Il declino di Tsipras

| L’uomo che ha guidato la Grecia attraverso la peggiore crisi della propria storia sconfitto alle elezioni: al suo posto Kyriakos Mitsotakis, che promette un rilancio del paese

+ Miei preferiti
Per la Grecia era stato l’uomo dell’ultima speranza, il coraggioso politico antisistema che aveva tentato di guidare la Grecia nelle acque agitate della bancarotta economica: era stato eletto nel 2015, portato in trionfo da un 36,3%, e gli rimproverano di aver promesso molto e mantenuto poco, in particolare il referendum sui negoziati con l’Europa che lui stesso aveva preteso, per avere in mano un forte mandato popolare con cui dire no alla “Troika” europea. Ha fatto quel che ha potuto, slalomando fra prestiti, compromessi e nuove tasse inevitabili, e per questo Alexis Tsipras, ha pagato il conto: lascia il posto a Kyriakos Mitsotakis di “Nea Demokratia”, partito di centrodestra, vincitore con il 40% dei voti alle elezioni anticipate, volute dopo i risultati delle europee del 26 maggio scorso, quando i greci avevano mostrato evidenti segni di insofferenza.

Mitsotakis, 51 anni, erede di una ricca e potente famiglia di armatori, è riuscito nell’impresa di incarnare l’immagine dell’uomo nuovo: idee liberali, ha usato un linguaggio rassicurante, promettendo anche lui tagli alle tasse e un rilancio del paese gettando basi più solide per l’economia. Si è anche rivolto ai tanti giovani greci che in questi anni hanno scelto di andare all’estero in cerca di miglior fortuna: “Non vi chiederò di tornare, ma di guardare a come lavoreremo per cambiare il paese che avete dovuto lasciare”.

Ma Tsipras, rilanciano i quotidiani ellenici in queste ore, difficilmente lascerà la politica, anzi, si prepara a quello che è forse il ruolo che gli riesce meglio, quello di un’opposizione forte e martellante. Gli analisti politici gli riconoscono di aver saputo ridare credibilità alla Grecia, ma nelle tasche della gente è cambiato poco, a parte qualche timida misura, e questo nelle cabine elettorali pesa.

Europa
UE, la rivolta dei vaccini
UE, la rivolta dei vaccini
L’Austria annuncia che non farà più affidamento sulla UE, scegliendo di collaborare con Israele per i vaccini di seconda generazione
L’isola di «Mediterraneo» è covid-free
L’isola di «Mediterraneo» è covid-free
I 1500 abitanti di Kastellorizo sono stati vaccinati: è il primo comune europeo e la decisione fa parte di una strategia del governo per rendere sicuri i luoghi turistici
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Agendo in stretta collaborazione, la polizia in Germania e Belgio hanno messo a segno un sequestro record di cocaina arrivata in Europa via nave, nascosta in due container diversi. Il valore sul mercato è pari a diversi milioni di euro
Due mesi di Brexit
Due mesi di Brexit
Il governo di Boris Johnson sembra minimizzare i problemi di intere categorie a rischio, assicurando che fra 10 anni l’economia del Regno Unito sarà florida. Esperti e addetti ai lavori replicano: fra meno di cinque non esisterà più nulla
Bruxelles, Londra e la guerra dei vaccini
Bruxelles, Londra e la guerra dei vaccini
La UE ha chiesto una perquisizione dei sito produttivo AstraZeneca per capire se i ritardi siano dovuti a problemi interni o se invece più dosi del previsto siano state inviate oltremanica
GB: la dura realtà della Brexit
GB: la dura realtà della Brexit
Crollo di importazioni ed esportazioni, livelli di burocrazia spaventosa e previsioni nefaste per il futuro. Le conseguenze della tanto agognata uscita dalla UE iniziano a farsi sentire, e non sono affatto piacevoli
Addio al Regno Unito
Addio al Regno Unito
La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante