Effetto Brexit: impossibile conoscere il prezzo di un’auto

| Un automobilista scozzese ha acquistato una Mercedes-Benz scoprendo che il costo finale cambierà in base alle nuove tariffe doganali, che al momento non ci sono

+ Miei preferiti
Dopo aver trattato lo sconto, i tappetini, il triangolo e la ruota di scorta, John Hamill, 65enne di Hamilton, in Scozia, era soddisfatto: festeggiava l’inizio della pensione con una nuova Mercedes-Benz fiammante. Come da accordi versa 500 sterline di acconto e in cambio riceve il contratto, che però lo lascia senza fiato. Un visto timbro lo metteva di fronte ad un’eventualità che nessuno gli aveva svelato: “Il prezzo della vettura potrà cambiare in qualsiasi momento fino al giorno della consegna, e senza alcun preavviso”.

In pratica, Hamill ha comprato una vettura senza conoscere esattamente quanto sarà il costo finale, per via di un piccolo problema chiamato “Brexit”: essendo la Mercedes tedesca, quindi europea, nessuno è in grado di dire a quanto ammonteranno le spese doganali. “La consegna è prevista per la fine di marzo, ma in realtà nessuno sa quando avverrà: quindi non solo non conosco il prezzo di cosa ho comprato, ma neanche quando mi sarà consegnata”, ha commentato l’acquirente a Metro.co.UK.

Ma quella di John Hamill rischia di essere solo una delle infinite anomalie scatenate dalla Brexit, tanto voluta dal premier Boris Johnson: “Temo che questo sia solo un piccolo esempio di ciò che ci aspetta: quante altre vicende simili ci saranno nel Regno Unito, e che ancora non conosciamo? Il governo non ci racconta la verità su quello che sta accadendo, ed è solo quando incappi in queste stranezze che inizi a capire qualcosa di più. Penso che lo slogan “Get Brexit Done” fosse molto semplicistico, ma la realtà si rivelerà qualcosa di molto più difficile. La gente non sa queste cose: ho assistito ai dibattiti sulla Brexit per tre anni facendo molta attenzione a tutto, ma nella realtà non ti dicono nulla. E sono anche convinto che la Mercedes non sia l’unico marchio automobilistico a tentare di proteggere i propri margini di profitto inserendo clausole di responsabilità sui prezzi delle auto. Questo mese, l’ente automobilistico del Regno Unito ha invitato a Boris Johnson a stipulare quanto prima un accordo commerciale senza dazi con la UE: senza quello siamo rovinati”.

La filiale Mercedes-Benz inglese, commentando l’accaduto, ha allargato le braccia: “Le informazioni contenute nel modulo d’ordine spiegano ai clienti che qualora una tariffa doganale dovesse diventare applicabile sulle auto importate nel Regno Unito dopo aver lasciato l’UE, saremo costretti a rivedere i nostri prezzi per adattarsi alle mutate circostanze”.

Galleria fotografica
Effetto Brexit: impossibile conoscere il prezzo di un’auto - immagine 1
Europa
Effetto Brexit, la Gran Bretagna dice addio all’Erasmus
Effetto Brexit, la Gran Bretagna dice addio all’Erasmus
La decisione di Westminster ha suscitato proteste ovunque, a cominciare da quelle degli intellettuali inglesi: una cattiveria nei confronti delle giovani generazioni
Addio all’inglese come lingua della UE?
Addio all’inglese come lingua della UE?
“Se non abbiamo il Regno Unito, non avremo neanche l’inglese”, commentava un’eurodeputata nel 2016. La questione non è così semplice, essendo la lingua più parlata del mondo, ma molto dipende dal futuro dell’UK
Tony Blair: la Brexit? Un pasticcio enorme
Tony Blair: la Brexit? Un pasticcio enorme
In un’intervista alla CNN, l’ex premier laburista critica la scelta di indire elezioni generali per decidere sulla Brexit senza un secondo referendum. Per Johnson saranno mesi difficili di trattative e di concessioni
Brexit, è già confusione
Brexit, è già confusione
Johnson pronto a varare una legge che esclude l’ipotesi di un rinvio delle trattative per gli accordi oltre il 31 dicembre 2020: ma da Bruxelles fanno notare che sarà difficile, mostrando di nuovo lo spettro del “no deal”
La Scozia vuole un secondo referendum
La Scozia vuole un secondo referendum
Se gli inglesi hanno votato in massa per uscire dalla UE, gli scozzesi la pensano all’esatto opposto: staccarsi dall’UK ed entrare in Europa come stato indipendente. A poche ore dal voto, la leader Nicola Sturgeon batte i pugni
Bye bye UK
Bye bye UK
Il Regno Unito ha scelto: sarà Brexit. La schiacciante vittoria di Boris Johnson non lascia dubbi sul desiderio degli inglesi di mettersi alle spalle più di tre anni di confusione
Il Regno Unito va alle urne
Il Regno Unito va alle urne
I Tories di Boris Johnson partono in vantaggio, ma forse non così sufficiente per portare alla conclusione l’incubo della Brexit. I Labour di Corbyn sperano invece nella possibilità di formare un governo di minoranza
Il voto che potrebbe distruggere il Regno Unito
Il voto che potrebbe distruggere il Regno Unito
L’esito delle elezioni del prossimo 12 dicembre potrebbe accelerare la voglia di indipendenza della Scozia, dove l’Europa non è vista come una nemica, anzi
La Brexit slitta al 31 gennaio (forse)
La Brexit slitta al 31 gennaio (forse)
Da Bruxelles, ormai sfiancata dalla questione, arriva la massima concessione possibile: con tre date possibili di uscita del Regno Unito. Oggi Westminster vota sulle elezioni anticipate richieste da Johnson
Le donne più ricercate d’Europa
Le donne più ricercate d’Europa
L’agenzia europea per la lotta al crimine ha diffuso l’elenco delle donne condannate per vari reati che sono riuscite a sfuggire alle condanne. Al primo posto una terribile e potente “maman” nigeriana