Essex, studenti contro associazione ebraica

| Oltre 200 voti degli universitari contro la presenza di una associazione di sostegno agli studenti ebrei. Approvate analoghe strutture cristiane e islamiche. Propaganda anti-semita di un prof. islamico. Negata la Shoah

+ Miei preferiti

Gli studenti votano contro la presenta di una società ebraica all'Università dell'Essex - dopo che un docente islamico si era lamentato della presenza di "sionisti” nell’università. Le norme sindacali degli studenti stabiliscono che ogni nuova società proposta deve essere ratificata con un voto.  Più di 200 iscritti al sindacato studentesco hanno votato contro la presenza di una Società Ebraica dopo che erano state approvate invece associazioni religiose per il cristianesimo e l’Islam. Il professor Maaruf Ali, docente di informatica ed elettronica, ora può anche essere indagato dopo aver condiviso su Facebook una serie di teorie deliranti sugli ebrei e Israele. Ali ha pure condiviso una citazione che contesta il numero di ebrei morti nell'Olocausto. 

Sono oltre 200 gli studenti iscritti al sindacato studentesco - circa un terzo degli intervistati - che hanno risposto "no" alla domanda "Può esserci una società ebraica? La proposta di creare il gruppo era apparsa sul sito web del sindacato studentesco, le cui regole stabiliscono che ogni nuova società deve essere ratificata con la garanzia di voti. “Siamo profondamente delusi dalla percentuale significativa di studenti che hanno votato contro l'istituzione di una società ebraica all'Università dell'Essex", ha detto un portavoce dell'Unione degli studenti ebrei (UJS).

Le società ebraiche (oltre 60 esistono nei campus britannici) offrono agli studenti ebrei uno spazio per celebrare la loro cultura e la loro identità. Il fatto che alcuni studenti dell'Università dell'Essex ritengano opportuno votare contro è semplicemente sconvolgente. Coinvolto un docente dell'università, il dottor Maanuf Ali, che secondo l'UJS ha mostrato opinioni antisemite. Il dottor Ali ha anche espresso la sua opposizione all'idea di una società ebraica su un post di Facebook sulla pagina 2018-2019 dell'Università di Essex Freshers' Page 2018-2019. 

Il post originale diceva che Israele intende "espellere 36.000 palestinesi dal Negev", e il professor Ali ha commentato che "i sionisti vogliono creare una società qui alla nostra università!”. Lui e altri hanno poi condiviso sui social una citazione attribuita a Edgar J Steele, un avvocato che ha difeso l'organizzazione separatista bianca delle 'Nazioni Ariane’ che irride il numero di persone morte nei lager nazisti.

Europa
GB: la dura realtà della Brexit
GB: la dura realtà della Brexit
Crollo di importazioni ed esportazioni, livelli di burocrazia spaventosa e previsioni nefaste per il futuro. Le conseguenze della tanto agognata uscita dalla UE iniziano a farsi sentire, e non sono affatto piacevoli
Addio al Regno Unito
Addio al Regno Unito
La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante
La magia del Natale si posa sulla Brexit
La magia del Natale si posa sulla Brexit
Fonti inglesi ed europee danno per imminente un accordo che sarebbe poi ratificato a gennaio da Strasburgo
Brexit, prove tecniche di confusione
Brexit, prove tecniche di confusione
Lunghe code ai porti di Dover e l’ammonimento di una commissione: il Regno Unito non è pronto, rischiamo il collasso
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il timore di carenza di farmaci e cibo sta scatenando la corsa all’accaparramento: mentre Londra e Bruxelles trattano a oltranza, Downing Street annuncia l’operazione “Capstone”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Malgrado gli sforzi diplomatici, non si sblocca la situazione fra Regno Unito e UE: trattative ad oltranza per tutto il weekend, poi sarà l’inevitabile
Brexit, il costo del fallimento
Brexit, il costo del fallimento
Cosa c’è in gioco se le trattative fra Regno Unito e UE finiranno come ormai sembra assai probabile: con un “no deal” che contenterebbe tutti, gettando nella confusione la vita di milioni di persone