Effetto Brexit, la Gran Bretagna dice addio all’Erasmus

| La decisione di Westminster ha suscitato proteste ovunque, a cominciare da quelle degli intellettuali inglesi: una cattiveria nei confronti delle giovani generazioni

+ Miei preferiti
Non se n’è accorto quasi nessuno, ma mentre i media si concentravano sui missili di Trump e la fuga improvvisa di Harry e Meghan, a Westminster si consumava uno dei più crudeli strappi nei confronti delle giovani generazioni. Con 344 no e 254 sì, il parlamento ha votato per bloccare il “New Clause 10”, un disegno di legge che avrebbe imposto anche dopo il 2020 la permanenza del Regno Unito nell’Erasmus, il celebre progetto di mobilità studentesca creato dall’UE nel 1987 che ha permesso a circa 3 milioni di studenti di conoscere luoghi e culture diverse, diventando realmente cittadini europei.

Ma gli inglesi hanno detto no, malgrado la consapevolezza che Londra e il Regno Unito in genere hanno rappresentato per decenni una delle mete predilette degli studenti europei, per l’opportunità di imparare la lingua inglese direttamente sul posto, a quelli inglesi di conoscere il resto dell’Europa.

Una sonora cattiveria che ha scatenato le reazioni indignate di intellettuali e uomini di cultura, convinti che lo scambio culturale giovanile dovesse andare al di là delle becere questioni politiche. Violentissima la reazione di Simon Schama, uno dei più affermati storici britannici, che definisce “Una decisione miserabile e un furto alle giovani e alle future generazioni”. Non è da meno l’ex deputata Luciana Berger: “Ho imparato così tanto durante il mio anno di Erasmus, è stata una delle più belle esperienze della mia vita. È devastante sapere che le nuove generazioni non avranno la mia stessa opportunità”. Altrettanto addolorato il pensiero dell’accademico Paul Bernal: “Tutti quelli che sanno minimamente cosa sia l’Erasmus, cpiascono che quella del governo è una decisione diabolica, miope controproducente. Tipico della Brexit”. A questi si aggiungono migliaia di commenti, appelli e insulti piovuti attraverso i social da tutta l’Europa. In realtà, Boris Johnson non ha mai nascosto di voler tranciare ogni tipo di legame con l’Unione Europea, rendendo più dure le regole per l’immigrazione.

Nello stesso pacchetto di norme passato a Westminster anche la rinuncia all’impegno di accogliere bambini rifugiati non accompagnati dalle famiglie.

Europa
Addio al Regno Unito
Addio al Regno Unito
La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante
La magia del Natale si posa sulla Brexit
La magia del Natale si posa sulla Brexit
Fonti inglesi ed europee danno per imminente un accordo che sarebbe poi ratificato a gennaio da Strasburgo
Brexit, prove tecniche di confusione
Brexit, prove tecniche di confusione
Lunghe code ai porti di Dover e l’ammonimento di una commissione: il Regno Unito non è pronto, rischiamo il collasso
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il timore di carenza di farmaci e cibo sta scatenando la corsa all’accaparramento: mentre Londra e Bruxelles trattano a oltranza, Downing Street annuncia l’operazione “Capstone”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Malgrado gli sforzi diplomatici, non si sblocca la situazione fra Regno Unito e UE: trattative ad oltranza per tutto il weekend, poi sarà l’inevitabile
Brexit, il costo del fallimento
Brexit, il costo del fallimento
Cosa c’è in gioco se le trattative fra Regno Unito e UE finiranno come ormai sembra assai probabile: con un “no deal” che contenterebbe tutti, gettando nella confusione la vita di milioni di persone
Brexit: the final countdown
Brexit: the final countdown
Il capo delegazione europeo Barnier è giunto a Londra per un fine settimana decisivo: ad attenderlo qualche spiraglio di buona volontà, ma posizioni ancora molto rigide