Il leader Tory 'pippava' cocaina

| La strampalata confessione di Michael Gove, aspirante erede della May alla guida dei conservatori inglesi. Un libro rivela che ne faceva usa ancora nel 2016 ma lui ammette solo episodi del passato. Le reazioni: "Danneggia il partito"

+ Miei preferiti

Dopo il flop di May che ha portato i Torry dal 42 per cento ai minimi storico, il possibile successore esordisce con una sorprendente confessione, anticipata da un a biografia che lui stesso definisce “corrette”: Michael Gove tirava cocaina e ora ammette che fu un errore, una specie di outung che ha condiviso con altri esponenti del suo partito. "Ho preso droghe in diverse occasioni in occasione di eventi sociali più di 20 anni fa", ha detto al Daily Mail. "All'epoca ero un giovane giornalista. È stato un errore. Mi guardo indietro e penso, vorrei non averlo fatto".

L'ammissione arriva quando Theresa May sta trascorrendo gli ultimi giorni della sua premiership a Downing Street; Gove, che gli allibratori hanno come terzo nella gara dietro Boris Johnson e Jeremy Hunt, ha insistito che i suoi crimini passati non dovrebbero pregiudicare la sua leadership.. "Non credo che gli errori del passato ti squalifichino", ha detto Gove.

Parlando sul programma Today della BBC Radio 4 di sabato, il rivale di leadership di Gove, Dominic Raab, ha detto di non credere che l'ammissione non avrebbe avuto un impatto sulle possibilità di Gove nella gara di leadership. Ha detto: "Sicuramente non vedo in alcun modo l'impedirgli di partecipare a questa gara. Ammiro piuttosto la sua onestà”. Raab, che in precedenza ha ammesso di aver preso la cannabis come studente, ha aggiunto: "E 'stato molto tempo fa e abbastanza pochi e lontani tra loro. Non ho mai preso cocaina o droghe pesanti".

Ma l'ex portavoce del primo ministro David Cameron, Oliver Craig, teme però che l'ammissione potrebbe diventare un problema tale d aossuscare i messaggi della campagna di leadership di Gove. Il Tory sono socialmente conservatori e "non è la norma per loro di vedere persone che prendono cocaina alle feste e quel genere di cose. Il problema che penso che stia andando affrontare è che diventa un grande problema che dovrà affrontare. La prossima intervista televisiva o radiofonica, ci sarà un po' più approfondimento su quali altre droghe hai preso, quali erano le circostanze?”.

Alla domanda sulla confessione di Gove, Jeremy Corbyn ha detto: "Beh, ha deciso di dirci com'era il suo passato, sono affari suoi”. Chiesto se ha creduto che gli errori nel passato dovrebbero squalificare i candidati potenziali di direzione, il leader laburista ha detto: "No, penso che le persone dovrebbero dirci cosa hanno fatto e andare avanti nella vita. Ma non sono preoccupato per la vita passata o il comportamento di Michael Gove”. Alla domanda se ha assunto droghe in passato, Corbyn ha detto: "No, ho condotto una vita molto normale sotto molti aspetti".

La deputata del partito verde Caroline Lucas ha twittato: "Classifica l'ipocrisia del ministro che ammette di aver ammesso 'errori' sul consumo di droga mentre sostiene politiche che perpetuano il danno. Dal rinchiudere un numero sproporzionato di giovani uomini neri, al trattare l'abuso di droga come crimine piuttosto che come problema di salute, il proibizionismo è fallimento".

La polemica precede la pubblicazione di un libro su di lui da parte del giornalista Owen Bennett intitolato Michael Gove. Secondo il libro, ha ammesso di aver usato cocaina ai suoi consiglieri durante il concorso di leadership dei Tory del 2016, quando lo stavano mettendo "alla prova".

Una fonte interna ha riferito che Gove ha detto che Gove ha risposto: "Sì, cocaina", quando gli fu chiesto se avesse mai preso droghe.

"Il libro è corretto", ha detto l'ex segretario della giustizia al Daily Mail. "Ho preso della droga. È qualcosa di cui mi rammarico profondamente. La droga danneggia le vite umane. Sono pericolose ed è stato un errore.b"Ovviamente spetterà ai miei colleghi in parlamento e ai membri del partito conservatore decidere ora se dovrei essere il leader. Penso che tutti i politici hanno una vita prima della politica. Sicuramente quando lavoravo come giornalista non immaginavo che sarei andato in politica o nel servizio pubblico. Non ho agito con calcolo”.

Europa
Jonhson: prepariamoci al No Deal
Jonhson: prepariamoci al No Deal
L’annuncio del premier britannico sembra voler mettere la parola fine alle estenuanti trattative sul dopo Brexit. Ma da Londra e Bruxelles filtra comunque l’idea di poter arrivare ad un compromesso
Brexit, nervi sempre più tesi
Brexit, nervi sempre più tesi
Le posizione di Londra e Bruxelles non segnano passi in avanti, e dalle due sponde partono accuse reciproche. A rimetterci di più, conti alla mano, sarebbe il Regno Unito
Brexit, segnali di distensione
Brexit, segnali di distensione
Una videochiamata fra Boris Johnson e Ursula von der Layen riaccende le speranze di un divorzio non traumatico. Ma andando al sodo tutto è ancora da definire, e il tempo stringe
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Martedì prossimo a Bruxelles è in programma uno degli ultimi appuntamenti possibili per raggiungere un accordo. Ad averne maggiormente bisogno è il Regno Unito, che però continua a fare i capricci
Germania, il vento dell’antisemitismo
Germania, il vento dell’antisemitismo
Centinaia di episodi, in un preoccupante crescendo di violenza, elencati in un rapporto dettagliato. La preoccupazione del governo e della comunità ebraica
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
Il muro contro muro con Bruxelles e le provocazioni di Boris Johnson stanno preparando il terreno della Brexit ad un clamoroso finale senza accordo. I rischi sono carenza di cibo, medicinali, recessione e isolamento internazionale
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Un accordo entro il 15 ottobre, o nessun accordo: BoJo alza la posta e detta il calendario, ma secondo molti sta bluffando, per strappare un’intesa dell’ultimo minuto da rivendicare come vittoria politica
Brexit, lo strappo della Germania
Brexit, lo strappo della Germania
Nessun passo avanti nelle trattative e un premier che “non sa cosa siano”, hanno convinto la delegazione tedesca ad abbandonare i tavoli su cui si tenta di arrivare ad un compromesso fra Bruxelles e Londra
Brexit, trattative in stallo
Brexit, trattative in stallo
Durissimo scambio di battute fra Michel Barnier e David Frost, i due capi delegazione della UE e del Regno Unito. Secondo il primo un accordo è improbabile, per il secondo è ancora possibile
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole