Caccia alla spia venuta dal freddo

| Il più importante agente della Cia a Mosca, fondamentale per ricostruire le presidenziali del 2016, sarebbe stato "bruciato" dai Trump. Lui è ora negli USA, in "pericolo di vita"

+ Miei preferiti

Oleg Smolenkov, la presunta talpa dela Cia al Cremlino, che gli Usa fecero uscire dalla Russia nel 2017 per motivi di sicurezza, potrebbe essere stato “bruciato“ da Trump e ora la sua vita sarebbe in pericolo, secondo la Cnn. Tutta colpa di alcune dichiarazioni avventate del presidente di cui non si conosce però il contenuto. Addestrato dalla Cia, Smolenkov aveva scalato rapidamente i ranghi governativi, ed era diventato molto influente a livelli altissimi del Cremlino: e quando gli Stati Uniti iniziarono a sospettare delle ingerenze russe nelle elezioni presidenziali del 2016, quelle poi vinte da Donald Trump, “era diventato uno degli uomini più importanti e protetti dall’agenzia; ma anche uno dei più a rischio”, scrive il Corsera con fonte CNN. 

Smolenkov  era un collaboratore del consigliere di Putin per la politica estera Iuri Ushakov, dai tempi in cui questi era ambasciatore della Russia negli Stati Uniti. Di Smolenkov si sarebbero perse le tracce dopo una vacanza in Montenegro con la famiglia, In realtà era stato preso in carico dalla Cia e trasferito in una località segreta degli States. C’è un collegamento diretto con il caso di Serghi Slripal, l’ex spia russa avvelenata con il gas nervino in Inghilterra nel marzo scorso.. L’allora  direttore della Cia, John O. Brennan, le teneva fuori dal brief quotidiano del presidente Obama, al quale le inviava invece in speciali buste separate, sigillate. L’informatore, rivela il New York Times,era stato fondamentale nel dimostrare che il presidente Putin l’avesse ordinata e orchestrata lui stesso. Il quotidiano americano lo definisce «il miglior accesso al pensiero e agli ordini di Putin, e fonte chiave nella valutazione della Cia che Putin abbia operato in favore di Trump e ordinato personalmente l’hackeraggio del Democratic National Committee». L’informatore lo frequentava regolarmente e aveva accesso a informazioni di altissimo livello.

Nel 2017, “i rischi per Smolenkov erano diventati più alti”, scrive il New York Times. Inoltre Trump, in un meeting nello Studio Ovale con il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov più volte lui e il suo staff avevano trattato informazioni riservate con “grande leggerezza”. di questo tipo, anche se non direttamente sulla spia in questione.  Altre fonti non confermano che l’«estrazione» di Smolenkov fosse dovuta a imperizia del Presidente. Smolenkov non voleva lasciare Mosca. Farlo fuggire sarebbe costata una somma “ingente”.

Europa
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
La prima cittadina al centro di una campagna che oltre a ricordarle le promesse elettorali di una Parigi più verde e pulita, mostrano lo stato di abbandono e sporcizia di quelli che tanti ormai chiamano l’ex Ville Lumière
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il ritorno alla normalità inizia il 12 aprile, per proseguire il 17 maggio e il 21 giugno. Ma Downing Street non abbassa la guardia promettendo test antigeni rapidi per tutti 2 volte alla settimana
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Ben 10 Paesi europei hanno annunciato che rifiuteranno di estradare propri cittadini nel Regno Unito in quanto i trattati sono cambiati. È una delle tante conseguenze della Brexit
Boris Johnson propone i pub solo ai vaccinati
Boris Johnson propone i pub solo ai vaccinati
Un’idea durata solo poche ore, tempo di essere tempestato da insulti e proteste da cittadini, gestori, esercenti e associazioni di categoria. Il Regno Unito anche alle prese con un’aspra battaglia per i vaccini con la UE
La crisi della Gran Bretagna, partner inaffidabile
La crisi della Gran Bretagna, partner inaffidabile
La confusa gestione della pandemia, i continui strappi alle regole della Brexit, le accuse dei Sussex e il caso della giovane uccisa da agente di polizia stanno trascinando l’ex “Cool Britannia” verso la scarsa considerazione internazionale
UE, la rivolta dei vaccini
UE, la rivolta dei vaccini
L’Austria annuncia che non farà più affidamento sulla UE, scegliendo di collaborare con Israele per i vaccini di seconda generazione
L’isola di «Mediterraneo» è covid-free
L’isola di «Mediterraneo» è covid-free
I 1500 abitanti di Kastellorizo sono stati vaccinati: è il primo comune europeo e la decisione fa parte di una strategia del governo per rendere sicuri i luoghi turistici
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Agendo in stretta collaborazione, la polizia in Germania e Belgio hanno messo a segno un sequestro record di cocaina arrivata in Europa via nave, nascosta in due container diversi. Il valore sul mercato è pari a diversi milioni di euro
Due mesi di Brexit
Due mesi di Brexit
Il governo di Boris Johnson sembra minimizzare i problemi di intere categorie a rischio, assicurando che fra 10 anni l’economia del Regno Unito sarà florida. Esperti e addetti ai lavori replicano: fra meno di cinque non esisterà più nulla
Bruxelles, Londra e la guerra dei vaccini
Bruxelles, Londra e la guerra dei vaccini
La UE ha chiesto una perquisizione dei sito produttivo AstraZeneca per capire se i ritardi siano dovuti a problemi interni o se invece più dosi del previsto siano state inviate oltremanica