I conti in tasca alla Brexit

| Un centro di analisi economiche europeo ha tirato giù due calcoli, arrivando a dare una stima del costo che sta pagando l’economia britannica all’idea di uscire dalla UE. Un giochino da 71 milioni di euro al giorno persi

+ Miei preferiti
È il “Centre for European Reform” a dare l’ultima mazzata alla Brexit, il tormentone che dal 2016 picchia sulle due sponde della Manica. Diventata ormai una questione di “celodurismo” politico e di scontro fra ideologie opposte, senza più tener conto delle richieste della piazza di votare una seconda volta, la Brexit ha già fatto danni ingenti che faranno sentire gli effetti negli anni a venire.

L’idea di uscire dalla UE, almeno per adesso, si è rivelata nefasta, una delle peggiori nella lunga storia degli errori politici di cui è disseminata la storia dell’umanità. Lo dice, senza ovviamente aggiungere alcun commento (anche perché in fondo non servono), il citato rapporto del Centre for European Reform, che per iniziare paragona la situazione attuale a quella di una Gran Bretagna senza Brexit. Allo stato attuale, l’economia del Regno Unito sarebbe assestata su un confortante +2,5% in più rispetto alla situazione odierna. Dato percentuale che viene reso ancora meglio se tradotto in denaro sonante: 26 miliardi di sterline all’anno in meno, 500 milioni a settimana, 71 al giorno, ovvero 84 miliardi di euro persi dal 23 giugno 2016, quando i “Leave” sconfissero i “Remain”.

Sia chiaro: si tratta di calcoli ipotetici, basati sul semplice raffronto di situazioni pregresse e attuali di 22 paesi con economie simili a quella anglosassone. Ma comunque sufficienti a poter valutare la questione dell’uscita dalla UE in una cifra fra i 44 ed i 55 miliardi di euro, con allarmi a catena lanciati da enti e istituzioni come la “Bank of England”, la banca centrale, che teme un crollo dell’85 del Pil, un tasso di disoccupazione del 7,5% e l’inflazione oscillante intorno al 6,5%.

Europa
Junker si congeda a Strasburgo
Junker si congeda a Strasburgo
Il presidente uscente della Commissione Europea ringrazia i colleghi, si dice soddisfatto per il lavoro svolto e ribadisce il suo attaccamento al progetto europeo
Chi di Brexit ferisce…
Chi di Brexit ferisce…
divorzio tra Unione Europea e Regno Unito non ce l’ha ancora nessuno. Sicuramente aumenteranno i disguidi per chi dovrà viaggiare da e per le isole britanniche e anche per chi vive da espatriato
Polonia, al rogo i libri di Harry Potter
Polonia, al rogo i libri di Harry Potter
Un’associazione religiosa ha deciso di bruciare pubblicamente libri considerati blasfemi e sacrileghi: oltre a quelli del maghetto, anche Hello Kitty
Brexit, terzo no alla May
Brexit, terzo no alla May
Bocciato definitivamente l’accordo raggiunto fra la premier e l’UE. Lo spettro del “no deal” e la probabilità che la UK sia costretta a partecipare alle elezioni europee
Nizza blindata per Xi Jinping
Nizza blindata per Xi Jinping
Il presidente cinese atterrato in Francia, dove ha in programma un incontro a Monaco con Alberto II e una cena con il presidente Macron
Londra in piazza: cancellate la Brexit
Londra in piazza: cancellate la Brexit
Un milione di persone, 4,2 quelle che hanno firmato la petizione online per chiedere la revoca dell’articolo 50 o un nuovo referendum. Freddo il commento di Downing Street
Toglieteci tutto, ma non la carta igienica
Toglieteci tutto, ma non la carta igienica
In UK è iniziata la caccia al doppio velo, che con la Brexit rischia di sparire visto che la quasi totalità di carta igienica utilizzata in UK arriva dall’Europa
Macron: sulla Tav non ho tempo da perdere
Macron: sulla Tav non ho tempo da perdere
A poche ore dal bilaterale con il premier Conte, il presidente francese liquida la faccenda con poche battute al vetriolo
Brexit, boom di firme per restare in UE
Brexit, boom di firme per restare in UE
Il sito del Parlamento in tilt: nel giro di poche ore raccolte quasi un milione e mezzo di firme per chiedere la revoca dell’articolo 50
Troppo violenta, Londra si svuota
Troppo violenta, Londra si svuota
La comunità somala, fra le più colpite, ha iniziato a rimandare i propri figli in patria