Elezioni Europee: i sovranisti non sfondano

| Crescono, ma non conquistano la maggioranza a Bruxelles i partiti euroscettici. In Italia svetta la Lega di Salvini, crollano i M5S e sembra risvegliarsi il PD. Forte affermazione ovunque dei Verdi, sulla spinta del voto dei giovani

+ Miei preferiti
Il primo dato è quello dell’affluenza: 200milioni di votanti, merito di un martellante appello al voto che gli europei hanno recepito, Italia a parte, dove invece si è toccato un calo di 2 punti e mezzo in meno rispetto al 2014. Un dato nel complesso considerato confortante, perché forse per la prima volta gli europei hanno dimostrato di sentirsi un popolo: non succedeva dal 1999, vent’anni fa, tempi in cui l’Europa era un concetto quasi astratto e il mondo un pianeta pacifico.

È chiaro fin da subito che a salvare l’Unione Europea sono stati i giovani, capaci di filtrare slogan e promesse pensando più al bene del pianeta: i Verdi crescono ovunque, o quasi, e da loro ci si aspettano azioni concrete perché adesso l’Europa smetta di pensare alle misure delle vongole per impegnarsi a salvare il lavoro, l’aria e il clima.

Fra tanti vincitori e nessun vinto, come da prassi, quelli che vincono lo fanno in modo sonoro: Marine Le Pen in Francia, Viktor Orban in Ungheria e Matteo Salvini in Italia, i tre “celoduristi” europei che fanno il pieno di consensi e sono pronti a battere cassa a casa propria, prima ancora di Bruxelles.

In realtà, ovunque si respira un sospiro di sollievo: i populisti, l’incubo che ha tolto i sonni all’Europa, crescono ma non sfondano, anche questo un segnale forte e chiarissimo: l’Europa va cambiata, ma non annientata, perché piaccia o meno è ormai la casa comune per milioni di cittadini. Anzi, secondo le prime voci che filtrano dai corridoi di Bruxelles si profila un’alleanza fra PPE-S&D e Alde, il gruppo liberale, visto che i primi due non raggiungono i seggi necessari per arrivare alla maggioranza. Ma dopo la lunga maratona elettorale, il concetto di Europa tiene, un po’ stropicciato, ma ancora in salute.

Uno dei casi più eclatanti è proprio l’Italia, dove il tandem che guida il governo ne esce a due velocità: da una parte la Lega, che sfonda il tetto del 34%, dall’altra il carrozzone pentastellato, che perde per strada un patrimonio fatto da milioni di voti e traballa. Secondo tradizione, di fronte a simili crolli verticali il leader si arrende e getta le armi: un’operazione per niente facile in Italia, eppure un piccolo elenco già visto a cui non sembra che Luigi Di Maio voglia accodarsi. La colpa, secondo lui, è dell’astensionismo: dimentica di aggiungere del suo elettorato, in fuga

Ma siamo all’inizio, i panni andranno lavati e non si escludono colpi di scena, perché se va accettata la consuetudine di tingersi d’oro quando si vince, andrebbe rispettata anche al contrario, opacizzandosi fino a sparire.

Ma Salvini, appena riuscirà a mettere via il Rosario, ha di che pensare: sfonda al sud, ma non nelle grandi città, dove torna a rialzare la testa il defunto PD. Eppure anche qui, secondo alcune analisi piuttosto interessanti, il merito non sarebbe neanche tanto della leadership di Zingaretti, piuttosto impalpabile e certamente non di polso, ma di un voto che voleva spostarsi quanto più possibile dall’ingombrante presenza del leader leghista, personaggio costruito con l’accetta, di quelli che ami profondamente oppure odi con ogni cellula del corpo.

Gli altri, fra percentuali in più o in meno, si dividono le briciole, compresa “Forza Italia”, la creatura berlusconiana definitivamente arrivata a fine corsa.

Scontata, e quasi del tutto inutile, la vittoria del “Brexit Party” di Nigel Farage che nel Regno Unito supera il 32%, assestando uno storico ceffone ai Tory di Theresa May, crollati con un 8% che rappresenta il punto più basso mai raggiunto. In Germania tiene la CDU-CSU di Angela Merkel, malgrado un’erosione di voti, e decollano i verdi, in Grecia il 23% dei consensi convince Alexis Tsipras a sciogliere il parlamento e convocare elezioni anticipate.

Articoli correlati
Europa
La gioia effimera di BoJo
La gioia effimera di BoJo
Boris Johnson non avrà modo di festeggiare a lungo l’accordo raggiunto per la Brexit. Le opposizioni lo aspettano al varco, e il futuro è ancora una volta quanto mai incerto
Brexit, la Scozia non ci sta
Brexit, la Scozia non ci sta
Si riapre con forza il fronte secessionista di chi vuole abbandonare il Regno Unito al proprio destino e camminare con le proprie gambe. L’iter per un secondo referendum è pronto, ma manca l’ok di Londra
Dunkerque, il terminale dei disperati di tutto il mondo
Dunkerque, il terminale dei disperati di tutto il mondo
La polizia francese sgombera i campi dei rifugiati medio-orientali che cercano di raggiungere con ogni mezzo l'Inghilterra. In aumento gli attraversamenti illegali del Canale. Donne e bambini i più esposti ai pericoli
Caccia alla spia venuta dal freddo
Caccia alla spia venuta dal freddo
Il più importante agente della Cia a Mosca, fondamentale per ricostruire le presidenziali del 2016, sarebbe stato "bruciato" dai Trump. Lui è ora negli USA, in "pericolo di vita"
Un disastro chiamato Brexit
Un disastro chiamato Brexit
Tutto è ancora possibile, ripetono gli analisti politici: a quasi quattro anni dal referendum sull’uscita dalla UE, la Gran Bretagna è sempre più nel caos
Brexit, operazione martello giallo
Brexit, operazione martello giallo
Un rapporto confidenziale governativo svelato da un quotidiano inglese svela lo scenario apocalittico a cui va incontro la Gran Bretagna in caso di “No deal”
Esplode Skyfall, l'Armageddon di Putin
Esplode Skyfall, l
Durante un test il missile nucleare con autonomia illimitata è esploso. Le radiazioni avvertite sino in Norvegia: 40 morti nell'incendio del sottomarino nucleare più letale del mondo
Trump: mi compro la Groenlandia
Trump: mi compro la Groenlandia
Secca replica dei danesi: "Non siamo in un film comico". Ma il governo apre a investimenti USA
L'arcivescovo di Cracovia contro i gay
L
Parole pensatissime, che paragonano la comunità LGBT ad un’epidemia di peste peggiore di comunismo e nazismo messi insieme
Svezia, troppo sexy per salire sul bus
Svezia, troppo sexy per salire sul bus
Ha tentato di salire su un autobus vestita con pantaloncini e top, ma l’autista gliel’ha impedito. L’episodio è diventato un caso politico che da giorni occupa i giornali