"Come riconoscere un ebreo"

| In Polonia e in Europa torna l'antisemitismo. Un giornale polacco ha diffuso un servizio in cui si spiega come individuare un Ebreo "grazie a nome, aspetto, modo di fare....". Proteste e timori

+ Miei preferiti
Come ai tempi del Volkischer Beobachter, il giornale nazista anti-semita diretto dal criminale nazista Julius Streicher, poi impiccato a Norimberga. Decenni dopo si torna agli stessi pregiudizi, allo stesso razzismo. La notizia, che riaccende i timori di una ripresa dell’antisemitismo in Polonia e in Europa, viene riportata dall’Agenzia telegrafica ebraica (Jta). Il quotidiano Tylko Polska (Solo Polonia) è pubblicato da Leszlek Bubl, un politico nazionalista e cantante, di cui si ricorda una canzone su «fanatici» rabbini e ha messo in rilievo in prima pagina un articolo che spiega «come riconoscere un ebreo», grazie a «nome, caratteristiche antropologiche, espressioni, aspetto, tratti caratteriali, metodi operativi» e «attività di disinformazione». A denunciare il carattere chiaramente antisemita dell’articolo è stato un deputato conservatore polacco, Michal Kaminski, che ha protestato contro la presenza del giornale nella mazzetta messa disposizione dei parlamentari. L’ufficio informazione del Sejm, il parlamento di Varsavia, ha risposto che chiederà di escludere il quotidiano dai media offerti ai deputati.. Nello stesso numero del giornale compare anche un articolo intitolato: «Attacco alla Polonia ad una conferenza a Parigi». Nel testo si parla di una conferenza sull’Olocausto dove, secondo i nazionalisti di Varsavia, gli interventi erano tutti «anti polacchi». C’è anche una foto di Jan Gross, un professore ebreo polacco dell’università di Princeton i cui studi sulle complicità dei polacchi nel genocidio nazista degli ebrei sono stati spesso oggetto di attacchi nazionalisti.
 
Europa
L’isola di «Mediterraneo» è covid-free
L’isola di «Mediterraneo» è covid-free
I 1500 abitanti di Kastellorizo sono stati vaccinati: è il primo comune europeo e la decisione fa parte di una strategia del governo per rendere sicuri i luoghi turistici
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Agendo in stretta collaborazione, la polizia in Germania e Belgio hanno messo a segno un sequestro record di cocaina arrivata in Europa via nave, nascosta in due container diversi. Il valore sul mercato è pari a diversi milioni di euro
Due mesi di Brexit
Due mesi di Brexit
Il governo di Boris Johnson sembra minimizzare i problemi di intere categorie a rischio, assicurando che fra 10 anni l’economia del Regno Unito sarà florida. Esperti e addetti ai lavori replicano: fra meno di cinque non esisterà più nulla
Bruxelles, Londra e la guerra dei vaccini
Bruxelles, Londra e la guerra dei vaccini
La UE ha chiesto una perquisizione dei sito produttivo AstraZeneca per capire se i ritardi siano dovuti a problemi interni o se invece più dosi del previsto siano state inviate oltremanica
GB: la dura realtà della Brexit
GB: la dura realtà della Brexit
Crollo di importazioni ed esportazioni, livelli di burocrazia spaventosa e previsioni nefaste per il futuro. Le conseguenze della tanto agognata uscita dalla UE iniziano a farsi sentire, e non sono affatto piacevoli
Addio al Regno Unito
Addio al Regno Unito
La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante
La magia del Natale si posa sulla Brexit
La magia del Natale si posa sulla Brexit
Fonti inglesi ed europee danno per imminente un accordo che sarebbe poi ratificato a gennaio da Strasburgo