Ex ministro norvegese condannato per abusi

| Avrebbe approfittato della sua carica politica per pretendere prestazioni sessuali da tre richiedenti asilo

+ Miei preferiti
Per la civilissima Norvegia, il caso di Svein Ludvigsen è uno shock: al termine del processo di primo grado, l’ex ministro della pesca è stato condannato a cinque anni di reclusione per abusi sessuali. Ludvigsen, 72 anni, ministro fra il 2001 ed il 2005 e successivamente governatore di Toms fino al 2014, avrebbe approfittato della sua posizione per chiedere prestazioni sessuali a tre richiedenti asilo in cambio di sistemazioni con lavoro e alloggio, ma con la minaccia di essere espulsi dal paese se non avessero accettato. I tre casi sono avvenuti in un arco di tempo che va dal 2011 al 2017, quando uno dei tre, che oggi hanno rispettivamente, 25, 26 e 34 anni, era ancora minorenne. Gli incontri si sono consumati nell’abitazione dell’ex ministro, ma anche nei suoi uffici e in un albergo: ad aggravare la situazione del ministro, la disabilità mentale accertata di una delle tre vittime. Ludvigsen, che cinque anni fa ha dato l’addio alla politica attiva, ha tentato una difesa definendo i rapporti del tutto consensuali, ma è stato costretto ad ammettere di aver mentito alle forze dell’ordine che l’avevano interrogato. Kai Vaag, il suo avvocato, ha annunciato di voler ricorrere in appello: la sentenza conclusiva arriverà verso la fine dell’anno.

Europa
Al via i lavori per il Green Pass europeo
Al via i lavori per il Green Pass europeo
La speranza è che tutto proceda in modo spedito, anche se ogni Paese membro ha diritto di stabilire le proprie regole di ingresso, e la UE non ha alcun potere in materia
A giugno la missione europea di Biden
A giugno la missione europea di Biden
Nel suo primo viaggio estero da presidente, affronterà tre diversi summit: il G7 nel Regno Unito, poi due incontri a Bruxelles, il primo sulla Nato, il secondo per rinsaldare i rapporti fra Stati Uniti ed Europa
100 giorni di Brexit
100 giorni di Brexit
Sono soprattutto le aziende che prima esportavano con il mercato europeo a pagare le conseguenze più grandi di un accordo che considerano scellerato. E chiedono al Regno Unito e alla UE di tornare intorno ad un tavolo
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
La prima cittadina al centro di una campagna che oltre a ricordarle le promesse elettorali di una Parigi più verde e pulita, mostrano lo stato di abbandono e sporcizia di quelli che tanti ormai chiamano l’ex Ville Lumière
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il ritorno alla normalità inizia il 12 aprile, per proseguire il 17 maggio e il 21 giugno. Ma Downing Street non abbassa la guardia promettendo test antigeni rapidi per tutti 2 volte alla settimana
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Ben 10 Paesi europei hanno annunciato che rifiuteranno di estradare propri cittadini nel Regno Unito in quanto i trattati sono cambiati. È una delle tante conseguenze della Brexit
Boris Johnson propone i pub solo ai vaccinati
Boris Johnson propone i pub solo ai vaccinati
Un’idea durata solo poche ore, tempo di essere tempestato da insulti e proteste da cittadini, gestori, esercenti e associazioni di categoria. Il Regno Unito anche alle prese con un’aspra battaglia per i vaccini con la UE
La crisi della Gran Bretagna, partner inaffidabile
La crisi della Gran Bretagna, partner inaffidabile
La confusa gestione della pandemia, i continui strappi alle regole della Brexit, le accuse dei Sussex e il caso della giovane uccisa da agente di polizia stanno trascinando l’ex “Cool Britannia” verso la scarsa considerazione internazionale
UE, la rivolta dei vaccini
UE, la rivolta dei vaccini
L’Austria annuncia che non farà più affidamento sulla UE, scegliendo di collaborare con Israele per i vaccini di seconda generazione
L’isola di «Mediterraneo» è covid-free
L’isola di «Mediterraneo» è covid-free
I 1500 abitanti di Kastellorizo sono stati vaccinati: è il primo comune europeo e la decisione fa parte di una strategia del governo per rendere sicuri i luoghi turistici