Effetto Brexit: impossibile conoscere il prezzo di un’auto

| Un automobilista scozzese ha acquistato una Mercedes-Benz scoprendo che il costo finale cambierà in base alle nuove tariffe doganali, che al momento non ci sono

+ Miei preferiti
Dopo aver trattato lo sconto, i tappetini, il triangolo e la ruota di scorta, John Hamill, 65enne di Hamilton, in Scozia, era soddisfatto: festeggiava l’inizio della pensione con una nuova Mercedes-Benz fiammante. Come da accordi versa 500 sterline di acconto e in cambio riceve il contratto, che però lo lascia senza fiato. Un visto timbro lo metteva di fronte ad un’eventualità che nessuno gli aveva svelato: “Il prezzo della vettura potrà cambiare in qualsiasi momento fino al giorno della consegna, e senza alcun preavviso”.

In pratica, Hamill ha comprato una vettura senza conoscere esattamente quanto sarà il costo finale, per via di un piccolo problema chiamato “Brexit”: essendo la Mercedes tedesca, quindi europea, nessuno è in grado di dire a quanto ammonteranno le spese doganali. “La consegna è prevista per la fine di marzo, ma in realtà nessuno sa quando avverrà: quindi non solo non conosco il prezzo di cosa ho comprato, ma neanche quando mi sarà consegnata”, ha commentato l’acquirente a Metro.co.UK.

Ma quella di John Hamill rischia di essere solo una delle infinite anomalie scatenate dalla Brexit, tanto voluta dal premier Boris Johnson: “Temo che questo sia solo un piccolo esempio di ciò che ci aspetta: quante altre vicende simili ci saranno nel Regno Unito, e che ancora non conosciamo? Il governo non ci racconta la verità su quello che sta accadendo, ed è solo quando incappi in queste stranezze che inizi a capire qualcosa di più. Penso che lo slogan “Get Brexit Done” fosse molto semplicistico, ma la realtà si rivelerà qualcosa di molto più difficile. La gente non sa queste cose: ho assistito ai dibattiti sulla Brexit per tre anni facendo molta attenzione a tutto, ma nella realtà non ti dicono nulla. E sono anche convinto che la Mercedes non sia l’unico marchio automobilistico a tentare di proteggere i propri margini di profitto inserendo clausole di responsabilità sui prezzi delle auto. Questo mese, l’ente automobilistico del Regno Unito ha invitato a Boris Johnson a stipulare quanto prima un accordo commerciale senza dazi con la UE: senza quello siamo rovinati”.

La filiale Mercedes-Benz inglese, commentando l’accaduto, ha allargato le braccia: “Le informazioni contenute nel modulo d’ordine spiegano ai clienti che qualora una tariffa doganale dovesse diventare applicabile sulle auto importate nel Regno Unito dopo aver lasciato l’UE, saremo costretti a rivedere i nostri prezzi per adattarsi alle mutate circostanze”.

Galleria fotografica
Effetto Brexit: impossibile conoscere il prezzo di un’auto - immagine 1
Europa
Addio al Regno Unito
Addio al Regno Unito
La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante
La magia del Natale si posa sulla Brexit
La magia del Natale si posa sulla Brexit
Fonti inglesi ed europee danno per imminente un accordo che sarebbe poi ratificato a gennaio da Strasburgo
Brexit, prove tecniche di confusione
Brexit, prove tecniche di confusione
Lunghe code ai porti di Dover e l’ammonimento di una commissione: il Regno Unito non è pronto, rischiamo il collasso
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il timore di carenza di farmaci e cibo sta scatenando la corsa all’accaparramento: mentre Londra e Bruxelles trattano a oltranza, Downing Street annuncia l’operazione “Capstone”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Malgrado gli sforzi diplomatici, non si sblocca la situazione fra Regno Unito e UE: trattative ad oltranza per tutto il weekend, poi sarà l’inevitabile
Brexit, il costo del fallimento
Brexit, il costo del fallimento
Cosa c’è in gioco se le trattative fra Regno Unito e UE finiranno come ormai sembra assai probabile: con un “no deal” che contenterebbe tutti, gettando nella confusione la vita di milioni di persone
Brexit: the final countdown
Brexit: the final countdown
Il capo delegazione europeo Barnier è giunto a Londra per un fine settimana decisivo: ad attenderlo qualche spiraglio di buona volontà, ma posizioni ancora molto rigide