Deutsche Bank, tagli per 18mila dipendenti

| Il colosso bancario tedesco ha annunciato un imponente e drastico piano di ristrutturazione. Dismessi investimenti a rischio

+ Miei preferiti
Risparmi per 17miliardi di euro entro il 2022: è il piano di ristrutturazione della “Deutsche Bank”, un tempo emblema della leggendaria affidabilità tedesca, un colosso al 15esimo posto fra gli istituti bancari più importanti del mondo. Nata nel 1870 a Francoforte sul Meno, dove ancora oggi conserva il suo quartier generale, ha sedi in Europa, America, Asia e Pacifico: una lunga storia fatta anche di passi falsi controversie giudiziarie, come il caso nel 2009, quando due dirigenti finiscono a giudizio per truffa nell’ambito di un’inchiesta sui derivati al comune di Milano. Nel 2015 un nuovo pasticcio: una multa da 2,5 miliardi di dollari per lo scandalo “Libor”, il tasso variabile del costo dei prestiti fra banche e quello dei mutui alla clientela. Due anni dopo, nel 2017, il maggiore azionista della banca tedesca è diventato “HNA Group”, un conglomerato cinese.

Ma ora, come accennato, Deutsche Bank ha annunciato un robusto piano di ristrutturazione che porterà a risparmi notevoli, ma anche a fare a meno di 18mila dipendenti, concentrati soprattutto nelle aree “global equities” e “corporate investment banking”, da cui ha intenzione di uscire. Fra le attività dismesse circa 74 miliardi di asset considerati a rischio, gestite attraverso un’unità creata appositamente.

“Si tratta di un’operazione progettata per consentire a Deutsche Bank di investire sulle attività come Corporate Banking, Finanziamento, Foreign Exchange, Origination & Advosory, Private Banking e Asset Management”, spiegano in una nota a commento dell’operazione.

È la più imponente ristrutturazione nella storia della banca tedesca, realizzata senza ricorrere ad alcun aumento di capitale, necessaria anche per il crollo in borsa dovuto alla notizia della fine delle trattative per la fusione con i rivali di “Commerzbank”: da 112 euro ad azione prima della crisi, Deutsche Bank ha visto crollare il titolo a 6,3 euro, minimo storico, recuperando fino a 7 dopo l’annuncio dell’operazione.

Europa
La città divisa in due dal coronavirus
La città divisa in due dal coronavirus
Uno dei più complicati casi europei: una città belga all’interno dei confini olandesi. Ma se prima della pandemia era un’attrazione turistica, ora il lockdown da una parte le riaperture dall’altra creano non pochi fastidi
Riaperture: il fai da te europeo
Riaperture: il fai da te europeo
L’unico dato comune è il desiderio e il bisogno di riaprire: per il resto, ogni Paese europeo ha varato misure, nome e concessioni diverse
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Dai primi di marzo, migliaia di militari americani stanno sbarcando in Europa per una colossale esercitazione Nato. Il nervosismo del Cremlino e l’indifferenza verso il diffondersi del coronavirus
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Boris Johnson affila le armi: pretende libero accesso ai mercati europei ma non vuole rispettare le regole comunitarie. E minaccia l’uscita senza accordo
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
L’ultimo messaggio arriva dal ministro degli esteri francese, che si aspetta una “battaglia durissima” nelle trattative per stabilire gli accordi. Forti dubbi che tutto sia pronto entro la fine dell’anno
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Aziende e mercati inglesi temono che il Regno Unito arrivi al 31 dicembre prossimo senza un accordo commerciale con l’UE. Le conseguenze economiche sarebbero pesantissime
BoJo alza i toni con Bruxelles
BoJo alza i toni con Bruxelles
Anticipato dai media il contenuto del discorso del premier Johnson previsto per oggi: l’obiettivo è non rispettare gli accordi parziali già presi per minacciare il solito no deal
Brexit ultimo atto
Brexit ultimo atto
A mezzanotte scatta ufficialmente l’uscita del regno Unito dalla UE, sancendo la fine di un rapporto lungo 47 anni. Ma la parte peggiore arriva adesso
Effetto Brexit: impossibile conoscere il prezzo di un’auto
Effetto Brexit: impossibile conoscere il prezzo di un’auto
Un automobilista scozzese ha acquistato una Mercedes-Benz scoprendo che il costo finale cambierà in base alle nuove tariffe doganali, che al momento non ci sono
Effetto Brexit, la Gran Bretagna dice addio all’Erasmus
Effetto Brexit, la Gran Bretagna dice addio all’Erasmus
La decisione di Westminster ha suscitato proteste ovunque, a cominciare da quelle degli intellettuali inglesi: una cattiveria nei confronti delle giovani generazioni