Ex ministro norvegese condannato per abusi

| Avrebbe approfittato della sua carica politica per pretendere prestazioni sessuali da tre richiedenti asilo

+ Miei preferiti
Per la civilissima Norvegia, il caso di Svein Ludvigsen è uno shock: al termine del processo di primo grado, l’ex ministro della pesca è stato condannato a cinque anni di reclusione per abusi sessuali. Ludvigsen, 72 anni, ministro fra il 2001 ed il 2005 e successivamente governatore di Toms fino al 2014, avrebbe approfittato della sua posizione per chiedere prestazioni sessuali a tre richiedenti asilo in cambio di sistemazioni con lavoro e alloggio, ma con la minaccia di essere espulsi dal paese se non avessero accettato. I tre casi sono avvenuti in un arco di tempo che va dal 2011 al 2017, quando uno dei tre, che oggi hanno rispettivamente, 25, 26 e 34 anni, era ancora minorenne. Gli incontri si sono consumati nell’abitazione dell’ex ministro, ma anche nei suoi uffici e in un albergo: ad aggravare la situazione del ministro, la disabilità mentale accertata di una delle tre vittime. Ludvigsen, che cinque anni fa ha dato l’addio alla politica attiva, ha tentato una difesa definendo i rapporti del tutto consensuali, ma è stato costretto ad ammettere di aver mentito alle forze dell’ordine che l’avevano interrogato. Kai Vaag, il suo avvocato, ha annunciato di voler ricorrere in appello: la sentenza conclusiva arriverà verso la fine dell’anno.

Europa
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Agendo in stretta collaborazione, la polizia in Germania e Belgio hanno messo a segno un sequestro record di cocaina arrivata in Europa via nave, nascosta in due container diversi. Il valore sul mercato è pari a diversi milioni di euro
Due mesi di Brexit
Due mesi di Brexit
Il governo di Boris Johnson sembra minimizzare i problemi di intere categorie a rischio, assicurando che fra 10 anni l’economia del Regno Unito sarà florida. Esperti e addetti ai lavori replicano: fra meno di cinque non esisterà più nulla
Bruxelles, Londra e la guerra dei vaccini
Bruxelles, Londra e la guerra dei vaccini
La UE ha chiesto una perquisizione dei sito produttivo AstraZeneca per capire se i ritardi siano dovuti a problemi interni o se invece più dosi del previsto siano state inviate oltremanica
GB: la dura realtà della Brexit
GB: la dura realtà della Brexit
Crollo di importazioni ed esportazioni, livelli di burocrazia spaventosa e previsioni nefaste per il futuro. Le conseguenze della tanto agognata uscita dalla UE iniziano a farsi sentire, e non sono affatto piacevoli
Addio al Regno Unito
Addio al Regno Unito
La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante
La magia del Natale si posa sulla Brexit
La magia del Natale si posa sulla Brexit
Fonti inglesi ed europee danno per imminente un accordo che sarebbe poi ratificato a gennaio da Strasburgo
Brexit, prove tecniche di confusione
Brexit, prove tecniche di confusione
Lunghe code ai porti di Dover e l’ammonimento di una commissione: il Regno Unito non è pronto, rischiamo il collasso