Il leader Tory 'pippava' cocaina

| La strampalata confessione di Michael Gove, aspirante erede della May alla guida dei conservatori inglesi. Un libro rivela che ne faceva usa ancora nel 2016 ma lui ammette solo episodi del passato. Le reazioni: "Danneggia il partito"

+ Miei preferiti

Dopo il flop di May che ha portato i Torry dal 42 per cento ai minimi storico, il possibile successore esordisce con una sorprendente confessione, anticipata da un a biografia che lui stesso definisce “corrette”: Michael Gove tirava cocaina e ora ammette che fu un errore, una specie di outung che ha condiviso con altri esponenti del suo partito. "Ho preso droghe in diverse occasioni in occasione di eventi sociali più di 20 anni fa", ha detto al Daily Mail. "All'epoca ero un giovane giornalista. È stato un errore. Mi guardo indietro e penso, vorrei non averlo fatto".

L'ammissione arriva quando Theresa May sta trascorrendo gli ultimi giorni della sua premiership a Downing Street; Gove, che gli allibratori hanno come terzo nella gara dietro Boris Johnson e Jeremy Hunt, ha insistito che i suoi crimini passati non dovrebbero pregiudicare la sua leadership.. "Non credo che gli errori del passato ti squalifichino", ha detto Gove.

Parlando sul programma Today della BBC Radio 4 di sabato, il rivale di leadership di Gove, Dominic Raab, ha detto di non credere che l'ammissione non avrebbe avuto un impatto sulle possibilità di Gove nella gara di leadership. Ha detto: "Sicuramente non vedo in alcun modo l'impedirgli di partecipare a questa gara. Ammiro piuttosto la sua onestà”. Raab, che in precedenza ha ammesso di aver preso la cannabis come studente, ha aggiunto: "E 'stato molto tempo fa e abbastanza pochi e lontani tra loro. Non ho mai preso cocaina o droghe pesanti".

Ma l'ex portavoce del primo ministro David Cameron, Oliver Craig, teme però che l'ammissione potrebbe diventare un problema tale d aossuscare i messaggi della campagna di leadership di Gove. Il Tory sono socialmente conservatori e "non è la norma per loro di vedere persone che prendono cocaina alle feste e quel genere di cose. Il problema che penso che stia andando affrontare è che diventa un grande problema che dovrà affrontare. La prossima intervista televisiva o radiofonica, ci sarà un po' più approfondimento su quali altre droghe hai preso, quali erano le circostanze?”.

Alla domanda sulla confessione di Gove, Jeremy Corbyn ha detto: "Beh, ha deciso di dirci com'era il suo passato, sono affari suoi”. Chiesto se ha creduto che gli errori nel passato dovrebbero squalificare i candidati potenziali di direzione, il leader laburista ha detto: "No, penso che le persone dovrebbero dirci cosa hanno fatto e andare avanti nella vita. Ma non sono preoccupato per la vita passata o il comportamento di Michael Gove”. Alla domanda se ha assunto droghe in passato, Corbyn ha detto: "No, ho condotto una vita molto normale sotto molti aspetti".

La deputata del partito verde Caroline Lucas ha twittato: "Classifica l'ipocrisia del ministro che ammette di aver ammesso 'errori' sul consumo di droga mentre sostiene politiche che perpetuano il danno. Dal rinchiudere un numero sproporzionato di giovani uomini neri, al trattare l'abuso di droga come crimine piuttosto che come problema di salute, il proibizionismo è fallimento".

La polemica precede la pubblicazione di un libro su di lui da parte del giornalista Owen Bennett intitolato Michael Gove. Secondo il libro, ha ammesso di aver usato cocaina ai suoi consiglieri durante il concorso di leadership dei Tory del 2016, quando lo stavano mettendo "alla prova".

Una fonte interna ha riferito che Gove ha detto che Gove ha risposto: "Sì, cocaina", quando gli fu chiesto se avesse mai preso droghe.

