Il voto che potrebbe distruggere il Regno Unito

| L’esito delle elezioni del prossimo 12 dicembre potrebbe accelerare la voglia di indipendenza della Scozia, dove l’Europa non è vista come una nemica, anzi

+ Miei preferiti
Saint Andrews è graziosa cittadina nel cuore della Scozia, regione del Fife, a Nord di Edimburgo. Un posto del cuore per tanti turisti, che sfidano il freddo pungente per salire sulla torre della Cattedrale che da 800 anni si affaccia su questa località costiera: davanti ai loro occhi il mare che va verso l’Europa, dietro, le colline che anticipano l’Inghilterra.

Non è una scelta casuale: mentre il Regno Unito sta per affrontare le elezioni più importanti della sua storia, la Scozia è indecisa su dove puntare il proprio futuro: verso Londra o Bruxelles.

L’indipendenza non riguarda l’atavica antipatia verso gli inglesi, affermano in tanti, ma di capire se finalmente essere responsabili del proprio destino. Nel 2014, la Scozia ha rifiutato l’indipendenza in un referendum che ha avuto il 55% dei voti per restare ancorati all’Inghilterra, contro il 45% di chi voleva andarsene. Ma da allora la situazione è cambiata drasticamente, come continua a ripetere lo Scottish National Party, il terzo partito più grande del Parlamento britannico. Il giro di boa è stato il referendum sulla Brexit, che ha schiacciato la volontà degli scozzesi di rimanere nei confini dell’Unione Europea, rilanciando ancora una volta la lotta per ottenere l’indipendenza.

Ma per quei paradossi della politica, lo Scottish National Party si è ritrovato ad essere l’ago della bilancia a Westminster, dove nessun partito ha una vera e propria maggioranza. L’appoggio ad un governo laburista a condizione di ottenere il via libera per un secondo referendum: secondo gli analisti il terreno ideale per una feroce battaglia che potrebbe avere conseguenze importanti nel futuro del Regno Unito. E nessuno scontro sarà più feroce di quello combattuto nella circoscrizione del North East Fife, il seggio più marginale del Regno Unito, dove sia il PNS che i LibDem vogliono bloccare la Brexit lottando per gli elettori europeisti, anche se con metodi nettamente diversi. Il PNS ritiene che una Scozia indipendente sia il modo migliore per rimanere nell’UE, mentre i LibDem affermano che la Scozia è più forte in Europa se resta ancorata al Regno Unito.

Nel cuore del North East Fife c’è la città universitaria di St Andrews, un posto conosciuto come il luogo dove il principe William ha iniziato a frequentare Kate. La prestigiosa università della città ha anche una reputazione secolare, dove i ricchi studenti inglesi e americani scelgono di andare quando non entrano a Oxford o Cambridge.

Ogni martedì sera gli studenti si incontrano in uno dei numerosi pub della città: si armano di block notes, evitando le pinte di birra per tè e Coca-Cola. Molti di loro erano troppo giovane per votare nel referendum del 2016, e anche chi ha votato “Remain” sente di essere stato gettato sotto un tir impazzito e senza controllo chiamato Brexit. “Uscire dalla UE è solo l’ultimo esempio di come la Scozia stia ottenendo l’esatto contrario di quello per cui ha votato. Vogliamo sederci vicino all’Inghilterra nei tavoli che contano, e non restare nelle retrovie accontentandoci degli scarti. Vogliamo poter dire la nostra, che la Brexit è un’idea isolazionista che ci porta verso un ignoto pericolosissimo”.

Naturalmente, non c’è alcuna garanzia che una Scozia indipendente sia automaticamente riammessa nell’UE. Gli esperti hanno avvertito che la Spagna – alle prese con il movimento catalano per l'indipendenza - può porre il veto a qualsiasi tentativo della Scozia di ricongiungersi al blocco europeo, come ripicca dopo l’appoggio degli scozzesi alla causa catalana. 

Articoli correlati
Galleria fotografica
Il voto che potrebbe distruggere il Regno Unito - immagine 1
Europa
Addio al Regno Unito
Addio al Regno Unito
La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante
La magia del Natale si posa sulla Brexit
La magia del Natale si posa sulla Brexit
Fonti inglesi ed europee danno per imminente un accordo che sarebbe poi ratificato a gennaio da Strasburgo
Brexit, prove tecniche di confusione
Brexit, prove tecniche di confusione
Lunghe code ai porti di Dover e l’ammonimento di una commissione: il Regno Unito non è pronto, rischiamo il collasso
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il timore di carenza di farmaci e cibo sta scatenando la corsa all’accaparramento: mentre Londra e Bruxelles trattano a oltranza, Downing Street annuncia l’operazione “Capstone”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Malgrado gli sforzi diplomatici, non si sblocca la situazione fra Regno Unito e UE: trattative ad oltranza per tutto il weekend, poi sarà l’inevitabile
Brexit, il costo del fallimento
Brexit, il costo del fallimento
Cosa c’è in gioco se le trattative fra Regno Unito e UE finiranno come ormai sembra assai probabile: con un “no deal” che contenterebbe tutti, gettando nella confusione la vita di milioni di persone
Brexit: the final countdown
Brexit: the final countdown
Il capo delegazione europeo Barnier è giunto a Londra per un fine settimana decisivo: ad attenderlo qualche spiraglio di buona volontà, ma posizioni ancora molto rigide