La Brexit slitta al 31 gennaio (forse)

| Da Bruxelles, ormai sfiancata dalla questione, arriva la massima concessione possibile: con tre date possibili di uscita del Regno Unito. Oggi Westminster vota sulle elezioni anticipate richieste da Johnson

+ Miei preferiti
Niente da fare, per i sudditi di Sua Maestà sarà ancora un capodanno da passare dentro i confini dell’Unione Europea. Da Bruxelles, al termine della riunione degli ambasciatori dei 27 Stati membri, proprio stamattina è arriva la comunicazione ufficiale del presidente Donald Tusk: “L’UE a 27 ha convenuto che accetterà la richiesta del Regno Unito di un’estensione flessibile fino al 31 gennaio 2020”.

La “Flextension” concede in realtà al Regno Unito la possibilità di lasciare l’Unione anche prima di quella data, se mai fosse pronta, più precisamente il 1° dicembre, il 1° gennaio o il 1° febbraio.

Nel pomeriggio, Westminster voterà la richiesta del premier Boris Johnson di indire elezioni anticipate il 12 dicembre, per tentare di uscire da uno stallo istituzionale e arrivare alla tanta agognata uscita dalla UE. Un’impresa non facile per BoJo, che deve ottenere il voto favorevole di due terzi dei deputati.

Europa
La città divisa in due dal coronavirus
La città divisa in due dal coronavirus
Uno dei più complicati casi europei: una città belga all’interno dei confini olandesi. Ma se prima della pandemia era un’attrazione turistica, ora il lockdown da una parte le riaperture dall’altra creano non pochi fastidi
Riaperture: il fai da te europeo
Riaperture: il fai da te europeo
L’unico dato comune è il desiderio e il bisogno di riaprire: per il resto, ogni Paese europeo ha varato misure, nome e concessioni diverse
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Dai primi di marzo, migliaia di militari americani stanno sbarcando in Europa per una colossale esercitazione Nato. Il nervosismo del Cremlino e l’indifferenza verso il diffondersi del coronavirus
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Boris Johnson affila le armi: pretende libero accesso ai mercati europei ma non vuole rispettare le regole comunitarie. E minaccia l’uscita senza accordo
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
L’ultimo messaggio arriva dal ministro degli esteri francese, che si aspetta una “battaglia durissima” nelle trattative per stabilire gli accordi. Forti dubbi che tutto sia pronto entro la fine dell’anno
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Aziende e mercati inglesi temono che il Regno Unito arrivi al 31 dicembre prossimo senza un accordo commerciale con l’UE. Le conseguenze economiche sarebbero pesantissime
BoJo alza i toni con Bruxelles
BoJo alza i toni con Bruxelles
Anticipato dai media il contenuto del discorso del premier Johnson previsto per oggi: l’obiettivo è non rispettare gli accordi parziali già presi per minacciare il solito no deal
Brexit ultimo atto
Brexit ultimo atto
A mezzanotte scatta ufficialmente l’uscita del regno Unito dalla UE, sancendo la fine di un rapporto lungo 47 anni. Ma la parte peggiore arriva adesso
Effetto Brexit: impossibile conoscere il prezzo di un’auto
Effetto Brexit: impossibile conoscere il prezzo di un’auto
Un automobilista scozzese ha acquistato una Mercedes-Benz scoprendo che il costo finale cambierà in base alle nuove tariffe doganali, che al momento non ci sono
Effetto Brexit, la Gran Bretagna dice addio all’Erasmus
Effetto Brexit, la Gran Bretagna dice addio all’Erasmus
La decisione di Westminster ha suscitato proteste ovunque, a cominciare da quelle degli intellettuali inglesi: una cattiveria nei confronti delle giovani generazioni