Il giorno della Brexit

| Avrebbe dovuto scadere la permanenza del Regno Unito nella UE: il marasma completo in cui versa il Parlamento, costretto a votare per la terza volta lo stesso accordo, con in mano le dimissioni della May

+ Miei preferiti
È dal 23 giugno del 2016, giorno dell’ormai celebre referendum sulla permanenza o meno del Regno Unito nell’Unione Europea, che un’altra data incombe: il marzo del 2019. Per allora, assicuravano tutti, i sudditi di Sua Maestà diranno addio all’UE con grande sollievo e grandi speranze. Quel giorno è arrivato – il giorno della “Brexit” – e il Regno Unito vegeta in uno stato confusionale che sembra portare dritto verso il “no deal”, la temutissima uscita senza accordo che secondo gli analisti getterebbe la UK nel caos totale.

La più grande crisi politica della sua storia millenaria, la Gran Bretagna la vive da due anni: all’indomani del referendum il premier David Cameron ha preferito darsela a gambe sentendo puzza di bruciato arrivare dal canale della Manica. Al suo posto, il 13 luglio del 2016, arriva Theresa May, 63 anni, leader del Partito Conservatore, il “Tory”. Theresa ce l’ha messa tutta, è andata avanti e indietro da Bruxelles, a volte ricevendo porte in faccia, altre tornando con ipotesi di accordi che Westminster ha snobbato del tutto. E dopo due tentativi andati in fumo, ora che tutto sembra ormai perso (compreso l’onore), la premier mette sul piatto la propria testa: firmate l’accordo e vado a casa. Non che questo basti a placare gli scranni di Westminster: essendo la terza volta che il parlamento vedeva sottoporsi lo stesso accordo, non era neanche scontato che accettassero di discuterlo. Dopo aver salvato almeno la forma stralciando solo la parte del trattato che specifica i termini dell’uscita (ma non le relazioni bilaterali con i 27 paesi della UE), è arrivato il via libera di John Bercow, il colorito speaker della Camera.

È l’ultima spiaggia per non arrivare al 12 aprile, data concessa dalla UE, con in mano il no-deal, conquistando così lo spostamento della separazione al 22 maggio, evitando l’imbarazzo delle elezioni europee che altrimenti avrebbero costretto il Regno Unito al voto. Se mai l’accordo passasse, nessuno avrà tempo di rifiatare: per quella data dovranno essere pronte le bozze per una Brexit quantomeno frutto di una negoziazione, compresa una road map sulle future relazioni con l’Europa.

Ma nelle 595 pagine del trattato ci sono almeno due punti assai spinosi: i conti finali, con 45 miliardi di euro da versare a Bruxelles, i diritti dei cittadini europei che risiedono in Gran Bretagna e di quelli inglesi che invece vivono in Europa, e il così detto “backstop”, il meccanismo che dovrebbe scongiurare il confine fra le due irlande. È proprio questo, il punto su i dieci deputati del partito democratico unionista nordirlandese hanno già annunciato il loro secco “no” all’accordo, minando per questione di poco l’esito del voto.

Europa
Biden avverte Putin: gli dirò quello che voglio tenga a mente
Biden avverte Putin: gli dirò quello che voglio tenga a mente
L’obiettivo della prima trasferta oltreoceano è rinsaldare i legami atlantici con gli alleati europei, e avvisare il capo del Cremlino: vogliamo esservi amici, ma non esagerate o ne ci saranno conseguenze pesanti
La pandemia e il fascino del potere assoluto
La pandemia e il fascino del potere assoluto
I leader europei hanno conquistato una maggiore autorità decisionale durante la lunga emergenza sanitaria. E pochi hanno “piani di uscita” per restituirla
Chernobyl torna a fare paura
Chernobyl torna a fare paura
Secondo alcuni scienziati il reattore numero 4 esploso nel 1986 darebbe segni di risveglio. Si teme un nuovo disastro
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
La decisione sembra presa: in un punto ancora non meglio precisato dalla città olandese nascerà una sorta di parco di divertimenti per adulti
Al via i lavori per il Green Pass europeo
Al via i lavori per il Green Pass europeo
La speranza è che tutto proceda in modo spedito, anche se ogni Paese membro ha diritto di stabilire le proprie regole di ingresso, e la UE non ha alcun potere in materia
A giugno la missione europea di Biden
A giugno la missione europea di Biden
Nel suo primo viaggio estero da presidente, affronterà tre diversi summit: il G7 nel Regno Unito, poi due incontri a Bruxelles, il primo sulla Nato, il secondo per rinsaldare i rapporti fra Stati Uniti ed Europa
100 giorni di Brexit
100 giorni di Brexit
Sono soprattutto le aziende che prima esportavano con il mercato europeo a pagare le conseguenze più grandi di un accordo che considerano scellerato. E chiedono al Regno Unito e alla UE di tornare intorno ad un tavolo
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
La prima cittadina al centro di una campagna che oltre a ricordarle le promesse elettorali di una Parigi più verde e pulita, mostrano lo stato di abbandono e sporcizia di quelli che tanti ormai chiamano l’ex Ville Lumière
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il ritorno alla normalità inizia il 12 aprile, per proseguire il 17 maggio e il 21 giugno. Ma Downing Street non abbassa la guardia promettendo test antigeni rapidi per tutti 2 volte alla settimana
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Ben 10 Paesi europei hanno annunciato che rifiuteranno di estradare propri cittadini nel Regno Unito in quanto i trattati sono cambiati. È una delle tante conseguenze della Brexit