Il declino di Tsipras

| L’uomo che ha guidato la Grecia attraverso la peggiore crisi della propria storia sconfitto alle elezioni: al suo posto Kyriakos Mitsotakis, che promette un rilancio del paese

+ Miei preferiti
Per la Grecia era stato l’uomo dell’ultima speranza, il coraggioso politico antisistema che aveva tentato di guidare la Grecia nelle acque agitate della bancarotta economica: era stato eletto nel 2015, portato in trionfo da un 36,3%, e gli rimproverano di aver promesso molto e mantenuto poco, in particolare il referendum sui negoziati con l’Europa che lui stesso aveva preteso, per avere in mano un forte mandato popolare con cui dire no alla “Troika” europea. Ha fatto quel che ha potuto, slalomando fra prestiti, compromessi e nuove tasse inevitabili, e per questo Alexis Tsipras, ha pagato il conto: lascia il posto a Kyriakos Mitsotakis di “Nea Demokratia”, partito di centrodestra, vincitore con il 40% dei voti alle elezioni anticipate, volute dopo i risultati delle europee del 26 maggio scorso, quando i greci avevano mostrato evidenti segni di insofferenza.

Mitsotakis, 51 anni, erede di una ricca e potente famiglia di armatori, è riuscito nell’impresa di incarnare l’immagine dell’uomo nuovo: idee liberali, ha usato un linguaggio rassicurante, promettendo anche lui tagli alle tasse e un rilancio del paese gettando basi più solide per l’economia. Si è anche rivolto ai tanti giovani greci che in questi anni hanno scelto di andare all’estero in cerca di miglior fortuna: “Non vi chiederò di tornare, ma di guardare a come lavoreremo per cambiare il paese che avete dovuto lasciare”.

Ma Tsipras, rilanciano i quotidiani ellenici in queste ore, difficilmente lascerà la politica, anzi, si prepara a quello che è forse il ruolo che gli riesce meglio, quello di un’opposizione forte e martellante. Gli analisti politici gli riconoscono di aver saputo ridare credibilità alla Grecia, ma nelle tasche della gente è cambiato poco, a parte qualche timida misura, e questo nelle cabine elettorali pesa.

Europa
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
Il muro contro muro con Bruxelles e le provocazioni di Boris Johnson stanno preparando il terreno della Brexit ad un clamoroso finale senza accordo. I rischi sono carenza di cibo, medicinali, recessione e isolamento internazionale
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Un accordo entro il 15 ottobre, o nessun accordo: BoJo alza la posta e detta il calendario, ma secondo molti sta bluffando, per strappare un’intesa dell’ultimo minuto da rivendicare come vittoria politica
Brexit, lo strappo della Germania
Brexit, lo strappo della Germania
Nessun passo avanti nelle trattative e un premier che “non sa cosa siano”, hanno convinto la delegazione tedesca ad abbandonare i tavoli su cui si tenta di arrivare ad un compromesso fra Bruxelles e Londra
Brexit, trattative in stallo
Brexit, trattative in stallo
Durissimo scambio di battute fra Michel Barnier e David Frost, i due capi delegazione della UE e del Regno Unito. Secondo il primo un accordo è improbabile, per il secondo è ancora possibile
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Gli equilibri mondiali dopo Covid-19 sono cambiati, e si teme possano mutare nei prossimi mesi. Johnson di fronte ad un bivio: tenere la mano ferma con l’UE, ma rischiare di trascinare il Paese in un'altra crisi dopo la pandemia
La città divisa in due dal coronavirus
La città divisa in due dal coronavirus
Uno dei più complicati casi europei: una città belga all’interno dei confini olandesi. Ma se prima della pandemia era un’attrazione turistica, ora il lockdown da una parte le riaperture dall’altra creano non pochi fastidi
Riaperture: il fai da te europeo
Riaperture: il fai da te europeo
L’unico dato comune è il desiderio e il bisogno di riaprire: per il resto, ogni Paese europeo ha varato misure, nome e concessioni diverse
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Dai primi di marzo, migliaia di militari americani stanno sbarcando in Europa per una colossale esercitazione Nato. Il nervosismo del Cremlino e l’indifferenza verso il diffondersi del coronavirus
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Boris Johnson affila le armi: pretende libero accesso ai mercati europei ma non vuole rispettare le regole comunitarie. E minaccia l’uscita senza accordo