Germania, il vento dell’antisemitismo

| Centinaia di episodi, in un preoccupante crescendo di violenza, elencati in un rapporto dettagliato. La preoccupazione del governo e della comunità ebraica

+ Miei preferiti
L’inquietante rapporto diffuso dal RIAS (Research and Information on Anti-Semitism), non lascia molto spazio alle interpretazioni: l’antisemitismo è tornato con forza a spirare in Germania. Nel corso di quest’anno, reso difficile dalla pandemia, si sono registrati 410 atti violenti, più di due al giorno, concentrati soprattutto fra attacchi fisici, danni a proprietà, minacce, casi di propaganda antisemita e gesti o comportamenti filo-nazisti.

Tutto ciò che è stato segnalato o denunciato fa parte del dossier: scritte sui muri, tombe del cimitero ebraico profanate, saluti nazisti e svastiche sono comparse ovunque, anche durante il lockdown che imponeva restrizioni alla circolazione.

Preoccupazioni confermate dal ministero dell’interno, che in un proprio rapporto parla di un aumento del 13% dei crimini antisemiti e del 4,4% di quelli anti-musulmani. Tutti ad opera di gruppi neonazisti dell’estrema destra.

Uno degli ultimi episodi, il mese scorso, il rogo del “Morgen Wird Besser”, un bar del quartiere Lichtenberg a poca distanza dalle targhe in ottone che ricordano i nomi degli ebrei vittime dei rastrellamenti nazisti nella zona. È un preoccupante segnale di innalzamento della minaccia, dopo il tentativo di un uomo armato che lo scorso gennaio aveva tentato di fare irruzione in una sinagoga di Halle uccidendo due persone.

Angela Merkel parla di “antisemitismo più visibile”, mentre Levi Salomon, del “Jewish Forum for Democracy and Against Anti-Semitism” ammette che “Il fenomeno sta aumentando pericolosamente fino a diventare un problema enorme. La situazione si è deteriorata nel giro di vent’anni”.

Secondo un altro sondaggio, un ebreo su due ha dichiarato l’intenzione di lasciare la Germania, quanto basta per far scattare la reazione del ministro degli esteri Heiko Maas: “Il fatto che persone di religione ebraica non si sentano più al sicuro in Germania è un incubo e una vergogna, 75 anni dopo la liberazione di Auschwitz. Ogni attacco contro gli ebrei è un attacco contro l’Europa, perché è l’esatto contrario di tutto ciò che l’Europa rappresenta: tolleranza, libertà, dignità umana”.

Europa
Jonhson: prepariamoci al No Deal
Jonhson: prepariamoci al No Deal
L’annuncio del premier britannico sembra voler mettere la parola fine alle estenuanti trattative sul dopo Brexit. Ma da Londra e Bruxelles filtra comunque l’idea di poter arrivare ad un compromesso
Brexit, nervi sempre più tesi
Brexit, nervi sempre più tesi
Le posizione di Londra e Bruxelles non segnano passi in avanti, e dalle due sponde partono accuse reciproche. A rimetterci di più, conti alla mano, sarebbe il Regno Unito
Brexit, segnali di distensione
Brexit, segnali di distensione
Una videochiamata fra Boris Johnson e Ursula von der Layen riaccende le speranze di un divorzio non traumatico. Ma andando al sodo tutto è ancora da definire, e il tempo stringe
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Martedì prossimo a Bruxelles è in programma uno degli ultimi appuntamenti possibili per raggiungere un accordo. Ad averne maggiormente bisogno è il Regno Unito, che però continua a fare i capricci
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
Il muro contro muro con Bruxelles e le provocazioni di Boris Johnson stanno preparando il terreno della Brexit ad un clamoroso finale senza accordo. I rischi sono carenza di cibo, medicinali, recessione e isolamento internazionale
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Un accordo entro il 15 ottobre, o nessun accordo: BoJo alza la posta e detta il calendario, ma secondo molti sta bluffando, per strappare un’intesa dell’ultimo minuto da rivendicare come vittoria politica
Brexit, lo strappo della Germania
Brexit, lo strappo della Germania
Nessun passo avanti nelle trattative e un premier che “non sa cosa siano”, hanno convinto la delegazione tedesca ad abbandonare i tavoli su cui si tenta di arrivare ad un compromesso fra Bruxelles e Londra
Brexit, trattative in stallo
Brexit, trattative in stallo
Durissimo scambio di battute fra Michel Barnier e David Frost, i due capi delegazione della UE e del Regno Unito. Secondo il primo un accordo è improbabile, per il secondo è ancora possibile
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Gli equilibri mondiali dopo Covid-19 sono cambiati, e si teme possano mutare nei prossimi mesi. Johnson di fronte ad un bivio: tenere la mano ferma con l’UE, ma rischiare di trascinare il Paese in un'altra crisi dopo la pandemia