I pusher del deep web: stop al Fentanyl

| Persino gli spacciatori che vendono droghe sul deep web hanno deciso di non cedere più il micidiale oppioide. Troppe le morti per overdose. Il tragico caso degli influencer californiani morti

+ Miei preferiti

Anche i più accaniti fornitori di droga attivi sul dark web hanno iniziato a cancellare dai loro cataloghi l'oppioide sintetico "Fentanyl" perché troppo pericoloso, ha rivelato la britannica "National Crime Agency". Ogni giorno negli Usa “produce” una media di 45 morti e la tragica fine della coppia di influencer californiani Christian Kent e Michelle Alisa, uccisi da un’overdose e trovati abbracciati sul letto, ha ancora una volta concentrato l’attenzione dei media su un fenomeno devastante e in continua espansione. L'antidolorifico è classificato pericoloso, al pari delle armi da fuoco e dagli esplosivi ad alto rischio di incident. Il Fentanil può essere fino a 100 volte più potente dell'eroina e facilmente causare overdose accidentali, in particolare se mescolato con alcol o altri stupefacenti.

Vince O'Brien, uno dei leader dell'NCA, ha raccontato all'Observer che gli operatori del mercato del deep web sembrano aver preso una decisione commerciale, perché vendere una droga che potrebbe portare alla morte così facilmente ha maggiori probabilità di richiamare l'attenzione della polizia. E' il primo caso simile svelato dagli operatori che agiscono per vietare efficacemente il farmaco letale. O'Brien: "Se ci sono soggetti che vendono merci ad alto rischio, allora il rischio per loro aumenterà. Ci sono mercati che non accettano annunci di armi ed esplosivi, gli stessi che non accettano lo scambio di Fentanyl. Chiaramente, le forze dell'ordine darebbero priorità alla fornitura di armi, esplosivi e Fentanil rispetto, ad esempio, alle droghe di classe C e questo potrebbe essere il motivo per cui lo fanno. Ci sono anche consumatori di droga che affermano sui forum del deep web che non pensano che sia giusto che le persone vendano Fentanyl perché è pericoloso e uccide molte persone".

Il Fentanyl è arrivato nel Regno Unito circa 18 mesi fa e finora ha causato circa 160 morti, in aumento di quasi il 30% l'anno scorso, secondo l'Ufficio per le statistiche nazionali. Un secondo tipo di Fentanyl, il Carfentanil, è ancora più letale e molto più efficace dell'eroina e O'Brien ha confermato che la polizia ha già effettuato una serie di piccoli sequestri della sostanza nel Regno Unito. Negli Stati Uniti, il Fentanyl è sempre più diffuso e ha sostituito l'eroina in molti dei principali mercati di droga statunitensi, facendo precipitare il paese in una fase altamente letale dell'epidemia di oppioidi. Il numero di decessi per overdose associati al Fentanyl e a farmaci simili è cresciuto a più di 29.000 l'anno, rispetto ai 3.000 di cinque anni fa. I decessi sono aumentati di oltre il 45% nel 2017.

O'Brien ha spiegato che la NCA sta lavorando con le forze dell'ordine statunitensi per evitare che il Regno Unito sia vittima di una simile epidemia di Fentanyl, anche se il numero di persone che dipendono dagli oppiacei nel Regno Unito rispetto all'America rivelano un mercato di minori dimensioni. "Stiamo lavorando a stretto contatto con i partner internazionali per quanto riguarda l'evoluzione della minaccia", ha detto ancora O'Brien. Il NCA ha effettuato una serie di arresti contro i pusher di Fentanyl del Regno Unito, che in genere acquistano il farmaco dalla Cina e lo rivendono sul deep web. Il primo ad essere condannato nel Regno Unito è stato Kyle Enos, 25 anni, di Newport, a otto anni di carcere. Enos si era procurato il narcotico dalla Cina, vendendolo in tutto il mondo

Mentre la Narcotici della polizia rintracciava 160 clienti che avevano acquistato il Fentanyl da Enos per avvertirli che il farmaco era mortale, dei suoi quattro dei suoi clienti erano già morti. "Non possiamo dire se hanno preso la droga, ma erano certamente sulla sua lista clienti". Enos, lui stesso consumatore di Fentanyl ed eroina, era consapevole dei rischi e aveva informato ogni cliente che la sostanza era estremamente rischiosa. "Ogni volta che eliminiamo un fornitore del deep web seguiamo i clienti e scopriamo che molti sono morti prima ancora di poterli avvisare”. Alcuni dei più grandi fornitori sono già stati eliminati, compresa  Alphabay, il più grande mercato della droga sintetica in vendita on line, smantellata dopo un’operazione dell’Interpol.

Articoli correlati
Galleria fotografica
I pusher del deep web: stop al Fentanyl - immagine 1
I pusher del deep web: stop al Fentanyl - immagine 2
I pusher del deep web: stop al Fentanyl - immagine 3
I pusher del deep web: stop al Fentanyl - immagine 4
I pusher del deep web: stop al Fentanyl - immagine 5
I pusher del deep web: stop al Fentanyl - immagine 6
I pusher del deep web: stop al Fentanyl - immagine 7
I pusher del deep web: stop al Fentanyl - immagine 8
I pusher del deep web: stop al Fentanyl - immagine 9
I pusher del deep web: stop al Fentanyl - immagine 10
Europa
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Gli equilibri mondiali dopo Covid-19 sono cambiati, e si teme possano mutare nei prossimi mesi. Johnson di fronte ad un bivio: tenere la mano ferma con l’UE, ma rischiare di trascinare il Paese in un'altra crisi dopo la pandemia
La città divisa in due dal coronavirus
La città divisa in due dal coronavirus
Uno dei più complicati casi europei: una città belga all’interno dei confini olandesi. Ma se prima della pandemia era un’attrazione turistica, ora il lockdown da una parte le riaperture dall’altra creano non pochi fastidi
Riaperture: il fai da te europeo
Riaperture: il fai da te europeo
L’unico dato comune è il desiderio e il bisogno di riaprire: per il resto, ogni Paese europeo ha varato misure, nome e concessioni diverse
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Dai primi di marzo, migliaia di militari americani stanno sbarcando in Europa per una colossale esercitazione Nato. Il nervosismo del Cremlino e l’indifferenza verso il diffondersi del coronavirus
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Boris Johnson affila le armi: pretende libero accesso ai mercati europei ma non vuole rispettare le regole comunitarie. E minaccia l’uscita senza accordo
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
L’ultimo messaggio arriva dal ministro degli esteri francese, che si aspetta una “battaglia durissima” nelle trattative per stabilire gli accordi. Forti dubbi che tutto sia pronto entro la fine dell’anno
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Aziende e mercati inglesi temono che il Regno Unito arrivi al 31 dicembre prossimo senza un accordo commerciale con l’UE. Le conseguenze economiche sarebbero pesantissime
BoJo alza i toni con Bruxelles
BoJo alza i toni con Bruxelles
Anticipato dai media il contenuto del discorso del premier Johnson previsto per oggi: l’obiettivo è non rispettare gli accordi parziali già presi per minacciare il solito no deal
Brexit ultimo atto
Brexit ultimo atto
A mezzanotte scatta ufficialmente l’uscita del regno Unito dalla UE, sancendo la fine di un rapporto lungo 47 anni. Ma la parte peggiore arriva adesso