Effetto Brexit, la Gran Bretagna dice addio all’Erasmus

| La decisione di Westminster ha suscitato proteste ovunque, a cominciare da quelle degli intellettuali inglesi: una cattiveria nei confronti delle giovani generazioni

+ Miei preferiti
Non se n’è accorto quasi nessuno, ma mentre i media si concentravano sui missili di Trump e la fuga improvvisa di Harry e Meghan, a Westminster si consumava uno dei più crudeli strappi nei confronti delle giovani generazioni. Con 344 no e 254 sì, il parlamento ha votato per bloccare il “New Clause 10”, un disegno di legge che avrebbe imposto anche dopo il 2020 la permanenza del Regno Unito nell’Erasmus, il celebre progetto di mobilità studentesca creato dall’UE nel 1987 che ha permesso a circa 3 milioni di studenti di conoscere luoghi e culture diverse, diventando realmente cittadini europei.

Ma gli inglesi hanno detto no, malgrado la consapevolezza che Londra e il Regno Unito in genere hanno rappresentato per decenni una delle mete predilette degli studenti europei, per l’opportunità di imparare la lingua inglese direttamente sul posto, a quelli inglesi di conoscere il resto dell’Europa.

Una sonora cattiveria che ha scatenato le reazioni indignate di intellettuali e uomini di cultura, convinti che lo scambio culturale giovanile dovesse andare al di là delle becere questioni politiche. Violentissima la reazione di Simon Schama, uno dei più affermati storici britannici, che definisce “Una decisione miserabile e un furto alle giovani e alle future generazioni”. Non è da meno l’ex deputata Luciana Berger: “Ho imparato così tanto durante il mio anno di Erasmus, è stata una delle più belle esperienze della mia vita. È devastante sapere che le nuove generazioni non avranno la mia stessa opportunità”. Altrettanto addolorato il pensiero dell’accademico Paul Bernal: “Tutti quelli che sanno minimamente cosa sia l’Erasmus, cpiascono che quella del governo è una decisione diabolica, miope controproducente. Tipico della Brexit”. A questi si aggiungono migliaia di commenti, appelli e insulti piovuti attraverso i social da tutta l’Europa. In realtà, Boris Johnson non ha mai nascosto di voler tranciare ogni tipo di legame con l’Unione Europea, rendendo più dure le regole per l’immigrazione.

Nello stesso pacchetto di norme passato a Westminster anche la rinuncia all’impegno di accogliere bambini rifugiati non accompagnati dalle famiglie.

Europa
Jonhson: prepariamoci al No Deal
Jonhson: prepariamoci al No Deal
L’annuncio del premier britannico sembra voler mettere la parola fine alle estenuanti trattative sul dopo Brexit. Ma da Londra e Bruxelles filtra comunque l’idea di poter arrivare ad un compromesso
Brexit, nervi sempre più tesi
Brexit, nervi sempre più tesi
Le posizione di Londra e Bruxelles non segnano passi in avanti, e dalle due sponde partono accuse reciproche. A rimetterci di più, conti alla mano, sarebbe il Regno Unito
Brexit, segnali di distensione
Brexit, segnali di distensione
Una videochiamata fra Boris Johnson e Ursula von der Layen riaccende le speranze di un divorzio non traumatico. Ma andando al sodo tutto è ancora da definire, e il tempo stringe
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Martedì prossimo a Bruxelles è in programma uno degli ultimi appuntamenti possibili per raggiungere un accordo. Ad averne maggiormente bisogno è il Regno Unito, che però continua a fare i capricci
Germania, il vento dell’antisemitismo
Germania, il vento dell’antisemitismo
Centinaia di episodi, in un preoccupante crescendo di violenza, elencati in un rapporto dettagliato. La preoccupazione del governo e della comunità ebraica
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
Il muro contro muro con Bruxelles e le provocazioni di Boris Johnson stanno preparando il terreno della Brexit ad un clamoroso finale senza accordo. I rischi sono carenza di cibo, medicinali, recessione e isolamento internazionale
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Un accordo entro il 15 ottobre, o nessun accordo: BoJo alza la posta e detta il calendario, ma secondo molti sta bluffando, per strappare un’intesa dell’ultimo minuto da rivendicare come vittoria politica
Brexit, lo strappo della Germania
Brexit, lo strappo della Germania
Nessun passo avanti nelle trattative e un premier che “non sa cosa siano”, hanno convinto la delegazione tedesca ad abbandonare i tavoli su cui si tenta di arrivare ad un compromesso fra Bruxelles e Londra
Brexit, trattative in stallo
Brexit, trattative in stallo
Durissimo scambio di battute fra Michel Barnier e David Frost, i due capi delegazione della UE e del Regno Unito. Secondo il primo un accordo è improbabile, per il secondo è ancora possibile
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole