Deutsche Bank, tagli per 18mila dipendenti

| Il colosso bancario tedesco ha annunciato un imponente e drastico piano di ristrutturazione. Dismessi investimenti a rischio

+ Miei preferiti
Risparmi per 17miliardi di euro entro il 2022: è il piano di ristrutturazione della “Deutsche Bank”, un tempo emblema della leggendaria affidabilità tedesca, un colosso al 15esimo posto fra gli istituti bancari più importanti del mondo. Nata nel 1870 a Francoforte sul Meno, dove ancora oggi conserva il suo quartier generale, ha sedi in Europa, America, Asia e Pacifico: una lunga storia fatta anche di passi falsi controversie giudiziarie, come il caso nel 2009, quando due dirigenti finiscono a giudizio per truffa nell’ambito di un’inchiesta sui derivati al comune di Milano. Nel 2015 un nuovo pasticcio: una multa da 2,5 miliardi di dollari per lo scandalo “Libor”, il tasso variabile del costo dei prestiti fra banche e quello dei mutui alla clientela. Due anni dopo, nel 2017, il maggiore azionista della banca tedesca è diventato “HNA Group”, un conglomerato cinese.

Ma ora, come accennato, Deutsche Bank ha annunciato un robusto piano di ristrutturazione che porterà a risparmi notevoli, ma anche a fare a meno di 18mila dipendenti, concentrati soprattutto nelle aree “global equities” e “corporate investment banking”, da cui ha intenzione di uscire. Fra le attività dismesse circa 74 miliardi di asset considerati a rischio, gestite attraverso un’unità creata appositamente.

“Si tratta di un’operazione progettata per consentire a Deutsche Bank di investire sulle attività come Corporate Banking, Finanziamento, Foreign Exchange, Origination & Advosory, Private Banking e Asset Management”, spiegano in una nota a commento dell’operazione.

È la più imponente ristrutturazione nella storia della banca tedesca, realizzata senza ricorrere ad alcun aumento di capitale, necessaria anche per il crollo in borsa dovuto alla notizia della fine delle trattative per la fusione con i rivali di “Commerzbank”: da 112 euro ad azione prima della crisi, Deutsche Bank ha visto crollare il titolo a 6,3 euro, minimo storico, recuperando fino a 7 dopo l’annuncio dell’operazione.

Europa
Addio al Regno Unito
Addio al Regno Unito
La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante
La magia del Natale si posa sulla Brexit
La magia del Natale si posa sulla Brexit
Fonti inglesi ed europee danno per imminente un accordo che sarebbe poi ratificato a gennaio da Strasburgo
Brexit, prove tecniche di confusione
Brexit, prove tecniche di confusione
Lunghe code ai porti di Dover e l’ammonimento di una commissione: il Regno Unito non è pronto, rischiamo il collasso
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il timore di carenza di farmaci e cibo sta scatenando la corsa all’accaparramento: mentre Londra e Bruxelles trattano a oltranza, Downing Street annuncia l’operazione “Capstone”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Malgrado gli sforzi diplomatici, non si sblocca la situazione fra Regno Unito e UE: trattative ad oltranza per tutto il weekend, poi sarà l’inevitabile
Brexit, il costo del fallimento
Brexit, il costo del fallimento
Cosa c’è in gioco se le trattative fra Regno Unito e UE finiranno come ormai sembra assai probabile: con un “no deal” che contenterebbe tutti, gettando nella confusione la vita di milioni di persone
Brexit: the final countdown
Brexit: the final countdown
Il capo delegazione europeo Barnier è giunto a Londra per un fine settimana decisivo: ad attenderlo qualche spiraglio di buona volontà, ma posizioni ancora molto rigide