Frullati contro i leader pro-Brexit (e razzisti)

| L'attivista inglese che ha colpito Nigel Farage a Newcastle è orgoglioso del suo gesto: "Desideravo bere il frullato ma quando per caso incroci Farage...". Poi: "Un gioco contro razzisti e odiatori"

+ Miei preferiti

L’uomo che ha gettato un frullato di latte e banana e un altro, però al caramello salato, sul leader pro-brexit Nigel Farage è un sostenitore di Jeremy Corbyn, il capo dl Labour, e fanatico Remainer, contrario all’uscita del Regno Unito dall’Europa. Si chiama Paul Crowther e i suoi social sono zeppi di post  materiale anti-Tory e anti-Brexit, Farage stava facendo campagna a Newcastle quando è stato attaccato dall’attivista, subito fermato dopo l’incidente. Nelle elezioni del 2017 aveva aggiornato la sua foto del profilo a una che invita i suoi amici a votare per il partito laburista. Il fan di Game of Thrones ha postato su Facebook e Twitter le foto del frullato prima dell'attacco di Newcastle all'ora di pranzo di oggi: “….Quando torni in ufficio con il tuo frullato e ti imbatti in una marcia Brexit Party…..". E ha aggiunto su Twitter: "L'ho fatto, ho preso  Farage. Non posso credere di averlo fatto".

Paul Crowther


 Farage, che stava facendo campagna elettorale per le elezioni europee come parte di un tour nel Regno Unito oggi, era furioso. E sembrava anche aver preso ispirazione per l'attacco al frullato da un precedente dessert contro l’esponente Ukip, Carl Benjamin. Ha anche twittato: "Se mai sostengo un politico che ha detto apertamente che avrebbe aggredito un altro politico, si prega di considerare la possibilità di lanciare frullati contro di lui come gioco leale”. Crowther ha detto oggi di aver lanciato la scossa per protestare contro la "bile e il razzismo" di Farage. Ha detto: "Non sapevo che fosse in città, pensavo che questa fosse la mia unica possibilità”. Del suo frullato, ha detto maledettamente: "Non vedevo l'ora di berlo, ma penso che sia stato utilizzato meglio così".

 

Galleria fotografica
Frullati contro i leader pro-Brexit (e razzisti) - immagine 1
Europa
Brexit: the final countdown
Brexit: the final countdown
Il capo delegazione europeo Barnier è giunto a Londra per un fine settimana decisivo: ad attenderlo qualche spiraglio di buona volontà, ma posizioni ancora molto rigide
Effetto Biden: Johnson pronto a scendere a patti con la UE
Effetto Biden: Johnson pronto a scendere a patti con la UE
Impaurito dal cambio di marcia della politica americana, il premier inglese sa di non avere più una spalla forte come Trump per continuare a battere i pugni con Bruxelles
Jonhson: prepariamoci al No Deal
Jonhson: prepariamoci al No Deal
L’annuncio del premier britannico sembra voler mettere la parola fine alle estenuanti trattative sul dopo Brexit. Ma da Londra e Bruxelles filtra comunque l’idea di poter arrivare ad un compromesso
Brexit, nervi sempre più tesi
Brexit, nervi sempre più tesi
Le posizione di Londra e Bruxelles non segnano passi in avanti, e dalle due sponde partono accuse reciproche. A rimetterci di più, conti alla mano, sarebbe il Regno Unito
Brexit, segnali di distensione
Brexit, segnali di distensione
Una videochiamata fra Boris Johnson e Ursula von der Layen riaccende le speranze di un divorzio non traumatico. Ma andando al sodo tutto è ancora da definire, e il tempo stringe
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Martedì prossimo a Bruxelles è in programma uno degli ultimi appuntamenti possibili per raggiungere un accordo. Ad averne maggiormente bisogno è il Regno Unito, che però continua a fare i capricci
Germania, il vento dell’antisemitismo
Germania, il vento dell’antisemitismo
Centinaia di episodi, in un preoccupante crescendo di violenza, elencati in un rapporto dettagliato. La preoccupazione del governo e della comunità ebraica
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
Il muro contro muro con Bruxelles e le provocazioni di Boris Johnson stanno preparando il terreno della Brexit ad un clamoroso finale senza accordo. I rischi sono carenza di cibo, medicinali, recessione e isolamento internazionale
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Un accordo entro il 15 ottobre, o nessun accordo: BoJo alza la posta e detta il calendario, ma secondo molti sta bluffando, per strappare un’intesa dell’ultimo minuto da rivendicare come vittoria politica
Brexit, lo strappo della Germania
Brexit, lo strappo della Germania
Nessun passo avanti nelle trattative e un premier che “non sa cosa siano”, hanno convinto la delegazione tedesca ad abbandonare i tavoli su cui si tenta di arrivare ad un compromesso fra Bruxelles e Londra