stesso. Il quotidiano americano lo definisce «il miglior accesso al pensiero e agli ordini di Putin, e fonte chiave nella valutazione della Cia che Putin abbia operato in favore di Trump e ordinato personalmente l’hackeraggio del Democratic National Committee». L’informatore lo frequentava regolarmente e aveva accesso a informazioni di altissimo livello.

Nel 2017, “i rischi per Smolenkov erano diventati più alti”, scrive il New York Times. Inoltre Trump, in un meeting nello Studio Ovale con il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov più volte lui e il suo staff avevano trattato informazioni riservate con “grande leggerezza”. di questo tipo, anche se non direttamente sulla spia in questione.  Altre fonti non confermano che l’«estrazione» di Smolenkov fosse dovuta a imperizia del Presidente. Smolenkov non voleva lasciare Mosca. Farlo fuggire sarebbe costata una somma “ingente”.

Europa
Biden avverte Putin: gli dirò quello che voglio tenga a mente
Biden avverte Putin: gli dirò quello che voglio tenga a mente
L’obiettivo della prima trasferta oltreoceano è rinsaldare i legami atlantici con gli alleati europei, e avvisare il capo del Cremlino: vogliamo esservi amici, ma non esagerate o ne ci saranno conseguenze pesanti
La pandemia e il fascino del potere assoluto
La pandemia e il fascino del potere assoluto
I leader europei hanno conquistato una maggiore autorità decisionale durante la lunga emergenza sanitaria. E pochi hanno “piani di uscita” per restituirla
Chernobyl torna a fare paura
Chernobyl torna a fare paura
Secondo alcuni scienziati il reattore numero 4 esploso nel 1986 darebbe segni di risveglio. Si teme un nuovo disastro
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
La decisione sembra presa: in un punto ancora non meglio precisato dalla città olandese nascerà una sorta di parco di divertimenti per adulti
Al via i lavori per il Green Pass europeo
Al via i lavori per il Green Pass europeo
La speranza è che tutto proceda in modo spedito, anche se ogni Paese membro ha diritto di stabilire le proprie regole di ingresso, e la UE non ha alcun potere in materia
A giugno la missione europea di Biden
A giugno la missione europea di Biden
Nel suo primo viaggio estero da presidente, affronterà tre diversi summit: il G7 nel Regno Unito, poi due incontri a Bruxelles, il primo sulla Nato, il secondo per rinsaldare i rapporti fra Stati Uniti ed Europa
100 giorni di Brexit
100 giorni di Brexit
Sono soprattutto le aziende che prima esportavano con il mercato europeo a pagare le conseguenze più grandi di un accordo che considerano scellerato. E chiedono al Regno Unito e alla UE di tornare intorno ad un tavolo
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
La prima cittadina al centro di una campagna che oltre a ricordarle le promesse elettorali di una Parigi più verde e pulita, mostrano lo stato di abbandono e sporcizia di quelli che tanti ormai chiamano l’ex Ville Lumière
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il ritorno alla normalità inizia il 12 aprile, per proseguire il 17 maggio e il 21 giugno. Ma Downing Street non abbassa la guardia promettendo test antigeni rapidi per tutti 2 volte alla settimana
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Ben 10 Paesi europei hanno annunciato che rifiuteranno di estradare propri cittadini nel Regno Unito in quanto i trattati sono cambiati. È una delle tante conseguenze della Brexit