"Come riconoscere un ebreo"

| In Polonia e in Europa torna l'antisemitismo. Un giornale polacco ha diffuso un servizio in cui si spiega come individuare un Ebreo "grazie a nome, aspetto, modo di fare....". Proteste e timori

+ Miei preferiti
Come ai tempi del Volkischer Beobachter, il giornale nazista anti-semita diretto dal criminale nazista Julius Streicher, poi impiccato a Norimberga. Decenni dopo si torna agli stessi pregiudizi, allo stesso razzismo. La notizia, che riaccende i timori di una ripresa dell’antisemitismo in Polonia e in Europa, viene riportata dall’Agenzia telegrafica ebraica (Jta). Il quotidiano Tylko Polska (Solo Polonia) è pubblicato da Leszlek Bubl, un politico nazionalista e cantante, di cui si ricorda una canzone su «fanatici» rabbini e ha messo in rilievo in prima pagina un articolo che spiega «come riconoscere un ebreo», grazie a «nome, caratteristiche antropologiche, espressioni, aspetto, tratti caratteriali, metodi operativi» e «attività di disinformazione». A denunciare il carattere chiaramente antisemita dell’articolo è stato un deputato conservatore polacco, Michal Kaminski, che ha protestato contro la presenza del giornale nella mazzetta messa disposizione dei parlamentari. L’ufficio informazione del Sejm, il parlamento di Varsavia, ha risposto che chiederà di escludere il quotidiano dai media offerti ai deputati.. Nello stesso numero del giornale compare anche un articolo intitolato: «Attacco alla Polonia ad una conferenza a Parigi». Nel testo si parla di una conferenza sull’Olocausto dove, secondo i nazionalisti di Varsavia, gli interventi erano tutti «anti polacchi». C’è anche una foto di Jan Gross, un professore ebreo polacco dell’università di Princeton i cui studi sulle complicità dei polacchi nel genocidio nazista degli ebrei sono stati spesso oggetto di attacchi nazionalisti.
 
Europa
Brexit: the final countdown
Brexit: the final countdown
Il capo delegazione europeo Barnier è giunto a Londra per un fine settimana decisivo: ad attenderlo qualche spiraglio di buona volontà, ma posizioni ancora molto rigide
Effetto Biden: Johnson pronto a scendere a patti con la UE
Effetto Biden: Johnson pronto a scendere a patti con la UE
Impaurito dal cambio di marcia della politica americana, il premier inglese sa di non avere più una spalla forte come Trump per continuare a battere i pugni con Bruxelles
Jonhson: prepariamoci al No Deal
Jonhson: prepariamoci al No Deal
L’annuncio del premier britannico sembra voler mettere la parola fine alle estenuanti trattative sul dopo Brexit. Ma da Londra e Bruxelles filtra comunque l’idea di poter arrivare ad un compromesso
Brexit, nervi sempre più tesi
Brexit, nervi sempre più tesi
Le posizione di Londra e Bruxelles non segnano passi in avanti, e dalle due sponde partono accuse reciproche. A rimetterci di più, conti alla mano, sarebbe il Regno Unito
Brexit, segnali di distensione
Brexit, segnali di distensione
Una videochiamata fra Boris Johnson e Ursula von der Layen riaccende le speranze di un divorzio non traumatico. Ma andando al sodo tutto è ancora da definire, e il tempo stringe
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Martedì prossimo a Bruxelles è in programma uno degli ultimi appuntamenti possibili per raggiungere un accordo. Ad averne maggiormente bisogno è il Regno Unito, che però continua a fare i capricci
Germania, il vento dell’antisemitismo
Germania, il vento dell’antisemitismo
Centinaia di episodi, in un preoccupante crescendo di violenza, elencati in un rapporto dettagliato. La preoccupazione del governo e della comunità ebraica
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
Il muro contro muro con Bruxelles e le provocazioni di Boris Johnson stanno preparando il terreno della Brexit ad un clamoroso finale senza accordo. I rischi sono carenza di cibo, medicinali, recessione e isolamento internazionale
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Un accordo entro il 15 ottobre, o nessun accordo: BoJo alza la posta e detta il calendario, ma secondo molti sta bluffando, per strappare un’intesa dell’ultimo minuto da rivendicare come vittoria politica
Brexit, lo strappo della Germania
Brexit, lo strappo della Germania
Nessun passo avanti nelle trattative e un premier che “non sa cosa siano”, hanno convinto la delegazione tedesca ad abbandonare i tavoli su cui si tenta di arrivare ad un compromesso fra Bruxelles e Londra