"Il libro è corretto", ha detto l'ex segretario della giustizia al Daily Mail. "Ho preso della droga. È qualcosa di cui mi rammarico profondamente. La droga danneggia le vite umane. Sono pericolose ed è stato un errore.b"Ovviamente spetterà ai miei colleghi in parlamento e ai membri del partito conservatore decidere ora se dovrei essere il leader. Penso che tutti i politici hanno una vita prima della politica. Sicuramente quando lavoravo come giornalista non immaginavo che sarei andato in politica o nel servizio pubblico. Non ho agito con calcolo”.

Europa
Lancio di piatti e urla, polizia in casa di Boris Johnson
Lancio di piatti e urla, polizia in casa di Boris Johnson
Furibonda lite tra il leader dei Tory, aspirante premier, e la compagna Carrie. La vicina registra tutto. Lei urla: "Fuori dalla mia casa", tuona lei. "Non me ne vado e stai lontana dal mio pc". La polizia: "Si sono sono calmati, tutto ok"
Vuoi il visto? Paga 200 sterline
Vuoi il visto? Paga 200 sterline
L'Indipendent rivela lo scandalo per i visti, la cui gestesione è stata affidata dal governo a società private come la Steria francese. Aspiranti costretti a lunghi trasferimenti e a pagare "per evitare code e burocrazia"
Kate contro Rose, ormai è una telenovela
Kate contro Rose, ormai è una telenovela
I tabloid inglesi non mollano la presa: la coppia più amata è in crisi a causa di Rose Hanbury, ex modella ed ex amica di Kate. I consiglieri reali avrebbe consigliato alla presunta rivale di "non dire nulla ai media"
tremano i Windsor'>E' crisi tra Kate e William
tremano i Windsor
Etremano i Windsor' class='article_img2'>
L'ex modella ed ex amica della duchessa di Cambridge, Rose Hanbury, 35 anni, avrebbe stregato il cuore di William. Tabloid scatenati ma Buckingham Palace per ora tace. Lei s'è tolta la fede nuziale. E Kate la caccia
Noa, suicidio assistito sì ma dai genitori
Noa, suicidio assistito sì ma dai genitori
L'eutanasia legale, in vigore in Olanda, non c'entra con la morte per fame e sete della 17enne. Una clinica le aveva risposto di No. Dopo decine di ricoveri, la famiglia, con l'assistenza dei medici, s'è rassegnata
Assassinato il difensore dei migranti
Assassinato il difensore dei migranti
Walter Luebcke, 65, noto per il suo impegno da cristiano nelle emergenze migratorie trovato ucciso nella sua casa di Wolfhagen con un colpo di pistola alla testa. La polizia: "Non è un suicidio". Movente politico?
Crollo Spd, Nahles si dimette
Crollo Spd, Nahles si dimette
Niente piattaforma Rousseau per la presidente Spd Andrea Nhales, punita dal crollo elettorale alle Europee. Al contrario di Di Maio ha scelto la strada del ritiro. La lotta per la successione, pericolo di elezioni anticipate
Donald Trump, european tour
Donald Trump, european tour
Fra imbarazzi e protocolli, il presidente sbarca a Londra per incontrare la regina e Carlo, ma dopo aver detto la sua sulla Brexit. Il 6 è il turno di Macron sui luoghi del D-Day. Molte le proteste previste
Boris Johnson in tribunale per fake news
Boris Johnson in tribunale per fake news
Durante la campagna elettorale del referendum sulla Brexit, ha ripetuto più e più volte che l’UK mandava troppo denaro a Bruxelles. Ora deve risponderne davanti ai giudici
Elezioni Europee: i sovranisti non sfondano
Elezioni Europee: i sovranisti non sfondano
Crescono, ma non conquistano la maggioranza a Bruxelles i partiti euroscettici. In Italia svetta la Lega di Salvini, crollano i M5S e sembra risvegliarsi il PD. Forte affermazione ovunque dei Verdi, sulla spinta del voto dei giovani