Il declino di Tsipras

| L’uomo che ha guidato la Grecia attraverso la peggiore crisi della propria storia sconfitto alle elezioni: al suo posto Kyriakos Mitsotakis, che promette un rilancio del paese

+ Miei preferiti
Per la Grecia era stato l’uomo dell’ultima speranza, il coraggioso politico antisistema che aveva tentato di guidare la Grecia nelle acque agitate della bancarotta economica: era stato eletto nel 2015, portato in trionfo da un 36,3%, e gli rimproverano di aver promesso molto e mantenuto poco, in particolare il referendum sui negoziati con l’Europa che lui stesso aveva preteso, per avere in mano un forte mandato popolare con cui dire no alla “Troika” europea. Ha fatto quel che ha potuto, slalomando fra prestiti, compromessi e nuove tasse inevitabili, e per questo Alexis Tsipras, ha pagato il conto: lascia il posto a Kyriakos Mitsotakis di “Nea Demokratia”, partito di centrodestra, vincitore con il 40% dei voti alle elezioni anticipate, volute dopo i risultati delle europee del 26 maggio scorso, quando i greci avevano mostrato evidenti segni di insofferenza.

Mitsotakis, 51 anni, erede di una ricca e potente famiglia di armatori, è riuscito nell’impresa di incarnare l’immagine dell’uomo nuovo: idee liberali, ha usato un linguaggio rassicurante, promettendo anche lui tagli alle tasse e un rilancio del paese gettando basi più solide per l’economia. Si è anche rivolto ai tanti giovani greci che in questi anni hanno scelto di andare all’estero in cerca di miglior fortuna: “Non vi chiederò di tornare, ma di guardare a come lavoreremo per cambiare il paese che avete dovuto lasciare”.

Ma Tsipras, rilanciano i quotidiani ellenici in queste ore, difficilmente lascerà la politica, anzi, si prepara a quello che è forse il ruolo che gli riesce meglio, quello di un’opposizione forte e martellante. Gli analisti politici gli riconoscono di aver saputo ridare credibilità alla Grecia, ma nelle tasche della gente è cambiato poco, a parte qualche timida misura, e questo nelle cabine elettorali pesa.

Europa
Biden avverte Putin: gli dirò quello che voglio tenga a mente
Biden avverte Putin: gli dirò quello che voglio tenga a mente
L’obiettivo della prima trasferta oltreoceano è rinsaldare i legami atlantici con gli alleati europei, e avvisare il capo del Cremlino: vogliamo esservi amici, ma non esagerate o ne ci saranno conseguenze pesanti
La pandemia e il fascino del potere assoluto
La pandemia e il fascino del potere assoluto
I leader europei hanno conquistato una maggiore autorità decisionale durante la lunga emergenza sanitaria. E pochi hanno “piani di uscita” per restituirla
Chernobyl torna a fare paura
Chernobyl torna a fare paura
Secondo alcuni scienziati il reattore numero 4 esploso nel 1986 darebbe segni di risveglio. Si teme un nuovo disastro
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
La decisione sembra presa: in un punto ancora non meglio precisato dalla città olandese nascerà una sorta di parco di divertimenti per adulti
Al via i lavori per il Green Pass europeo
Al via i lavori per il Green Pass europeo
La speranza è che tutto proceda in modo spedito, anche se ogni Paese membro ha diritto di stabilire le proprie regole di ingresso, e la UE non ha alcun potere in materia
A giugno la missione europea di Biden
A giugno la missione europea di Biden
Nel suo primo viaggio estero da presidente, affronterà tre diversi summit: il G7 nel Regno Unito, poi due incontri a Bruxelles, il primo sulla Nato, il secondo per rinsaldare i rapporti fra Stati Uniti ed Europa
100 giorni di Brexit
100 giorni di Brexit
Sono soprattutto le aziende che prima esportavano con il mercato europeo a pagare le conseguenze più grandi di un accordo che considerano scellerato. E chiedono al Regno Unito e alla UE di tornare intorno ad un tavolo
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
La prima cittadina al centro di una campagna che oltre a ricordarle le promesse elettorali di una Parigi più verde e pulita, mostrano lo stato di abbandono e sporcizia di quelli che tanti ormai chiamano l’ex Ville Lumière
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il ritorno alla normalità inizia il 12 aprile, per proseguire il 17 maggio e il 21 giugno. Ma Downing Street non abbassa la guardia promettendo test antigeni rapidi per tutti 2 volte alla settimana
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Ben 10 Paesi europei hanno annunciato che rifiuteranno di estradare propri cittadini nel Regno Unito in quanto i trattati sono cambiati. È una delle tante conseguenze della Brexit