Jonhson: prepariamoci al No Deal

| L’annuncio del premier britannico sembra voler mettere la parola fine alle estenuanti trattative sul dopo Brexit. Ma da Londra e Bruxelles filtra comunque l’idea di poter arrivare ad un compromesso

+ Miei preferiti
“Prepariamoci ad un ‘No Deal” dal prossimo 1° gennaio”: Boris Johnson avverte il Regno Unito mostrando i muscoli, forse un atto più dovuto che sincero, ma necessario per ridare fiato ad un’immagine fortemente appannata dalla gestione della pandemia criticata in ogni angolo del Paese.

“A meno di un cambiamento formale nell’approccio, procederemo con la soluzione sul modello australiano, basata sulle regole del WTO (l’Organizzazione Mondiale del Commercio, ndr). Ma visto che i Paesi UE si sono rifiutati di negoziare, è il momento per le nostre imprese di prepararsi”. In aggiunta, l’ironico invito rivolto a Michel Barnier, capo negoziatore UE, a risparmiarsi il viaggio fino a Londra “a meno che non sia disposto a compromessi sostanziali. Volevamo un accordo come quello con il Canada, basato su amicizia e libero scambio, ma il summit ha chiarito che dopo 45 anni di appartenenza alla UE non sono disposti a offrirci gli stessi termini”. Johnson fa riferimento al “CETA” (Comprehensive Economic and Trade Agreement), siglato nel 2016 fra la UE e il Canada che ha eliminato il 98% delle tariffe sulle merci e armonizzato le regole. Una soluzione assai gradita a Londra perché non prevede alcun allineamento alle regole comunitarie e contributi economici, che tuttavia Bruxelles ha sempre respinto in modo fermo. L’alternativa è il così detto “modello Australia”, basata sulle regole dell’organizzazione mondiale del commercio che prevede tariffe sulle merci, su cui peraltro Bruxelles e Camberra stanno trattando per arrivare ad un pieno accordo commerciale.

Sul finale della Brexit restano sospese due diversi scenari, che si tratti di una presa di posizione ormai incolmabile oppure di una strategia negoziale per strappare un accordo all’ultimo minuto, mossa a cui Johnson pare da sempre particolarmente incline. La cancelliera tedesca Angela Merkel ha preferito ammorbidire la propria posizione invitando entrambe le parti a scendere compromessi, decisamente più secco il presidente francese Macron: “Non è compito nostro rendere felice il premier britannico: gli ostacoli sono ancora molti”.

Malgrado fra le righe si leggano da entrambe le parti spiragli di una possibile intesa, secondo gli analisti si tratterà comunque di un “accordo minimalista” destinato ad avere forti conseguenze soprattutto sulle imprese, sballottate da quattro anni in preda alla più completa incertezza. Proprio loro, secondo l’equivalente britannica della confindustria, “Non possono permettersi un no deal”.

Europa
Biden avverte Putin: gli dirò quello che voglio tenga a mente
Biden avverte Putin: gli dirò quello che voglio tenga a mente
L’obiettivo della prima trasferta oltreoceano è rinsaldare i legami atlantici con gli alleati europei, e avvisare il capo del Cremlino: vogliamo esservi amici, ma non esagerate o ne ci saranno conseguenze pesanti
La pandemia e il fascino del potere assoluto
La pandemia e il fascino del potere assoluto
I leader europei hanno conquistato una maggiore autorità decisionale durante la lunga emergenza sanitaria. E pochi hanno “piani di uscita” per restituirla
Chernobyl torna a fare paura
Chernobyl torna a fare paura
Secondo alcuni scienziati il reattore numero 4 esploso nel 1986 darebbe segni di risveglio. Si teme un nuovo disastro
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
La decisione sembra presa: in un punto ancora non meglio precisato dalla città olandese nascerà una sorta di parco di divertimenti per adulti
Al via i lavori per il Green Pass europeo
Al via i lavori per il Green Pass europeo
La speranza è che tutto proceda in modo spedito, anche se ogni Paese membro ha diritto di stabilire le proprie regole di ingresso, e la UE non ha alcun potere in materia
A giugno la missione europea di Biden
A giugno la missione europea di Biden
Nel suo primo viaggio estero da presidente, affronterà tre diversi summit: il G7 nel Regno Unito, poi due incontri a Bruxelles, il primo sulla Nato, il secondo per rinsaldare i rapporti fra Stati Uniti ed Europa
100 giorni di Brexit
100 giorni di Brexit
Sono soprattutto le aziende che prima esportavano con il mercato europeo a pagare le conseguenze più grandi di un accordo che considerano scellerato. E chiedono al Regno Unito e alla UE di tornare intorno ad un tavolo
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
La prima cittadina al centro di una campagna che oltre a ricordarle le promesse elettorali di una Parigi più verde e pulita, mostrano lo stato di abbandono e sporcizia di quelli che tanti ormai chiamano l’ex Ville Lumière
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il ritorno alla normalità inizia il 12 aprile, per proseguire il 17 maggio e il 21 giugno. Ma Downing Street non abbassa la guardia promettendo test antigeni rapidi per tutti 2 volte alla settimana
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Ben 10 Paesi europei hanno annunciato che rifiuteranno di estradare propri cittadini nel Regno Unito in quanto i trattati sono cambiati. È una delle tante conseguenze della Brexit