Crollo Spd, Nahles si dimette

| Niente piattaforma Rousseau per la presidente Spd Andrea Nhales, punita dal crollo elettorale alle Europee. Al contrario di Di Maio ha scelto la strada del ritiro. La lotta per la successione, pericolo di elezioni anticipate

+ Miei preferiti

In Germania i politici che perdono le elezioni si dimettono e non hanno come salvagente la piattaforma Rousseau, così indulgente con Di Maio dopo lo spaventoso disastro delle Europee con il record mondiale di 6 milioni di elettori in fuga dopo solo un anno di governo. Le dimissioni, nel mondo normale, sarebbero state in automatico ma Grillo e Casaleggio hanno salvato la loro traballante creatura. Non ci sarà dunque una piattaforma Rousseau a salvare Andrea Nahles, che ha annunciato per domani le proprie dimissioni da presidente della SPD e per lunedì quelle da capogruppo del suo partito al Bundestag. Nei giorni scorsi, dopo il risultato negativo del partito alle Europee, Nahles aveva detto che avrebbe chiesto la fiducia agli organi direttivi. 

Le dimissioni di Nahles, potrebbero innescare il pericolo di elezioni anticipate. i elezioni anticipate: con Nahles, infatti, esce di scena una delle principali sostenitrici del governo di colazione. Ma Merkel assicura che «il governo continuerà il suo lavoro con tutta la serietà necessaria e con grande senso di responsabilità». «Le discussioni interne e i numerosi feedback del partito mi hanno dimostrato che non sussiste più il supporto necessario per svolgere i miei compiti», sostiene. L’ex leader Sigmar Gabriel, seguito da altri esponenti di punta del partito l’avevano accusata l di essere troppo schiacciata sulla Cdu di Merkel, di non aver mostrato abbastanza impegno europeista e sui cavalli di battaglia dei socialdemocratici, dalla pensione minima di dignità agli interventi contro il cambiamento climatico.

Nella corsa alla successione di Nahles potrebbero esserci anche il ministro delle Finanze Olaf Scholz e la governatrice della Renania-Palatinato Malù Dreyer, oltre a Martin Schulz. La leader Annegret Kramp Karrembauer concede a Nahles l’onore delle armi e si aspetta decisioni veloci dalla Spd che salvaguardino la maggioranza, naviga in acque agitate: anche la delfina di Angela Merkel è sotto il tiro dei maggiorenti del partito che non la considerano all’altezza della situazione. Lunedì scorso, dopo la debacle delle europee,

Europa
Jonhson: prepariamoci al No Deal
Jonhson: prepariamoci al No Deal
L’annuncio del premier britannico sembra voler mettere la parola fine alle estenuanti trattative sul dopo Brexit. Ma da Londra e Bruxelles filtra comunque l’idea di poter arrivare ad un compromesso
Brexit, nervi sempre più tesi
Brexit, nervi sempre più tesi
Le posizione di Londra e Bruxelles non segnano passi in avanti, e dalle due sponde partono accuse reciproche. A rimetterci di più, conti alla mano, sarebbe il Regno Unito
Brexit, segnali di distensione
Brexit, segnali di distensione
Una videochiamata fra Boris Johnson e Ursula von der Layen riaccende le speranze di un divorzio non traumatico. Ma andando al sodo tutto è ancora da definire, e il tempo stringe
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Martedì prossimo a Bruxelles è in programma uno degli ultimi appuntamenti possibili per raggiungere un accordo. Ad averne maggiormente bisogno è il Regno Unito, che però continua a fare i capricci
Germania, il vento dell’antisemitismo
Germania, il vento dell’antisemitismo
Centinaia di episodi, in un preoccupante crescendo di violenza, elencati in un rapporto dettagliato. La preoccupazione del governo e della comunità ebraica
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
Il muro contro muro con Bruxelles e le provocazioni di Boris Johnson stanno preparando il terreno della Brexit ad un clamoroso finale senza accordo. I rischi sono carenza di cibo, medicinali, recessione e isolamento internazionale
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Un accordo entro il 15 ottobre, o nessun accordo: BoJo alza la posta e detta il calendario, ma secondo molti sta bluffando, per strappare un’intesa dell’ultimo minuto da rivendicare come vittoria politica
Brexit, lo strappo della Germania
Brexit, lo strappo della Germania
Nessun passo avanti nelle trattative e un premier che “non sa cosa siano”, hanno convinto la delegazione tedesca ad abbandonare i tavoli su cui si tenta di arrivare ad un compromesso fra Bruxelles e Londra
Brexit, trattative in stallo
Brexit, trattative in stallo
Durissimo scambio di battute fra Michel Barnier e David Frost, i due capi delegazione della UE e del Regno Unito. Secondo il primo un accordo è improbabile, per il secondo è ancora possibile
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole