Effetto Brexit, la Gran Bretagna dice addio all’Erasmus

| La decisione di Westminster ha suscitato proteste ovunque, a cominciare da quelle degli intellettuali inglesi: una cattiveria nei confronti delle giovani generazioni

+ Miei preferiti
Non se n’è accorto quasi nessuno, ma mentre i media si concentravano sui missili di Trump e la fuga improvvisa di Harry e Meghan, a Westminster si consumava uno dei più crudeli strappi nei confronti delle giovani generazioni. Con 344 no e 254 sì, il parlamento ha votato per bloccare il “New Clause 10”, un disegno di legge che avrebbe imposto anche dopo il 2020 la permanenza del Regno Unito nell’Erasmus, il celebre progetto di mobilità studentesca creato dall’UE nel 1987 che ha permesso a circa 3 milioni di studenti di conoscere luoghi e culture diverse, diventando realmente cittadini europei.

Ma gli inglesi hanno detto no, malgrado la consapevolezza che Londra e il Regno Unito in genere hanno rappresentato per decenni una delle mete predilette degli studenti europei, per l’opportunità di imparare la lingua inglese direttamente sul posto, a quelli inglesi di conoscere il resto dell’Europa.

Una sonora cattiveria che ha scatenato le reazioni indignate di intellettuali e uomini di cultura, convinti che lo scambio culturale giovanile dovesse andare al di là delle becere questioni politiche. Violentissima la reazione di Simon Schama, uno dei più affermati storici britannici, che definisce “Una decisione miserabile e un furto alle giovani e alle future generazioni”. Non è da meno l’ex deputata Luciana Berger: “Ho imparato così tanto durante il mio anno di Erasmus, è stata una delle più belle esperienze della mia vita. È devastante sapere che le nuove generazioni non avranno la mia stessa opportunità”. Altrettanto addolorato il pensiero dell’accademico Paul Bernal: “Tutti quelli che sanno minimamente cosa sia l’Erasmus, cpiascono che quella del governo è una decisione diabolica, miope controproducente. Tipico della Brexit”. A questi si aggiungono migliaia di commenti, appelli e insulti piovuti attraverso i social da tutta l’Europa. In realtà, Boris Johnson non ha mai nascosto di voler tranciare ogni tipo di legame con l’Unione Europea, rendendo più dure le regole per l’immigrazione.

Nello stesso pacchetto di norme passato a Westminster anche la rinuncia all’impegno di accogliere bambini rifugiati non accompagnati dalle famiglie.

Europa
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Gli equilibri mondiali dopo Covid-19 sono cambiati, e si teme possano mutare nei prossimi mesi. Johnson di fronte ad un bivio: tenere la mano ferma con l’UE, ma rischiare di trascinare il Paese in un'altra crisi dopo la pandemia
La città divisa in due dal coronavirus
La città divisa in due dal coronavirus
Uno dei più complicati casi europei: una città belga all’interno dei confini olandesi. Ma se prima della pandemia era un’attrazione turistica, ora il lockdown da una parte le riaperture dall’altra creano non pochi fastidi
Riaperture: il fai da te europeo
Riaperture: il fai da te europeo
L’unico dato comune è il desiderio e il bisogno di riaprire: per il resto, ogni Paese europeo ha varato misure, nome e concessioni diverse
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Dai primi di marzo, migliaia di militari americani stanno sbarcando in Europa per una colossale esercitazione Nato. Il nervosismo del Cremlino e l’indifferenza verso il diffondersi del coronavirus
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Boris Johnson affila le armi: pretende libero accesso ai mercati europei ma non vuole rispettare le regole comunitarie. E minaccia l’uscita senza accordo
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
L’ultimo messaggio arriva dal ministro degli esteri francese, che si aspetta una “battaglia durissima” nelle trattative per stabilire gli accordi. Forti dubbi che tutto sia pronto entro la fine dell’anno
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Aziende e mercati inglesi temono che il Regno Unito arrivi al 31 dicembre prossimo senza un accordo commerciale con l’UE. Le conseguenze economiche sarebbero pesantissime
BoJo alza i toni con Bruxelles
BoJo alza i toni con Bruxelles
Anticipato dai media il contenuto del discorso del premier Johnson previsto per oggi: l’obiettivo è non rispettare gli accordi parziali già presi per minacciare il solito no deal
Brexit ultimo atto
Brexit ultimo atto
A mezzanotte scatta ufficialmente l’uscita del regno Unito dalla UE, sancendo la fine di un rapporto lungo 47 anni. Ma la parte peggiore arriva adesso