I pusher del deep web: stop al Fentanyl

| Persino gli spacciatori che vendono droghe sul deep web hanno deciso di non cedere più il micidiale oppioide. Troppe le morti per overdose. Il tragico caso degli influencer californiani morti

+ Miei preferiti

Anche i più accaniti fornitori di droga attivi sul dark web hanno iniziato a cancellare dai loro cataloghi l'oppioide sintetico "Fentanyl" perché troppo pericoloso, ha rivelato la britannica "National Crime Agency". Ogni giorno negli Usa “produce” una media di 45 morti e la tragica fine della coppia di influencer californiani Christian Kent e Michelle Alisa, uccisi da un’overdose e trovati abbracciati sul letto, ha ancora una volta concentrato l’attenzione dei media su un fenomeno devastante e in continua espansione. L'antidolorifico è classificato pericoloso, al pari delle armi da fuoco e dagli esplosivi ad alto rischio di incident. Il Fentanil può essere fino a 100 volte più potente dell'eroina e facilmente causare overdose accidentali, in particolare se mescolato con alcol o altri stupefacenti.

Vince O'Brien, uno dei leader dell'NCA, ha raccontato all'Observer che gli operatori del mercato del deep web sembrano aver preso una decisione commerciale, perché vendere una droga che potrebbe portare alla morte così facilmente ha maggiori probabilità di richiamare l'attenzione della polizia. E' il primo caso simile svelato dagli operatori che agiscono per vietare efficacemente il farmaco letale. O'Brien: "Se ci sono soggetti che vendono merci ad alto rischio, allora il rischio per loro aumenterà. Ci sono mercati che non accettano annunci di armi ed esplosivi, gli stessi che non accettano lo scambio di Fentanyl. Chiaramente, le forze dell'ordine darebbero priorità alla fornitura di armi, esplosivi e Fentanil rispetto, ad esempio, alle droghe di classe C e questo potrebbe essere il motivo per cui lo fanno. Ci sono anche consumatori di droga che affermano sui forum del deep web che non pensano che sia giusto che le persone vendano Fentanyl perché è pericoloso e uccide molte persone".

Il Fentanyl è arrivato nel Regno Unito circa 18 mesi fa e finora ha causato circa 160 morti, in aumento di quasi il 30% l'anno scorso, secondo l'Ufficio per le statistiche nazionali. Un secondo tipo di Fentanyl, il Carfentanil, è ancora più letale e molto più efficace dell'eroina e O'Brien ha confermato che la polizia ha già effettuato una serie di piccoli sequestri della sostanza nel Regno Unito. Negli Stati Uniti, il Fentanyl è sempre più diffuso e ha sostituito l'eroina in molti dei principali mercati di droga statunitensi, facendo precipitare il paese in una fase altamente letale dell'epidemia di oppioidi. Il numero di decessi per overdose associati al Fentanyl e a farmaci simili è cresciuto a più di 29.000 l'anno, rispetto ai 3.000 di cinque anni fa. I decessi sono aumentati di oltre il 45% nel 2017.

O'Brien ha spiegato che la NCA sta lavorando con le forze dell'ordine statunitensi per evitare che il Regno Unito sia vittima di una simile epidemia di Fentanyl, anche se il numero di persone che dipendono dagli oppiacei nel Regno Unito rispetto all'America rivelano un mercato di minori dimensioni. "Stiamo lavorando a stretto contatto con i partner internazionali per quanto riguarda l'evoluzione della minaccia", ha detto ancora O'Brien. Il NCA ha effettuato una serie di arresti contro i pusher di Fentanyl del Regno Unito, che in genere acquistano il farmaco dalla Cina e lo rivendono sul deep web. Il primo ad essere condannato nel Regno Unito è stato Kyle Enos, 25 anni, di Newport, a otto anni di carcere. Enos si era procurato il narcotico dalla Cina, vendendolo in tutto il mondo

Mentre la Narcotici della polizia rintracciava 160 clienti che avevano acquistato il Fentanyl da Enos per avvertirli che il farmaco era mortale, dei suoi quattro dei suoi clienti erano già morti. "Non possiamo dire se hanno preso la droga, ma erano certamente sulla sua lista clienti". Enos, lui stesso consumatore di Fentanyl ed eroina, era consapevole dei rischi e aveva informato ogni cliente che la sostanza era estremamente rischiosa. "Ogni volta che eliminiamo un fornitore del deep web seguiamo i clienti e scopriamo che molti sono morti prima ancora di poterli avvisare”. Alcuni dei più grandi fornitori sono già stati eliminati, compresa  Alphabay, il più grande mercato della droga sintetica in vendita on line, smantellata dopo un’operazione dell’Interpol.

Articoli correlati
Galleria fotografica
I pusher del deep web: stop al Fentanyl - immagine 1
I pusher del deep web: stop al Fentanyl - immagine 2
I pusher del deep web: stop al Fentanyl - immagine 3
I pusher del deep web: stop al Fentanyl - immagine 4
I pusher del deep web: stop al Fentanyl - immagine 5
I pusher del deep web: stop al Fentanyl - immagine 6
I pusher del deep web: stop al Fentanyl - immagine 7
I pusher del deep web: stop al Fentanyl - immagine 8
I pusher del deep web: stop al Fentanyl - immagine 9
I pusher del deep web: stop al Fentanyl - immagine 10
Europa
Jonhson: prepariamoci al No Deal
Jonhson: prepariamoci al No Deal
L’annuncio del premier britannico sembra voler mettere la parola fine alle estenuanti trattative sul dopo Brexit. Ma da Londra e Bruxelles filtra comunque l’idea di poter arrivare ad un compromesso
Brexit, nervi sempre più tesi
Brexit, nervi sempre più tesi
Le posizione di Londra e Bruxelles non segnano passi in avanti, e dalle due sponde partono accuse reciproche. A rimetterci di più, conti alla mano, sarebbe il Regno Unito
Brexit, segnali di distensione
Brexit, segnali di distensione
Una videochiamata fra Boris Johnson e Ursula von der Layen riaccende le speranze di un divorzio non traumatico. Ma andando al sodo tutto è ancora da definire, e il tempo stringe
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Martedì prossimo a Bruxelles è in programma uno degli ultimi appuntamenti possibili per raggiungere un accordo. Ad averne maggiormente bisogno è il Regno Unito, che però continua a fare i capricci
Germania, il vento dell’antisemitismo
Germania, il vento dell’antisemitismo
Centinaia di episodi, in un preoccupante crescendo di violenza, elencati in un rapporto dettagliato. La preoccupazione del governo e della comunità ebraica
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
Il muro contro muro con Bruxelles e le provocazioni di Boris Johnson stanno preparando il terreno della Brexit ad un clamoroso finale senza accordo. I rischi sono carenza di cibo, medicinali, recessione e isolamento internazionale
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Un accordo entro il 15 ottobre, o nessun accordo: BoJo alza la posta e detta il calendario, ma secondo molti sta bluffando, per strappare un’intesa dell’ultimo minuto da rivendicare come vittoria politica
Brexit, lo strappo della Germania
Brexit, lo strappo della Germania
Nessun passo avanti nelle trattative e un premier che “non sa cosa siano”, hanno convinto la delegazione tedesca ad abbandonare i tavoli su cui si tenta di arrivare ad un compromesso fra Bruxelles e Londra
Brexit, trattative in stallo
Brexit, trattative in stallo
Durissimo scambio di battute fra Michel Barnier e David Frost, i due capi delegazione della UE e del Regno Unito. Secondo il primo un accordo è improbabile, per il secondo è ancora possibile
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole