Effetto Brexit, la Gran Bretagna dice addio all’Erasmus

| La decisione di Westminster ha suscitato proteste ovunque, a cominciare da quelle degli intellettuali inglesi: una cattiveria nei confronti delle giovani generazioni

+ Miei preferiti
Non se n’è accorto quasi nessuno, ma mentre i media si concentravano sui missili di Trump e la fuga improvvisa di Harry e Meghan, a Westminster si consumava uno dei più crudeli strappi nei confronti delle giovani generazioni. Con 344 no e 254 sì, il parlamento ha votato per bloccare il “New Clause 10”, un disegno di legge che avrebbe imposto anche dopo il 2020 la permanenza del Regno Unito nell’Erasmus, il celebre progetto di mobilità studentesca creato dall’UE nel 1987 che ha permesso a circa 3 milioni di studenti di conoscere luoghi e culture diverse, diventando realmente cittadini europei.

Ma gli inglesi hanno detto no, malgrado la consapevolezza che Londra e il Regno Unito in genere hanno rappresentato per decenni una delle mete predilette degli studenti europei, per l’opportunità di imparare la lingua inglese direttamente sul posto, a quelli inglesi di conoscere il resto dell’Europa.

Una sonora cattiveria che ha scatenato le reazioni indignate di intellettuali e uomini di cultura, convinti che lo scambio culturale giovanile dovesse andare al di là delle becere questioni politiche. Violentissima la reazione di Simon Schama, uno dei più affermati storici britannici, che definisce “Una decisione miserabile e un furto alle giovani e alle future generazioni”. Non è da meno l’ex deputata Luciana Berger: “Ho imparato così tanto durante il mio anno di Erasmus, è stata una delle più belle esperienze della mia vita. È devastante sapere che le nuove generazioni non avranno la mia stessa opportunità”. Altrettanto addolorato il pensiero dell’accademico Paul Bernal: “Tutti quelli che sanno minimamente cosa sia l’Erasmus, cpiascono che quella del governo è una decisione diabolica, miope controproducente. Tipico della Brexit”. A questi si aggiungono migliaia di commenti, appelli e insulti piovuti attraverso i social da tutta l’Europa. In realtà, Boris Johnson non ha mai nascosto di voler tranciare ogni tipo di legame con l’Unione Europea, rendendo più dure le regole per l’immigrazione.

Nello stesso pacchetto di norme passato a Westminster anche la rinuncia all’impegno di accogliere bambini rifugiati non accompagnati dalle famiglie.

Europa
100 giorni di Brexit
100 giorni di Brexit
Sono soprattutto le aziende che prima esportavano con il mercato europeo a pagare le conseguenze più grandi di un accordo che considerano scellerato. E chiedono al Regno Unito e alla UE di tornare intorno ad un tavolo
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
La prima cittadina al centro di una campagna che oltre a ricordarle le promesse elettorali di una Parigi più verde e pulita, mostrano lo stato di abbandono e sporcizia di quelli che tanti ormai chiamano l’ex Ville Lumière
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il ritorno alla normalità inizia il 12 aprile, per proseguire il 17 maggio e il 21 giugno. Ma Downing Street non abbassa la guardia promettendo test antigeni rapidi per tutti 2 volte alla settimana
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Ben 10 Paesi europei hanno annunciato che rifiuteranno di estradare propri cittadini nel Regno Unito in quanto i trattati sono cambiati. È una delle tante conseguenze della Brexit
Boris Johnson propone i pub solo ai vaccinati
Boris Johnson propone i pub solo ai vaccinati
Un’idea durata solo poche ore, tempo di essere tempestato da insulti e proteste da cittadini, gestori, esercenti e associazioni di categoria. Il Regno Unito anche alle prese con un’aspra battaglia per i vaccini con la UE
La crisi della Gran Bretagna, partner inaffidabile
La crisi della Gran Bretagna, partner inaffidabile
La confusa gestione della pandemia, i continui strappi alle regole della Brexit, le accuse dei Sussex e il caso della giovane uccisa da agente di polizia stanno trascinando l’ex “Cool Britannia” verso la scarsa considerazione internazionale
UE, la rivolta dei vaccini
UE, la rivolta dei vaccini
L’Austria annuncia che non farà più affidamento sulla UE, scegliendo di collaborare con Israele per i vaccini di seconda generazione
L’isola di «Mediterraneo» è covid-free
L’isola di «Mediterraneo» è covid-free
I 1500 abitanti di Kastellorizo sono stati vaccinati: è il primo comune europeo e la decisione fa parte di una strategia del governo per rendere sicuri i luoghi turistici
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Agendo in stretta collaborazione, la polizia in Germania e Belgio hanno messo a segno un sequestro record di cocaina arrivata in Europa via nave, nascosta in due container diversi. Il valore sul mercato è pari a diversi milioni di euro
Due mesi di Brexit
Due mesi di Brexit
Il governo di Boris Johnson sembra minimizzare i problemi di intere categorie a rischio, assicurando che fra 10 anni l’economia del Regno Unito sarà florida. Esperti e addetti ai lavori replicano: fra meno di cinque non esisterà più nulla