Effetto Biden: Johnson pronto a scendere a patti con la UE

| Impaurito dal cambio di marcia della politica americana, il premier inglese sa di non avere più una spalla forte come Trump per continuare a battere i pugni con Bruxelles

+ Miei preferiti
Per capire quanto le elezioni americane siano un ago della bilancia che non riguarda solo la vita degli Stati Uniti, è sufficiente il primo effetto scaturito dalla vittoria di Joe Biden su Donald Trump: la Brexit.

Proprio ieri, una telefonata fra Boris Johnson e Ursula von der Leyen si è conclusa come forse mai prima d’ora: entrambi hanno commentato che le possibilità di un accordo “sono molto probabili e vicine, anche se restano ancora alcune divergenze su alcuni temi”. I due si sono salutati concordando sulla necessità di “concordare gli sforzi per raggiungere un’intesa quanto prima”. Secondo ambienti vicini a Bruxelles, la sensazione è che l’accordo potrebbe essere vicino, addirittura per la prossima settimana.

In tutto questo, dall’altra parte della Manica filtrano invece indiscrezioni secondo cui BoJo abbia voluto prendere tempo fino a conoscere il nome del nuovo presidente americani: in caso di riconferma di Trump, che non ha mai nascosto antipatia verso la UE caldeggiando la Brexit con promesse di una via preferenziale per il commercio, Johnson avrebbe probabilmente continuato sulla strada del muro contro muro, probabilmente fino allo schianto del “no deal”. Ma con l’avvento di Biden, che stravede per l’Europa e aveva già bacchettato Londra durante la campagna elettorale, spiegando che non avrebbe sottoscritto alcun accordo commerciale se la Brexit minacciasse la pace in Irlanda, la situazione per il Regno Unito si complica, perché difficilmente il nuovo presidente avrebbe fatto un dispetto ai suoi amici europei e ai antichi compaesani irlandesi.

Sul piatto, ancora da risolvere, ci sono le questioni sui diritti della pesca e gli aiuti di stato, ma il tempo non aiuta: qualsiasi accordo va raggiunto entro il termine massimo di fine novembre, per permettere ai parlamenti di ratificarla in tempo utile per il 31 dicembre, data della definitiva uscita della Gran Bretagna dalla UE.

Europa
GB: la dura realtà della Brexit
GB: la dura realtà della Brexit
Crollo di importazioni ed esportazioni, livelli di burocrazia spaventosa e previsioni nefaste per il futuro. Le conseguenze della tanto agognata uscita dalla UE iniziano a farsi sentire, e non sono affatto piacevoli
Addio al Regno Unito
Addio al Regno Unito
La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante
La magia del Natale si posa sulla Brexit
La magia del Natale si posa sulla Brexit
Fonti inglesi ed europee danno per imminente un accordo che sarebbe poi ratificato a gennaio da Strasburgo
Brexit, prove tecniche di confusione
Brexit, prove tecniche di confusione
Lunghe code ai porti di Dover e l’ammonimento di una commissione: il Regno Unito non è pronto, rischiamo il collasso
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il timore di carenza di farmaci e cibo sta scatenando la corsa all’accaparramento: mentre Londra e Bruxelles trattano a oltranza, Downing Street annuncia l’operazione “Capstone”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Malgrado gli sforzi diplomatici, non si sblocca la situazione fra Regno Unito e UE: trattative ad oltranza per tutto il weekend, poi sarà l’inevitabile
Brexit, il costo del fallimento
Brexit, il costo del fallimento
Cosa c’è in gioco se le trattative fra Regno Unito e UE finiranno come ormai sembra assai probabile: con un “no deal” che contenterebbe tutti, gettando nella confusione la vita di milioni di persone