Crollo Spd, Nahles si dimette

| Niente piattaforma Rousseau per la presidente Spd Andrea Nhales, punita dal crollo elettorale alle Europee. Al contrario di Di Maio ha scelto la strada del ritiro. La lotta per la successione, pericolo di elezioni anticipate

+ Miei preferiti

In Germania i politici che perdono le elezioni si dimettono e non hanno come salvagente la piattaforma Rousseau, così indulgente con Di Maio dopo lo spaventoso disastro delle Europee con il record mondiale di 6 milioni di elettori in fuga dopo solo un anno di governo. Le dimissioni, nel mondo normale, sarebbero state in automatico ma Grillo e Casaleggio hanno salvato la loro traballante creatura. Non ci sarà dunque una piattaforma Rousseau a salvare Andrea Nahles, che ha annunciato per domani le proprie dimissioni da presidente della SPD e per lunedì quelle da capogruppo del suo partito al Bundestag. Nei giorni scorsi, dopo il risultato negativo del partito alle Europee, Nahles aveva detto che avrebbe chiesto la fiducia agli organi direttivi. 

Le dimissioni di Nahles, potrebbero innescare il pericolo di elezioni anticipate. i elezioni anticipate: con Nahles, infatti, esce di scena una delle principali sostenitrici del governo di colazione. Ma Merkel assicura che «il governo continuerà il suo lavoro con tutta la serietà necessaria e con grande senso di responsabilità». «Le discussioni interne e i numerosi feedback del partito mi hanno dimostrato che non sussiste più il supporto necessario per svolgere i miei compiti», sostiene. L’ex leader Sigmar Gabriel, seguito da altri esponenti di punta del partito l’avevano accusata l di essere troppo schiacciata sulla Cdu di Merkel, di non aver mostrato abbastanza impegno europeista e sui cavalli di battaglia dei socialdemocratici, dalla pensione minima di dignità agli interventi contro il cambiamento climatico.

Nella corsa alla successione di Nahles potrebbero esserci anche il ministro delle Finanze Olaf Scholz e la governatrice della Renania-Palatinato Malù Dreyer, oltre a Martin Schulz. La leader Annegret Kramp Karrembauer concede a Nahles l’onore delle armi e si aspetta decisioni veloci dalla Spd che salvaguardino la maggioranza, naviga in acque agitate: anche la delfina di Angela Merkel è sotto il tiro dei maggiorenti del partito che non la considerano all’altezza della situazione. Lunedì scorso, dopo la debacle delle europee,

Europa
Addio al Regno Unito
Addio al Regno Unito
La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante
La magia del Natale si posa sulla Brexit
La magia del Natale si posa sulla Brexit
Fonti inglesi ed europee danno per imminente un accordo che sarebbe poi ratificato a gennaio da Strasburgo
Brexit, prove tecniche di confusione
Brexit, prove tecniche di confusione
Lunghe code ai porti di Dover e l’ammonimento di una commissione: il Regno Unito non è pronto, rischiamo il collasso
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il timore di carenza di farmaci e cibo sta scatenando la corsa all’accaparramento: mentre Londra e Bruxelles trattano a oltranza, Downing Street annuncia l’operazione “Capstone”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Malgrado gli sforzi diplomatici, non si sblocca la situazione fra Regno Unito e UE: trattative ad oltranza per tutto il weekend, poi sarà l’inevitabile
Brexit, il costo del fallimento
Brexit, il costo del fallimento
Cosa c’è in gioco se le trattative fra Regno Unito e UE finiranno come ormai sembra assai probabile: con un “no deal” che contenterebbe tutti, gettando nella confusione la vita di milioni di persone
Brexit: the final countdown
Brexit: the final countdown
Il capo delegazione europeo Barnier è giunto a Londra per un fine settimana decisivo: ad attenderlo qualche spiraglio di buona volontà, ma posizioni ancora molto rigide