Caccia alla spia venuta dal freddo

| Il più importante agente della Cia a Mosca, fondamentale per ricostruire le presidenziali del 2016, sarebbe stato "bruciato" dai Trump. Lui è ora negli USA, in "pericolo di vita"

+ Miei preferiti

Oleg Smolenkov, la presunta talpa dela Cia al Cremlino, che gli Usa fecero uscire dalla Russia nel 2017 per motivi di sicurezza, potrebbe essere stato “bruciato“ da Trump e ora la sua vita sarebbe in pericolo, secondo la Cnn. Tutta colpa di alcune dichiarazioni avventate del presidente di cui non si conosce però il contenuto. Addestrato dalla Cia, Smolenkov aveva scalato rapidamente i ranghi governativi, ed era diventato molto influente a livelli altissimi del Cremlino: e quando gli Stati Uniti iniziarono a sospettare delle ingerenze russe nelle elezioni presidenziali del 2016, quelle poi vinte da Donald Trump, “era diventato uno degli uomini più importanti e protetti dall’agenzia; ma anche uno dei più a rischio”, scrive il Corsera con fonte CNN. 

Smolenkov  era un collaboratore del consigliere di Putin per la politica estera Iuri Ushakov, dai tempi in cui questi era ambasciatore della Russia negli Stati Uniti. Di Smolenkov si sarebbero perse le tracce dopo una vacanza in Montenegro con la famiglia, In realtà era stato preso in carico dalla Cia e trasferito in una località segreta degli States. C’è un collegamento diretto con il caso di Serghi Slripal, l’ex spia russa avvelenata con il gas nervino in Inghilterra nel marzo scorso.. L’allora  direttore della Cia, John O. Brennan, le teneva fuori dal brief quotidiano del presidente Obama, al quale le inviava invece in speciali buste separate, sigillate. L’informatore, rivela il New York Times,era stato fondamentale nel dimostrare che il presidente Putin l’avesse ordinata e orchestrata lui stesso. Il quotidiano americano lo definisce «il miglior accesso al pensiero e agli ordini di Putin, e fonte chiave nella valutazione della Cia che Putin abbia operato in favore di Trump e ordinato personalmente l’hackeraggio del Democratic National Committee». L’informatore lo frequentava regolarmente e aveva accesso a informazioni di altissimo livello.

Nel 2017, “i rischi per Smolenkov erano diventati più alti”, scrive il New York Times. Inoltre Trump, in un meeting nello Studio Ovale con il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov più volte lui e il suo staff avevano trattato informazioni riservate con “grande leggerezza”. di questo tipo, anche se non direttamente sulla spia in questione.  Altre fonti non confermano che l’«estrazione» di Smolenkov fosse dovuta a imperizia del Presidente. Smolenkov non voleva lasciare Mosca. Farlo fuggire sarebbe costata una somma “ingente”.

Europa
Dunkerque, il terminale dei disperati di tutto il mondo
Dunkerque, il terminale dei disperati di tutto il mondo
La polizia francese sgombera i campi dei rifugiati medio-orientali che cercano di raggiungere con ogni mezzo l'Inghilterra. In aumento gli attraversamenti illegali del Canale. Donne e bambini i più esposti ai pericoli
Un disastro chiamato Brexit
Un disastro chiamato Brexit
Tutto è ancora possibile, ripetono gli analisti politici: a quasi quattro anni dal referendum sull’uscita dalla UE, la Gran Bretagna è sempre più nel caos
Brexit, operazione martello giallo
Brexit, operazione martello giallo
Un rapporto confidenziale governativo svelato da un quotidiano inglese svela lo scenario apocalittico a cui va incontro la Gran Bretagna in caso di “No deal”
Esplode Skyfall, l'Armageddon di Putin
Esplode Skyfall, l
Durante un test il missile nucleare con autonomia illimitata è esploso. Le radiazioni avvertite sino in Norvegia: 40 morti nell'incendio del sottomarino nucleare più letale del mondo
Trump: mi compro la Groenlandia
Trump: mi compro la Groenlandia
Secca replica dei danesi: "Non siamo in un film comico". Ma il governo apre a investimenti USA
L'arcivescovo di Cracovia contro i gay
L
Parole pensatissime, che paragonano la comunità LGBT ad un’epidemia di peste peggiore di comunismo e nazismo messi insieme
Svezia, troppo sexy per salire sul bus
Svezia, troppo sexy per salire sul bus
Ha tentato di salire su un autobus vestita con pantaloncini e top, ma l’autista gliel’ha impedito. L’episodio è diventato un caso politico che da giorni occupa i giornali
Brexit, vacanze più care per gli inglesi
Brexit, vacanze più care per gli inglesi
I primi effetti dell’uscita dalla UE si fanno sentire nelle tasche degli inglesi: il cambio euro-sterlina penalizza la moneta inglese e i prezzi dei soggiorni in Europa sono aumentati
Assange presto estradato in USA
Assange presto estradato in USA
Ma la Gran Bretagna vuole garanzia che non sia condannato a morte, rischia per 18 capi d'accusa quasi 200 anni di carcere
Il declino di Tsipras
Il declino di Tsipras
L’uomo che ha guidato la Grecia attraverso la peggiore crisi della propria storia sconfitto alle elezioni: al suo posto Kyriakos Mitsotakis, che promette un rilancio del paese