Dunkerque, il terminale dei disperati di tutto il mondo

| La polizia francese sgombera i campi dei rifugiati medio-orientali che cercano di raggiungere con ogni mezzo l'Inghilterra. In aumento gli attraversamenti illegali del Canale. Donne e bambini i più esposti ai pericoli

+ Miei preferiti

Centinaia di persone, tra cui diverse famiglie e donne incinte, sono state sfrattate da un campo profughi in Francia, riaccendendo il timore che possa innescare un altro picco di attraversamenti della Manica. La polizia francese ha circondato l'Espace Jeunes du Moulin a Grande Synthe, Dunkerque, verso le 7 di martedì scorso e ha iniziato a scortare la gente fino ai pullman in attesa in mezzo a un aumento dei passaggi per l'Inghilterra.

Si pensa che circa 1.000 persone vivessero nella palestra e si accampassero nel terreno del sito, tra cui 73 famiglie, molte delle quali avevano bambini piccoli. L'autorizzazione arriva dopo l'emissione di un'ordinanza del tribunale - secondo quanto riferito nel tentativo di impedire che i passeur  prendano di mira le loro vittime, chiedendo altri soldi per raggiungere l'UK. Gli uomini soli sono stati portati fuori prima e poi le famiglie, alcuni dei quali sono stati autorizzati a preparare i loro effetti personali prima di partire.

Alcuni rifugiati hanno detto agli operatori umanitari che non sapevano ancora dove li stavano portando. Potrebbe essere Brest, nell'ovest della Francia.

Secondo l'Associated Press (AP), la polizia francese ha dichiarato di aver effettuato l'evacuazione per motivi di sicurezza e igiene. I funzionari hanno detto ad AP che i rifugiati sono stati portati in rifugi temporanei e hanno permesso loro di presentare domanda di asilo. L'Home Office ha detto che il suo personale è stato invitato dalle autorità francesi a partecipare come parte del suo lavoro con il Regno Unito per affrontare il numero di tentativi di traversate in barca. Durante il fine settimana il personale è stato inviato al campo per avvertire la gente dei rischi di attraversare la Manica in piccole imbarcazioni, ha aggiunto il dipartimento.

Le evacuazioni dai campi sono inutili in quanto molti di loro ritorneranno a Dunkerque o Calais e riprenderanno la loro ricerca per raggiungere il Regno Unito. Una portavoce di Refugee Rights Europe ha aggiunto: "Se non si aprono vie legali per l'accesso al sistema di asilo britannico, le persone continueranno a correre rischi mortali per attraversare il canale".

La settimana scorsa, le famiglie che vivono nel campo hanno raccontato come sono fuggiti dalla violenza in Iraq e stavano cercando di raggiungere il Regno Unito, in modo che i loro figli potessero avere una vita più sicura. L'ondata di attraversamenti illegali della Manica è continuata nell'ultima settimana, dopo aver avvertito che le autorizzazioni dei campi profughi in Francia avrebbero richiesto ulteriori tentativi.

 

Galleria fotografica
Dunkerque, il terminale dei disperati di tutto il mondo - immagine 1
Dunkerque, il terminale dei disperati di tutto il mondo - immagine 2
Dunkerque, il terminale dei disperati di tutto il mondo - immagine 3
Dunkerque, il terminale dei disperati di tutto il mondo - immagine 4
Dunkerque, il terminale dei disperati di tutto il mondo - immagine 5
Europa
Jonhson: prepariamoci al No Deal
Jonhson: prepariamoci al No Deal
L’annuncio del premier britannico sembra voler mettere la parola fine alle estenuanti trattative sul dopo Brexit. Ma da Londra e Bruxelles filtra comunque l’idea di poter arrivare ad un compromesso
Brexit, nervi sempre più tesi
Brexit, nervi sempre più tesi
Le posizione di Londra e Bruxelles non segnano passi in avanti, e dalle due sponde partono accuse reciproche. A rimetterci di più, conti alla mano, sarebbe il Regno Unito
Brexit, segnali di distensione
Brexit, segnali di distensione
Una videochiamata fra Boris Johnson e Ursula von der Layen riaccende le speranze di un divorzio non traumatico. Ma andando al sodo tutto è ancora da definire, e il tempo stringe
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Martedì prossimo a Bruxelles è in programma uno degli ultimi appuntamenti possibili per raggiungere un accordo. Ad averne maggiormente bisogno è il Regno Unito, che però continua a fare i capricci
Germania, il vento dell’antisemitismo
Germania, il vento dell’antisemitismo
Centinaia di episodi, in un preoccupante crescendo di violenza, elencati in un rapporto dettagliato. La preoccupazione del governo e della comunità ebraica
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
Il muro contro muro con Bruxelles e le provocazioni di Boris Johnson stanno preparando il terreno della Brexit ad un clamoroso finale senza accordo. I rischi sono carenza di cibo, medicinali, recessione e isolamento internazionale
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Un accordo entro il 15 ottobre, o nessun accordo: BoJo alza la posta e detta il calendario, ma secondo molti sta bluffando, per strappare un’intesa dell’ultimo minuto da rivendicare come vittoria politica
Brexit, lo strappo della Germania
Brexit, lo strappo della Germania
Nessun passo avanti nelle trattative e un premier che “non sa cosa siano”, hanno convinto la delegazione tedesca ad abbandonare i tavoli su cui si tenta di arrivare ad un compromesso fra Bruxelles e Londra
Brexit, trattative in stallo
Brexit, trattative in stallo
Durissimo scambio di battute fra Michel Barnier e David Frost, i due capi delegazione della UE e del Regno Unito. Secondo il primo un accordo è improbabile, per il secondo è ancora possibile
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole