Elezioni Europee: i sovranisti non sfondano

| Crescono, ma non conquistano la maggioranza a Bruxelles i partiti euroscettici. In Italia svetta la Lega di Salvini, crollano i M5S e sembra risvegliarsi il PD. Forte affermazione ovunque dei Verdi, sulla spinta del voto dei giovani

+ Miei preferiti
Il primo dato è quello dell’affluenza: 200milioni di votanti, merito di un martellante appello al voto che gli europei hanno recepito, Italia a parte, dove invece si è toccato un calo di 2 punti e mezzo in meno rispetto al 2014. Un dato nel complesso considerato confortante, perché forse per la prima volta gli europei hanno dimostrato di sentirsi un popolo: non succedeva dal 1999, vent’anni fa, tempi in cui l’Europa era un concetto quasi astratto e il mondo un pianeta pacifico.

È chiaro fin da subito che a salvare l’Unione Europea sono stati i giovani, capaci di filtrare slogan e promesse pensando più al bene del pianeta: i Verdi crescono ovunque, o quasi, e da loro ci si aspettano azioni concrete perché adesso l’Europa smetta di pensare alle misure delle vongole per impegnarsi a salvare il lavoro, l’aria e il clima.

Fra tanti vincitori e nessun vinto, come da prassi, quelli che vincono lo fanno in modo sonoro: Marine Le Pen in Francia, Viktor Orban in Ungheria e Matteo Salvini in Italia, i tre “celoduristi” europei che fanno il pieno di consensi e sono pronti a battere cassa a casa propria, prima ancora di Bruxelles.

In realtà, ovunque si respira un sospiro di sollievo: i populisti, l’incubo che ha tolto i sonni all’Europa, crescono ma non sfondano, anche questo un segnale forte e chiarissimo: l’Europa va cambiata, ma non annientata, perché piaccia o meno è ormai la casa comune per milioni di cittadini. Anzi, secondo le prime voci che filtrano dai corridoi di Bruxelles si profila un’alleanza fra PPE-S&D e Alde, il gruppo liberale, visto che i primi due non raggiungono i seggi necessari per arrivare alla maggioranza. Ma dopo la lunga maratona elettorale, il concetto di Europa tiene, un po’ stropicciato, ma ancora in salute.

Uno dei casi più eclatanti è proprio l’Italia, dove il tandem che guida il governo ne esce a due velocità: da una parte la Lega, che sfonda il tetto del 34%, dall’altra il carrozzone pentastellato, che perde per strada un patrimonio fatto da milioni di voti e traballa. Secondo tradizione, di fronte a simili crolli verticali il leader si arrende e getta le armi: un’operazione per niente facile in Italia, eppure un piccolo elenco già visto a cui non sembra che Luigi Di Maio voglia accodarsi. La colpa, secondo lui, è dell’astensionismo: dimentica di aggiungere del suo elettorato, in fuga

Ma siamo all’inizio, i panni andranno lavati e non si escludono colpi di scena, perché se va accettata la consuetudine di tingersi d’oro quando si vince, andrebbe rispettata anche al contrario, opacizzandosi fino a sparire.

Ma Salvini, appena riuscirà a mettere via il Rosario, ha di che pensare: sfonda al sud, ma non nelle grandi città, dove torna a rialzare la testa il defunto PD. Eppure anche qui, secondo alcune analisi piuttosto interessanti, il merito non sarebbe neanche tanto della leadership di Zingaretti, piuttosto impalpabile e certamente non di polso, ma di un voto che voleva spostarsi quanto più possibile dall’ingombrante presenza del leader leghista, personaggio costruito con l’accetta, di quelli che ami profondamente oppure odi con ogni cellula del corpo.

Gli altri, fra percentuali in più o in meno, si dividono le briciole, compresa “Forza Italia”, la creatura berlusconiana definitivamente arrivata a fine corsa.

Scontata, e quasi del tutto inutile, la vittoria del “Brexit Party” di Nigel Farage che nel Regno Unito supera il 32%, assestando uno storico ceffone ai Tory di Theresa May, crollati con un 8% che rappresenta il punto più basso mai raggiunto. In Germania tiene la CDU-CSU di Angela Merkel, malgrado un’erosione di voti, e decollano i verdi, in Grecia il 23% dei consensi convince Alexis Tsipras a sciogliere il parlamento e convocare elezioni anticipate.

Articoli correlati
Europa
Biden avverte Putin: gli dirò quello che voglio tenga a mente
Biden avverte Putin: gli dirò quello che voglio tenga a mente
L’obiettivo della prima trasferta oltreoceano è rinsaldare i legami atlantici con gli alleati europei, e avvisare il capo del Cremlino: vogliamo esservi amici, ma non esagerate o ne ci saranno conseguenze pesanti
La pandemia e il fascino del potere assoluto
La pandemia e il fascino del potere assoluto
I leader europei hanno conquistato una maggiore autorità decisionale durante la lunga emergenza sanitaria. E pochi hanno “piani di uscita” per restituirla
Chernobyl torna a fare paura
Chernobyl torna a fare paura
Secondo alcuni scienziati il reattore numero 4 esploso nel 1986 darebbe segni di risveglio. Si teme un nuovo disastro
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
La decisione sembra presa: in un punto ancora non meglio precisato dalla città olandese nascerà una sorta di parco di divertimenti per adulti
Al via i lavori per il Green Pass europeo
Al via i lavori per il Green Pass europeo
La speranza è che tutto proceda in modo spedito, anche se ogni Paese membro ha diritto di stabilire le proprie regole di ingresso, e la UE non ha alcun potere in materia
A giugno la missione europea di Biden
A giugno la missione europea di Biden
Nel suo primo viaggio estero da presidente, affronterà tre diversi summit: il G7 nel Regno Unito, poi due incontri a Bruxelles, il primo sulla Nato, il secondo per rinsaldare i rapporti fra Stati Uniti ed Europa
100 giorni di Brexit
100 giorni di Brexit
Sono soprattutto le aziende che prima esportavano con il mercato europeo a pagare le conseguenze più grandi di un accordo che considerano scellerato. E chiedono al Regno Unito e alla UE di tornare intorno ad un tavolo
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
La prima cittadina al centro di una campagna che oltre a ricordarle le promesse elettorali di una Parigi più verde e pulita, mostrano lo stato di abbandono e sporcizia di quelli che tanti ormai chiamano l’ex Ville Lumière
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il ritorno alla normalità inizia il 12 aprile, per proseguire il 17 maggio e il 21 giugno. Ma Downing Street non abbassa la guardia promettendo test antigeni rapidi per tutti 2 volte alla settimana
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Ben 10 Paesi europei hanno annunciato che rifiuteranno di estradare propri cittadini nel Regno Unito in quanto i trattati sono cambiati. È una delle tante conseguenze della Brexit