Ex ministro norvegese condannato per abusi

| Avrebbe approfittato della sua carica politica per pretendere prestazioni sessuali da tre richiedenti asilo

+ Miei preferiti
Per la civilissima Norvegia, il caso di Svein Ludvigsen è uno shock: al termine del processo di primo grado, l’ex ministro della pesca è stato condannato a cinque anni di reclusione per abusi sessuali. Ludvigsen, 72 anni, ministro fra il 2001 ed il 2005 e successivamente governatore di Toms fino al 2014, avrebbe approfittato della sua posizione per chiedere prestazioni sessuali a tre richiedenti asilo in cambio di sistemazioni con lavoro e alloggio, ma con la minaccia di essere espulsi dal paese se non avessero accettato. I tre casi sono avvenuti in un arco di tempo che va dal 2011 al 2017, quando uno dei tre, che oggi hanno rispettivamente, 25, 26 e 34 anni, era ancora minorenne. Gli incontri si sono consumati nell’abitazione dell’ex ministro, ma anche nei suoi uffici e in un albergo: ad aggravare la situazione del ministro, la disabilità mentale accertata di una delle tre vittime. Ludvigsen, che cinque anni fa ha dato l’addio alla politica attiva, ha tentato una difesa definendo i rapporti del tutto consensuali, ma è stato costretto ad ammettere di aver mentito alle forze dell’ordine che l’avevano interrogato. Kai Vaag, il suo avvocato, ha annunciato di voler ricorrere in appello: la sentenza conclusiva arriverà verso la fine dell’anno.

Europa
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Gli equilibri mondiali dopo Covid-19 sono cambiati, e si teme possano mutare nei prossimi mesi. Johnson di fronte ad un bivio: tenere la mano ferma con l’UE, ma rischiare di trascinare il Paese in un'altra crisi dopo la pandemia
La città divisa in due dal coronavirus
La città divisa in due dal coronavirus
Uno dei più complicati casi europei: una città belga all’interno dei confini olandesi. Ma se prima della pandemia era un’attrazione turistica, ora il lockdown da una parte le riaperture dall’altra creano non pochi fastidi
Riaperture: il fai da te europeo
Riaperture: il fai da te europeo
L’unico dato comune è il desiderio e il bisogno di riaprire: per il resto, ogni Paese europeo ha varato misure, nome e concessioni diverse
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Dai primi di marzo, migliaia di militari americani stanno sbarcando in Europa per una colossale esercitazione Nato. Il nervosismo del Cremlino e l’indifferenza verso il diffondersi del coronavirus
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Boris Johnson affila le armi: pretende libero accesso ai mercati europei ma non vuole rispettare le regole comunitarie. E minaccia l’uscita senza accordo
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
L’ultimo messaggio arriva dal ministro degli esteri francese, che si aspetta una “battaglia durissima” nelle trattative per stabilire gli accordi. Forti dubbi che tutto sia pronto entro la fine dell’anno
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Aziende e mercati inglesi temono che il Regno Unito arrivi al 31 dicembre prossimo senza un accordo commerciale con l’UE. Le conseguenze economiche sarebbero pesantissime
BoJo alza i toni con Bruxelles
BoJo alza i toni con Bruxelles
Anticipato dai media il contenuto del discorso del premier Johnson previsto per oggi: l’obiettivo è non rispettare gli accordi parziali già presi per minacciare il solito no deal
Brexit ultimo atto
Brexit ultimo atto
A mezzanotte scatta ufficialmente l’uscita del regno Unito dalla UE, sancendo la fine di un rapporto lungo 47 anni. Ma la parte peggiore arriva adesso
Effetto Brexit: impossibile conoscere il prezzo di un’auto
Effetto Brexit: impossibile conoscere il prezzo di un’auto
Un automobilista scozzese ha acquistato una Mercedes-Benz scoprendo che il costo finale cambierà in base alle nuove tariffe doganali, che al momento non ci sono